Principale / Diete

Sintomatologia dell'epatite cronica. Caratteristiche delle principali sindromi cliniche

Diete

La clinica per l'epatite cronica comprende diverse sindromi.

1. Sindrome di Astenovegetativa: associata a disintossicazione del fegato compromessa. Si manifesta in generale debolezza, aumentata irritabilità, diminuzione della memoria, interesse per l'ambiente.

2. Sindrome dispeptica o addominale. Perdita di appetito, cambiamento del gusto, gonfiore, pesantezza di stomaco nell'ipocondrio destra e epigastrio, sedia instabile - diarrea con costipazione, intolleranza alternando a cibi grassi, alcol (dispepsia amplificato), amaro, secco, sapore metallico in bocca, eruttazione amara, per via aerea, vomitando. Spesso c'è una perdita di peso costante.

Sindrome del dolore Dolore opaco, non intenso, doloroso nell'ipocondrio destro, prolungato, può irradiarsi alla schiena, alla spalla destra. Aumenta durante lo sforzo fisico, dopo aver consumato grasso, alcool, con la palpazione dell'addome nel giusto ipocondrio, a causa di un ingrossamento del fegato e stiramento della capsula.

3. Sindrome di ittero. Ittero epatico e colestatico sono caratteristici.

4. Sindrome colestatica. Per l'epatite caratterizzato da colestasi intraepatica. E 'causata dalla distruzione dell'epitelio dei dotti biliari intraepatiche con occlusione dei detriti cellulari lume da infiltrati cellulari e condotto di compressione fegato edematosa stroma, questo porta alla rottura dell'isolamento coniugata bilirubina, acidi biliari e colesterolo, così come insufficiente ripartizione grasso e cattivo assorbimento delle vitamine liposolubili A, D, e e K. I sintomi principali: intenso colore marrone scuro delle urine, la formazione di schiuma; cal aholichny, argilla colorata, lucida mal lavato via con wc dovuto steatorrhea, prurito, ittero (colore della pelle è di colore giallo-verde (verdinicterus) e oliva scuro (melasieterus). cutanea prolungata colestasi addensa, grossolana, specialmente palmo-plantare ( pergamena pelle) diventa secca, squamosa, xanthelasma e xanthoma causa ipercolesterolemia; xeroderma (ipovitaminosi a ed e), dolore osseo (a causa di osteoporosi a causa ipovitaminosi D) per epistassi (ipovitaminosi K, visione ridotta (carenza di vitamina a). contrassegno chaetsya bradicardia e ipotensione (a causa della n.vagus attivazione).

5. Sindrome piccola insufficienza epatica: 80% soffre la sintesi proteica funzione epatica transito, ittero epatica sviluppa ulteriormente perturbato dal fegato e l'inattivazione di aldosterone - questo porta ad edema, sindrome emorragica può essere causa di violazioni di sintesi fattore di coagulazione.

Inoltre, c'è febbre, rash allergico, pericardite, nefrite (più spesso con epatite autoimmune).

Caratteristiche della clinica di epatite cronica autoimmune:

1. Si sviluppa più spesso nelle ragazze e nelle giovani donne di età compresa tra 10 e 20 anni.

2. Inizia come epatite virale acuta, ma la sua attività non diminuisce sotto l'influenza della terapia tradizionale. I glucocorticosteroidi e gli immunosoppressori sono efficaci.

3. Caratterizzato da dolore alle articolazioni, spesso in grandi articolazioni degli arti superiori e inferiori. La clinica per l'artrite - gonfiore e iperemia - non è tipica.

4. Spesso ci sono lesioni cutanee sotto forma di porpora ricorrente. Questi sono esageri emorragici che non scompaiono quando vengono pressati, lasciando una pigmentazione marrone-bruna. In alcuni casi, c'è una "farfalla lupus", eritema nodoso, scleroderma focale.

5. Possono svilupparsi glomerulonefrite cronica, sieropositività (pleurite secca, pericardite), miocardite, tiroidite.

6. Caratterizzato da linfoadenopatia generalizzata e splenomegalia. Tutto ciò suggerisce che l'epatite autoimmune cronica è una malattia sistemica con una lesione primaria del fegato. I suoi sintomi spesso assomigliano al lupus eritematoso sistemico. Pertanto, l'epatite autoimmune precedente era chiamata "lupoid", vale a dire lupus eritematoso.

Sintomi oggettivi

Le dimensioni del fegato a percussione sono aumentate.

Alla palpazione, il bordo del fegato di densità aumentata, affilato, sottile, meno spesso - una superficie arrotondata e liscia. Il fegato è sensibile o moderatamente doloroso.

2. Variazioni nella pelle: ingiallimento del 50%, a volte con una sfumatura sporco a causa di un eccessivo deposito di melanina e di ferro, emocromatosi secondaria (spesso negli alcolisti) - una delle manifestazioni di cui è iperpigmentazione della pelle, il colore di accoglienza grigio-marrone o marrone nel primo ascelle, la superficie di appoggio dei polsi, così come nella zona del collo e genitali, poi diffusa (melasma), prurito dovuta al graffio, talvolta xanthelasma e xanthoma; teleangectasie, palme fegato - manifestazione iperestrogenismo; può essere il fenomeno di diatesi emorragica.

3. Splenomegalia - più comune con la variante autoimmune dell'epatite. La palpazione della milza è moderatamente densa, solitamente indolore

11. Sindromi cliniche e di laboratorio nell'epatite cronica:

b) insufficienza epatica;

Un segno obbligatorio di epatite cronica è la necrosi degli epatociti o la citolisi, la distruzione di queste cellule. Durante la citolisi degli epatociti, un numero di sostanze contenute all'interno della cellula viene rilasciato nel sangue. La determinazione della concentrazione di queste sostanze indica la gravità del processo necrotico.

I marker della sindrome da citolisi (tabella 3) sono un aumento dell'attività del sangue dei seguenti enzimi:

- alanina aminotransferasi (norma 5-42 U / l; 0,1-0,68 μmol / (hl;);

- aspartato aminotransferasi (norma 5-42 U / l; 0,1-0,45 μmol / (tsp);

- gamma-glutamil transpeptidasi (normale 9-65 U / l);

- lattato deidrogenasi (4-5 isomeri) (norma: 100-340 UI).

Il rapporto di AST / ALAT (coefficiente di De Ritis) riflette la gravità del danno epatico - la norma è 1.3-1.4. L'aumento del coefficiente di più di 1,4, dovuto principalmente ad AsAT, è osservato in gravi lesioni epatiche con distruzione della maggior parte delle cellule epatiche (epatite cronica con attività marcata, CP, tumore epatico).

La sindrome da citolisi si riferisce ai principali indicatori dell'attività del processo patologico nel fegato. AlAT è l'indicatore più sensibile della citolisi. Livelli normali di ALT non escludono danni al fegato attivi, ma in pazienti con CKD con attività pronunciata, di norma, sono elevati. La gamma-glutamiltranpeptidasi reagisce in molti modi come le transaminasi. Aumenta non solo l'epatite alcolica cronica, ma anche l'epatite C cronica e anche l'epatite B cronica, spesso a livelli normali di AlAT. Altri enzimi possono essere utili per una valutazione aggiuntiva della gravità della sindrome citolitica, ma sono inferiori alla ALT per sensibilità e specificità.

Questi enzimi sono sintetizzati e funzionano nella cellula epatica e sono chiamati Indicatore.

Oltre agli enzimi indicatori, un segno di sindrome da citolisi è un aumento delle concentrazioni sieriche di ferro, ferritina, vitamina B12 e bilirubina coniugata.

Il ferro è rilasciato dal epatociti nella loro citolisi. Ferro siero del sangue può essere aumentata durante emocromatosi primaria (una malattia genetica in cui il primario aumentato assorbimento del ferro nell'intestino e si deposita non solo nel fegato, ma anche nel pancreas, miocardio, articolazioni, pelle, testicoli nei maschi, pelle - diabete bronzo).

Tabella 3. Indicatori biochimici della sindrome da citolisi

La sindrome mesenchimale-infiammatoria (sindrome da infiammazione immunitaria) riflette la gravità del processo infiammatorio nel fegato.

Gli indicatori biochimici di MVS riflettono l'attività delle cellule di Kupffer, elementi linfoidi-plasma e macrofagi che sono inclusi negli infiltrati infiammatori, specialmente i tratti portali del fegato. Aumentare il contenuto di g-globuline, immunoglobuline, campioni di timolo è importante nella diagnosi delle forme attive di epatite C cronica e di CPU. La determinazione dei titoli anticorpali verso una specifica lipoproteina epatica (SLP), il DNA e le cellule muscolari lisce sono importanti nella diagnosi della componente autoimmune e dei sottotipi di epatite autoimmune. Concentrazione b2-microglobulina (b2-MG) è un indicatore dell'attività umorale di cellule T sono sommati i forme attive di hCG e una CPU e ha un alto grado di correlazione con i marcatori di reazioni autoimmuni (con insufficienza renale concomitante e diabete mellito e indicatore mieloma multiplo non viene utilizzato).

Gli indicatori di questa sindrome sono (tabella 4):

- aumento delle proteine ​​totali, specialmente nell'epatite autoimmune (normale 65-85 g / l);

- aumentare α2-,frazioni β-, γ di globuline;

- aumento dei livelli di JgA, JgM, IgG;

- campioni di sedimenti positivi:

· Timol - N - 0 - 4 unità.

· Sublimate - N 1,8 - 2,2 ml.

- C-RP positivo (proteina reattiva C);

- anticorpi al tessuto epatico,

- LE - celle di AIG;

- leucocitosi, accelerazione della VES.

Tabella 4. I principali indicatori biochimici della sindrome da infiammazione immunitaria (mesenchimale-infiammatorio).

La clinica - febbre, limfadenopatiya, splenomegalia.

La sindrome colestasi è caratterizzata da un aumento dell'attività enzimatica:

- γ - glutammato transpeptidasi (GGTP).

Questi enzimi sono associati alla membrana epatocitaria e all'epitelio dei tubuli del dotto biliare e sono chiamati escretore.

La fosfatasi alcalina, 5-nucleotidasi, sono principalmente indicatori di colestasi, mentre il livello di g-GTP, la bilirubina è influenzata dalla citolisi. Nel CHC e nell'epatite colestatica (cirrosi biliare del fegato), è possibile un aumento della fosfatasi alcalina e / o della G-GTP sullo sfondo di normali indicatori di AlAT (tabella 5).

Forse un aumento pronunciato del colesterolo, la formazione di xantelasmo sulla pelle delle palpebre.

Tabella 5 I principali indicatori biochimici della sindrome colestatica

I segni di colestasi includono anche un aumento della concentrazione sierica:

Manifestazioni cliniche di colestasi:

- prurito, a volte intenso

- disturbi dell'assorbimento (malassorbimento)

- xantomi: formazioni piatte o torreggianti, morbide, gialle, solitamente intorno agli occhi, nelle pieghe palmari, sotto le ghiandole mammarie, sul collo, sul torace, intorno alla schiena (ritenzione lipidica nel corpo)

Sindrome di insufficienza epatocellulare o sindrome di insufficienza della funzione sintetica del fegato riflette lo stato funzionale dell'organo e il grado della sua compromissione. Quando insufficienza epatica nel sangue andando giù il livello di quelle sostanze che sono sintetizzate dal fegato (tabella 6):

- V, VII, IX, X fattori di coagulazione del sangue;

Inoltre diminuisce l'attività secretoria enzimi:

Tabella 6. I principali indicatori biochimici della sindrome da insufficienza epatocellulare.

Gli indicatori della sindrome epatodepressiva riflettono la gravità dell'insufficienza epatica di piccole dimensioni. Permettere di chiarire il grado di insufficienza epatocellulare. I più comunemente usati sono albumina, indice di protrombina e colinesterasi - campioni di media sensibilità. I campioni altamente sensibili includono bromso-solfato, indocianina, antipirina e proconvertina sierica, che vengono utilizzati in reparti specializzati. La diminuzione degli indicatori di epatodepressione di sensibilità media del 10-20% è insignificante, del 21-40% - da moderare, di oltre il 40% - a un grado significativo di insufficienza epatocellulare.

Sindromi di insufficienza epatocellulare e citolisi sono spesso combinati.

Epatite cronica

L'epatite cronica è una malattia infiammatoria caratterizzata da alterazioni fibrose e necrotiche nel tessuto e nelle cellule del fegato senza disturbare la struttura dei lobuli e segni di ipertensione portale. Nella maggior parte dei casi, i pazienti lamentano disagio nell'ipocondrio destro, nausea, vomito, perdita di appetito e feci, debolezza, prestazioni ridotte, perdita di peso, ittero, prurito della pelle. Le misure diagnostiche consistono nel condurre un'analisi biochimica del sangue, degli ultrasuoni degli organi addominali, della biopsia epatica. La terapia ha lo scopo di neutralizzare la causa della patologia, migliorare le condizioni del paziente e raggiungere una remissione stabile.

Epatite cronica

L'epatite cronica è una lesione infiammatoria del parenchima e dello stroma epatico, che si sviluppa sotto l'azione di varie cause e dura per più di 6 mesi. La patologia è un grave problema socio-economico e clinico dovuto al costante aumento dell'incidenza. Secondo le statistiche, ci sono 400 milioni di pazienti con epatite B cronica e 170 milioni di pazienti con epatite C cronica, con oltre 50 milioni di epatite B di nuova diagnosi e 100-200 milioni di epatite C annualmente. 70% nella struttura complessiva dei processi patologici del fegato. La malattia si verifica con una frequenza di 50-60 casi per 100.000 abitanti, l'incidenza è più suscettibile agli uomini.

Negli ultimi 20-25 anni sono state accumulate molte informazioni importanti sull'epatite cronica, il meccanismo del suo sviluppo è diventato chiaro, pertanto sono state sviluppate terapie più efficaci che vengono costantemente migliorate. Investigatori, terapeuti, gastroenterologi e altri specialisti stanno studiando il problema. Il risultato e l'efficacia della terapia dipendono direttamente dalla forma di epatite, dalle condizioni generali e dall'età del paziente.

Classificazione dell'epatite cronica

L'epatite cronica è classificata secondo diversi criteri: eziologia, grado di attività patologica, dati di biopsia. Per cause, l'epatite virale cronica B, C, D, A, farmaco, autoimmune e criptogenica (di eziologia sconosciuta) sono isolate. Il grado di attività dei processi patologici può essere diverso:

  • minimo - AST e ALT sono 3 volte più alti del normale, un aumento del campione di timolo a 5 U, un aumento delle gammaglobuline fino al 30%;
  • moderata - aumento della concentrazione di ALT e AST di 3-10 volte, test del timolo 8 U, gamma globuline 30-35%;
  • grave - AST e ALT sono più di 10 volte più alti del normale, il test del timolo è superiore a 8 U, le gammaglobuline sono superiori al 35%.

Sulla base dell'esame istologico e della biopsia, si distinguono 4 stadi dell'epatite cronica.

Stadio 0 - nessuna fibrosi

Stadio 1 - fibrosi periportale minore (proliferazione del tessuto connettivo attorno alle cellule epatiche e ai dotti biliari)

Stadio 2 - fibrosi moderata con setti porto-portale: tessuto connettivo, che si espande, forma le partizioni (setti) che uniscono i tratti portale adiacenti formati dai rami della vena porta, dell'arteria epatica, dei dotti biliari, dei vasi linfatici e dei nervi. I tratti del portale si trovano agli angoli del lobulo epatico, che ha la forma di un esagono

Fase 3: fibrosi forte con setti portuali

Fase 4 - segni di violazione dell'architettura: una significativa proliferazione del tessuto connettivo con un cambiamento nella struttura del fegato.

Cause e patogenesi dell'epatite cronica

La patogenesi di varie forme di epatite cronica è associata a danni al tessuto e alle cellule del fegato, alla formazione di una risposta immunitaria, all'inclusione di meccanismi autoimmuni aggressivi che contribuiscono allo sviluppo dell'infiammazione cronica e la supportano a lungo. Ma gli esperti identificano alcune caratteristiche della patogenesi, a seconda dei fattori eziologici.

La causa dell'epatite cronica è spesso l'epatite virale B, C, D, precedentemente trasferita A. Qualunque patogeno ha un effetto diverso sul fegato: il virus dell'epatite B non causa la distruzione degli epatociti, il meccanismo dello sviluppo della patologia è associato alla risposta immunitaria al microrganismo, che si riproduce attivamente in cellule del fegato e altri tessuti. I virus dell'epatite C e D hanno un effetto tossico diretto sugli epatociti, causandone la morte.

La seconda causa comune di patologia è considerata un'intossicazione del corpo, causata dall'esposizione ad alcol, droghe (antibiotici, farmaci ormonali, farmaci anti-TB, ecc.), Metalli pesanti e prodotti chimici. Le tossine e i loro metaboliti, che si accumulano nelle cellule del fegato, causano il loro malfunzionamento, l'accumulo di bile, grassi e disordini metabolici, che portano alla necrosi degli epatociti. Inoltre, i metaboliti sono antigeni a cui il sistema immunitario risponde attivamente. Inoltre, l'epatite cronica può essere formata come risultato di processi autoimmuni, che sono associati con l'inferiorità dei soppressori di T e la formazione di cellule T che sono tossiche per le cellule.

Nutrizione improduttiva, abuso di alcool, stile di vita non salutare, malattie infettive, malaria, endocardite, varie malattie del fegato che causano disturbi metabolici negli epatociti possono provocare lo sviluppo di patologie.

Sintomi di epatite cronica

I sintomi dell'epatite cronica sono variabili e dipendono dalla forma della patologia. I segni con un processo attivo basso (persistente) sono scarsamente espressi o completamente assenti. Le condizioni generali del paziente non cambiano, ma il deterioramento è probabile dopo l'abuso di alcool, intossicazione, carenza di vitamine. Potrebbe esserci dolore minore nell'ipocondrio destro. Durante l'ispezione ha rivelato un moderato aumento nel fegato.

I segni clinici nella forma attiva (progressiva) di epatite cronica sono pronunciati e manifestati per intero. La maggior parte dei pazienti ha una sindrome dispeptica (flatulenza, nausea, vomito, perdita di appetito, distensione addominale, alterazione delle feci), sindrome astenovegetativa (grave debolezza, affaticamento, riduzione delle prestazioni, perdita di peso, insonnia, mal di testa), sindrome da insufficienza epatica (ittero, febbre, la comparsa di liquido nella cavità addominale, emorragia tissutale), dolore addominale prolungato o intermittente a destra. Sullo sfondo dell'epatite cronica, aumentano le dimensioni della milza e i linfonodi regionali. A causa della violazione del deflusso di ittero biliare si sviluppa, prurito. Anche sulla pelle si possono trovare le vene del ragno. Durante l'ispezione ha rivelato un aumento delle dimensioni del fegato (una parte diffusa o eccitante). Fegato denso, doloroso alla palpazione.

L'epatite virale cronica D è particolarmente difficile, è caratterizzata da pronunciata insufficienza epatica. La maggior parte dei pazienti lamenta ittero, prurito della pelle. Oltre ai segni epatici, vengono diagnosticati extraepatici: danni a reni, muscoli, articolazioni, polmoni, ecc.

La particolarità dell'epatite cronica C è un lungo corso persistente. Oltre il 90% dell'epatite C acuta viene completato con la cronologia. I pazienti hanno notato una sindrome astenica e un leggero aumento nel fegato. Il decorso della patologia è ondulatorio, dopo alcuni decenni termina con cirrosi nel 20-40% dei casi.

Epatite cronica autoimmune si verifica nelle donne di 30 anni di età. La patologia è caratterizzata da debolezza, aumento della fatica, ingiallimento della pelle e delle mucose, dolore nel lato destro. Nel 25% dei pazienti, la patologia simula l'epatite acuta con la sindrome dispeptica e astenovegetativa, la febbre. I sintomi extraepatici si verificano in ogni secondo paziente, sono associati a danni ai polmoni, ai reni, ai vasi sanguigni, al cuore, alla tiroide e ad altri tessuti e organi.

L'epatite cronica da farmaci è caratterizzata da sintomi multipli, l'assenza di sintomi specifici, a volte la patologia è mascherata da un processo acuto o ittero ostruttivo.

Diagnosi di epatite cronica

La diagnosi di epatite cronica dovrebbe essere tempestiva. Tutte le procedure sono eseguite nel dipartimento di gastroenterologia. La diagnosi finale viene effettuata sulla base del quadro clinico, dell'esame strumentale e di laboratorio: un esame del sangue per i marcatori, l'ecografia degli organi addominali, la reoepatografia (studio dell'afflusso di sangue al fegato), la biopsia epatica.

Un esame del sangue consente di determinare la forma della patologia rilevando specifici marcatori - queste sono particelle del virus (antigeni) e anticorpi, che si formano come risultato della lotta contro un microrganismo. Per l'epatite virale A ed E, solo un tipo di marcatore è caratteristico - IgM anti-HAV o IgM anti-HEV.

Nell'epatite B virale, possono essere rilevati diversi gruppi di marcatori, il loro numero e il loro rapporto indicano lo stadio di patologia e prognosi: antigene di superficie B (HBsAg), anticorpi anti-antigene nucleare Anti-HBc, Anti-HBclgM, HBeAg, Anti-HBe (compare solo dopo completamento del processo), Anti-HBs (formato dall'adattamento dell'immunità al microrganismo). Il virus dell'epatite D è identificato sulla base di Anti-HDIgM, Total Anti-HD e RNA di questo virus. Il principale marker dell'epatite C è Anti-HCV, il secondo è l'RNA del virus dell'epatite C.

Le funzioni del fegato sono valutate sulla base di analisi biochimiche, più precisamente, determinando la concentrazione di ALT e AST (aminotransferasi), bilirubina (pigmento biliare), fosfatasi alcalina. Sullo sfondo dell'epatite cronica, il loro numero aumenta drammaticamente. Il danno alle cellule del fegato comporta una forte diminuzione della concentrazione di albumina nel sangue e un significativo aumento delle globuline.

Ultrasuoni degli organi addominali - un modo indolore e sicuro per diagnosticare. Permette di determinare la dimensione degli organi interni, nonché di identificare i cambiamenti avvenuti. Il metodo di ricerca più accurato è la biopsia epatica, consente di determinare la forma e lo stadio della patologia e di scegliere il metodo terapeutico più efficace. Sulla base dei risultati, si può giudicare l'entità del processo e la gravità, così come il probabile esito.

Trattamento dell'epatite cronica

Il trattamento dell'epatite cronica ha lo scopo di eliminare la causa della patologia, alleviare i sintomi e migliorare le condizioni generali. La terapia dovrebbe essere completa. Alla maggior parte dei pazienti viene prescritto un corso base per ridurre il carico sul fegato. Tutti i pazienti con epatite cronica devono ridurre lo sforzo fisico, vengono mostrati uno stile di vita a bassa attività, un regime di semi-prima notte, una quantità minima di farmaci, nonché una dieta a pieno titolo arricchita con proteine, vitamine e minerali (dieta n. 5). Spesso utilizzato nelle vitamine: B1, B6, B12. È necessario escludere cibi grassi, fritti, affumicati, in scatola, spezie, bevande forti (tè e caffè) e alcol.

Quando si manifesta la stitichezza, vengono mostrati lievi lassativi, per migliorare la digestione - preparati enzimatici senza bile. Per proteggere le cellule del fegato e accelerare il processo di recupero, vengono prescritti epatoprotettori. Dovrebbero essere presi fino a 2-3 mesi, è desiderabile ripetere il corso di prendere tali farmaci parecchie volte all'anno. Nella sindrome astuta vegetativa grave, vengono utilizzati multivitaminici, adattogeni naturali.

L'epatite cronica virale è scarsamente adatta alla terapia, un ruolo importante è svolto dagli immunomodulatori, che influenzano indirettamente i microrganismi, attivando l'immunità del paziente. L'uso di questi farmaci da soli è proibito, in quanto hanno controindicazioni e funzionalità.

Un posto speciale tra queste droghe occupa gli interferoni. Sono prescritti sotto forma di iniezioni intramuscolari o sottocutanee fino a 3 volte a settimana; può causare un aumento della temperatura corporea, pertanto è necessario assumere farmaci antipiretici prima dell'iniezione. Un risultato positivo dopo il trattamento con interferone è stato osservato nel 25% dei casi di epatite cronica. Nell'infanzia, questo gruppo di farmaci viene utilizzato sotto forma di supposte rettali. Se le condizioni del paziente lo consentono, viene effettuata una terapia intensiva: i preparati di interferone e gli agenti antivirali vengono utilizzati in dosi elevate, ad esempio combinano l'interferone con ribavirina e rimantadina (specialmente con l'epatite C).

La costante ricerca di nuovi farmaci ha portato allo sviluppo di interferoni peghilati, in cui la molecola di interferone è collegata al polietilenglicole. A causa di ciò, la medicina può rimanere più a lungo nel corpo e combattere i virus per molto tempo. Tali farmaci sono altamente efficaci, possono ridurre la frequenza della loro assunzione e prolungare il periodo di remissione dell'epatite cronica.

Se l'epatite cronica è causata da intossicazione, deve essere eseguita la terapia di disintossicazione e deve essere prevenuta la penetrazione delle tossine nel sangue (ritiro della droga, alcol, ritiro dalla produzione chimica, ecc.).

L'epatite cronica autoimmune è trattata con glucocorticoidi in associazione con azatioprina. I farmaci ormonali sono assunti per via orale, dopo che l'effetto della loro dose è stato ridotto al minimo accettabile. In assenza di risultati, viene prescritto il trapianto di fegato.

Prevenzione e prognosi dell'epatite cronica

I pazienti e i portatori di virus dell'epatite non rappresentano un grave pericolo per gli altri, poiché l'infezione da goccioline trasportate dall'aria e dalle famiglie è esclusa. Puoi contrarre l'infezione solo dopo il contatto con sangue o altri fluidi corporei. Per ridurre il rischio di sviluppare patologie, è necessario utilizzare la contraccezione di barriera durante il rapporto sessuale, non prendere gli oggetti di igiene di altre persone.

L'immunoglobulina umana viene utilizzata per la profilassi d'emergenza dell'epatite B il primo giorno dopo l'eventuale infezione. Viene anche indicata la vaccinazione contro l'epatite B. Non è stata sviluppata la profilassi specifica di altre forme di questa patologia.

La prognosi dell'epatite cronica dipende dal tipo di malattia. Le forme di dosaggio sono quasi completamente guarite, le risposte autoimmuni rispondono bene anche alla terapia, raramente virali risolti, molto spesso si trasformano in cirrosi epatica. La combinazione di diversi agenti patogeni, ad esempio l'epatite B e D, provoca lo sviluppo della forma più grave della malattia, che sta rapidamente progredendo. La mancanza di una terapia adeguata nel 70% dei casi porta alla cirrosi epatica.

IV-TERAPIA-CONSECTECTS OF LECTURES / Sindromi nelle malattie del fegato. Epatite cronica

Sindromi nelle malattie del fegato. Epatite cronica

Malattie epatiche maggiori

1. Danno epatico diffuso

infiammazione cronica - diffusa nel fegato, che dura più di 6 mesi senza tendenza a migliorare

La cirrosi è una malattia cronica diffusa con affetto di epatociti, fibrosi e ristrutturazione dell'architettura del fegato con formazione di nodi rigenerativi, ipertensione portale, insufficienza epatica.

Degenerazione grassa del fegato, steatoepatite

Sindromi per malattie del fegato

Stretching glisson capsule

Effetti dell'infiammazione (necrosi) sui vasi sanguigni, dotti biliari, capsula epatica

Patologia della colecisti

Citolitico ("piccolo fallimento del fegato") - Effetti clinici e di laboratorio della necrosi (lisi) degli epatociti o un aumento della permeabilità delle loro membrane.

Perdita di peso

Odore "epatico", lingua "fegato", palme "al fegato"

Cambia la distribuzione dei capelli, ginecomastia

Sangue:

Bilirubina (diretta, indiretta)

Enzimi dell'indicatore - ALT, AST, LDG (totale e LDG-4, LDG-5)

Enzimi organo-specifici - aldolasi, sorbitolo deidrogenasi

facile meno di 3 volte la norma

moderato eccesso di 10 volte superiore alla norma

peso più di 10 volte l'eccesso della norma

Sindrome di insufficienza epatocellulare

La conseguenza di una diminuzione della disintossicazione del fegato

Aumento della concentrazione del sangue:

Composti azotati ciclici aromatici

La conseguenza di una diminuzione della funzione sintetica degli epatociti

Diminuzione della concentrazione del sangue:

Protrombina, V, VIII fattori di coagulazione

Conseguenza di una diminuzione della funzione normativa (O. disintegrazione)

Aumento della concentrazione del sangue:

Vasculite (pelle, polmonare)

Aumento di alfa2 e gamma globuline, iperproteinemia

Cellule LE, AT a DNA, muscolatura liscia, antigeni mitocondriali

Riduzione del titolo del complemento, test di trasformazione del blast dei linfociti, reazione di inibizione della migrazione dei leucociti

Colore giallo della pelle e delle mucose, colore marrone brunastro della pelle - pelle "sporca" (aumento del livello di bilirubina sierica superiore a 20 μmol / l)

Urina scura, feci alleggerite

colesterolo, lipoproteine, acidi biliari

Instabilità emotiva, nervosismo

La gravità dell'epigastria, eruttazione

Amarezza in bocca

Gonfiore persistente

Emorragie cutanee

Anemia da sindrome da ipersplenismo

Segni clinici di C-LS e "piccolo" P-CN

febbre

Cambia il tipo di distribuzione dei capelli

Classificazione dell'epatite cronica

Secondo l'eziologia(Los Angeles, 1994)

Partner sessuali dell'epatite (con HBsAg +, HBeAg +)

Percorso verticale (madre-bambino)

Epatite dopo l'iniezione dell'ago

CHB con alta replicazione virale

CHB basso replicazione virus

Risposte immunitarie delle cellule T

Antigene di superficie Ag HBs

Antigene nucleare di HBc Ag

Subunità di HBe Ag-secret HBc Ag, un marker di alta infettività

Azione epatotossica diretta

Antibiotici (tetraciclina, cloramfenicolo, gentamicina, eritromicina, rifampicina) e agenti antibatterici (nitroxolina, sulfasalazina, isoniazide)

Alcuni farmaci psicotropi

FANS (paracetamolo, indometacina, butadione)

Principalmente a causa di disordini immunitari ereditari (carenza funzionale dei soppressori di T)

fattori scatenanti: virus dell'epatite A, B, C, D, E, G, virus dell'herpes simplex di tipo I, virus Epstein-Barr

Epatite cronica a seguito di intossicazione industriale

Naftaleni e bifenili clorurati

Benzene, i suoi omologhi e derivati

incluso nel concetto di "epatite cronica" a causa della somiglianza dei cambiamenti morfologici nel fegato

Cirrosi biliare primitiva

Colangite sclerosante primitiva

Danno epatico nella malattia di Wilson-Konovalov

Clinico e morfologico (natura dei cambiamenti istologici, il grado di attività del processo infiammatorio)

Epatite cronica attiva (sintomi clinici gravi)

Sindrome citolitica ("piccolo fallimento del fegato")

Sindrome immuno-infiammatoria (con esacerbazione)

Infiltrazione linfoistiocitica con un numero significativo di plasmacellule ed eosinofili nei tratti portali

Necrosi e alterazioni degenerative degli epatociti; la presenza di necrosi a gradini periferici degli epatociti (durante la transizione alla cirrosi)

Cambiamenti fibrosi delle porzioni portale senza modificare la struttura dei lobuli

Sintomi clinici scarsi

Epatomegalia (minore) - spesso l'unico sintomo oggettivo

Espansione e moderato indurimento dei campi del portale pur mantenendo la normale architettura del fegato

Infiltrazione mononucleare a cellule rotonde di tratti portali

Distrofia degli epatociti moderata: durante i periodi di esacerbazione, può essere rilevata una quantità minima di necrosi degli epatociti.

Lombare cronico (posizione intermedia tra epatite persistente acuta e cronica)

Sindrome citolitica, piccoli "segni del fegato" (rari)

Epatomegalia lieve (rara)

Minori necrosi nella seconda o terza zona degli acini

Infiltrazione delle cellule linfoidi intra-lobulari

Autoimmune cronico (varianti di 3 portate)

Tipo di epatite acuta

Con manifestazioni extraepatiche pronunciate

Massiccia infiltrazione cellulare del tessuto epatico

La presenza nell'infiltrazione di un gran numero di plasmacellule

Distruzione della targa

Sono stati pronunciati cambiamenti distrofici e necrotici del parenchima

Colestasi cronica (colestasi intraepatica dovuta a compromissione della funzione biliare epatocitaria, nonché danno ai più piccoli dotti biliari)

Il quadro clinico è determinato dalla gravità della sindrome colestasi

Espansione e moderato indurimento dei campi del portale pur mantenendo la normale architettura del fegato

Infiltrazione mononucleare a cellule rotonde di tratti portali

Distrofia degli epatociti moderata: durante i periodi di esacerbazione, può essere rilevata una quantità minima di necrosi degli epatociti.

Secondo lo stato funzionale del fegato

Frequenza di epatite virale cronica

Epatite acuta A: 1-2%

Epatite B acuta: 5-10%

Epatite C acuta: 50-85% (in pazienti con alcolismo)

Epatite acuta B + D: 70-90% (l'epatite D si presenta come una superinfezione nei portatori cronici di epatite virale B)

Epatite acuta di eziologia mista (B ± C ± D ± G): 15%

Epatite attiva cronica

opportunità II passaggi di ricerca diagnostica

Manifestazioni sistemiche extraepatiche

Aumentare le dimensioni di ottusità epatica assoluta a 14 cm o più, determinata dalla linea medio-clavicolare

L'aumento delle dimensioni degli ultrasuoni del fegato nella linea medio-clavicolare di oltre 14 cm e delle dimensioni sagittali superiori a 6 cm

Segni clinici di insufficienza epatocellulare

opportunità III i passaggi di ricerca diagnostica consentono

Analisi del sangue generale:

Accelerazione della VES (sindrome infiammatoria mesenchimale)

Citopenia (sindrome da ipersplenismo)

Analisi del sangue biochimica

Aumento del livello di bilirubina

Aumento dell'attività di AlT, AST 4-8 volte

Aumento del livello di LDH

Riduzione colinesterasi

Colesterolo aumentato

Aumento della fosfatasi alcalina

Il valore della biopsia epatica nell'epatite cronica

Determinazione del grado di attività (infiammazione)

Determinazione dello stadio di progressione (fibrosi)

Valutazione dell'efficacia del trattamento

Criteri per la valutazione dell'epatite cronica

Indice di attività istologica

Necrosi periportale con e senza necrosi del ponte 0 - 10

Degenerazione intralobale e necrosi focale 0 - 4

Infiammazione portale 0 - 4

Correlazione dell'indice di attività istologica e dell'attività riflessa nella diagnosi

Index Diagnosis Activity

1 - 3 A. Minimo

9 - 12 V. Moderato

13 - 18 G.Vysokaya

Il grado di fibrosi (mediante elastometria ultrasonica)

Caratteristiche dei punti di cambiamento

Nessuna modifica 0

Estensioni del percorso del portale 1

Septa portale 2

Cambiamenti e deformazioni del ponte 3

Complicazioni di biopsia puntura del fegato (PBP)

Marcatori di epatite cronica B

Le prime manifestazioni di HVG "B" (A HVG "B" sono assenti nel 20%)

Epatomegalia (più spesso con ultrasuoni)

Aumento di AST, ALT (moderato)

Test HBsAg positivo

Fattori che influenzano la tattica del trattamento dell'epatite virale cronica

La concentrazione di corpi virali nel sangue

Livelli di enzima nel sangue

Grado di fibrosi (biopsia)

Il grado di infiammazione (biopsia)

Risposta al trattamento

Fattori antivirali prognosticamente favorevoli

ALT alta

Bassa carica virale (> 10 in 6 cucchiai da 1 ml di sangue)

Con biopsia, epatite attiva

Infezione matura

Nessun HCV, HDV, HIV

La terapia antivirale è indicata:

Con attività istologica pronunciata

Con i token di replica

Con alta viremia

Pegasys - peginterferone alfa-2A - 180 μg / o, 5 ml - siringa-provetta per somministrazione sottocutanea.

PegIntron -Peginterferone alfa -2B-polvere secca + solvente 0,1 ml -50-80-100-120-150 μg

Effetti collaterali della terapia con interferone

febbre, mialgia, artralgia

si verifica nel 75-90% dei pazienti 2-5 ore dopo la prima iniezione del farmaco

si indebolisce o scompare in 2-3 settimane. trattamento

aumento dell'attività delle transaminasi

testimonia la massiccia morte di epatociti infetti

Perdita di peso

Inibitore della DNA polimerasi della DNA virivudina (anche famciclovir)

Ribavirina 0,2 - un inibitore della sintesi di acidi nucleici

Phosphogliv- acido glicirrizico + fosfatidilcolina

Controindicazioni all'appuntamento dell'interferone alfa

Ipersensibilità al farmaco

Cirrosi epatica scompensata

Grave insufficienza epatica

Leucocitosi e trombocitopenia

Malattie gravi dei reni, del sistema cardiovascolare e del sistema nervoso centrale

Indicatori di una risposta positiva alla terapia antivirale

Elevata attività ALT

Viremia inferiore a 10

Infezione a breve termine

Criteri per la malattia autoimmune

Mancanza di fattore eziologico

La comparsa di autoanticorpi nel sangue

Effetto terapeutico positivo dei glucocorticoidi e degli immunosoppressori

HAIG - una combinazione di gravi danni al fegato e anomalie del sistema immunitario

Segni caratteristici di CAG

Di solito le donne sono malate

Età 15-25 anni e menopausa

L'aumento del livello di g-globulina 2 volte

Aumento dell'ALT, AST 10 volte

Combinazione con altre malattie autoimmuni

Anticorpi anti-DNA, anticorpi anti-actina - tipo I ("lupoid")

Anticorpi ai microsomi epatici e renali

Tipo IIa ("fulminante", "combinato")

Antigeni di istocompatibilità B8, DR3, DR4

Buona risposta ai corticosteroidi

Opzione di debutto HAIG

Sintomo complesso di danno epatico acuto

Clinica delle lesioni sistemiche extraepatiche

Manifestazione latente di lesione epatocellulare (CP)

Trattamento HAIG -Glococorticoidi 1 mg / kg

dipende dallo stadio della malattia, dai segni istologici di attività, dal tipo di necrosi

Recupero completo: estremamente raro

Remissioni spontanee: nel 10-25% dei pazienti

La transizione alla cirrosi epatica: 30-50%

Sviluppo del carcinoma epatico: caratteristiche dell'epatite virale B e C (il rischio è maggiore con l'insorgenza precoce della malattia o l'abuso di alcool)

Mortalità: particolarmente alta nell'epatite D

Prognosi meno favorevole: epatite autoimmune (alto rischio di transizione verso la cirrosi, minor sopravvivenza)

Cosa fare quando si è in contatto con sangue infetto?

Per pulire la ferita del sangue, pulire la pelle con alcool e acqua, lavare le mucose con abbondante acqua

Determinare l'HBsAg e gli anticorpi del virus dell'epatite C nella sospetta portatrice dell'infezione, se questi test non sono stati eseguiti prima

Eseguire un test AT per HBsAg e HBcAg in una persona che potrebbe essere stata infettata.

Introdurre IM 5 ml di antiepatite B antiepatite B (Aunativ). Se il contatto viene successivamente confermato, continuare la vaccinazione dopo 1 e 6 mesi.

ingiallimento della pelle o sclera

aumento del livello sierico di bilirubina superiore a 20 μmol / l

Segni e sintomi dell'epatite A, B, C

L'epatite è un gruppo di malattie infiammatorie del fegato che hanno diverse eziologie, manifestazioni, decorso acuto o cronico.

Negli ultimi anni, l'incidenza dell'epatite è aumentata in modo significativo. Ciò è dovuto alle basse condizioni di vita socio-economiche.

L'aumento del numero di pazienti e di portatori del virus è associato ad un aumento della tossicodipendenza da iniezione, che è la causa principale della diffusione dell'epatite virale con trasmissione parenterale.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità nel mondo, 2 miliardi di pazienti con epatite virale di cui 2 milioni muoiono ogni anno.

Tipi di epatite

La classificazione più comune di epatite è eziologica. Secondo lei, si distinguono i seguenti tipi di epatite:

  • epatite A;
  • epatite B;
  • epatite C;
  • epatite D;
  • epatite E;
  • epatite G.

2. Epatite tossica causata dall'esposizione al fegato di veleni, sostanze chimiche, droghe, alcol:

  • epatite alcolica;
  • epatite da farmaci;
  • epatite chimica.

3. Epatite infettiva causata da malattie causate dall'infezione da citomegalovirus, virus della rosolia, virus di Epstein-Barr, infezione da herpes, virus dell'immunodeficienza umana.

4. Epatite che si verifica con leptospirosi, sifilide (infezioni a trasmissione sessuale) e altre infezioni batteriche.

5. Epatite autoimmune, a seguito di danni al fegato causati dal suo stesso sistema immunitario.

6. L'epatite da radiazioni si sviluppa dall'irradiazione del corpo con grandi dosi di radiazioni ionizzanti (radioterapia oncopatologia, malattia da radiazioni).

Come appare l'epatite?

I sintomi dell'epatite possono essere suddivisi in epatico ed extraepatico, così come precoce e tardivo.

I sintomi dell'epatite comprendono la sindrome vegetativa astenica, il dolore allo stomaco e l'ipocondrio destro, nausea, eruttazione, ittero, aumento del sanguinamento e ingrossamento del fegato e / o della milza.

segni extraepatiche di epatite - un diverso eruzioni cutanee, kapilyarity, teleangectasie, arrossamento delle palme, della lingua "lampone", disturbi delle ghiandole sessuali, tiroide e le ghiandole surrenali, encefalopatia epatica cronica, prurito, lividi sulla pelle, epistassi frequenti, sanguinamento delle gengive, vene varicose dell'esofago e del retto.

I primi sintomi di epatite non sono sempre evidenti.

Interessante! Alcune epatiti virali, ad esempio, come B e C, possono essere asintomatiche per lungo tempo e manifestare una forma grave o complicanze.

Pertanto, è importante consultare un medico il più presto possibile per una diagnosi più accurata e un trattamento tempestivo.

I sintomi dell'epatite nelle fasi iniziali della malattia non sono specifici e sono associati all'esposizione del virus e delle sue tossine all'organismo, ovvero: affaticamento, diminuzione delle prestazioni, dolore muscolare, cefalea, diminuzione dell'appetito, febbre, ecc.

I sintomi tardivi dell'epatite sono principalmente segni di complicazioni della malattia, come cirrosi, insufficienza epatica, cancro e altri.

Sindromi cliniche e di laboratorio in pazienti con epatite

La diagnosi di epatite si basa sul quadro clinico, i cambiamenti di laboratorio nel test del sangue biochimico e la presenza di un virus o anticorpi ad esso. Durante l'esame dei pazienti per epatite, è possibile incontrare le seguenti sindromi cliniche e di laboratorio:

  • sindrome da citolisi;
  • sindrome colestatica;
  • sindrome di cambiamenti immuno-infiammatori;
  • sindrome da insufficienza epatica cellulare;
  • sindrome di insufficienza epatica fulminante;
  • sindrome da encefalopatia epatica;
  • sindrome da ipertensione portale;
  • sindrome di edema;
  • sindrome epatorenale.

Caratteristiche delle sindromi cliniche e di laboratorio nell'epatite

Propongo di considerare più in dettaglio ciascuna delle sindromi.

Sindrome da citolisi

I danni all'epatite si verificano a causa dell'esposizione al fegato di virus, tossine, i propri anticorpi e altri agenti patogeni. La sindrome da citolisi è caratterizzata da alterazioni necrotiche e distrofiche degli epatociti. Questo complesso di sintomi si manifesta con i seguenti sintomi:

  • ittero;
  • urina scura (urina color birra scura);
  • decolorazione delle feci;
  • febbre;
  • ingrandimento del fegato (epatomegalia);
  • ingrandimento della milza (splenomegalia);
  • disagio, pesantezza e sensazioni dolorose nell'ipocondrio destro, che aumentano durante lo sforzo fisico;
  • aumento dell'attività e variazioni della quantità di transaminasi epatiche ed enzimi - alanina aminotransferasi (ALT), aspartato aminotransferasi (AST), glutamil transpeptidasi e lattato deidrogenasi;
  • aumento della bilirubina totale, bilirubina diretta e / o indiretta nel sangue.

Sindrome colestatica

Per la sindrome colestatica violazione caratteristica della formazione e deflusso della bile nel duodeno attraverso i dotti biliari intraepatici.

La colestasi può essere sia acuta che cronica. Secondo il meccanismo della sua formazione, è diviso in funzionale e meccanico (ostruttivo). Colestasi funzionale o non ostruttiva caratteristica dell'epatite.

I principali segni di colestasi:

  • la formazione di xantomi e xantelasma sulla pelle;
  • ingiallimento della pelle e delle mucose;
  • urina scura;
  • colorazione delle feci;
  • dolore nell'ipocondrio destro, che aumenta durante o dopo i pasti;
  • sanguinamento dovuto alla mancanza di sintesi di vitamina K, che è coinvolta nel processo di coagulazione del sangue;
  • carenza di retinolo (vitamina A) sotto forma di deterioramento della visione notturna;
  • neuropatia dei nervi periferici;
  • pelle secca e pruriginosa;
  • aumento della quantità di bilirubina dovuta a frazione diretta, acidi biliari, colesterolo, lipoproteine, fosfolipidi, trigliceridi, fosfatasi alcalina;
  • cambiamenti nel coagulogramma: aumento del rapporto normalizzato internazionale (INR), aumento della quantità di antitrombina III e aptoglobina;
  • riduzione delle vitamine del calcio nel sangue e liposolubili (A, D, K ed E).

Sindrome di cambiamenti immuno-infiammatori

La sindrome dei cambiamenti immuno-infiammatori è più di laboratorio che clinica. Il livello delle gamma globuline aumenta nel sangue, gli anticorpi verso il DNA e i mitocondri degli epatociti, appaiono fibre muscolari lisce e l'immunità cellulare è compromessa.

Sindrome di insufficienza epatocellulare

La sindrome di insufficienza epatocellulare si verifica a causa di una violazione delle funzioni sintetiche e di disintossicazione del fegato.

I principali segni di insufficienza epatocellulare:

  • diminuzione della quantità di proteine ​​del sangue (albumina, protrombina, proconvertina);
  • riduzione del colesterolo sierico, fosfolipidi, lipoproteine;
  • Test sulem positivo al timolo;
  • test funzionali positivi (bromsulfaleinovaya, nitipirinovaya, ammoniaca, fenolo).

Sindrome da insufficienza epatica fulminante

Con insufficienza epatica fulminante, c'è un improvviso sviluppo di encefalopatia, vasoparesi e coagulopatia. L'insufficienza epatica fulminantea si manifesta con grave nausea, vomito e debolezza generale, ittero, palpitazioni, diminuzione della pressione sanguigna, respiro frequente e frequente, febbre, disturbi della coscienza.

È importante! Sfortunatamente, non è sempre possibile aiutare i pazienti con insufficienza epatica fulminante, come si sviluppa un coma epatico, che si conclude con edema cerebrale e morte.

Sindrome da encefalopatia epatica

L'encefalopatia epatica è chiamata un complesso di sintomi, che si verifica a causa di disfunzione metabolica, ed è manifestata da una violazione del comportamento, della coscienza e dei disturbi neurorespiratori.

I pazienti hanno i seguenti sintomi di encefalopatia epatica:

  • mancanza di coordinamento dei movimenti;
  • letargia o irritabilità;
  • apatia, perdita di interesse per i parenti;
  • defecazione e minzione compromesse;
  • disturbi del linguaggio;
  • odore epatico dalla bocca (l'odore di un fegato in decomposizione);
  • tremore battente;
  • sopor, stupore;
  • convulsioni;
  • coma;

Sindrome da ipertensione portale

La sindrome da ipertensione portale è la causa dell'aumentata pressione venosa nel sistema delle vene portale.

Sintomi di ipertensione portale per epatite:

  • nausea;
  • instabilità delle feci;
  • flatulenza;
  • dolore nell'addome superiore;
  • sensazione di pesantezza nello stomaco dopo aver mangiato;
  • milza ingrossata;
  • accumulo anomalo di fluido nella cavità addominale (ascite);
  • espansione e deformazione delle vene dell'esofago e del retto;
  • espansione e deformazione delle vene sottocutanee della parete addominale anteriore (un sintomo di "testa di una medusa");
  • coagulazione del sangue, sanguinamento;

Sindrome edematosa

L'edema è un accumulo patologico di liquidi nei tessuti, addominale, pleurico o altre cavità, che porta a disturbi strutturali e funzionali degli organi.

Quando l'edema da epatite si verifica nelle ultime fasi della malattia sullo sfondo dell'ipertensione portale. Oltre all'accumulo di liquido nella cavità addominale, gli arti inferiori si gonfiano, nei casi gravi l'edema può avere un carattere diffuso (anasarca).

Sindrome epatorenale

La sindrome epatorenale è una violazione simultanea delle funzioni del fegato e dei reni, che si manifesta con i seguenti sintomi:

  • ascite;
  • ittero;
  • segni di insufficienza epatica;
  • sanguinamento dalle vene dilatate dell'esofago, dello stomaco o del retto;
  • debolezza generale;
  • costante sensazione di stanchezza, anche dopo il riposo;
  • la perversione del gusto;
  • oligouria (diuresi giornaliera non superiore a 500 ml);
  • ispessimento delle falangi distali delle dita ("bacchette");
  • unghie arrotondate piatte ("occhiali da vista");
  • arrossamento delle palme;
  • sclera itterica;
  • Stelle o ragni "vascolari" sulla pelle;
  • xanthelasma;
  • fegato e milza ingrossati;
  • ingrandimento del seno negli uomini.

I sintomi dell'epatite virale

I tipi più comuni di epatite sono virali. I sintomi dell'etiologia virale dell'epatite dipendono dal tipo di virus, dal decorso della malattia, dalla carica virale e dallo stato del sistema immunitario del corpo.

Epatite A Sintomi

L'epatite A è una malattia epatica infiammatoria con un meccanismo di trasmissione fecale-orale che causa il virus dell'epatite A.

La malattia ha un decorso acuto e non diventa mai cronica.

Il periodo di incubazione dura in media 14-30 giorni. I principali segni dell'epatite A:

  • debolezza generale;
  • stanchezza;
  • diminuzione o mancanza di appetito;
  • febbre, brividi, aumento della sudorazione.
  • ingiallimento della sclera, lingua mucosa, pelle;
  • prurito;
  • pelle secca;
  • urina scura;
  • feci acholic (sbiancate);
  • pesantezza e indolenzimento nell'ipocondrio destro;
  • nausea, vomito, flatulenza, stitichezza, pesantezza epigastrica;
  • dolore muscolare (mialgia).

Il periodo di recupero si verifica un mese dopo la comparsa dei primi segni della malattia.

I sintomi dell'epatite B

L'epatite B è un'infiammazione virale del fegato con un meccanismo parenterale di trasmissione che spesso ha un decorso acuto o cronico ed è complicato da insufficienza epatica.

La malattia ha un lungo periodo di incubazione da 30 a 180 giorni, al termine dei quali si manifestano i primi segni di epatite B. L'epatite B può manifestarsi con i seguenti sintomi:

  • rapido affaticamento;
  • diminuzione o perdita di appetito;
  • dolori muscolari e articolari;
  • disagio nell'ipocondrio destro;
  • nausea;
  • ingiallimento della pelle e delle mucose (esiste una forma anterteriosa di epatite B);
  • oscuramento delle urine (urina colorante della birra scura);
  • decolorazione delle feci.

Sintomi dell'epatite C.

L'epatite C è una malattia del fegato con un lungo decorso latente causato dal virus dell'epatite C, che spesso si trasforma in cirrosi e cancro.

Epatite C, o "killer affettuoso", nella maggior parte dei casi rilevata durante l'esame del paziente per altre malattie.

I segni generali di epatite C includono debolezza generale, affaticamento, astenia, ingrossamento del fegato e della milza.

Tardi segni di epatite C, come ittero, ascite e insufficienza epatica, sono più probabili che si verifichino dopo lo sviluppo di cirrosi o carcinoma epatocellulare.

Sulla base di quanto precede, si può concludere che l'epatite è una malattia insidiosa che esiste da molto tempo senza alcun segno o che si manifesta con sintomi comuni a malattie di eziologia virale.

Con tutte le epatiti nel sangue aumenta l'attività degli enzimi epatici e la quantità di bilirubina. L'identificazione degli agenti patogeni viene effettuata utilizzando una reazione a catena della polimerasi e un saggio immunoenzimatico, che consente di determinare la presenza del virus nel sangue e gli anticorpi ad esso.

È importante! Se ti trovi in ​​almeno alcuni segni di epatite, consulta immediatamente un medico per un esame approfondito. Il trattamento precoce è la chiave del tuo recupero.

Pubblicazioni Sulla Diagnostica Del Fegato

Ciò che il pancreas ama dal mangiare: quali cibi mangiare

Epatite

La digestione è un processo piuttosto complicato, in cui il cibo che entra nello stomaco viene diviso nelle sue parti costituenti, e alcuni di essi sono assorbiti nel corpo, mentre altri vengono rilasciati naturalmente.

Dimensione del fegato adulto

Cirrosi

Nel sistema epatobiliare del corpo umano, il ruolo più importante è assegnato alla ghiandola della secrezione esterna - il fegato. Questo organo è attivo nei processi di decomposizione, deposizione (deposizione), metabolismo e sintesi di nutrienti (proteine, grassi, carboidrati).

Trattamento del fegato con rimedi popolari

Cirrosi

Il fegato è un organo umano, la minima violazione delle funzioni è fatale. Innanzitutto, è collegato alla sua multifunzionalità. Neutralizza le tossine, conserva le vitamine, sintetizza gli ormoni e gli enzimi, immagazzina una riserva di sangue, secerne la bile, senza la quale il processo di digestione è impossibile.

Quanto fanno i test per l'HIV e l'epatite

Diete

Un test dell'epatite è un test di laboratorio di sangue per la presenza di anticorpi specifici contro un virus di questa malattia infettiva. I medici classificano l'epatite in tre tipi: A, B e C: tutte queste malattie sono simili l'una all'altra in quanto influenzano negativamente il fegato di una persona.