Principale / Epatite

Il fegato cresce dopo l'intervento?

Epatite

Il fegato è l'organo multifunzionale più unico del nostro corpo. Medici come uno scherzo, ma giustamente lo chiamano un multi-stazione, il numero delle sue funzioni è vicino a 500. In primo luogo, è il principale "impianto di trattamento delle acque reflue" del corpo, senza il quale sarebbe inevitabilmente morto dalle tossine. Tutto il sangue da organi e tessuti con prodotti metabolici tossici viene raccolto nella vena porta, passa attraverso l'intero organo, viene eliminato dalle cellule dagli epatociti e già purificato è diretto attraverso la vena cava inferiore al cuore. Inoltre, questo fa parte della digestione - nella digestione di grassi e carboidrati, nel sangue. Nel fegato si verifica anche la sintesi di proteine, vari enzimi e corpi immunitari. Ora puoi immaginare quale sia la gravità della malattia di questo corpo quando le sue funzioni vengono violate. Molte di queste malattie sono trattate chirurgicamente.

Quando è necessaria la resezione epatica

La resezione epatica di varie dimensioni viene eseguita nei seguenti casi:

danno alla schiacciamento del tessuto epatico; con tumori benigni; nel cancro (carcinoma); con metastasi tumorali da altri organi; a varie anomalie epatiche di sviluppo; con cisti idatide (infestazione da vermi); ai fini del trapianto (trapianto di organi).

Prima dell'intervento, viene effettuato uno studio approfondito della struttura e della funzione. Se necessario, una puntura epatica diagnostica viene eseguita con ultrasuoni (sotto il controllo di uno scanner a ultrasuoni). Solo allora vengono determinate le indicazioni per l'intervento e il suo metodo.

Consiglio: se dopo l'esame uno specialista offre un trattamento chirurgico, non si dovrebbe rifiutarlo o ritardare nel prendere una decisione. Un lungo periodo di riflessione non funziona a favore del paziente, perché in questo momento la malattia sta progredendo.

Tipi di operazioni epatiche

Il volume degli interventi può variare dalla rimozione di una piccola area alla rimozione completa di un organo (epatectomia). L'epatectomia parziale o la resezione epatica possono essere economiche (marginali, trasversali, periferiche) e chiamate atipiche. Con gli interventi tipici, viene presa in considerazione la ramificazione vascolare segmentaria anatomica, un segmento o l'intero lobo può essere rimosso - la lobectomia. Il loro volume dipende dalla natura del focus patologico.

Ad esempio, nelle metastasi del cancro, il lobo viene completamente rimosso - a destra oa sinistra. Nel cancro con germinazione nel pancreas, insieme al lobo sinistro, viene eseguita una resezione della coda del pancreas. Nei casi in cui vi è un danno esteso a un tumore o cirrosi, viene eseguita l'epatectomia totale (rimozione completa) e il trapianto di fegato ortotopico viene eseguito immediatamente - un trapianto da un donatore.

Esistono due metodi di intervento:

laparotomica o aperta - mediante un'estesa incisione cutanea addominale; laparoscopica o minimamente invasiva - inserendo un laparoscopio con una videocamera e strumenti speciali nella cavità addominale attraverso piccole incisioni della pelle.

La scelta del metodo viene eseguita individualmente. Ad esempio, può essere eseguita la rimozione laparoscopica di un tumore benigno del fegato di piccole dimensioni, ma con cancro e metastasi è necessaria una laparotomia.

Una rimozione parziale del fegato è pericolosa per la salute?

Il fegato è in grado di ripristinare il suo volume precedente e funzionare il più presto possibile dopo la resezione.

È abbastanza possibile capire un paziente che non decide su un'operazione, ritenendo che la rimozione di una parte di questo organo comporterebbe un disturbo di salute permanente. Sembrerebbe che tale opinione sia logica, ma, per fortuna, in realtà è errata.

Il tessuto epatico, come nessun altro nel corpo, ha un'incredibile capacità di recupero, sia nelle sue dimensioni originali che nelle sue funzioni. Anche il restante 30% del volume di tessuto epatico dopo l'infortunio o la rimozione chirurgica è in grado di ripristinarlo completamente entro poche settimane. Gradualmente, germina il linfatico e i vasi sanguigni.

Le cause e i meccanismi di tali proprietà non sono ancora del tutto chiari, ma consentono di ampliare la portata degli interventi chirurgici. A causa del rapido recupero, il trapianto parziale di un organo da un donatore vivente è diventato una pratica comune. Da un lato, il paziente non perde tempo prezioso in attesa del fegato cadaverico, dall'altro lato, nel periodo di 4-6 settimane sia nel donatore che nel paziente viene completamente ripristinato in dimensioni normali.

È stato stabilito dalla pratica che, anche dopo la rimozione del 90% del fegato con una gestione abile del periodo postoperatorio, si rigenera completamente.

Consiglio: non è necessario che l'intero periodo di recupero di un organo sia conservato in un ospedale. È anche possibile ripristinare il fegato a casa quando si eseguono gli ordini del medico e sotto il suo controllo.

Periodo postoperatorio

Dopo l'intervento chirurgico, un periodo stazionario e un periodo tardivo - dopo la dimissione. In ospedale dopo l'intervento aperto il paziente è di 10-14 giorni, dopo la laparoscopia - 3-4 giorni. Durante questo periodo, riceve tutti gli appuntamenti per la prevenzione delle complicanze, la riabilitazione postoperatoria, la terapia dietetica.

Dopo la dimissione dall'ospedale, l'obiettivo principale è quello di ripristinare il fegato. Questo è un insieme di misure volte a creare le condizioni per la rigenerazione del tessuto epatico, che include:

dieta alimentare; aderenza all'attività fisica; attività di rinforzo; farmaci che accelerano il recupero del fegato.

In linea di principio, tutte queste misure non sono molto diverse da come ripristinare il fegato dopo la rimozione della cistifellea.

Cibo dietetico

Non dimenticare i benefici di un'alimentazione corretta.

Dieta fornisce pasti frequenti 5-6 volte al giorno in piccole quantità, al fine di evitare sovraccarico funzionale. È necessario escludere completamente l'alcol, le sostanze estrattive, le spezie, i cibi piccanti, i cibi grassi, i dolciumi. Il cibo dovrebbe essere ricco di proteine, carboidrati, vitamine, fibre. Tale nutrizione dovrebbe essere seguita per tutto il periodo di recupero e solo dopo un esame di follow-up con un medico dovrebbe essere risolto il problema dell'espansione della dieta.

Conformità al regime di attività fisica

Fino al completo recupero del corpo, sono esclusi lo sforzo fisico, il sollevamento pesi, la corsa e il salto. Portano ad un aumento della pressione intra-addominale e alterata circolazione del sangue nel parenchima "in crescita". Camminare con dosaggio consigliato con un aumento graduale del carico, esercizi di respirazione, esercizi di igiene generale.

Attività riparative

Questi includono misure per migliorare le proprietà protettive del corpo, aumentare l'immunità e normalizzare le funzioni neurovegetative. Questi sono stimolanti dell'immunità vegetale, complessi vitaminico-minerali con biotina, antiossidanti (vitamina E, resveratrolo), sedativi e normalizzazione del sonno. Tutti loro sono anche prescritti da un medico. Il miele è molto utile, che contiene carboidrati, vitamine, minerali e biostimolanti che sono essenziali per le cellule.

Farmaci che accelerano il restauro del fegato

Assumere i farmaci solo come indicato dal medico.

Nella maggior parte dei casi, queste misure sono sufficienti per il recupero naturale e completo del corpo. Tuttavia, con l'indebolimento del corpo negli anziani, così come dopo la chemioterapia, la radioterapia, la rigenerazione rallenta e deve essere stimolata.

In linea di massima, dopo la resezione possono essere applicati gli stessi preparati per il fegato dopo la rimozione della cistifellea. Questi sono i cosiddetti epatoprotettori, la maggior parte di origine vegetale naturale: LIV-52, Heptral, Kars, Essentiale, Galstena, acido folico e altri.

Suggerimento: oltre agli epatoprotettori della farmacia, varie aziende offrono oggi integratori che sono saturi del mercato del marketing. Questo e grifone e funghi giapponesi Reishi, shiitake e altri. Non vi è alcuna garanzia di autenticità dei loro contenuti, pertanto, per non danneggiare la salute, è necessario consultare uno specialista.

Interventi moderni, chirurgia epatica robotica

Oggi la chirurgia epatica non è più limitata al bisturi e al laparoscopio. Nuove tecnologie sono state sviluppate e applicate, come resezione ad ultrasuoni, laser, resezione elettrica. La robotica operativa è ampiamente applicata.

Ad esempio, la tecnologia FUS (High Frequency Focused Ultrasound) viene utilizzata per rimuovere le aree colpite da un tumore. Questo è l'apparato di Cavitron, che distrugge e contemporaneamente aspira (succhia) il tessuto rimosso, con la simultanea "saldatura" dei vasi incrociati.

Viene anche usato un laser verde ad alta energia, che è più adatto per rimuovere tumori e nodi metastatici mediante vaporizzazione (evaporazione). Recentemente è stato introdotto il metodo di elettrorisolazione (IRE) o nano-coltello basato sulla rimozione del tessuto malato a livello cellulare. Il metodo è buono perché puoi rimuovere un tumore anche vicino a vasi di grandi dimensioni senza timore di danni.

Infine, il know-how della chirurgia moderna è la robotica. L'uso più comune del robot operativo "Da Vinci". Tale operazione viene eseguita in modo minimamente invasivo, dalle "mani" del chirurgo robot, sotto la navigazione del tomografo. Il medico monitora il processo sullo schermo in un'immagine tridimensionale, controllando il robot da remoto. Questo garantisce la massima precisione, errori minimi e complicazioni.

Il moderno livello di medicina e tecnologia chirurgica consente di eseguire in sicurezza operazioni su un organo così delicato come il fegato, fino alla rimozione di grandi volumi di esso, con successivo recupero.

Vi consigliamo di leggere: resezione intestinale con l'imposizione dell'anastomosi

video

Attenzione! Le informazioni sul sito sono fornite da esperti, ma sono solo a scopo informativo e non possono essere utilizzate per l'auto-trattamento. Assicurati di consultare un medico!

Riabilitazione dopo il cancro del fegato: recupero del corpo

La riabilitazione complessa dopo il cancro al fegato include misure fisiologiche e psicologiche. Per ripristinare il corpo dopo il cancro, è necessario livellare tutti i fattori di rischio al fine di eliminare le ricadute. Ma spesso il paziente, che ha metastasi, cade in uno stato depressivo, e quindi non si può fare a meno dell'aiuto psicoterapeutico.

Recupero fisico del fegato dopo la chemioterapia

Parlando di recupero fisico dopo il cancro al fegato, stiamo parlando di quei pazienti che sono stati operati con successo, che hanno rimosso un tumore canceroso e sono stati osservati i primi segni di recupero clinico. Se i medici si sono rifiutati di eseguire l'operazione a causa della negligenza del processo, viene indicata la riabilitazione del paziente. A causa del fatto che un tumore del cancro prima o poi si farà sentire, non è necessario parlare di riabilitazione in quanto tale.

A volte è impossibile riconoscere il cancro del fegato nelle prime fasi. In ogni caso, la riabilitazione del paziente è costruita, prima di tutto, sulle componenti mentali e fisiche.

Il concetto di "riabilitazione fisica del fegato" include qualsiasi azione generata meccanicamente per migliorare il benessere e livellare i fattori di rischio.

In oncologia, esiste una sopravvivenza a 5 anni. Viene calcolato in modo molto semplice: viene preso il numero di pazienti morti entro 5 anni e il numero totale di pazienti che hanno superato questa barriera temporale. Sulla base della definizione, si può capire che il cancro è in grado di disturbare di nuovo il tuo corpo e dopo un lungo periodo di 4 anni, quando, sembrerebbe, tutti hanno dimenticato i problemi di salute esistenti. Nessuno chiede di essere depresso o di aspettarsi una ricaduta della malattia - è sufficiente cambiare la tua visione della vita reale. Sfortunatamente, la maggior parte dei pazienti, 2 anni dopo la rimozione del tumore, non è nemmeno sottoposta a esami preventivi.

Cosa fare se c'è un sospetto di cancro al fegato ricorrente dopo l'intervento chirurgico? Ovviamente, qualsiasi sintomo che indichi una recidiva della malattia dovrebbe essere comunicato all'oncologo. Molto probabilmente, ti verrà prescritto un riesame - non c'è nulla di sorprendente in questo. Se durante la diagnosi viene confermata la diagnosi di cancro, è necessario il ricovero urgente. Qui è ragionevole chiedersi: è possibile rifare l'operazione? Se lo stadio della malattia ti permette di fare questo, come hai fatto l'ultima volta, allora dovrebbe essere fatto. In generale, non ci saranno peculiarità - come prima, il tempo sta lavorando contro il paziente. Ogni ritardo è irto di conseguenze pericolose.

Per quanto riguarda il fegato dopo il cancro, va detto che un tumore può riformarsi dove l'operazione è stata eseguita molti anni fa. Molti pazienti credono erroneamente che il fegato sia capace di rigenerazione. Da un lato, questo è vero - le cellule del fegato possono riprodurre il loro tipo, ma se stiamo parlando di ferite lievi, e se si dovesse rimuovere metà dell'organo, la nuova parte non crescerà. Verranno osservate solo alterazioni ipertrofiche compensatorie, cioè le cellule epatiche rimanenti inizieranno ad assumere il carico che altre cellule precedentemente rimosse durante l'operazione, così come trasferite al cancro, hanno eseguito. E solo il 15% del fegato "crescerà di nuovo".

Certamente, se durante la prima operazione i chirurghi dovessero rimuovere il 50% del fegato, e successivamente il cancro crebbe di nuovo e ora occupa il 40% dell'organo rimanente, che cosa "rimarrà" al paziente? Naturalmente, in questo caso, un trapianto di fegato sarà un'operazione salvifica, ma nella realtà attuale è ancora impossibile da eseguire. Certamente, quando il cancro non prende più del 15% del fegato totale, può sorgere un compito diverso per i chirurghi.

Nel corso della vita, prestare molta attenzione, come minimo, alla dieta e, soprattutto, alla riabilitazione fisica. Tuttavia, la nutrizione non è affatto l'unica componente di quest'ultima: passeggiate all'aria aperta, se possibile, lasciando la città, vengono mostrate anche le terapie fisiche (3-4 mesi dopo l'operazione). Gli scienziati hanno dimostrato che eventuali processi rigenerativi nel corpo umano sono migliorati dall'inalazione di aria fresca con un seno pieno. Non provare ogni estate per andare in vacanza al mare - non ha alcun valore pratico per il corpo; Inoltre, una piccola vacanza invernale può essere meno onerosa per il portafoglio del paziente.

Tuttavia, nella ricerca di uno stile di vita sano, è necessario imparare due cose.

1. È severamente vietato prendere il sole e stare al sole, soprattutto in estate. Il cancro dovrebbe avere paura del sole, come il principale provocatore di un cancro. Naturalmente, questo non è così categorico come si potrebbe pensare, ma qualsiasi esposizione diretta ai raggi del sole deve essere evitata. Prova a indossare abiti chiusi. La guida in auto dovrebbe essere effettuata con i vetri oscurati chiusi. Per ragioni sconosciute, i pazienti cercano di evitare la luce solare diretta, ma si lavano in acqua per lungo tempo. Dal corso di fisica delle scuole, ricordiamo che nell'acqua i raggi con una forza ancora maggiore vengono attratti dalla nostra pelle. Ciò significa che è più sicuro stare sulla spiaggia e prendere il sole, se lo si vede davvero come una necessità.

Per ovvi motivi, l'oncologia è controindicata e una visita al solarium. Recentemente, i pazienti che non sono stati in grado di rifiutare di dare alla loro pelle un'ombra d'abbronzatura dorata, portano al medico per l'approvazione pomate cosmetiche, chiamato "abbronzatura". Il fatto che il principio attivo nella crema cambi il metabolismo cellulare dovrebbe causare molti sospetti.

2. Durante il processo di recupero del fegato, è necessario abbandonare qualsiasi procedura fisica, comprese quelle manipolazioni che non interessano direttamente l'area della cicatrice chirurgica. Diremo immediatamente che il paziente deve evitare qualsiasi influenza esterna sull'area della ferita postoperatoria e nel corso degli anni. Se una nuova ferita inizia a marcire, in questo caso - in accordo con il chirurgo - è consentito utilizzare appropriati unguenti antibatterici (analoghi di antibiotici per la ricezione interna "standard"). Sfortunatamente, i nostri dogmi medici non sono sempre ascoltati. Spesso i pazienti, a causa della mancanza di informazioni, cercano in ogni modo di integrare il loro trattamento con procedure fisioterapiche, cioè: prendono bagni riscaldanti, comprimono, passano corrente a bassa tensione attraverso i tessuti, fanno molto di più - e tutto questo direttamente al posto della cicatrice postoperatoria, sotto la quale ad una profondità di 3 - 5 cm era un cancro. Ma chi lo sa se le cellule tumorali vengono lasciate lì?
Ovviamente, nessuno darà una risposta esatta; quindi perché mettere la tua vita a rischio?

Se non sai come ripristinare il fegato nel cancro, non dovresti ricorrere immediatamente a rimedi popolari: è ragionevole utilizzarli solo in caso di inoperabilità del paziente, quando metodi di trattamento comprovati non forniscono alcuna garanzia. E se c'è un'alta probabilità di un esito felice, non ha senso, come dice il famoso proverbio, "reinventare la ruota".

Sfortunatamente, non tutti i pazienti seguono le prescrizioni e le raccomandazioni del medico. Dopo aver operato sul cancro del fegato, i pazienti hanno bisogno non solo di seguire una dieta, ma anche di modificare alcune condizioni ambientali. Purtroppo, nel nostro paese finora non esiste un elenco approvato di professioni pericolose, ma dovresti provare a cambiare lavoro se è associato all'inalazione di gas estranei. Fate attenzione: non si tratta solo di lavoratori di vernici e vernici, di impianti per la produzione di asfalto, ma anche di operai di parrucchieri, dove l'odore abbastanza evidente della lacca per capelli è ampiamente utilizzato, e molte altre industrie. La preferenza dovrebbe essere data alle attività professionali, prive di sovraccarico di stress. Ovviamente, è difficile abbandonare il loro lavoro precedente, quindi alcuni pazienti cercano di assumere sedativi, sottoposti a stress psico-emotivo. Notiamo una sorta di ingegnosità dei pazienti, ma è difficilmente ragionevole farlo per tutta la vita, e l'uso frequente della classe appropriata di farmaci è irto di serie complicazioni.

Un certo numero di autori consiglia di abbandonare il sollevamento pesi per la prima volta dopo l'intervento chirurgico, citando le caratteristiche tecniche della chirurgia epatica.

Spesso i pazienti sono molto preoccupati per il cambiamento di aspetto - nel 95% dei casi essi, a causa della forte perdita di peso, sembrano esausti e, se prima erano in sovrappeso, la pelle inizia ad abbassarsi. Ovviamente, sono tutti preoccupati per il problema dell'aumento di peso per il valore ottimale: quando accadrà questo? Va detto che nessuno darà una risposta a questo, nemmeno approssimativamente. Alcuni impiegano sei mesi per aumentare di peso e alcuni sembrano esausti anche dopo alcuni anni, nonostante il fatto che la sua dieta sia simile a quella di una persona sana.

Un tumore canceroso, inoltre, localizzato nel fegato, modifica radicalmente il metabolismo, e in misura tale che anche dopo la sua rimozione tutti i processi biochimici nella funzione del corpo umano sono alterati e la situazione non dà una dinamica positiva per lungo tempo. Non c'è bisogno di cercare di aumentare di peso, costringendo te stesso a mangiare più pane, pasta e altri cibi ipercalorici. Una dieta per il cancro del fegato è estremamente importante per la vita. Per quanto riguarda il rilassamento cutaneo, ora molti centri cosmetici offrono i loro servizi per la correzione dell'aspetto. Questa manipolazione non è una minaccia diretta per la vita del paziente, a meno che non stiamo parlando dell'asportazione di aree vaste e vaste. Ovviamente, se il paziente non ha bisogno di ferire il suo corpo ancora una volta, è preferibile rifiutare questa procedura.

Pazienti che hanno subito un intervento chirurgico a livello epatico, va ricordato che d'ora in poi la funzionalità dell'organo interessato è ridotta. Sulla base di questo, tutto ciò che è in qualche modo in grado di avere un impatto negativo deve essere ridotto al minimo.

Devi rinunciare all'alcool e alla nicotina; Tuttavia, un'attenzione particolare dovrebbe essere rivolta agli antibiotici, che sono venduti liberamente in qualsiasi farmacia. Supponiamo una riserva: non confondere il concetto di "antibiotici" e "farmaci antivirali" - i pazienti considerano spesso questi termini come sinonimi, ma questa è un'opinione fondamentalmente sbagliata. L'aciclovir, un tipico farmaco antivirale, non ha nulla a che fare con, ad esempio, la rifampicina (un antibiotico abbastanza comune). Se quest'ultimo è controindicato nel cancro del fegato, la nomina di farmaci antivirali in generale non è così pericolosa. Il fatto è che molti antibiotici sono neutralizzati nel fegato e, di conseguenza, hanno un effetto negativo sulle cellule dell'organo. Se queste cellule sono danneggiate o si trovano in uno stadio di profondi cambiamenti distruttivi, la probabilità di una potente provocazione di un cancro ricorrente è grande.

Per non essere confuso, il paziente durante il ripristino del fegato dopo la chemioterapia dovrebbe leggere l'annotazione sul farmaco, in particolare la sezione sulle controindicazioni. Se ci sono riferimenti a insufficienza epatica, dovrebbe essere scelto un altro farmaco più sicuro. Non temere il terribile termine "insufficienza epatica": non ce l'hai, ma si tratta di provocare lo sviluppo di un tumore, ma per meglio orientarsi in termini di confusione medica è preferibile farlo.

Riabilitazione mentale dopo il cancro al fegato

I mesi dopo l'operazione: i punti sono già guariti, il cibo e le feci si normalizzano gradualmente, il tratto digestivo inizia a funzionare. I giorni in cui c'erano muri dell'ospedale fuori dalla finestra sono già stati cancellati nella mia memoria. Ora è il momento di imparare come adattarsi alle nuove condizioni di vita. Sfortunatamente, un tumore canceroso del fegato, nonostante la sua completa rimozione dal corpo, può ricrescere e portare, quindi, molta sofferenza.

Nessun dottore non garantisce un decorso senza malattia della malattia. A questo proposito, il paziente deve rispettare una serie di misure di riabilitazione fisica. Non dovresti mai dimenticare la tua malattia, ma devi trattarla senza fanatismo. Molti pazienti, senza una ragione apparente, si aspettano una progressione della crescita del tumore, sono dipendenti da sessioni di sedute spiritiche, visitano guaritori folk, ecc. Non ha senso fare azioni così ingiustificate, dato che ti viene data una prognosi favorevole ufficialmente - non sei un paziente "morente".

Ci sono una serie di restrizioni, tra cui una dieta rigorosa che deve essere rigorosamente seguita. Non puoi? Quindi immagina cosa può accaderti quando torni la malattia. Spesso, dopo un anno di vita senza recidiva della malattia, i pazienti ritornano dal medico con lamentele simili a quelle che hanno già avuto durante la diagnosi di cancro al fegato. Per quanto paradossale possa sembrare, nell'80% dei casi questi disturbi non solo non hanno nulla a che fare con la malattia, ma sono anche mentalmente escogitati dal paziente, cioè, in effetti, il corpo non ha inviato al cervello i comandi del "giusto dolore".

Tuttavia, non tutti i pazienti lamentano solo spiacevoli sensazioni dolorose: se analizziamo tutti i casi, alcuni pazienti oncologici possono avere vomito, nausea, letargia, sonnolenza, ecc. Naturalmente, se ti senti male, devi vedere un medico e riprendere un esame ; ma quando la causa non viene trovata, allora molto probabilmente sembra solo a te. È consigliabile andare a casa, pensare al giorno imminente, pianificare e provare a darti la ricetta che al momento non sei malato - hai vinto il cancro. Purtroppo, solo il 10% dei pazienti ritiene che un medico dopo aver scritto nella storia della malattia "senza patologia apparente". La maggior parte dei pazienti cambia rapidamente il medico curante, si reca in un altro istituto medico, effettua esami aggiuntivi inutili che causano solo danni.

Tuttavia, l'elenco di azioni paradossali da parte del paziente non finisce qui - l'apogeo è la visita di sensitivi e di altri "specialisti nel risolvere i problemi magici". Come hai già capito, questo non è affatto gratuito. Se il paziente non è in grado di verificare da solo la sua salute relativamente completa, i suoi parenti dovrebbero aiutarlo. Un caso estremo è l'aiuto di uno psichiatra. Nel linguaggio di specialisti rilevanti, una varietà di lamentele dolorose e altre manifestazioni forzate erano chiamate senestopatia. Se il paziente stesso non si rende conto della necessità di visitare uno psichiatra, i suoi parenti dovrebbero spingerlo. A volte devono fare trucchi, senza dire al paziente, a quale dottore è stato registrato. È difficile definire un approccio simile, ma quando diventa molto più facile per un paziente dopo l'appuntamento con un medico, tutti i dubbi vengono immediatamente dissipati.

A volte il medico deve occuparsi dei casi in cui tutte queste "esperienze interiori" sono così forti che il paziente non ha solo graffi sulla pelle, ma anche ferite profonde che richiedono cuciture chirurgiche. Quando il medico chiede al paziente perché lo ha fatto, segue sempre una risposta precisa: il dolore era così forte che ha cercato di tagliarsi e rimuovere la causa del suo cattivo stato di salute. Tali pazienti, di regola, hanno più volte visitato l'oncologo, ma, non avendo ricevuto una risposta chiara, hanno deciso di continuare la loro passeggiata verso gli ospedali e gli uffici, e questo è ciò che possono portare.

Dal momento che il personale medico non può sempre prevedere uno o l'altro scenario di eventi - dopo tutto, questo è un problema molto sensibile - una componente psichica - la cerchia immediata del malato di cancro dovrebbe sempre chiedere gentilmente alla sua salute e, se necessario, chiedere il parere di uno psichiatra. Tuttavia, c'è un altro aspetto dei dolori artificiosi: è possibile che la malattia sia tornata di nuovo o che i dolori non siano connessi con l'oncologia, ma con un'altra malattia - questo accade spesso. Consigli utili: passa attraverso un esame completo da parte di un medico: i tuoi dubbi saranno confermati o dissipati.

Molti considerano la diagnosi di cancro un verdetto, un precursore di una morte imminente. Non finisce sempre velocemente. Ricorda il termine "sopravvivenza a 5 anni": se riesci a convivere con il cancro al fegato per almeno 5 anni, è molto o poco? Se analizzi la tua vita passata, non sembra così grande; ma chiedi ai pazienti stessi, che sono stati in grado di recuperare con successo: come hanno vissuto questi 5 anni? Nonostante il fatto che il cancro del fegato sia una patologia tumorale piuttosto grave, soggetta a metastasi rapide, cioè a una progressione irreversibile, il paziente deve essere sempre psicologicamente adeguato a un esito favorevole e sfavorevole. Il paziente dovrebbe cercare di spiegare che nessuno darà piena garanzia, ma il cancro è una malattia i cui medici curanti stanno attivamente cercando di trovare, e il paziente stesso è anche obbligato a cercare nuovi modi per risolvere il problema ogni giorno. Certamente, parlare con il paziente non è solo la parte del medico curante, ma anche i parenti. Sfortunatamente, i dottori sono costantemente occupati, non hanno abbastanza tempo per condurre conversazioni di questo tipo; Se, d'altra parte, cerchi aiuto direttamente da uno specialista, uno psichiatra, il cui compito è parlare con un malato di cancro, la maggior parte dei pazienti è sospettosa di questo e, al contrario, è arrabbiata con i parenti e lo staff medico circostante per aver deciso considerato mentalmente carente.

Danni al fegato portano all'inevitabile coinvolgimento della corteccia cerebrale nel processo. Ciò causa, soprattutto, una deviazione nell'attività mentale. Si scopre che anche se il paziente è forte nello spirito, non può sfuggire all'effetto distruttivo diretto sul corpo di veleni e tossine? Ovviamente, teoricamente lo è, ma clinicamente nessuno può dire con certezza quanto velocemente e quanto fortemente si manifesterà. In un modo o nell'altro, i parenti dovrebbero essere sempre cordiali e sinceri nel parlare con il paziente.

Per molti anni, c'è stata una discussione piuttosto accesa sull'opportunità di dire a un paziente che ha un cancro, se informarlo sullo stadio di sviluppo del processo (se il paziente è inutilizzabile) e su altri aspetti che suggeriscono l'inevitabilità della situazione. Ovviamente, ci sono due punti di vista: parlare e non parlare. Le scuole di medicina europee, che insegnano ai futuri medici, aderiscono al seguente punto di vista: essere completamente onesti e aperti, informare il paziente direttamente della sua diagnosi e tutte le possibili conseguenze. Va notato che ciascuna di queste conversazioni è imprevedibile - la reazione del paziente è sempre individuale: qualcuno inizia a farsi prendere dal panico, qualcuno diventa autonomo; di conseguenza, dopo un minuto, i parenti non riconoscono più nell'uomo l'ex padre amorevole, marito, nonno.

È sicuro dire che ogni medico che diagnostica come una frase dovrebbe parlare con il paziente per tutto il tempo necessario e concentrarsi sempre su nuovi metodi di trattamento, la possibilità di recupero e il prolungamento della vita. Se il medico non ha tempo per questo, è meglio mettere questa missione sulle spalle dei parenti. Dovranno anche fare molti sforzi per portare gradualmente il paziente ad accettare la sua diagnosi; ma parlarne onestamente, direttamente e apertamente non è sempre l'approccio giusto: nessuno lo nega.

La stessa diagnosi di cancro modifica l'equilibrio mentale del paziente; e se viene aggiunto un danno diretto al cervello organico (a causa di un progressivo fallimento del fegato), tutti devono chiaramente e chiaramente capire cosa aspettarsi dalla malattia. Non c'è una dipendenza diretta dall'insorgere delle deviazioni mentali dalla progressione della malattia: forse non verranno affatto, ma più spesso è altrimenti. In una conversazione con un paziente è sempre necessario sottolineare che nessun dottore, nemmeno un professore di oncologia, sa con certezza se una particolare medicina può aiutare; Inoltre, può darsi che venga trovato un nuovo trattamento per il cancro.

Al momento non è possibile recuperare completamente dal cancro del fegato quando si osservano metastasi, ma fino ad ora è solo una questione di estensione della vita, niente di più. È ovvio che un giorno l'umanità raggiungerà un livello di progresso scientifico e tecnologico, quando il cancro non sarà terribile. Quando arriverà questa volta? Forse domani, forse tra cinque anni - nessuno lo sa. Naturalmente, nel prossimo futuro ci sarà il fortunato che annuncerà al mondo intero di essere stato in grado di riprendersi dal cancro. O forse ti troverai in questo posto? Risolvi un po 'le possibilità, ma non provare nessuna opzione di trattamento, "dando al tumore tutte le posizioni" - la maggior parte dei deboli.

Naturalmente, se il paziente stesso non è in grado di decidere con fermezza di combattere la malattia, i suoi parenti devono aiutarlo. Una cosa è chiara: se aspetti la tua morte, allora verrà sicuramente, e allora sarà un peccato che persino ieri, passato da solo, non sia stato sprecato nulla. Se ricorri all'utilizzo di farmaci, ad esempio stimolanti dell'umore o antidepressivi, devi prima consultare uno psichiatra. Ancora una volta, molti farmaci nel fegato sono neutralizzati e, se la sua funzione è depressa, il risultato può essere imprevedibile. Inoltre, abbiamo sempre bisogno di uno specialista competente che sia in grado di dosare il medicinale letteralmente per grammo in condizioni di psiche instabile del paziente. Voglio credere che questo approccio sarà razionale.

Il giudizio del chirurgo oncologo americano, che a cavallo dei secoli XX e XXI difendeva il punto di vista sull'assenza di azioni riguardanti un cancro, diciamo, non dovresti interferire con la sua crescita, poiché è, con una certa probabilità, fermato o rallentato. Tuttavia, migliaia di osservazioni di pazienti la cui malattia fu presto fatale, dicono il contrario: il cancro può e deve essere combattuto, e sia i medici che i pazienti stessi dovrebbero prendere parte a questo, scegliendo le medicine insieme e cercando cure e riabilitazione.

Quanto viene ripristinato il fegato dopo l'intervento?

Quanto tempo ci vuole per ripristinare il fegato dopo l'intervento chirurgico?

Le operazioni sul fegato nella maggior parte dei casi comportano la rimozione di un piccolo lobo dell'organo o il suo completo trapianto. Il tessuto epatico è unico, è l'unico nel corpo che ha incredibili capacità rigenerative, mentre non solo viene ripristinato alle sue dimensioni originali, ma ripristina completamente le sue funzioni.

Anche il restante 30% del volume di tessuto epatico dopo l'intervento chirurgico può riportare il corpo alla normalità entro 4-6 settimane.

A causa del rapido recupero del fegato, vengono eseguite sempre più operazioni sul trapianto parziale di organi da un donatore vivente: in poche settimane il fegato viene completamente riportato alle sue dimensioni normali sia nel paziente che nel donatore.

In pratica, è stato dimostrato che anche dopo la rimozione del 90% del corpo, con una corretta gestione del periodo di riabilitazione postoperatoria, il fegato si rigenera completamente.

Riabilitazione post-operatoria

Dopo un intervento chirurgico aperto, il paziente è in ospedale per una media di circa due settimane, dopo la chirurgia laparoscopica sono sufficienti 3-4 giorni. Nell'istituzione medica in prima linea è la prevenzione delle complicanze e l'accesso a una riabilitazione postoperatoria di successo.

Dopo la dimissione dall'ospedale, l'obiettivo principale è quello di ripristinare il fegato. A tal fine, è in atto una serie di misure volte a creare condizioni favorevoli per la rigenerazione del tessuto epatico. Questi includono:

regime alimentare e regime di acqua potabile; aderenza all'attività fisica (eliminazione di forti sforzi fisici, sollevamento pesi); terapia vitaminica e rinforzo; prendendo epatoprotettori, accelerando il recupero del fegato.

Alimentazione dietetica - il principale trattamento del fegato dopo l'intervento chirurgico

Per non sovraccaricare l'indebolito dopo l'operazione del fegato, dovresti eliminare completamente l'uso di alcol, abbandonare cibi grassi, speziati, altamente salati, spezie, dolciumi, salse contenenti aceto, conservanti e altri ingredienti nocivi.

La dieta fornisce l'assunzione di cibo frazionato 6-7 volte al giorno in piccole porzioni. Il cibo, quando possibile, dovrebbe essere ricco di proteine, carboidrati, vitamine, fibre.

Una dieta rigorosa deve essere seguita durante l'intero periodo di riabilitazione e solo dopo un esame di follow-up è possibile concordare con il medico sulla questione dell'espansione della dieta.

Aiuti per il recupero del fegato

Nella maggior parte dei casi, per il naturale e completo recupero del fegato è sufficiente e queste misure. Tuttavia, con un forte indebolimento del corpo, oltre alla dieta, vengono prescritti farmaci di azione epatoprotettiva.

La preferenza è data ai farmaci di origine vegetale naturale, che comprendono: Esssliver Forte, Heptral, Kars, Essentiale, Hepabene, Phosphogliv, Galstena, acido folico e altri.

Condividi con gli amici nei social network:

Durante la ristampa del materiale

"Trattamento del fegato dopo l'intervento chirurgico"

è richiesto un link attivo alla fonte!

Ancora nessuna recensione.

Il fegato è uno degli organi più insoliti e multifunzionali del corpo umano - il numero di funzioni che svolge è vicino a cinquecento. Quindi, partecipa a:

pulizia del corpo dalle tossine - il sangue contenente prodotti di decadimento tossico per il corpo viene raccolto dagli organi nella vena cava, passando attraverso il parenchima epatico, purificato dalle sue cellule e inviato al cuore; trasformazione di carboidrati e grassi necessari per una vita piena di una persona; la produzione di enzimi, proteine ​​e corpi immunitari; formazione del sangue.

Il fallimento del fegato è pieno di gravi problemi, che a volte solo la chirurgia può risolvere

E, naturalmente, il fallimento nel lavoro di questo corpo è pieno di gravi problemi, che in alcuni casi possono solo aiutare un intervento chirurgico. Considerare, quali sono e come sono le operazioni sul fegato.

testimonianza

Le indicazioni per la chirurgia del fegato sono situazioni che minacciano la vita del paziente:

cancro al fegato; emangioma epatico cavernoso; metastasi epatiche; cirrosi epatica; pietre nel fegato; cisti; malattie croniche.

Varietà di operazioni

Ad oggi, ci sono un gran numero di metodi di trattamento chirurgico delle malattie del fegato.

Considera quali operazioni sono eseguite sul fegato, quali sono le loro conseguenze, come sono preparati per loro e come vengono ripristinati dopo di loro.

resezione

La resezione epatica (rimozione di una parte piccola o significativa di questo organo) è un'operazione sul fegato prescritta nel trattamento di cisti, ascessi cronici, carcinoma epatico metastatico ed epatocellulare e formazioni di natura benigna.
A seconda del metodo chirurgico, la resezione epatica è divisa in:

tipico (anatomico); atipico (a forma di cuneo, marginale e trasversale), eseguito nel caso sia richiesto un intervento sulle aree marginali dell'organo.

A seconda della quantità di tessuto da rimuovere, la resezione è suddivisa in:

segmentectomia, che comporta la rimozione di un singolo segmento dell'organo; sectionoektomiyu, che comporta la rimozione di una sezione dell'organo; mesohepatectomy, che è una resezione centrale; emiepatectomia, che comporta la rimozione di un lobo dell'organo; emiepatectomia estesa, che comporta la rimozione congiunta del lobo, così come la sezione dell'organo.

Inoltre, vale la pena menzionare la resezione combinata - intervento, che è una resezione epatica, eseguita in concomitanza con la rimozione di uno degli organi situati nella cavità addominale o parte di esso (per esempio, in congiunzione con l'operazione di Whipple). Nella maggior parte dei casi, tali operazioni vengono eseguite in presenza di cancro metastatico e vengono eseguite in concomitanza con la rimozione dell'istruzione primaria.

laparoscopia

La laparoscopia è una procedura chirurgica volta a rimuovere le cisti e la terapia degli ascessi d'organo e fatta attraverso incisioni di due o tre centimetri fatte precedentemente nella cavità addominale.
Di regola, le pietre vengono rimosse in questo modo nel fegato (una pietra è un'educazione composta da componenti della bile).

La laparoscopia è una procedura chirurgica eseguita attraverso incisioni fatte in precedenza nella cavità addominale.

Drenaggio di puntura

Il drenaggio della puntura è una procedura chirurgica prescritta per il trattamento di ascessi e cisti. Le manipolazioni vengono eseguite sotto il controllo della macchina ad ultrasuoni e vengono eseguite come segue. Un ago viene introdotto nel neoplasma, che nel primo caso consente alla cavità di essere pulita dal contenuto purulento e di drenare, e nel secondo - di pompare il fluido fuori dalla cisti e di sostituirlo con uno sclerosante.

Altre operazioni

Con il cancro del fegato in alcuni casi si producono interventi chirurgici specifici. Quindi, i pazienti possono essere prescritti:

l'ablazione con radiofrequenza è un'operazione che consiste nel rimuovere una neoplasia dalla radiazione a radiofrequenza; la chemoablazione è un'operazione che consiste nel somministrare un certo medicamento nella nave responsabile dell'afflusso di sangue nell'area con il tumore; L'alcolizzazione è un'operazione che comporta l'introduzione dell'etilene in una neoplasia.

Inoltre, per le malattie del dotto biliare comune può essere prodotto:

rimozione di cisti con anastomosi tra l'intestino tenue e l'organo; rimozione di pietre nel fegato con il metodo aperto; plastica, che permette di liberarsi dalle costrizioni formate a causa della cicatrizzazione dei tessuti; resezioni avanzate utilizzate nel trattamento delle neoplasie maligne; sovrapposizione dello stent.

Molte persone si chiedono quanto sia pericolosa la rimozione del tessuto epatico? Quindi, la rimozione del tessuto epatico è assolutamente sicura per il corpo - quasi immediatamente dopo l'intervento chirurgico, l'organo è completamente restaurato.

Ciò è spiegato dal fatto che il parenchima di un organo ha forti capacità di rigenerazione e ripristina non solo le sue dimensioni primarie, ma anche il volume delle funzioni svolte.

Anche un terzo del corpo che rimane dopo la resezione può ripristinarlo completamente entro poche settimane.

Trapianto di fegato

Il trapianto di fegato è un trapianto di fegato radicale, ampiamente utilizzato nel trattamento di pazienti con:

malattie di questo organo nelle ultime fasi; cancro al fegato; epatite fulminante; insufficienza epatica acuta; cirrosi epatica.

Inoltre, la cirrosi epatica è una delle principali indicazioni per il suo trapianto.

I donatori di organi in questo caso possono essere:

persone che per un motivo o per un altro hanno subito una lesione cerebrale con il consenso scritto dei loro parenti stretti; parenti di sangue con il loro consenso scritto (in questo caso, la parte del corpo presa durante la vita del donatore).

Una variante del trapianto di organi è il trapianto eteroscopico di un fegato addizionale, che implica il trapianto di tessuti di un organo donatore senza rimuovere il suo e prescritto per alte probabilità di rigenerazione di quest'ultimo (in caso di cirrosi epatica, tale operazione non è indicata).

Attività preparatorie

Le operazioni epatiche sono gravi interventi addominali che richiedono una scrupolosa preparazione del paziente. Inoltre, il piano di questa preparazione è sviluppato sulla base delle condizioni generali del paziente, della natura della sua malattia, delle condizioni che lo accompagnano e del rischio di complicanze. Pertanto, in caso di cancro del fegato, prima dell'intervento chirurgico, viene prescritta una chemioterapia per ridurre le dimensioni dell'organo.

La durata del periodo postoperatorio degente varia da tre a quattro giorni a due settimane.

Una settimana prima del trapianto, l'ammissione è annullata:

farmaci che influenzano la coagulazione del sangue; farmaci anti-infiammatori non steroidei.

reinserimento

Il recupero dopo l'intervento chirurgico comprende due periodi:

ricoverato (trattamento ospedaliero); tardi (trattamento dopo la dimissione).

La durata del periodo stazionario va da tre a quattro giorni (per le operazioni laparoscopiche) a due settimane (per le operazioni tradizionali). Durante questo periodo, il paziente viene prescritto:

farmaci mirati a prevenire complicanze; attività di riabilitazione; dieta.

Dopo la dimissione dall'ospedale, l'obiettivo principale della riabilitazione è la normalizzazione della funzionalità epatica compromessa. A questo scopo, i pazienti sono assegnati a:

nutrizione specifica; osservanza del modo di attività fisica; attività volte a rafforzare l'immunità e migliorare il benessere generale; significa accelerare la rigenerazione del corpo.

Dieta nel periodo postoperatorio

Dieta dopo la chirurgia del fegato comporta il pasto frazionario in piccole porzioni. Il cibo viene assunto da cinque a sei volte al giorno per un quarto di una porzione normale, evitando così di sovraccaricare il corpo. Allo stesso tempo escluso dalla dieta:

bevande alcoliche; cibi piccanti, speziati e grassi; dolci.

Dopo l'intervento, sono esclusi dalla dieta alcol, cibi piccanti, speziati e grassi.

I prodotti consumati dovrebbero contenere grandi quantità di proteine, vitamine, carboidrati e fibre.

Osservanza della modalità di attività fisica

Fino al completo recupero e al ritorno al fegato sono esclusi:

sollevare oggetti pesanti; esercizio eccessivo; salto; eseguire.

Ciò è spiegato dal fatto che queste azioni aumentano la pressione all'interno della cavità addominale e interrompono la nutrizione dei tessuti in crescita.

Ma gli esercizi di respirazione, la camminata dosata con un aumento graduale del carico e gli esercizi di igiene generale aiutano a velocizzare il recupero.

Attività riparative

I pazienti che hanno subito un intervento chirurgico sul fegato, di norma, sono assegnati a:

complessi vitaminico-minerali contenenti biotina ed effetti benefici sul fegato; immunostimolanti vegetali; antiossidanti; rimedi del sonno lenitivi e normalizzanti.

Attenzione! I farmaci sono prescritti esclusivamente da un medico. L'autotrattamento nel periodo postoperatorio è inaccettabile.

Preparativi che accelerano la rigenerazione del fegato

Nella stragrande maggioranza dei casi, le misure di cui sopra sono sufficienti per un rapido e completo recupero del fegato. Tuttavia, la rigenerazione degli organi è raramente rallentata (ad esempio, negli anziani o nel trattamento del cancro del fegato attraverso la chemioterapia).

In questo caso, ai pazienti vengono assegnati epatoprotettori di origine vegetale: Heptral, LIV-52, Essentiale, Kars, acido folico, Galsten.

Le operazioni eseguite con competenza sul fegato possono aumentare significativamente la vita del paziente e ridurre la mortalità da molte malattie del fegato, tra cui i calcoli del fegato e la cirrosi epatica.

Il fegato è l'organo multifunzionale più unico del nostro corpo. Medici come uno scherzo, ma giustamente lo chiamano un multi-stazione, il numero delle sue funzioni è vicino a 500. In primo luogo, è il principale "impianto di trattamento delle acque reflue" del corpo, senza il quale sarebbe inevitabilmente morto dalle tossine. Tutto il sangue da organi e tessuti con prodotti metabolici tossici viene raccolto nella vena porta, passa attraverso l'intero organo, viene eliminato dalle cellule dagli epatociti e già purificato è diretto attraverso la vena cava inferiore al cuore. Inoltre, questo fa parte della digestione - nella digestione di grassi e carboidrati, nel sangue. Nel fegato si verifica anche la sintesi di proteine, vari enzimi e corpi immunitari. Ora puoi immaginare quale sia la gravità della malattia di questo corpo quando le sue funzioni vengono violate. Molte di queste malattie sono trattate chirurgicamente.

Quando è necessaria la resezione epatica

La resezione epatica di varie dimensioni viene eseguita nei seguenti casi:

danno alla schiacciamento del tessuto epatico; con tumori benigni; nel cancro (carcinoma); con metastasi tumorali da altri organi; a varie anomalie epatiche di sviluppo; con cisti idatide (infestazione da vermi); ai fini del trapianto (trapianto di organi).

Prima dell'intervento, viene effettuato uno studio approfondito della struttura e della funzione. Se necessario, una puntura epatica diagnostica viene eseguita con ultrasuoni (sotto il controllo di uno scanner a ultrasuoni). Solo allora vengono determinate le indicazioni per l'intervento e il suo metodo.

Consiglio: se dopo l'esame uno specialista offre un trattamento chirurgico, non si dovrebbe rifiutarlo o ritardare nel prendere una decisione. Un lungo periodo di riflessione non funziona a favore del paziente, perché in questo momento la malattia sta progredendo.

Tipi di operazioni epatiche

Il volume degli interventi può variare dalla rimozione di una piccola area alla rimozione completa di un organo (epatectomia). L'epatectomia parziale o la resezione epatica possono essere economiche (marginali, trasversali, periferiche) e chiamate atipiche. Con gli interventi tipici, viene presa in considerazione la ramificazione vascolare segmentaria anatomica, un segmento o l'intero lobo può essere rimosso - la lobectomia. Il loro volume dipende dalla natura del focus patologico.

Ad esempio, nelle metastasi del cancro, il lobo viene completamente rimosso - a destra oa sinistra. Nel cancro con germinazione nel pancreas, insieme al lobo sinistro, viene eseguita una resezione della coda del pancreas. Nei casi in cui vi è un danno esteso a un tumore o cirrosi, viene eseguita l'epatectomia totale (rimozione completa) e il trapianto di fegato ortotopico viene eseguito immediatamente - un trapianto da un donatore.

Esistono due metodi di intervento:

laparotomica o aperta - mediante un'estesa incisione cutanea addominale; laparoscopica o minimamente invasiva - inserendo un laparoscopio con una videocamera e strumenti speciali nella cavità addominale attraverso piccole incisioni della pelle.

La scelta del metodo viene eseguita individualmente. Ad esempio, può essere eseguita la rimozione laparoscopica di un tumore benigno del fegato di piccole dimensioni, ma con cancro e metastasi è necessaria una laparotomia.

Una rimozione parziale del fegato è pericolosa per la salute?

Il fegato è in grado di ripristinare il suo volume precedente e funzionare il più presto possibile dopo la resezione.

È abbastanza possibile capire un paziente che non decide su un'operazione, ritenendo che la rimozione di una parte di questo organo comporterebbe un disturbo di salute permanente. Sembrerebbe che tale opinione sia logica, ma, per fortuna, in realtà è errata.

Il tessuto epatico, come nessun altro nel corpo, ha un'incredibile capacità di recupero, sia nelle sue dimensioni originali che nelle sue funzioni. Anche il restante 30% del volume di tessuto epatico dopo l'infortunio o la rimozione chirurgica è in grado di ripristinarlo completamente entro poche settimane. Gradualmente, germina il linfatico e i vasi sanguigni.

Le cause e i meccanismi di tali proprietà non sono ancora del tutto chiari, ma consentono di ampliare la portata degli interventi chirurgici. A causa del rapido recupero, il trapianto parziale di un organo da un donatore vivente è diventato una pratica comune. Da un lato, il paziente non perde tempo prezioso in attesa del fegato cadaverico, dall'altro lato, nel periodo di 4-6 settimane sia nel donatore che nel paziente viene completamente ripristinato in dimensioni normali.

È stato stabilito dalla pratica che, anche dopo la rimozione del 90% del fegato con una gestione abile del periodo postoperatorio, si rigenera completamente.

Consiglio: non è necessario che l'intero periodo di recupero di un organo sia conservato in un ospedale. È anche possibile ripristinare il fegato a casa quando si eseguono gli ordini del medico e sotto il suo controllo.

Periodo postoperatorio

Dopo l'intervento chirurgico, un periodo stazionario e un periodo tardivo - dopo la dimissione. In ospedale dopo l'intervento aperto il paziente è di 10-14 giorni, dopo la laparoscopia - 3-4 giorni. Durante questo periodo, riceve tutti gli appuntamenti per la prevenzione delle complicanze, la riabilitazione postoperatoria, la terapia dietetica.

Dopo la dimissione dall'ospedale, l'obiettivo principale è quello di ripristinare il fegato. Questo è un insieme di misure volte a creare le condizioni per la rigenerazione del tessuto epatico, che include:

dieta alimentare; aderenza all'attività fisica; attività di rinforzo; farmaci che accelerano il recupero del fegato.

In linea di principio, tutte queste misure non sono molto diverse da come ripristinare il fegato dopo la rimozione della cistifellea.

Cibo dietetico

Non dimenticare i benefici di un'alimentazione corretta.

Dieta fornisce pasti frequenti 5-6 volte al giorno in piccole quantità, al fine di evitare sovraccarico funzionale. È necessario escludere completamente l'alcol, le sostanze estrattive, le spezie, i cibi piccanti, i cibi grassi, i dolciumi. Il cibo dovrebbe essere ricco di proteine, carboidrati, vitamine, fibre. Tale nutrizione dovrebbe essere seguita per tutto il periodo di recupero e solo dopo un esame di follow-up con un medico dovrebbe essere risolto il problema dell'espansione della dieta.

Conformità al regime di attività fisica

Fino al completo recupero del corpo, sono esclusi lo sforzo fisico, il sollevamento pesi, la corsa e il salto. Portano ad un aumento della pressione intra-addominale e alterata circolazione del sangue nel parenchima "in crescita". Camminare con dosaggio consigliato con un aumento graduale del carico, esercizi di respirazione, esercizi di igiene generale.

Attività riparative

Questi includono misure per migliorare le proprietà protettive del corpo, aumentare l'immunità e normalizzare le funzioni neurovegetative. Questi sono stimolanti dell'immunità vegetale, complessi vitaminico-minerali con biotina, antiossidanti (vitamina E, resveratrolo), sedativi e normalizzazione del sonno. Tutti loro sono anche prescritti da un medico. Il miele è molto utile, che contiene carboidrati, vitamine, minerali e biostimolanti che sono essenziali per le cellule.

Farmaci che accelerano il restauro del fegato

Assumere i farmaci solo come indicato dal medico.

Nella maggior parte dei casi, queste misure sono sufficienti per il recupero naturale e completo del corpo. Tuttavia, con l'indebolimento del corpo negli anziani, così come dopo la chemioterapia, la radioterapia, la rigenerazione rallenta e deve essere stimolata.

In linea di massima, dopo la resezione possono essere applicati gli stessi preparati per il fegato dopo la rimozione della cistifellea. Questi sono i cosiddetti epatoprotettori, la maggior parte di origine vegetale naturale: LIV-52, Heptral, Kars, Essentiale, Galstena, acido folico e altri.

Suggerimento: oltre agli epatoprotettori della farmacia, varie aziende offrono oggi integratori che sono saturi del mercato del marketing. Questo e grifone e funghi giapponesi Reishi, shiitake e altri. Non vi è alcuna garanzia di autenticità dei loro contenuti, pertanto, per non danneggiare la salute, è necessario consultare uno specialista.

Interventi moderni, chirurgia epatica robotica

Oggi la chirurgia epatica non è più limitata al bisturi e al laparoscopio. Nuove tecnologie sono state sviluppate e applicate, come resezione ad ultrasuoni, laser, resezione elettrica. La robotica operativa è ampiamente applicata.

Ad esempio, la tecnologia FUS (High Frequency Focused Ultrasound) viene utilizzata per rimuovere le aree colpite da un tumore. Questo è l'apparato di Cavitron, che distrugge e contemporaneamente aspira (succhia) il tessuto rimosso, con la simultanea "saldatura" dei vasi incrociati.

Viene anche usato un laser verde ad alta energia, che è più adatto per rimuovere tumori e nodi metastatici mediante vaporizzazione (evaporazione). Recentemente è stato introdotto il metodo di elettrorisolazione (IRE) o nano-coltello basato sulla rimozione del tessuto malato a livello cellulare. Il metodo è buono perché puoi rimuovere un tumore anche vicino a vasi di grandi dimensioni senza timore di danni.

Infine, il know-how della chirurgia moderna è la robotica. L'uso più comune del robot operativo "Da Vinci". Tale operazione viene eseguita in modo minimamente invasivo, dalle "mani" del chirurgo robot, sotto la navigazione del tomografo. Il medico monitora il processo sullo schermo in un'immagine tridimensionale, controllando il robot da remoto. Questo garantisce la massima precisione, errori minimi e complicazioni.

Il moderno livello di medicina e tecnologia chirurgica consente di eseguire in sicurezza operazioni su un organo così delicato come il fegato, fino alla rimozione di grandi volumi di esso, con successivo recupero.

Vi consigliamo di leggere: resezione intestinale con l'imposizione dell'anastomosi

video

Attenzione! Le informazioni sul sito sono fornite da esperti, ma sono solo a scopo informativo e non possono essere utilizzate per l'auto-trattamento. Assicurati di consultare un medico!

La rimozione del lobo destro o sinistro in medicina è chiamata resezione epatica. Con l'aiuto dello sviluppo delle moderne tecnologie è diventato possibile condurre un intervento così complesso. Il fegato è un organo interno di una persona responsabile di oltre 500 diverse funzioni. Qualsiasi malattia del fegato richiede un trattamento. Alcune deviazioni sono curate solo da un intervento chirurgico. La resezione aiuta a liberarsi da tumori benigni e maligni, alterazioni del flusso sanguigno e anomalie dello sviluppo.

IMPORTANTE DA SAPERE! L'unico mezzo per ripristinare il fegato. Olga Krichevskaya consiglia! Leggi di più...

La rimozione di parte del fegato a causa di qualsiasi patologia in chirurgia è chiamata resezione.

Indicazioni per la resezione epatica

Al paziente viene prescritta la resezione epatica nei seguenti casi clinici:

danno meccanico al tessuto epatico (incidente o lesione domestica), rilevamento di un tumore benigno d'organo, crescita cancerosa (indipendentemente dal grado della malattia), rilevamento di incoerenze in termini di dimensioni e forma (anomalie dello sviluppo);.

Ai fini della resezione, il paziente richiede una diagnosi approfondita. Una persona deve essere testata per i test di funzionalità del sangue, delle urine e del fegato. Se si sospetta un tumore maligno, il medico prescrive un test per i marcatori tumorali. L'ecografia offre l'opportunità di valutare le dimensioni e le condizioni dell'organo interno. Con questa procedura, è diventato possibile eseguire la puntura - prendendo una piccola quantità di tessuto epatico. Solo dopo aver ricevuto tutti i risultati dell'esame, il medico stabilisce una diagnosi accurata e prescrive un intervento chirurgico.

Tipi di chirurgia

Esistono due tipi di resezione del fegato:

atipico (cuneiforme, planare, trasversale e marginale), tipica - lobectomia sinistra o destra (resezione di un segmento o di tutto il fegato).

Indipendentemente dal tipo di resezione, il paziente taglia il fegato in pezzi. È importante che il processo chirurgico non interrompa l'afflusso di sangue a parti del fegato in buona salute. Sia una piccola area interessata dell'organo che l'intero fegato possono essere rimossi (durante il trapianto). Al rilevamento di metastasi nelle malattie del cancro, viene rimosso il lobo sinistro o destro del fegato.

La medicina moderna utilizza due tipi di chirurgia:

metodo laparoscopico - il medico esegue diverse piccole incisioni nella cavità addominale per introdurre i sensori e gli strumenti necessari, il metodo laparotomico - la chirurgia avviene tagliando una grande parte dell'addome.

Diversi tipi di resezioni epatiche suggeriscono la scelta del metodo ottimale di intervento chirurgico al fine di ridurre la durata del periodo postoperatorio per una persona. Per la resezione di piccole aree del fegato non è necessario effettuare un'incisione addominale estesa. Questo riduce il rischio di complicanze dopo resezione e perdita di sangue in un paziente.

Pericoli di resezione

Il fegato dopo la resezione viene rapidamente ripristinato. Può tornare completamente alla sua dimensione originale ed eseguire le sue funzioni. I pazienti che sono stati prescritti dal medico per rimuovere un lobo del fegato possono avere paura della chirurgia. Si ritiene che se l'organo viene parzialmente rimosso, l'intera vita della persona sarà disabilitata. Tuttavia, questo è lontano dal caso. Il tessuto epatico ha una capacità unica di rigenerarsi. Quando il fegato viene ripristinato, i vasi e il sistema linfatico svolgono anche le funzioni loro assegnate. A causa della capacità del fegato di guarire se stesso, i medici sono in grado di eseguire resezioni epatiche estese.

Conseguenze pericolose della resezione:

la condizione più pericolosa del paziente è l'insorgenza di emorragia interna, l'aria entra nelle vene epatiche, che possono portare alla loro rottura, in alcuni casi può verificarsi un arresto cardiaco (reazione all'anestesia);

Preparazione per l'operazione

Come già accennato, è importante sottoporsi ad un esame approfondito prima di eseguire una procedura chirurgica. Al primo ricovero, il medico esegue un esame primario di palpazione e scrive i test necessari. Inoltre, potrebbe essere necessaria la diagnostica ecografica, la tomografia computerizzata (esame delle strutture dei tessuti nella cavità addominale) e la risonanza magnetica. Prima dell'operazione, una settimana dovrebbe abbandonare l'uso di alcuni farmaci: "Aspirina", "Clopidogrel" e farmaci diluenti. Possono influenzare la resezione.

anestesia

La resezione epatica viene eseguita in anestesia generale. I farmaci applicati aiutano a bloccare il dolore e lo sviluppo di shock del dolore in un paziente. L'anestesia consente di sostenere una persona durante l'intervento. Dopo un certo tempo, il paziente viene portato fuori dal sonno. In futuro, se necessario, applicare antidolorifici.

Come va l'operazione e quanto tempo ci vuole?

La resezione epatica dura non più di 7 ore e il paziente è in terapia intensiva.

A seconda del tipo di resezione, il medico esegue diverse piccole o grandi incisioni nella cavità addominale. Lo specialista conduce la rimozione del tumore. Dopo aver rimosso il lobo epatico, può essere necessaria la resezione della cistifellea. Per assicurarsi che il tumore sia stato rimosso, il medico usa una sonda a ultrasuoni. Nel sito della resezione, in alcuni casi, è richiesto l'uso di tubi di drenaggio. Aiuteranno dopo l'operazione per rimuovere il sangue e il liquido in eccesso. Dopo che il medico si è assicurato che tutte le manipolazioni necessarie siano state eseguite, i punti (fermagli) vengono applicati al paziente.

Dopo l'intervento, il paziente è in terapia intensiva (unità di terapia intensiva) sotto la stretta supervisione dei medici per 24 ore. I sensori che mostrano pressione e pulsazioni sono collegati a una persona. Temperatura corporea controllata e condizioni generali del paziente. L'operazione dura da 3 a 7 ore, a seconda del grado di sviluppo della malattia. Dopo il primo giorno nel reparto di terapia intensiva, il paziente viene trasferito al reparto generale, dove rimane per una settimana. Se insorgono complicazioni dopo l'intervento chirurgico, è necessario un lungo periodo di degenza in ospedale.

Cura postoperatoria

Cure ospedaliere

L'assistenza postoperatoria nel reparto chirurgico comprende i seguenti passaggi:

Il cibo viene fornito al paziente attraverso una flebo IV. Non appena il medico ti permette di ricevere da solo il cibo, il contagocce verrà rimosso. Dopo l'intervento chirurgico, è necessario un catetere. Viene iniettato nella vescica per rimuovere l'urina Durante il periodo postoperatorio è necessario somministrare antidolorifici. Aiutano il paziente a liberarsi dal dolore acuto.

Assistenza domiciliare dopo la resezione

Dopo la dimissione la persona avrà bisogno di cure speciali:

sotto le istruzioni del medico, la medicazione viene cambiata periodicamente, la doccia viene presa solo dopo che la ferita è stata completamente guarita, il paziente prende gli antidolorifici solo in un ordine strettamente specificato, la persona si sente un miglioramento un mese dopo la resezione epatica, è richiesto un esame di routine da parte di un medico.

reinserimento

La riabilitazione del paziente dopo la resezione comprende diversi punti principali:

dieta, sport, stile di vita corretto, assunzione di farmaci che aiutano a recuperare.

Cibo dietetico

Il cibo è meglio preso in piccole porzioni. È auspicabile che fosse 6 volte al giorno. Questo aiuta a evitare lo stress sul tratto digestivo. Al fine di non appesantire il corpo, i cibi acuti e grassi, l'assunzione di alcol in ogni dose è completamente esclusa dalla dieta. È controindicato usare droghe e sigarette. Dolci e pasticcini hanno anche un effetto negativo sul recupero del fegato. È meglio creare un menu con piatti che contengono proteine, carboidrati e vitamine. Il cibo dietetico è prescritto dal medico alla dimissione. Dopo aver superato il periodo postoperatorio, lo specialista rivede la dieta del paziente e apporta aggiustamenti.

Sport ed Esercizio

I medici raccomandano dopo l'intervento chirurgico di astenersi dal praticare sport pesanti. Anche gli esercizi di corsa, salto e forza sono controindicati. Causano una maggiore pressione all'interno della cavità addominale, che è piena di complicazioni. Il flusso di sangue può essere interrotto e può verificarsi un'emorragia. Si raccomanda al paziente di eseguire passeggiate moderate ed esercizi di respirazione. Questo aiuterà a recuperare più velocemente dopo la resezione. L'aria fresca aiuta a saturare il corpo con l'ossigeno.

Correzione dello stile di vita

La resezione epatica interrompe il lavoro dell'intero corpo umano e del sistema immunitario. Pertanto, è necessario prestare particolare attenzione al ripristino delle difese del corpo. I medici raccomandano l'assunzione di complessi vitaminici per un rapido recupero del fegato dopo la resezione. Contengono antiossidanti e resveratrolo. È importante assumere sedativi. Aiutano a migliorare lo stato del sistema nervoso e normalizzare il sonno. Il medico dopo l'esame prescrive i farmaci necessari, il loro metodo di applicazione e dosaggio.

Preparati per il rapido recupero del fegato

La riabilitazione ha esito positivo se si segue almeno uno dei consigli sopra riportati. Alcuni pazienti hanno bisogno di chemioterapia. Ciò indebolisce notevolmente il corpo. In questo caso, si consiglia di assumere farmaci che aiutano il corpo a ripristinare rapidamente le sue funzioni. Sono chiamati epatoprotettori. Contengono ingredienti di origine vegetale. I più popolari sono Karsil, Folic Acid, Essentiale e Galstena. Il metodo di somministrazione e dosaggio prescritto dal medico, a seconda della salute del paziente.

A volte nel trattamento delle malattie del fegato, il trattamento farmacologico è inefficace. In questi casi, può essere applicato un intervento chirurgico.

Le operazioni sul fegato sono molto diverse per tecnica e volume.

La quantità di intervento dipende principalmente dalla malattia, che richiede un intervento chirurgico. Anche le malattie associate, il rischio di complicanze e altri fattori giocano un ruolo.

Preparazione per la chirurgia

Prima di qualsiasi intervento addominale viene eseguita un'accurata preparazione del paziente. Il piano per questa preparazione viene sviluppato individualmente per ciascun paziente, in base alla natura della malattia di base, alle condizioni associate e al rischio di complicanze.

Condotto tutti gli studi di laboratorio e strumentali necessari. Ad esempio, in un tumore maligno, poco prima dell'intervento chirurgico, la chemioterapia può essere prescritta per ridurne le dimensioni.

Assicurati di informare il medico sull'assunzione di farmaci. Soprattutto quelli che vengono presi continuamente (ad esempio, antiaritmico, ipotensivo, ecc.).

7 giorni prima dell'operazione, la ricezione viene interrotta:

farmaci anti-infiammatori non steroidei; fluidificanti del sangue; farmaci antipiastrinici.

Durante l'operazione sul fegato, viene sempre effettuato uno studio morfologico del tessuto rimosso al fine di diagnosticare con precisione la natura del processo patologico e valutare la correttezza della scelta dell'intervento chirurgico.

Tipi di operazioni epatiche

Come già accennato, ci sono attualmente molti metodi diversi di trattamento chirurgico delle malattie del fegato. Consideri il più comune di loro

Resezione epatica

È usato nel trattamento del cancro epatocellulare o metastatico, neoplasie addominali e benigne del fegato (cisti non parassitarie, cisti echinococciche, cambiamenti policistici, ecc.), Ascesso cronico.

Può essere tipico (anatomico) e atipico (regionale, a forma di cuneo, trasversale). La resezione atipica viene eseguita se vi è la necessità di asportazione delle aree marginali del fegato.

Il volume di tessuto epatico rimosso varia:

segmentectomia (rimozione di un segmento); sectionocitectomia (rimozione della sezione epatica); mesohepatectomy (resezione centrale); emiepatectomia (rimozione del lobo del fegato); emiepatectomia estesa (rimozione del lobo e sezione del fegato contemporaneamente).

Un tipo separato è una resezione combinata - una combinazione di qualsiasi tipo di resezione epatica con la rimozione di una parte o di tutto l'organo addominale (stomaco, intestino tenue o crasso, pancreas, ovaia, utero, ecc.). Di solito tali operazioni vengono eseguite in caso di cancro metastatico con la rimozione del tumore primario.

Chirurgia laparoscopica

Condotto attraverso una piccola (2-3 cm) incisioni sulla pelle. Solitamente, tali metodi eseguono operazioni per la rimozione di cavità (ad esempio, cisti - fenestrazione) e trattamento di ascessi epatici (dissezione e drenaggio).

Anche operazioni diffuse sulla colecisti (colecistectomia e coledocolitotomia) con accesso laparoscopico.

Drenaggio di puntura

Viene eseguito con ascessi e indurimento (ad esempio, con le cisti). L'operazione viene eseguita sotto il controllo degli ultrasuoni. Un ago è inserito all'interno della formazione. Nel primo caso, il pus viene drenato e drenato, nel secondo il contenuto della cisti viene aspirato e lo sclerosante viene iniettato: sulfacrilato, alcool etilico al 96%, p-etossi sclerole all'1%, ecc.

Altre operazioni

In caso di cancro dell'organo, a volte vengono utilizzati alcuni interventi chirurgici specifici: ablazione con radiofrequenza (rimozione del tumore mediante radiazione a radiofrequenza), chemioablazione (introduzione di una sostanza chimica nel vaso che fornisce l'area interessata), alcolizzazione (introduzione di alcol etilico nel tumore).

Per le malattie del dotto biliare comune sono: resezione delle cisti con l'imposizione di anastamosi tra il fegato e l'intestino tenue; chirurgia plastica per contrazioni cicatriziali; sovrapposizione dello stent, resezioni estese per lesioni maligne.

Nella colelitiasi, oltre alle già citate operazioni di colecistectomia e coledocolitotomia con accesso laparoscopico, viene eseguita una quantità analoga di intervento con accesso tradizionale (laparotomico). A volte è indicata papillosfinterotomia, coledocolitotomia con endoscopio.

Trapianto di fegato

È il metodo più efficace e talvolta l'unico per curare pazienti con malattie croniche del fegato allo stadio terminale, tumori, epatite fulminante, insufficienza epatica acuta e altre malattie.

Ogni anno il numero di operazioni di successo aumenta in tutto il mondo.

I donatori di organi possono essere persone che hanno subito una lesione cerebrale incompatibile con la vita, previo consenso dei loro parenti.

Nei bambini, è possibile utilizzare parte del fegato di un donatore adulto in connessione con l'insorgenza di difficoltà nell'ottenere corrispondenti piccole dimensioni di organi donatori. Tuttavia, il tasso di sopravvivenza per tali operazioni è inferiore.

E, infine, a volte viene usata una parte dell'organo da un donatore vivente. Tali trapianti sono più spesso effettuati di nuovo per i bambini. Il donatore può essere un parente di sangue (con lo stesso tipo di sangue) relativo al paziente in caso di consenso informato. Viene utilizzato il segmento laterale sinistro dell'organo donatore. Di regola, questo tipo di trapianto dà il minor numero di complicanze postoperatorie.

In alcune malattie, quando c'è un'alta probabilità di rigenerazione del proprio organo, viene utilizzato il trapianto eterotopico del fegato accessorio. In questo caso, un fegato di donatore di tessuto sano viene trapiantato e l'organo del ricevente non viene rimosso.

Indicazioni per il trapianto di fegato e risultati previsti (secondo S. D. Podymova):

Dopo l'operazione di trapianto di fegato nei pazienti per un lungo periodo di tempo, viene prescritta una terapia immunosoppressiva per prevenire la reazione di rigetto.

Cibo nel periodo postoperatorio

Nei primi giorni del periodo postoperatorio, il cibo è esclusivamente parenterale. A seconda delle dimensioni e della complessità della chirurgia, questo tipo di cibo dura circa 3-5 giorni. Il volume e la composizione di tale nutrizione sono determinati individualmente per ciascun paziente. La nutrizione deve essere pienamente bilanciata in proteine, grassi, carboidrati e avere un valore energetico sufficiente.

Quindi avviene una combinazione di alimentazione parenterale-enterale (sonda), che dovrebbe durare almeno altri 4-6 giorni. La necessità di una transizione graduale dalla nutrizione parenterale a quella enterale è dettata dal fatto che la lesione operatoria del fegato disturba il normale funzionamento dell'intestino tenue, la cui riabilitazione richiede in media 7-10 giorni. La nutrizione enterale viene introdotta gradualmente aumentando la quantità di cibo. Ciò consente di sviluppare l'adattamento degli organi del tratto gastrointestinale ai carichi di cibo. Se trascuriamo questo, in seguito a una disfunzione dell'intestino, il paziente svilupperà rapidamente uno squilibrio proteico-energetico, una carenza di vitamine e minerali.

7-10 giorni dopo l'operazione, passano alla dieta n. 0a, combinandola con nutrizione parenterale. In assenza di complicanze, la nutrizione enterale viene gradualmente estesa sotto forma di assegnazione alimentare n. 1a, e quindi n. 1. Tuttavia, apportano alcune modifiche a queste diete: ad esempio, escludono brodi di carne e tuorlo d'uovo, sostituendoli con zuppe mucose e omelette di proteine ​​del vapore.

Dopo 17-20 giorni, è possibile passare alla dieta n. 5a. Se il paziente non lo tollera e si lamenta della comparsa di flatulenza, diarrea, fastidio allo stomaco, allora puoi usare un'opzione più benigna - dieta n. 5.

La dieta numero 5 viene prescritta circa un mese dopo l'intervento chirurgico e, di norma, dopo la dimissione del paziente dall'ospedale.

Questi periodi possono essere ridotti di 3-5 giorni con piccoli volumi di intervento chirurgico.

Il periodo postoperatorio e il recupero

Il decorso del periodo postoperatorio dipende da molti fattori: la natura della malattia di base, la presenza o l'assenza di patologia concomitante, l'entità dell'intervento chirurgico e la presenza di complicanze durante o dopo l'intervento chirurgico.

Di LM Paramonova (1997) il periodo postoperatorio è diviso in tre parti condizionali:

periodo postoperatorio precoce - dal momento dell'operazione a tre giorni; periodo postoperatorio precoce ritardato - da quattro a dieci giorni; periodo postoperatorio tardivo - dall'undicesimo giorno fino alla fine del trattamento ospedaliero (dimissione del paziente).

Durante il primo periodo postoperatorio, il paziente è in terapia intensiva e terapia intensiva. In questo reparto, il primo giorno, viene eseguita la terapia attiva e il monitoraggio 24 ore su 24, che garantisce il mantenimento delle funzioni vitali del corpo.

È necessario fornire un adeguato sollievo dal dolore e supporto del sistema cardiovascolare.

Durante i primi 2-3 giorni l'emodiluizione viene eseguita con diuresi forzata per disintossicare il corpo. Permette anche il monitoraggio attivo della funzionalità renale, in quanto uno dei primi segni di possibile sviluppo di insufficienza epatica acuta è una diminuzione della produzione giornaliera di urina (oliguria) e un cambiamento dei parametri biochimici del sangue. Il volume di liquidi trasfusi (soluzione di Ringer, miscele ioniche, ecc.) Raggiunge in genere 2-3 litri al giorno in combinazione con diuretici (lasix, mannitolo).

Anche i parametri del sangue periferico sono monitorati allo scopo di diagnosticare tempestivamente la perdita di sangue non compensata o lo sviluppo di sanguinamento postoperatorio. Una complicanza nella forma di sanguinamento postoperatorio può essere diagnosticata e nel processo di monitoraggio del fluido secreto attraverso le fognature. I contenuti emorragici sono separati, che non devono superare i 200-300 ml al giorno, seguiti da una diminuzione della quantità e senza segni di sangue "fresco".

Gli scarichi di solito funzionano fino a 6 giorni. Nel caso di trapianti di fegato o presenza di bile nel fluido di scarico, vengono lasciati fino a 10-12 giorni o più.

Nel caso del rilevamento di perdita di sangue non compensata, viene effettuata la trasfusione di sangue di un singolo gruppo o dei suoi componenti (massa di eritrociti), facendo affidamento sui livelli di indicatori di sangue "rosso".

Per la prevenzione delle complicanze infettive vengono prescritti antibiotici ad ampio spettro. Sono anche prescritti epatoprotettori (Essentiale, Heptral) e multivitaminici.

Inoltre, la coagulazione del sangue viene monitorata allo scopo di una diagnosi tempestiva della coagulazione intravascolare disseminata (DIC). Particolarmente alto rischio di sviluppare questa sindrome con una grande perdita di sangue intraoperatoria e una massiccia trasfusione di sangue. Farmaci prescritti per migliorare le proprietà reologiche del sangue (destrano).

In connessione con l'aumento del catabolismo proteico il primo giorno dopo l'operazione, è necessaria la correzione del suo contenuto nel corpo sotto forma di infusione di preparati proteici (plasma, albumina).

Possibili complicazioni

È necessario ricordare il rischio di disturbi respiratori e la prevenzione tempestiva del loro verificarsi. Uno dei metodi efficaci di questa prevenzione è l'attivazione precoce del paziente, esercizi di respirazione.

Secondo studi scientifici, la pleurite reattiva si sviluppa talvolta dopo un'ampia emiectectomia destra. Le cause di questa complicanza sono: insufficiente drenaggio linfatico dal fegato a causa dell'operazione, accumulo e ristagno di liquido nello spazio subfrenico, insufficiente drenaggio.

È molto importante identificare le complicanze postoperatorie in modo tempestivo e correggerle e la terapia. La frequenza della loro comparsa in base a diversi autori è del 30-35%.

Le principali complicazioni sono:

Bleeding. Adesione di infezione e sviluppo dell'infiammazione, fino alle condizioni settiche. Insufficienza epatica Trombosi.

In caso di complicanze postoperatorie associate a ipotensione prolungata e ipossia - una reazione allergica, sanguinamento, insufficienza cardiovascolare - è irto di sviluppo di insufficienza epatica, ceppo di fegato, soprattutto se ci sono lesioni iniziali del tessuto dell'organo (ad esempio, epatosi grassa).

Per la prevenzione delle complicanze purulenta-settiche, il trattamento antibatterico viene continuato fino a dieci giorni dopo l'intervento. Anche in questo periodo continua la terapia infusionale. La nutrizione dovrebbe essere razionale con un alto contenuto di proteine.

Con l'undicesimo giorno in assenza di complicanze postoperatorie, la quantità di terapia viene ridotta il più possibile e inizia il processo di riabilitazione, che continua anche dopo che il paziente è stato dimesso dall'ospedale.

La durata del periodo di recupero dipende, innanzitutto, dal volume dell'intervento chirurgico e dalla natura delle principali e possibili malattie concomitanti. Anche il periodo postoperatorio è importante.

Nel periodo di recupero, la dieta n. 5 è prescritta per un lungo periodo di tempo e, in alcuni casi, per tutta la vita.

Il complesso di terapia e misure necessarie nel periodo di riabilitazione viene selezionato e stabilito dal medico curante individualmente per ciascun paziente.

Pubblicazioni Sulla Diagnostica Del Fegato

Trapianto di fegato

Sintomi

Il trapianto di fegato è il trattamento chirurgico di alcune malattie del fegato, che consiste nel trapiantare una parte o l'intero organo da un donatore a un ricevente (una persona malata).

Holenzim. Istruzioni per l'uso, prezzo, recensioni, analoghi

Cirrosi

L'olenzima, secondo le istruzioni per l'uso, è un farmaco che aiuta ad organizzare il lavoro del fegato, della cistifellea e normalizza la digestione.

7 migliori farmaci per il fegato

Epatite

Il fegato umano è la più grande ghiandola del corpo, che svolge molte funzioni vitali. Partecipa al processo di digestione, neutralizza le sostanze nocive, accumula glucosio e sangue, produce colesterolo e bilirubina, ormoni ed enzimi.

Dieta per l'epatite C, ricette, menu

Epatite

L'epatite C è una malattia infettiva che provoca gravi danni al fegato ed è causata dall'ingestione di un particolare virus. Spesso diventa cronico e richiede un trattamento a lungo termine.