Principale / Analisi

Cause della formazione cistica nel fegato - sintomi, trattamento con farmaci e rimedi popolari

Analisi

Se nella zona del fegato i medici hanno scoperto una neoplasia, è possibile che questa sia una cisti nel fegato, che è importante prima essere diagnosticata con un'ecografia e quindi curarla. Per sua natura, è un tumore benigno, ma sotto l'influenza di fattori patogeni può diventare una minaccia per la vita del paziente - un tumore maligno.

Cos'è una ciste epatica

La neoplasia addominale riempita di liquido limpido è considerata cistica. Può essere localizzato in tutti gli organi interni, con una tendenza ad una crescita graduale. Una cisti epatica è un tumore benigno che si verifica e si sviluppa non solo nei singoli segmenti dell'organo, ma anche nei suoi legamenti. Curare la malattia è reale, ma il fattore determinante è la dimensione del tumore, che varia da pochi millimetri a 25 centimetri. Nelle donne, questo problema di salute si presenta molto più spesso all'età di 35-50 anni.

Cisti del fegato - cause

Le piccole neoplasie non richiedono un intervento chirurgico, ma quelle grandi devono essere rimosse solo chirurgicamente. Prima di eseguire qualsiasi manipolazione e prescrivere un trattamento efficace, il medico determina l'eziologia del processo patologico. Le cause delle cisti epatiche possono essere causate da lesioni all'organo parenchimale o sono il risultato di malattie come la malattia del calcoli biliari, la cirrosi, l'epatite alcolica, l'ovaio policistico, la malattia del pancreas o dei reni. Non è esclusa l'intossicazione a lungo termine del corpo.

Ci possono essere altri motivi, ad esempio:

  • predisposizione genetica;
  • sviluppo congenito della malattia;
  • lesione parassitaria del corpo di echinococco;
  • trattamento ormonale;
  • processo amebico progressivo.

Cisti epatica - sintomi

Poiché il "filtro umano" non contiene terminazioni nervose, la sindrome del dolore è assente da molto tempo. Il suo aspetto è più associato a una maggiore pressione sugli organi vicini, ma non a una neoplasia nei tessuti parenchimali. Una neoplasia cistica ricorda se stessa con una grande dimensione o viene diagnosticata per caso - durante il passaggio di un'ecografia pianificata. I sintomi tipici di una ciste epatica sono presentati di seguito:

  • gravi segni di dispepsia (flatulenza, diarrea, nausea, vomito con impurezze della bile);
  • febbre di basso grado;
  • eruttazione acida;
  • mancanza di respiro;
  • sudorazione eccessiva;
  • completa perdita di appetito;
  • segni di ittero sulla pelle;
  • aumento della dimensione dell'addome;
  • debolezza generale.

Tipi di cisti epatiche

Queste formazioni nella cavità di un organo possono essere di natura parassitaria e non parassitaria. Nel primo caso parliamo di un aumento dell'attività degli echinococci, nel secondo - delle cause di natura non infettiva. Le varietà del primo neoplasma sono:

  1. Hydatid. Caratteristica del lobo destro dell'organo parenchimale, innescato dall'aumentata attività della tenia.
  2. Alveokokkovaya. La causa dell'evento è lo stadio delle larve che produce cestodi, influenzando ugualmente i lobi di destra o di sinistra.

Le cavità non parassitarie possono essere congenite e acquisite. Nel primo caso, una neoplasia benigna si sviluppa sullo sfondo della disfunzione del dotto biliare, nella medicina moderna si chiama vero. Nel secondo caso, una rottura traumatica dell'organo parenchimale con l'ulteriore formazione di un tumore caratteristico non è esclusa. In entrambi i casi è necessario un trattamento.

Cisti epatica semplice

Questo vero tumore solitario, che ha un rivestimento epiteliale interno. Una cisti epatica semplice raggiunge un diametro di non più di 3 cm, mentre non cresce e non richiede un intervento chirurgico obbligatorio. I medici raccomandano sistematicamente di osservare il neoplasma caratteristico, poiché può essere modificato in un tumore maligno.

Multiple cisti epatiche

Alcuni tumori possono risolversi da soli, mentre altri, al contrario, necessitano di una terapia tempestiva. Molteplici cisti epatiche formano una formazione policistica che modifica la forma del parenchima ed è pericolosa per la salute. Dal momento che piccoli tumori si trovano più vicini alla superficie dell'organo, possono essere facilmente palpati con la palpazione policistica. Per chiarire la diagnosi non è escluso il coinvolgimento di metodi diagnostici minimamente invasivi.

Cisti epatica parassitaria

Con l'aumento dell'attività di echinococchi e alveococchi, nell'organo parenchimale si formano cavità di dimensioni diverse. Queste sono cisti epatiche parassitarie che riempiono uno o più lobi, portando a un'ampia necrosi tissutale. Fino a quando non viene rimossa la formazione addominale completa, la flora patogena deve essere sterminata, altrimenti i metodi radicalmente condizionati non sono molto efficaci, non ci sono dinamiche positive.

Microciti di fegato

Se durante il passaggio di un'ecografia pianificata vengono visualizzate piccole neoplasie nel parenchima, il codice 10 dell'ICD è anche una cisti, ma il paziente non deve fare nulla. Più spesso si dissolvono e appaiono, possono essere il risultato di una parziale ebbrezza del corpo. Con gli ultrasuoni, le loro dimensioni sono trascurabili, quindi i medici prendono nota solo di un'area così anecoica. I microciti del fegato non richiedono un intervento medico.

Trattamento cisti epatica

Gli interventi chirurgici per il trattamento fruttuoso delle cisti del fegato hanno due direzioni: la puntura-sclerosante e laparoscopica. La prima procedura - la scleroblobotazione, caratterizza gli interventi palliativi e viene eseguita con la partecipazione degli ultrasuoni con l'introduzione di uno speciale sclerosante. Prima viene eseguita l'aspirazione per puntura, dopo di che la cavità residua viene svuotata senza escissione delle pareti della cisti.

Se parliamo di accesso laparoscopico, allora parte del lobo bruciato viene intersecata, seguita da dissezione e rimozione di contenuti purulenti. Le manipolazioni vengono eseguite attraverso i tagli nell'addome e, dopo il completamento, il medico esegue il trattamento con l'elettrocoagulatore delle pareti rimanenti. Gli effetti nocivi per la salute in caso di azioni specialistiche competenti sono minimi. Nei quadri clinici con complicanze, la resezione epatica non è esclusa. Altri interventi chirurgici sono i seguenti:

  • sbucciatura (enucleazione) come metodo di trattamento condizionalmente radicale;
  • fenestrazione di una cisti, marsupializzazione di una cisti in presenza di un vasto sito anecoico;
  • apertura, svuotamento e drenaggio della cavità residua;
  • trapianto di fegato quando modificato in un tumore maligno;
  • cystogastrostomy, cystoenterostomy, come trattamento radicale.

Trattamento farmacologico delle cisti epatiche

I farmaci supplementari sono appropriati per la forma parassitaria della malattia. Contemporaneamente all'intervento chirurgico, è necessario fare un ciclo di chemioterapia per lo sterminio produttivo della flora patogena. Il trattamento farmacologico della ciste epatica comporta l'assunzione di farmaci contro l'echinococco, la tenia e altri parassiti. In ogni caso, la questione di come trattare una cisti epatica, è importante coordinarsi con uno specialista.

Trattamento di rimedi popolari di cisti del fegato

I metodi alternativi sono inefficaci. Sapendo che una tale cisti nel fegato, è importante capire che una tale neoplasia deve essere osservata da un medico. L'automedicazione superficiale può solo danneggiare. Il trattamento di una ciste epatica con rimedi popolari fornisce un effetto positivo se combinato con metodi ufficiali. Secondo gli esperti, si raccomanda di bere il succo di bardana o celidonia, ma in forma diluita di 5: 1. Un altro buon rimedio popolare è bere 10 uova di quaglia ogni mattina.

Cisti di fegato - dieta

Essendo interessato a come sbarazzarsi delle cisti sul fegato, è importante rivedere la dieta quotidiana, aderire alla nutrizione terapeutica. Il menu dietetico aiuterà un adulto e un bambino a ridurre il rischio di recidiva, a rallentare la crescita di un tumore benigno. Quindi, dieta con cisti epatica:

  1. Permette il consumo di varietà di carne e pesce a basso contenuto di grassi in forma bollita, latticini e verdure con frutta e cereali.
  2. Vieta la carne grassa, il cioccolato, l'alcol, il succo di pomodoro, i condimenti piccanti, i primi brodi, il gelato e la conservazione.

Cisti nel fegato - cause della malattia e del trattamento

Una cisti epatica è una neoplasia benigna, che ha l'aspetto di una vescica piena di un liquido trasparente. Le pareti della vescica sono formate da tessuto connettivo o epiteliale, all'interno può esserci una sottile partizione. Il liquido è solitamente chiaro, inodore e incolore.

In alcuni casi, diventa verde, acquista una consistenza più spessa e quando un'infezione penetra, la cisti si riempie di pus. Può essere localizzato in qualsiasi parte del fegato, sia in superficie (sottocapsulare) che in profondità in questo organo (parenchima). Ampiamente varia e di dimensioni.

Quali sono le cisti e il loro trattamento?

La natura della cisti potrebbe essere diversa. Nel caso di vere cisti con membrana epiteliale, molto spesso stiamo parlando di una mutazione genetica. Il fegato di un paziente con policistica dalla nascita ha molteplici neoplasie di dimensioni diverse che non interferiscono con il lavoro dell'organo e sono pericolose solo in caso di rottura, che porta a sanguinamento. Trovato bambino policistico congenito nella maggior parte delle volte subito dopo la nascita.

Le false cisti si formano a causa di varie malattie.

Considera gli esempi di tali malattie e i loro metodi di trattamento:

Dopo il trattamento della fase intestinale della malattia, è possibile il trattamento chirurgico.

Quali sono le cisti pericolose?

Una piccola formazione con un diametro da millimetri a 1-2 centimetri di solito non rappresenta un pericolo, soprattutto se non ci sono pus o sangue in esso. I pazienti con policistica possono vivere per molti anni senza avere problemi con il lavoro del fegato.

Tuttavia, le grandi cisti di 5-10 centimetri o più esercitano una pressione sul tessuto epatico, che può portare alla rottura dei vasi sanguigni o delle vie biliari. Ciò porta alle seguenti conseguenze:

  • ittero;
  • il dolore;
  • Sanguinamento interno;
  • Disfunzione epatica;
  • Penetrazione di infezione;
  • congestione;
  • la debolezza;
  • Febbre.

Il pericolo di una ciste cresce con un aumento delle sue dimensioni. Le formazioni di pus portano una minaccia più seria: i batteri che si moltiplicano nella loro cavità possono causare infezioni del sangue o continuare a distruggere il tessuto epatico, ei loro prodotti di scarto portano alla rapida morte del paziente dall'avvelenamento. Pertanto, le cisti con pus devono essere rimosse per prime.

Anche un serio pericolo può essere il cistoadenoma, la crescita cistica benigna, capace di degenerazione in un tumore canceroso.

Cisti parassitarie

Queste sono specie causate dall'attività dei vermi parassiti, come echinococchi, trematodi e altri. Il parassita può nutrirsi di tessuto epatico o di sangue, aumentando gradualmente di dimensioni e esercitando una pressione sui tessuti circostanti.

Molto spesso, queste cisti sono causate da echinococco, che viene trasmesso agli esseri umani da animali domestici, come i cani. L'uomo è un ospite intermedio, le larve del parassita vivono nel suo corpo. Una volta nell'intestino, la larva penetra nel sangue e viene trasferita al fegato, dove inizia a crescere lentamente.

Se l'echinococcosi non viene trattata, la cisti formata dal parassita raggiungerà le dimensioni della testa del bambino.

L'agente patogeno più raro è l'alveococco. Questo è un verme che parassita gli animali selvatici. Il meccanismo di penetrazione nel fegato è lo stesso di quello dell'echinococco, ma le conseguenze sono molto più gravi. L'alveococco può causare necrosi del tessuto epatico e cirrosi, ittero ostruttivo, oltre ad essere trasportato con il sangue ad altri organi, inclusi cervello e polmoni.

Per una tale capacità di formare metastasi, l'alveococcosi è chiamata "cancro parassitario". Le cisti alveocitarie sono più piccole, ma più pericolose.

Una ciste può dissolversi?

Alcuni tipi di neoplasie possono essere risolti senza intervento chirurgico. Affinché una cisti possa risolversi, deve essere non parassitaria, e per un rapido riassorbimento si dovrebbero usare rimedi popolari:

  • Radici di bardana Prendi un cucchiaio di radici essiccate, versa un bicchiere d'acqua e cuoci per 15 minuti. Poi insistiamo mezz'ora, filtriamo il brodo risultante. È necessario bere mezzi durante il giorno su occhiali 1/3 in 15 minuti prima di ogni pasto;
  • Succo di bardana Il succo viene spremuto dalle foglie giovani, diluito con acqua 1: 1, e dovrebbe essere consumato in 2 cucchiai 3 volte al giorno, anche 15 minuti prima dei pasti;
  • Frizione Un cucchiaio dei gambi essiccati schiacciati della pianta viene versato con acqua bollente (0,5 litri) e lasciato riposare per un'ora. Quindi bevi l'infuso in piccole porzioni per tutto il giorno;
  • Le radici devyasila. 100 g di radici vengono versati con un litro d'acqua, dopo di che viene aggiunto lievito secco (1 cucchiaio), il composto viene posto per due giorni in un luogo buio. Bevi l'infusione in 20 minuti. dopo aver mangiato, non più di 100 g. Quando l'infusione è finita, fare una pausa di 1-2 mesi.

Ricordate! Diagnostica e prescrivi il trattamento, incl. e i rimedi popolari possono solo dottore. Le piante medicinali non sono completamente innocue.

Dieta cistica

Nella maggior parte dei casi, una ciste epatica non richiede alcuna restrizione dietetica. A volte, se il deflusso della bile è difficile, il medico può prescrivere alcuni cambiamenti nella dieta.

Molto spesso si riferiscono a cibi pesanti ricchi di grassi:

  • I prodotti animali in scatola, salati, affumicati e in scatola sono limitati;
  • Gli animali del fegato opposti sono raccomandati;
  • Si raccomanda un completo rifiuto del caffè e bevande gassate;
  • Invece, è meglio per il paziente consumare più succo e frutta fresca;
  • Invece di cibi fritti di origine vegetale - bolliti;
  • Il numero di pasti aumenta (fino a 5-6 volte), la quantità di cibo consumata alla volta diminuisce;
  • È auspicabile che un paziente mangi più latticini, in particolare kefir e yogurt;
  • I funghi in qualsiasi forma sono esclusi dalla dieta fino al completo recupero;
  • Anche le verdure in salamoia sono escluse;
  • Inoltre, la senape, il ketchup e le spezie non sono raccomandati;
  • I prodotti di farina dovrebbero essere magra, meglio di tutti - pane secco.

La nutrizione nelle donne non è diversa dalla nutrizione negli uomini.

Cisti solitaria

La cisti solitaria è la più semplice di tutte. È una fiala sferica senza gambe e partizioni interne, situata singolarmente. Differisce in pareti sottili e grande volume di liquido che si accumula all'interno.

Di solito innocuo, ma solo fino a quando il volume diventa troppo grande. A partire da 3-5 cm di volume, una cisti solitaria inizia a interferire con il lavoro del fegato, provocando sensazioni spiacevoli. Tuttavia, la sua crescita non si ferma e può facilmente raggiungere un decimetro o più.

Fortunatamente, una cisti solitaria è facilmente rimossa dalla puntura: un ago viene inserito nel fegato del paziente direttamente attraverso la pelle, i muscoli e le pareti della cavità addominale, dopo di che il contenuto viene estratto. Il processo viene eseguito in anestesia locale o generale, dopo che la cessazione dell'azione dell'anestesia può essere dolore. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, il paziente può tornare a casa entro poche ore dopo la procedura.

Le cisti solitarie sono spesso formazioni anecoiche (praticamente non riflettono gli ultrasuoni a causa della loro forma e pareti sottili), e quindi sono quasi impossibili da rilevare usando gli ultrasuoni.

Dove sono le cisti più spesso formate?

Formazioni cistiche possono formarsi nel lobo sinistro e nella destra. La probabilità di formazione di una cisti parassitaria nel lobo destro è maggiore, ciò è dovuto alle peculiarità della circolazione sanguigna. Inoltre, il lobo destro è più suscettibile al danno meccanico, perché è più vicino ai bordi.

conclusione

Cisti del fegato - avascolare (privo di vasi sanguigni), cavo all'interno del tumore, derivante da vari motivi. È impossibile rispondere inequivocabilmente a domande su come trattare una malattia e quali conseguenze: dipende dalle cause, dalle dimensioni e da altre caratteristiche della neoplasia.

I sintomi possono anche essere diversi - da lieve dolore al fegato a disfunzione d'organo e ittero. Le cisti di Microcyst e piccole (fino a 1-2 cm) di solito non richiedono la rimozione, la formazione di grandi dimensioni viene rimossa dall'asportazione o dalla puntura. La neoplasia cistica non è sempre facilmente visibile sugli ultrasuoni. In nessun caso si dovrebbe cercare di trattare una citosi da soli, senza consultare un medico.

A giudicare dal fatto che stai leggendo queste righe ora - la vittoria nella lotta contro le malattie del fegato non è dalla tua parte.

E hai già pensato alla chirurgia? È comprensibile, perché il fegato è un organo molto importante e il suo corretto funzionamento è una garanzia di salute e benessere. Nausea e vomito, pelle giallastra, sapore amaro in bocca e un odore sgradevole, urine scure e diarrea. Tutti questi sintomi ti sono familiari di prima mano.

Ma forse è più corretto trattare non l'effetto, ma la causa? Raccomandiamo di leggere la storia di Olga Krichevskaya, di come ha curato il fegato. Leggi l'articolo >>

Cisti epatica: descrizione della patologia, cause, sintomi, caratteristiche della diagnosi e del trattamento, prognosi, prevenzione

Il fegato è il principale filtro del corpo, che purifica il sangue e rimuove tutte le tossine da esso. Questo corpo sta vivendo stress quotidiano enorme, quindi è spesso suscettibile a varie malattie. Una cisti epatica è una neoplasia rotonda o ovale con cavità riempite di contenuto fluido o denso. Può apparire negli adulti e nei bambini.

In assenza di crescita di una neoplasia, i medici la controllano e prescrivono un trattamento di supporto al paziente. Altrimenti potrebbe essere necessario un intervento chirurgico.

Descrizione generale della patologia

Quindi, ora dobbiamo considerare più in dettaglio che cos'è una cisti sul fegato. È un sacchetto (capsula) dell'epitelio o tessuto fibroso che spesso contiene contenuti liquidi (meno spesso gelatinosi, purulenti). L'educazione può svilupparsi sia sulla superficie del corpo che al suo interno.

La dimensione della cisti può raggiungere i 15 mm e oltre. Se aumenta, la funzionalità di molti organi interni può essere compromessa. In alcuni casi, la cisti può rompersi, il che rappresenta un grave pericolo per la vita e la salute umana.

La patologia più comunemente diagnosticata nelle donne. L'età della distribuzione massima delle cisti è di 35 - 55 anni. La malattia deve essere controllata, in quanto un aumento delle dimensioni della formazione comporta gravi complicazioni.

Cause di educazione

L'aspetto di una cisti nel lobo destro del fegato o nella sua parte sinistra provoca tali fattori negativi:

  • predisposizione genetica;
  • processi infiammatori nel corpo a causa della sua infezione parassitaria;
  • lesione d'organo, chirurgia su di esso;
  • insufficienza ormonale;
  • abuso di alcool o droghe;
  • rene o pancreas policistico;
  • intossicazione prolungata del corpo;
  • sviluppo intrauterino del corpo;
  • cirrosi epatica.

Le ragioni per cui lo sviluppo dell'istruzione può essere molte, anche per dare impulso allo sviluppo di una tale malattia possono causare la malattia del calcoli biliari.

Tipi di cisti

Se c'è una cisti sul fegato, le cause dell'evento devono essere chiarite prima di dare il trattamento.

È altrettanto importante determinare il tipo di patologia:

  • Policistico. In questo caso, nell'organo si formano diverse cisti. Questa patologia è spesso congenita. Crescere gradualmente un tumore di questo tipo può essere una vita. Può alterare in modo significativo la funzionalità del fegato.
  • Solitario. È caratterizzato da una forma rotonda e da un aumentato rischio di complicazioni. Possibile torsione della formazione delle gambe, sua suppurazione, rottura. Il suo diametro non supera i 3 cm, di solito non cresce e non richiede un intervento chirurgico, se non ci sono complicazioni. Ma ha bisogno di un monitoraggio costante.
  • La fibrosi cistica. Questa forma della malattia è più comune in un bambino ed è congenita. Una complicazione della malattia è la cirrosi, così come la mancanza di funzionalità (spesso acuta) del fegato.

Accade che un paziente abbia rare specie di formazioni - per esempio, una cisti avascolare (è caratterizzata da una mancanza di afflusso di sangue).

I tumori cistici possono consistere di una camera (cavità) e possono essere a più camere. Questi ultimi sono pericolosi in quanto possono essere riempiti con vari tipi di contenuti, quindi è richiesto un approccio scrupoloso specifico al trattamento.

Sintomi della malattia

Se un paziente ha una cisti del lobo sinistro o destro del fegato, una diagnosi approfondita aiuterà a stabilire le cause. È anche necessario correggere i reclami della persona.

Tuttavia, il dolore non è il sintomo principale. Il fegato non ha terminazioni nervose, quindi questo sintomo appare quando un tumore cresciuto viene colpito dagli organi adiacenti. Prima di questa patologia può verificarsi in forma latente.

Le prime manifestazioni di solito si osservano non quando sono presenti piccole cisti epatiche, ma quando raggiungono i 7-8 cm o se è interessato un quarto dell'intero organo.

I sintomi della patologia sono i seguenti:

  • dolore e pesantezza nel lato destro;
  • disagio allo stomaco;
  • un aumento dell'addome;
  • nausea e vomito, che dura a lungo;
  • ittero;
  • perdita di appetito, rapida perdita di peso;
  • debolezza generale, perdita di prestazioni;
  • eruttazione acida (con la pressione del fegato ingrossato sullo stomaco, il contenuto acido e il cibo possono essere rigettati nell'esofago);
  • aumento della temperatura corporea (in rari casi);
  • sudorazione eccessiva.

Una cisti che è comparsa nel lobo sinistro del fegato non può manifestarsi nel corso degli anni, tuttavia, se si verificano tali sintomi, allora parlano della progressione della malattia. Richiede una visita medica obbligatoria.

Stadi di sviluppo di una cisti parassitaria

Prima di curare una ciste epatica, è necessario considerare la fase del suo sviluppo. Dipende se una persona ha bisogno di usare droghe o di avere un'operazione.

Poiché il danno parassitario del fegato rappresenta la maggior parte di tutte le formazioni cistiche, nel suo esempio considereremo le fasi della progressione della malattia:

  1. Il primo stadio. I parassiti penetrarono nel corpo, iniziarono i loro effetti dannosi, una piccola porzione di tossine penetrò nel sangue. In questa fase, le difese sono in grado di mantenere la funzionalità del corpo nella norma. Non ci sono quasi sintomi
  2. Il secondo La neoplasia sta crescendo e presto inizia a fare pressione sull'organo, così appare il dolore; i prodotti di scarto di organismi alieni stanno già entrando nel flusso sanguigno, quindi sono possibili nausea, vertigini, ecc.
  3. Terzo. La cisti progredisce piuttosto rapidamente. Se non fai nulla, inizia il processo infiammatorio, la formazione inizia a marcire. In questo caso aumenta il rischio di rottura dell'organo. Il corpo può essere avvelenato dalle tossine, il che fa sentire vomito, svenimento, febbre, ecc.

Indipendentemente dalle cause della malattia, è necessario monitorarlo. Al primo segno di cambiamenti (crescita dell'istruzione, cambiamenti nel contenuto, infiammazione dei tessuti circostanti, ecc.), Dovrebbero essere prese appropriate misure terapeutiche.

Funzioni diagnostiche

Il trattamento delle cisti nel fegato inizia solo dopo un esame approfondito del paziente, che include:

  1. Stati Uniti.
  2. CT o RM. Questa diagnosi aiuta a determinare la dimensione del tumore, il numero di cisti. Queste tecniche consentono di determinare con maggiore precisione le cause dello sviluppo della patologia.
  3. Analisi di laboratorio L'analisi sierologica dei fluidi biologici permette di scoprire il tipo di neoplasma. Inoltre, vengono eseguite PCR del sangue, radioimmunodosaggio, ELISA, marcatori per la presenza di epatite.
  4. Porre le neoplasie per determinarne la composizione. Successivamente, viene effettuato l'esame batteriologico e citologico.
  5. Ecografia. In questo modo, puoi scoprire la densità dei contenuti della cisti.
  6. Angiografia del tronco celiaco.
  7. Scintigrafia con elementi di radioisotopi.
  8. Analisi istologica di una neoplasia al fine di stabilire se sia maligna o meno.

Non è necessario utilizzare tutti i metodi diagnostici. Ultrasuoni e test di laboratorio sono sufficienti.

Trattamento tradizionale

Nel trattamento della classificazione epatica dell'istruzione è di grande importanza. Lo schema terapeutico e il suo tipo dipendono da questo. Il trattamento di una ciste epatica è richiesto a causa di cambiamenti negativi nell'organo.

Se necessario, i seguenti farmaci sono prescritti al paziente:

  • multivitaminici (ad esempio, Complivit);
  • antibiotici;
  • agenti enzimatici;
  • preparazioni colagogo (ad esempio, Allohol);
  • adsorbenti: carbone attivo, Enterosgel;
  • epatoprotettori (Bicyclol);
  • antidolorifici (Amidopirina, Analgin).

Potresti anche aver bisogno di farmaci antiparassitari. La scelta dei farmaci dipende dalla causa della malattia e dai sintomi associati, dalle caratteristiche individuali del paziente.

Ora è chiaro come curare una cisti sul fegato senza un intervento chirurgico, ma questo non è sempre il caso. Se la terapia farmacologica non aiuta, si verifica la rimozione della cisti echinococcica del fegato (o del suo altro tipo). L'operazione è necessaria in caso di rottura delle pareti del neoplasma, rottura del tratto gastrointestinale, presenza di sanguinamento o di un forte processo infiammatorio, crescita dell'istruzione.

Il metodo più comune per affrontare la patologia è la puntura, che consente di eliminare il contenuto del tumore. Dopo di ciò, una medicina speciale viene introdotta nella cavità di formazione, che contribuisce all'adesione delle sue pareti.

Ci sono anche altri tipi di chirurgia:

  1. Cisti al fegato laparoscopia. Un intervento così semplice riduce il rischio di complicazioni, riduce il tempo di recupero della persona.
  2. Intervento radicale Tale intervento è necessario se il fegato è troppo danneggiato ed è impossibile curarlo. In questo caso viene applicato il trapianto di organi.
  3. Effetti palliativi Si verifica solo l'eliminazione del contenuto. Le pareti della neoplasia rimangono all'interno dell'organo.
  4. Chirurgia radicale condizionale. In questo caso, l'intera cisti viene rimossa, così come i tessuti interessati attorno ad esso, ma una parte dell'organo del paziente viene trattenuta.

Se i sintomi di cisti epatiche si riscontrano nelle donne, non automedicare. È necessario, al più presto, consultare un medico.

Rimedi popolari

Molti pazienti vogliono sapere come trattare una ciste epatica con rimedi popolari. Non sono una panacea e contribuiranno ad evitare l'intervento chirurgico solo in rari casi (se la neoplasia non progredisce e se le prescrizioni naturali sono utilizzate con la terapia raccomandata dal medico).

Nota: nel nostro articolo tutte le ricette popolari sono solo a scopo informativo. Da soli, non possono essere un trattamento per le formazioni cistiche progressive del fegato. Prima di utilizzare qualsiasi prodotto naturale, consultare il proprio medico curante!

Tali strumenti saranno utili:

  1. Celidonia. Ne viene ricavato un infuso. Richiede 1 cucchiaio. l. materie prime secche versare 0,5 litri di acqua bollente e insistere per 30 minuti. Il volume risultante dovrebbe essere bevuto durante il giorno in piccole porzioni. È importante ricordare che questa pianta è velenosa, quindi dovrebbe essere usata con attenzione. Donne in gravidanza, in allattamento, bambini sotto i 14 anni, anziani e persone deboli - tale medicinale non è raccomandato. Bere infusione 7 - 10 giorni, poi fare una pausa di una settimana e riprendere il trattamento.
  2. Scorzonera. Per preparare il brodo richiede 3 tazze di acqua bollita e 3 cucchiai. l. materie prime La miscela deve essere bollita per mezz'ora e allo stesso tempo insistere. Inoltre, lo strumento è preso a piccoli sorsi. Il volume risultante dovrebbe essere consumato al giorno. Il corso di terapia è 1 - 2 mesi.
  3. Succo di foglie di bardana. Bere dovrebbe essere tre volte in sostanza da 1 a 2 cucchiai. l. Il medicinale viene utilizzato 30-40 minuti prima dei pasti.
  4. Con il danno al fegato, il trattamento con uova di quaglia consente di migliorare le condizioni dell'apparato digerente, aumentare le difese dell'organismo e bloccare la crescita delle formazioni cistiche. Si consiglia ai guaritori di bere 5 uova crude a stomaco vuoto per 2 settimane, fare una pausa di 14 giorni e ripetere.

Regole di potenza

Basta usare i farmaci per sbarazzarsi della patologia non è abbastanza. Hai bisogno di una dieta con una ciste epatica.

Prevede l'esclusione di cibi grassi, cibi in scatola, così come prodotti con un gran numero di aromi, anche i piatti affumicati e fritti sono proibiti. È necessario abbandonare il succo di pomodoro, liquore, cioccolato.

Al paziente è permesso mangiare carne magra e pesce, frutta e verdura (sono ricchi di vitamine e microelementi), prodotti caseari. Il cibo per una ciste epatica nelle donne dovrebbe essere completo. Ma non mangiare quegli alimenti che aumentano il carico sul corpo.

Le regole generali per mangiare sono:

  • una proteina facilmente digeribile deve essere ingerita;
  • non escludere completamente i carboidrati;
  • mangiare il paziente dovrebbe essere frazionalmente in piccole porzioni (in modo ottimale 5 - 6 volte al giorno);
  • il menu deve contenere prodotti che producono un effetto coleretico;

La dieta comprende cereali, frutti di bosco, latticini.

Prognosi e possibili complicanze

Alla domanda "una ciste può dissolversi nel fegato?" È piuttosto difficile rispondere. Questo è possibile se rimuovi i fattori negativi che lo provocano. Inoltre scompare se la sua dimensione non è molto grande e non è causata da parassiti, non è innata.

La prognosi, con trattamento tempestivo, è favorevole. Tuttavia, in alcuni casi, la patologia può ripresentarsi e dare complicazioni:

  • la formazione di contenuti purulenti all'interno del tumore;
  • sanguinamento interno quando una cisti si rompe;
  • la diffusione di parassiti in tutto il corpo;
  • insufficienza epatica.

Con un trattamento tempestivo, il rischio di complicanze è minimo.

Prevenzione della patologia

Una cisti è una malattia complessa, che nella maggior parte dei casi non rappresenta un pericolo per il corpo. Se è pericoloso dipende dal tipo di patologia e dal grado della sua progressione. È meglio prevenire la malattia.

Per questo devono essere osservate le seguenti misure preventive:

  • evitare di bere acqua da fonti sconosciute;
  • se c'è il sospetto di infezione da elminti, allora è necessario esaminare e assumere farmaci per distruggere i vermi;
  • seguire le regole dell'igiene personale;
  • mangiare bene e non bere alcolici;
  • evitare danni al fegato;
  • eseguire esercizi fattibili;
  • osservare il regime del lavoro e del riposo;
  • trattare tempestivamente le malattie dell'apparato digerente e sottoporsi a esami programmati.

Una cisti nel fegato è una malattia insidiosa, in quanto non è sempre rilevata nelle fasi iniziali. Tuttavia, un trattamento tempestivo eliminerà il problema e preverrà il rischio di complicanze.

Il video di questo articolo parlerà delle formazioni del fegato cistico: perché si formano, come si manifestano e cosa deve essere fatto in questa situazione.

Cisti epatica

Cisti del fegato: formazione cavitaria focale del fegato, capsula del tessuto connettivo limitata con liquido all'interno. La cisti epatica si manifesta con dolore nell'ipocondrio destro, disagio epigastrico, nausea, dispepsia e asimmetria addominale. La diagnosi di cisti epatiche si basa su dati di scansione ultrasonica e tomografica. Il trattamento di una cisti epatica può includere la sua rimozione radicale (sbronza, resezione epatica, escissione delle pareti della cisti) o metodi palliativi (svuotamento, marsupializzazione della cisti, creazione di cisto-peristero-cistogastroanastomosi).

Cisti epatica

La cisti epatica è una formazione di cavità benigna piena di liquido, rivestita dall'interno da uno strato di epitelio cilindrico o cubico. Molto spesso, le cisti sono riempite con un liquido chiaro, inodore e incolore; più raramente, le cisti epatiche possono contenere una massa gelatinosa o un liquido verde-brunastro costituito da colesterolo, bilirubina, mucina, fibrina, cellule epiteliali. Quando le emorragie nella cavità del fegato cisti contenuti diventano emorragici; se infetto: cremoso, purulento.

Le cisti epatiche possono essere localizzate in diversi segmenti, lobi e persino legamenti del fegato, superficialmente o in profondità; a volte hanno un maglione sottile (gamba delle cisti). Il diametro delle cisti epatiche rilevabili varia da pochi millimetri a 25 centimetri o più. In epatologia e gastroenterologia, le cisti del fegato sono diagnosticate in circa lo 0,8% della popolazione. Nelle donne, le cisti del fegato sono rilevate 3-5 volte più spesso che negli uomini, di solito all'età di 40-50 anni. Secondo le osservazioni cliniche, le cisti epatiche possono essere combinate con la malattia del calcoli biliari, la cirrosi epatica, le cisti dei dotti biliari, l'ovaio policistico, il rene policistico e il pancreas.

motivi

Non c'è consenso sull'origine delle vere cisti del fegato non parassitarie. Alcuni autori sostengono che le cisti si formano a seguito di iperplasia infiammatoria delle vie biliari durante l'embriogenesi e la loro successiva ostruzione. Viene considerata la relazione tra l'insorgenza di una ciste epatica e di farmaci ormonali (estrogeni, contraccettivi orali).

La medicina moderna prevalente è la teoria che spiega l'insorgenza di cisti epatiche da dotti biliari intra-e interlobulari aberranti, che non sono inclusi nel sistema del tratto biliare durante lo sviluppo embrionale. La secrezione dell'epitelio di queste cavità chiuse porta all'accumulo di liquidi e alla loro trasformazione in una cisti del fegato. Questa ipotesi è confermata dal fatto che il segreto della cisti non contiene la bile, e la cavità di formazione non è comunicata con i dotti biliari funzionanti.

Le false cisti si formano a causa della necrosi dei tumori, del danno traumatico al fegato, della lesione parassitaria del fegato con ehonokkok, dell'ascesso amebico.

classificazione

Il concetto di "cisti del fegato" unisce forme nosologiche di varia origine. Prima di tutto, le cisti del fegato vere e false sono isolate. Le vere cisti sono di origine congenita e hanno un rivestimento epiteliale interno. Tra le vere formazioni solitarie ci sono cisti del fegato dermoide semplici, di ritenzione, cistoadenoma multicamera.

Le false cisti sono secondarie, acquisite; spesso formato dopo chirurgia, lesioni, infiammazione e quindi le pareti della loro cavità sono tessuto epatico fibroso modificato. Dal numero di cavità distinguono cisti singole e multiple del fegato. Con l'identificazione delle cisti in ogni segmento del fegato si parla di fegato policistico. Inoltre, le cisti del fegato non parassitarie e parassitarie sono isolate; questi ultimi, di norma, sono rappresentati da cisti echinococciche (echinococcosi epatica).

I sintomi di cisti al fegato

Le piccole cisti di fegato singole, di regola, non hanno manifestazioni cliniche. La sintomatologia si sviluppa spesso quando una cisti raggiunge una dimensione di 7-8 cm, e anche se sono colpite più cisti, almeno il 20% del volume del parenchima epatico.

In questo caso, vi è una sensazione di pienezza e pesantezza nell'ipocondrio destro e nell'epigastria, che aumentano dopo aver mangiato o lavorato. Sullo sfondo di un aumento delle cisti del fegato, si sviluppano sintomi dispeptici: eruttazione, nausea, vomito, flatulenza, diarrea. Tra gli altri sintomi non specifici che accompagnano lo sviluppo di cisti epatiche, nota debolezza, perdita di appetito, aumento della sudorazione, mancanza di respiro, febbre di basso grado.

Le cisti epatiche giganti causano l'allargamento addominale asimmetrico, l'epatomegalia, la perdita di peso, l'ittero. In alcuni casi, la cisti è palpabile determinata attraverso la parete addominale anteriore sotto forma di una formazione indolore fluttuante ed elastica nell'ipocondrio destro.

Complicata cisti epatica si sviluppa con emorragia nella sua parete o cavità, suppurazione, perforazione, torsione delle gambe della cisti e degenerazione maligna. Con emorragia, la rottura di una cisti o la penetrazione del suo contenuto negli organi adiacenti sviluppano un attacco acuto di dolore addominale. In questi casi, vi è un'alta probabilità di sanguinamento nella cavità addominale, peritonite. Quando viene premuto un dotto biliare nelle vicinanze, compare l'ittero e, una volta infettato, si forma un ascesso epatico.

Le cisti epatiche di Echinococco sono pericolose per la diffusione di parassiti per via ematogena con la formazione di focolai infettivi a distanza (per esempio, cisti polmonari echinococciche). Con il fegato policistico diffuso, l'insufficienza epatica può svilupparsi nel tempo.

Diagnosi di cisti epatiche

La maggior parte delle cisti del fegato sono rilevate casualmente durante un'ecografia addominale. Secondo l'ecografia, la cisti epatica è definita come una cavità ovale o arrotondata delimitata da una parete sottile con contenuto anecoico. Se c'è del sangue o del pus nella cavità della cisti, gli echi intraluminali diventano distinguibili. In alcuni casi, l'ecografia del fegato viene utilizzata per condurre la puntura percutanea della cisti, seguita dall'esame citologico e batteriologico del segreto.

Con l'aiuto di TC, risonanza magnetica, scintigrafia epatica, angiografia del tronco celiaco e arterie mesenterica, viene effettuata una diagnosi differenziale di una cisti epatica con emangioma, tumori dello spazio retroperitoneale, tumori dell'intestino tenue, pancreas, mesenteri, idroceli della cistifellea, lesioni metastatiche del fegato. In caso di dubbio sulla diagnosi, viene eseguita la laparoscopia diagnostica. Per escludere l'eziologia parassitaria delle cisti epatiche, vengono eseguiti specifici esami del sangue sierologici (ELISA, RNA).

Trattamento cisti epatica

I pazienti con cisti epatiche asintomatiche che non superano i 3 cm di diametro devono essere seguiti da un gastroenterologo (epatologo).

Le indicazioni per il trattamento chirurgico delle cisti del fegato operativamente fungono da complicazioni (sanguinamento, rottura, suppurazione, ecc.); cisti grandi e giganti (fino a 10 cm o più); compressione delle vie biliari con alterata bile; compressione del sistema venoso portale con lo sviluppo dell'ipertensione portale; gravi sintomi clinici che peggiorano la qualità della vita; ricorrenza di una cisti epatica dopo aver tentato di forarla. Il trattamento delle cisti epatiche parassitarie viene effettuato sotto la supervisione di uno specialista in malattie infettive o parassitologo.

Tutti gli interventi chirurgici eseguiti sulle cisti del fegato possono essere radicali, condizionatamente radicali e palliativi. I metodi radicali per le cisti solitarie includono la resezione epatica; in caso di policistico - trapianto di fegato. I metodi condizionalmente radicali possono includere l'esfoliazione (enucleazione) della cisti o l'escissione delle pareti della cisti. Quando si eseguono questi interventi, l'accesso laparoscopico minimamente invasivo è ampiamente utilizzato.

Gli interventi palliativi nelle cisti del fegato non implicano la rimozione della massa addominale e possono consistere in un'aspirazione mirata del contenuto della cisti con successiva sclerobliterazione della cavità; apertura, svuotamento e drenaggio della cavità residua della cisti; cisti di marsupializzazione; fenestrazione della cisti; cistoenterostomia o cistogastrostomia.

Un effetto duraturo dopo l'aspirazione percutanea di una cisti e il suo indurimento si ottiene con dimensioni relativamente piccole (fino a 5-6 cm) della cavità. Un'autopsia e un drenaggio esterno sono indicati per cisti epatiche post-traumatiche complicate da rottura o suppurazione del muro. La marsupializzazione (svuotamento della cisti con cucitura delle pareti fino ai margini della ferita operativa) viene effettuata alla localizzazione centrale della cisti nella porta epatica, compressione del tratto biliare, presenza di ipertensione portale. Fenestrazione - la dissezione e l'escissione delle pareti libere di cisti, di regola, è fatto ricorso a più cisti o al fegato policistico in assenza di segni di insufficienza renale ed epatica. In caso di cisti giganti, viene imposta la cistogastroanastomosi o cistoenteroanastomosi, cioè viene creato un messaggio tra la cavità della cisti epatica e la cavità dello stomaco o dell'intestino.

Prognosi per cisti epatica

Dopo la rimozione radicale delle cisti del fegato solitario, la prognosi è generalmente favorevole. Dopo interventi palliativi in ​​vari termini distanti, le cisti epatiche possono ripresentarsi, richiedendo ripetute misure terapeutiche.

Un progressivo aumento delle cisti epatiche non trattate può portare a numerose complicazioni pericolose. In caso di danno epatico diffuso, è possibile un esito fatale a causa di insufficienza epatica.

Cisti al fegato diagnostica

Durante l'esame clinico dei pazienti, la storia dell'anamnesi gioca un ruolo, quando i pazienti annotano la presenza di un tumore nell'ipocondrio destro, che esiste da molto tempo e lentamente aumenta. Il tumore palpabile è osservato in quasi tutti i pazienti. Allo stesso tempo, un tumore arrotondato, elastico e aderente associato al fegato si trova più spesso nella metà destra dell'organo. AE Borisov (2002) ha osservato che le cisti sono localizzate nella metà destra del fegato nel 55% dei pazienti. In caso di più cisti (policistico), viene palpato un fegato ingrossato e bitorzoluto.

Secondo la Mayo Clinic, solo il 17% dei pazienti prima dell'intervento chirurgico per le cisti solitarie aveva manifestazioni cliniche. A.C. Shapkin (1970) e B.V. Petrovsky (1972) ha notato che i sintomi clinici delle cisti del fegato solitario iniziano ad apparire quando una cisti raggiunge 5-7 cm di dimensione Il principale sintomo clinico è la presenza di un tumore palpabile al fegato, che aumenta lentamente.

Tra gli speciali metodi diagnostici, l'ultrasuono ha un vantaggio assoluto. La sua accuratezza diagnostica varia dal 90% al 100%. Il metodo consente di identificare le cisti con un diametro superiore a 5 mm. È semplice, conveniente e non invasivo. Le cisti non parassitarie del fegato sono definite come formazioni arrotondate con una capsula trasparente, che trasmettono bene onde ultrasoniche.

La diagnosi è più affidabile quando si nota l'effetto del miglioramento dell'immagine dalla parete della cavità cistica molto in relazione al sensore. In alcuni pazienti può essere rilevato un sedimento eterogeneo intraclastico, che si muove mentre il paziente cambia posizione durante lo studio.

Stati Uniti. Cisti epatica

Il fegato policistico ha una struttura acustica. È caratterizzato dalla presenza sullo sfondo di un fegato ingrossato di molteplici formazioni cavitarie di varie dimensioni in entrambi i lobi del fegato. I contenuti delle cisti sono trasparenti alle onde ultrasoniche. Le cavità sono generalmente arrotondate con contorni chiari. Un modello simile è osservato in alcuni casi anche nei reni.

Sugli ecografi oltre alle cisti, vengono di solito visualizzati i dotti biliari intraepatici estesi (colangiectectasia) e una colecisti allargata ingrandita. Le cisti sono spesso più piccole, di forma irregolare, localizzate superficialmente e nella maggior parte dei casi nel lobo sinistro del fegato.

Stati Uniti. Cisti del fegato Opisthorchosis

L'esame a raggi X consente di stabilire la presenza di cambiamenti nei contorni del fegato con una posizione elevata della cupola del diaframma nella cisti del lobo destro e, in alcuni casi, la calcificazione nelle pareti della cisti. Per eliminare la connessione della cisti con i dotti biliari, un certo numero di scienziati usa la colangiografia.

La tomografia computerizzata nella diagnosi di cisti epatiche, secondo alcuni autori, è superiore all'ecografia [Lyulinsky OM et al., 1990]. Il metodo consente di visualizzare più chiaramente la struttura della cisti e rivela cisti epatiche fino a 0,5 cm di diametro. La specificità dello studio è alta e varia dal 91 al 99% [Movchun AA et al., 1989]. Il criterio più importante per la diagnosi differenziale delle lesioni focali del fegato - i loro indici densitometrici. Con le cisti del fegato, il loro valore varia da 5 a 20 unità.

Sui tomogrammi computerizzati, le cisti epatiche sono definite come cavità omogenee con contorni chiari e uniformi. Nella cavità delle cisti non parassitarie possono esserci inclusioni dense, non omogenee, la cui densità è di 20-30 unità. La densità delle cisti non parassitarie è inferiore a quella delle cisti echinococciche del fegato. Le difficoltà sorgono nelle prime fasi dello sviluppo dei parassiti, quando gli indici densitometrici sono gli stessi per entrambe le patologie.

In alcuni casi con la tomografia computerizzata, le giovani cisti echinococciche sono indistinguibili da quelle non parassitarie [Viliavin M.Yu., 1986]. Quando la tomografia computerizzata nel 65% dei pazienti con echinococcosi nella cavità delle cisti ha rilevato vesciche figlia.

La laparoscopia è un metodo tradizionale e abbastanza efficace nella diagnosi delle cisti epatiche.

Le cisti non parassitarie del fegato durante la laparoscopia sono descritte come la formazione di una forma arrotondata da un muro persistente di colore biancastro o grigio-rosa [Wagner EA., 1981; Volokh Yu.A., 1987]. In caso di fegato policistico, sono visibili più cisti rosate, scure o verdastre di varie dimensioni. L'uso della laparoscopia nella diagnosi di malattia epatica policistica, alcuni scienziati considerano obbligatorio [Rustamov I.R., 1979; Chervinsky AA, 1986].

Secondo B.I. Alperovich et al. (1985) e N.A. Brazhnikova (1988), il metodo è particolarmente efficace per cisti di genesi di opisthorchosis, situato, di regola, superficialmente. Si tratta di formazioni a pareti sottili di piccole dimensioni con contenuti trasparenti. Sono più spesso localizzati sulla superficie diaframmatica del lobo sinistro del fegato. La grande colecisti distesa e le colangiectectasie sulla superficie ventrale del fegato confermano la natura di opistococcosi delle formazioni trovate. La laparoscopia è particolarmente informativa quando si localizzano le cisti nei segmenti II, III, V e nella parte inferiore del segmento IV. La parte mediale del segmento VI è chiaramente visibile, ma l'esame dei segmenti VII e VIII è difficile.

L'uso di manipolatori aumenta il valore diagnostico del metodo all'85-93%.

L'angiografia è un metodo valido per la diagnosi di cisti epatiche di qualsiasi eziologia. L'immagine vasografica delle cisti epatiche è abbastanza tipica. Sugli angiogrammi viene determinata l'area avascolare in base alla posizione della cisti nel fegato. I vasi vengono messi da parte dalla cisti fino al bordo e avvolti attorno alla periferia come "le dita che tengono una palla". Dalla zona avascolare si nota l'amputazione di piccoli rami vascolari.

Un certo numero di scienziati ritiene che con le formazioni ipervascolari del fegato (emangiomi, tumori maligni) la ricerca angiografica sia più informativa e, con le formazioni ipovascolari, le possibilità del metodo siano molto più basse [Volynsky Yu.O., 1990]. Kan Ki Bo (1986) crede che quando si confrontano i vasi epatici non ci siano segni diretti, peculiari solo delle cisti del fegato, segni di danno, e quelli indiretti non permettono di chiarirne la localizzazione e il numero.

Il metodo dovrebbe essere usato in casi speciali per diagnosi differenziale con tumori epatici. N. Vlahov et al. (1990) con grandi cisti epatiche complicate da ipertensione portale, considerano necessario effettuare un'angiografia per stabilire l'operabilità del paziente.

La scintigrafia epatica per cisti rivela aree di difetti nell'accumulo del radiofarmaco nell'area della formazione, ma non determina con precisione la natura della lesione e la topografia della cisti. Il metodo consente di stabilire il grado di coinvolgimento del parenchima epatico nel processo patologico e di identificare i fuochi freddi nel fegato nel 61% dei pazienti e con una dimensione della cisti superiore a 5 cm - nel 73,3% dei pazienti [Borisov AE, 2002].

Algoritmo diagnostico

• Studio clinico.
• Ricerca di laboratorio (test per echinococcosi, oftalchiasi, emocromo completo).
• Esame ecografico del fegato e dei reni.
• Tomografia computerizzata.
• Laparoscopia.
• Con una diagnosi poco chiara - angiografia.

Diagnostica differenziale

Le cisti epatiche devono essere differenziate dalle cisti parassitarie in echinococcosi e opistorsiasi, grandi cavità di disintegrazione in alveococcosi e cancro del fegato. Quando cisti parassitiche caratteristica ecografia e immagine a raggi X (calcificazione della capsula, la presenza di bolle di figlia, cambiamenti caratteristici nei dotti biliari durante l'invasione di opistorchosi), nonché reazioni immunologiche.

Con alveococcosi con grosse cavità parassitarie, le pareti di quest'ultimo sono irregolari e molto più spesse rispetto alle cisti convenzionali, ci possono essere sequestratori nella cavità. Nel cancro, rapida crescita del tumore e cachessia progressiva, una reazione positiva all'α-fetoproteina.

Trattiamo il fegato

Trattamento, sintomi, droghe

Cisti epatica avascolare di cosa si tratta

Cisti epatica

La cisti epatica rappresenta un grave pericolo per la vita. Poiché il fegato è l'unico filtro nel corpo umano, è sotto una tremenda pressione. Qualsiasi problema in questo filtro è pieno di avvelenamento del corpo con sostanze tossiche.

Sommario:

Lavorando in questa modalità, senza esame e prevenzione, il corpo è incline alla formazione di una cisti. Quali sono le conseguenze del suo aspetto e perché l'ecografia del fegato dovrebbe essere eseguita regolarmente - questo articolo discuterà.

Cos'è una ciste epatica

In sostanza, è un tumore. Può essere localizzato in qualsiasi parte del fegato e colpire i suoi legamenti o superficie. La nuova crescita è considerata benigna. Una cisti è una capsula di dimensioni variabili da alcuni millimetri a 25 centimetri, coperta all'interno con un epitelio cilindrico o cubico e piena di liquido.

Se si verifica un'emorragia nel tumore o un'infezione, questo fluido si trasformerà in una massa emorragica o purulenta.

Di norma, la malattia viene diagnosticata all'età di 35-55 anni. Molto spesso le donne ne soffrono (3 - 5 volte).

I tumori del fegato sono divisi in parassiti e non parassitari.

La cisti parassitaria può essere di due tipi:

  • echinococco. Lei è provocata da tenie. Nella maggior parte dei casi, questo tipo di cisti infetta il lobo destro dell'organo.
  • alveokokkovaya. Neoplasia si verifica a causa di parassitizzazione dei platelminti (cestodi) allo stadio larva.

Le cisti non parassitarie sono divise in:

  • vero. Questo tipo viene diagnosticato più spesso. La formazione di cisti causa uno sviluppo anormale dei dotti biliari.
  • falsa. La cisti appare a causa della rottura del fegato nella sua ferita. Molto spesso il lobo sinistro soffre.

Le cisti epatiche possono essere singole o multiple. Questi ultimi sono formati da 2 o più, colpendo un terzo di uno dei lobi dell'organo.

Fasi di sviluppo della cisti nel fegato

L'intero ciclo, a partire dal momento dell'infezione, è diviso in tre periodi:

  • il primo stadio è la penetrazione dei parassiti nel sangue e nel fegato e la formazione di una cisti. In questa fase, il sistema immunitario e il corpo stesso sono in grado di mantenere il normale funzionamento del corpo. Di norma, questa fase dura a lungo ed è asintomatica.
  • il secondo stadio è un aumento delle dimensioni del tumore e la formazione di una "gamba" in esso, che cade nella cavità addominale. La cisti raggiunge dimensioni tali da provocare pressione sul fegato e causare dolore a una persona.
  • la terza fase è la rapida progressione della crescita dell'istruzione. Accompagnato da infiammazione e suppurazione. In questa fase, vi è un'alta probabilità di rottura del fegato, ma tali casi sono rari.

Cause di cisti al fegato

Sfortunatamente, le cause delle cisti del fegato non sono completamente chiarite, ma i medici e i ricercatori sono inclini a credere che possa verificarsi una formazione benigna di un organo nel caso di:

  • ostruzione, infiammazione e ostruzione delle vie biliari del fegato (versione dominante)
  • trasmissione ereditaria
  • terapia ormonale
  • danno d'organo meccanico
  • infezione parassitaria

Per formare una cisti, uno dei fattori elencati è sufficiente. Se gli elminti diventano la causa, la persona è in grado di liberarsene solo con l'aiuto di mezzi speciali, ma ciò non fermerà lo sviluppo di una cisti - sarà necessario un trattamento serio.

I sintomi di cisti al fegato

Se il tumore è singolo o non ha raggiunto dimensioni sufficienti per esercitare pressione sul fegato, la persona non può notare alcun sintomo della malattia. In questa fase, la cisti può essere rilevata solo per caso dall'ecografia dell'organo.

Quando la neoplasia aumenta da 7 a 8 centimetri, iniziano a comparire segni non specifici:

  • debolezza generale
  • eruttazione, nausea, vomito
  • sensazione di pesantezza e scoppio sotto le costole sul lato destro durante l'esercizio o dopo aver mangiato
  • sconvolgimento intestinale e formazione di gas
  • scarso appetito, in alcuni casi - rifiuto di mangiare
  • desudation

con grandi cisti o formazioni multiple, è anche possibile:

  • perdita di peso
  • aumento dell'addome da un lato (a causa di epatomegalia - un aumento del fegato)
  • ittero e febbre di basso grado (intermittente)

In caso di complicazioni nel corso della malattia, sono probabili emorragie, suppurazioni e perforazioni. La persona è disturbata da attacchi di dolore addominale. Quando una cisti è grande, può essere avvertita attraverso la parete addominale durante la palpazione.

diagnostica

Le cisti del fegato possono essere rilevate dagli ultrasuoni. Nella maggior parte dei casi, questo è ciò che accade. Se si sospetta un tumore, il medico deve indirizzare il paziente a un esame speciale dell'organo. Questi includono:

  • ecografia: a causa degli echi, è possibile determinare il tumore e la densità dei suoi contenuti
  • La diagnosi di risonanza magnetica può distinguere una cisti dall'emangioma. Una diagnosi più accurata aiuterà a ottenere laparoscopia.
  • tomografia computerizzata
  • angiografia del tronco celiaco
  • puntura della cisti, esame citologico e batteriologico dei campioni prelevati
  • scintigrafia - uno studio basato sull'introduzione di isotopi radioattivi per visualizzare i disturbi
  • esame del sangue sierologico per escludere l'origine della cisti parassitaria

trattamento

Ad oggi, il trattamento delle cisti del fegato è quello di rimuovere il tumore (eccetto quando la sua dimensione non supera i 3 centimetri). I chirurghi usano 2 tecniche:

  • palliativo, che implica l'apertura del tumore e il suo svuotamento, cucendo la ferita con i bordi della cisti e il citogastroanastamoz (combinazione di vasi, vene, condotti)
  • condizionatamente radicale, compresa l'eliminazione della parte malata del fegato, l'esfoliazione della cisti e l'escissione del suo muro

Dopo l'intervento, il paziente inizia a prendere i farmaci per ripristinare il fegato. Inoltre, il trattamento deve necessariamente includere farmaci per mantenere le funzioni protettive del corpo. La deviazione dal programma di trattamento e la violazione delle raccomandazioni del medico curante possono portare all'interruzione del lavoro non solo del fegato, ma anche di altri organi.

Rimedi popolari

Brodi e infusi di piante medicinali possono fornire un potente supporto al corpo nella lotta contro i tumori e nel restauro del fegato dopo l'intervento chirurgico. Ma il loro ricevimento incontrollato può essere disastroso, quindi il trattamento delle cisti epatiche con le erbe, il loro dosaggio e la frequenza di ammissione devono essere concordati con il medico.

Sostanze attive in modo efficace contenute nei seguenti impianti:

  • bardana (radice e succo)
  • celidonia (succo)
  • pinoli (conchiglia)
  • cardo mariano
  • millefoglie
  • scaletta intelligente
  • verbasco
  • valeriana

Oltre alle erbe, un risultato positivo è l'uso di uova di quaglia, così come la tintura di Kombucha

Effetti cisti al fegato

La probabilità di recidiva dopo la rimozione di una cisti solitaria è bassa, ma il paziente deve continuare a seguire una dieta e visitare un gastroenterologo-epatologo per i test di controllo.

Se è stata eseguita una puntura nel caso di una tale cisti, allora c'è la probabilità che il tumore si riformi sia immediatamente dopo l'intervento chirurgico che dopo un lungo periodo di tempo.

Se il fegato non viene trattato, la crescita del tessuto tumorale può portare a:

  • rottura della cisti
  • infiammazione e pus
  • cisti sanguinanti
  • elminio nella cavità addominale
  • insufficienza epatica

L'ultima complicazione finisce spesso con la morte.

prevenzione

Al fine di prevenire la comparsa di tumori nel fegato, con il trattamento non invasivo delle cisti, così come dopo l'intervento chirurgico, è necessario:

  • regolare la potenza
  • fare un esercizio moderato di abitudine
  • osserva il regime del riposo e del cibo
  • visita sistematicamente il medico per l'esame e conduci un'ecografia degli organi addominali (annualmente)
  • effettuare la prevenzione delle infezioni da elminti (specialmente dopo aver visitato paesi in cui la probabilità di infezione è alta)

La dieta delle cisti al fegato implica il divieto di alcuni alimenti e l'introduzione di altri nella dieta.

  • bevande gassate
  • dolce
  • caffè
  • condimenti e spezie
  • tutto fritto, speziato, affumicato e salato

Nel solito menu si consiglia di inserire:

Tutti i prodotti devono essere accuratamente lavati, puliti e sottoposti a un trattamento termico approfondito.

Mangiare proteine ​​dovrebbe essere proteine ​​facilmente digeribili - da 120 grammi al giorno, la quantità di grasso non dovrebbe superare gli 80 grammi.

Il consumo giornaliero è consentito non più di 3000 Kcal. Il potere deve essere frazionario.

È realistico che la cisti epatica venga diagnosticata nella fase in cui non è pericolosa, dando così all'organismo l'opportunità di una completa riabilitazione e riducendo al minimo la probabilità di ricadute.

L'importante è essere esaminati regolarmente e ricordare che la prevenzione può salvare non solo la salute, ma anche la vita.

I problemi al fegato sono iniziati circa un anno fa, per poi essere ricoverato in ospedale per un lungo periodo di tempo. Il.

Non ho avuto alcuna diagnosi specifica per il fegato, ho appena preso una grande partecipazione nella gravidanza.

Per curare il fegato di tutti i tipi di pillole e iniezioni che non sono sufficientemente trattati. È necessario dopo il suo trattamento e.

La copia dei materiali dal sito è consentita solo con il consenso dell'editore o con un link indicizzato attivo alla fonte

Attenzione! Le informazioni pubblicate sul sito sono solo a scopo informativo e non costituiscono una raccomandazione per l'uso. Assicurati di consultare il tuo medico!

Cisti epatica

Cisti del fegato: formazione cavitaria focale del fegato, capsula del tessuto connettivo limitata con liquido all'interno. La cisti epatica si manifesta con dolore nell'ipocondrio destro, disagio epigastrico, nausea, dispepsia e asimmetria addominale. La diagnosi di cisti epatiche si basa su dati di scansione ultrasonica e tomografica. Il trattamento di una cisti epatica può includere la sua rimozione radicale (sbronza, resezione epatica, escissione delle pareti della cisti) o metodi palliativi (svuotamento, marsupializzazione della cisti, creazione di cisto-peristero-cistogastroanastomosi).

Cisti epatica

La cisti epatica è una formazione di cavità benigna piena di liquido, rivestita dall'interno da uno strato di epitelio cilindrico o cubico. Molto spesso, le cisti sono riempite con un liquido chiaro, inodore e incolore; più raramente, le cisti epatiche possono contenere una massa gelatinosa o un liquido verde-brunastro costituito da colesterolo, bilirubina, mucina, fibrina, cellule epiteliali. Quando le emorragie nella cavità del fegato cisti contenuti diventano emorragici; se infetto: cremoso, purulento.

Le cisti epatiche possono essere localizzate in diversi segmenti, lobi e persino legamenti del fegato, superficialmente o in profondità; a volte hanno un maglione sottile (gamba delle cisti). Il diametro delle cisti epatiche rilevabili varia da pochi millimetri a 25 centimetri o più. In epatologia e gastroenterologia, le cisti del fegato sono diagnosticate in circa lo 0,8% della popolazione. Nelle donne, le cisti del fegato sono rilevate 3-5 volte più spesso che negli uomini, di solito in età. Secondo le osservazioni cliniche, le cisti epatiche possono essere combinate con la malattia del calcoli biliari, la cirrosi epatica, le cisti dei dotti biliari, l'ovaio policistico, il rene policistico e il pancreas.

Classificazione delle cisti epatiche

Il concetto di "cisti del fegato" unisce forme nosologiche di varia origine. Prima di tutto, le cisti del fegato vere e false sono isolate. Le vere cisti sono di origine congenita e hanno un rivestimento epiteliale interno. Tra le vere formazioni solitarie ci sono cisti del fegato dermoide semplici, di ritenzione, cistoadenoma multicamera.

Le false cisti sono secondarie, acquisite; spesso formato dopo chirurgia, lesioni, infiammazione e quindi le pareti della loro cavità sono tessuto epatico fibroso modificato. Dal numero di cavità distinguono cisti singole e multiple del fegato. Con l'identificazione delle cisti in ogni segmento del fegato si parla di fegato policistico. Inoltre, le cisti del fegato non parassitarie e parassitarie sono isolate; questi ultimi, di norma, sono rappresentati da cisti echinococciche (echinococcosi epatica).

Cause di cisti al fegato

Non c'è consenso sull'origine delle vere cisti del fegato non parassitarie. Alcuni autori sostengono che le cisti si formano a seguito di iperplasia infiammatoria delle vie biliari durante l'embriogenesi e la loro successiva ostruzione. Viene considerata la relazione tra l'insorgenza di una ciste epatica e di farmaci ormonali (estrogeni, contraccettivi orali).

La medicina moderna prevalente è la teoria che spiega l'insorgenza di cisti epatiche da dotti biliari intra-e interlobulari aberranti, che non sono inclusi nel sistema del tratto biliare durante lo sviluppo embrionale. La secrezione dell'epitelio di queste cavità chiuse porta all'accumulo di liquidi e alla loro trasformazione in una cisti del fegato. Questa ipotesi è confermata dal fatto che il segreto della cisti non contiene la bile, e la cavità di formazione non è comunicata con i dotti biliari funzionanti.

Le false cisti si formano a causa della necrosi dei tumori, del danno traumatico al fegato, della lesione parassitaria del fegato con ehonokkok, dell'ascesso amebico.

I sintomi di cisti al fegato

Le piccole cisti di fegato singole, di regola, non hanno manifestazioni cliniche. La sintomatologia si sviluppa spesso quando una cisti raggiunge una dimensione di 7-8 cm, e anche se sono colpite più cisti, almeno il 20% del volume del parenchima epatico.

In questo caso, vi è una sensazione di pienezza e pesantezza nell'ipocondrio destro e nell'epigastria, che aumentano dopo aver mangiato o lavorato. Sullo sfondo di un aumento delle cisti del fegato, si sviluppano sintomi dispeptici: eruttazione, nausea, vomito, flatulenza, diarrea. Tra gli altri sintomi non specifici che accompagnano lo sviluppo di cisti epatiche, nota debolezza, perdita di appetito, aumento della sudorazione, mancanza di respiro, febbre di basso grado.

Le cisti epatiche giganti causano l'allargamento addominale asimmetrico, l'epatomegalia, la perdita di peso, l'ittero. In alcuni casi, la cisti è palpabile determinata attraverso la parete addominale anteriore sotto forma di una formazione indolore fluttuante ed elastica nell'ipocondrio destro.

Complicata cisti epatica si sviluppa con emorragia nella sua parete o cavità, suppurazione, perforazione, torsione delle gambe della cisti e degenerazione maligna. Con emorragia, la rottura di una cisti o la penetrazione del suo contenuto negli organi adiacenti sviluppano un attacco acuto di dolore addominale. In questi casi, vi è un'alta probabilità di sanguinamento nella cavità addominale, peritonite. Quando viene premuto un dotto biliare nelle vicinanze, compare l'ittero e, una volta infettato, si forma un ascesso epatico.

Le cisti epatiche di Echinococco sono pericolose per la diffusione di parassiti per via ematogena con la formazione di focolai infettivi a distanza (per esempio, cisti polmonari echinococciche). Con il fegato policistico diffuso, l'insufficienza epatica può svilupparsi nel tempo.

Diagnosi di cisti epatiche

La maggior parte delle cisti del fegato sono rilevate casualmente durante un'ecografia addominale. Secondo l'ecografia, la cisti epatica è definita come una cavità ovale o arrotondata delimitata da una parete sottile con contenuto anecoico. Se c'è del sangue o del pus nella cavità della cisti, gli echi intraluminali diventano distinguibili. In alcuni casi, l'ecografia del fegato viene utilizzata per condurre la puntura percutanea della cisti, seguita dall'esame citologico e batteriologico del segreto.

Con l'aiuto di TC, risonanza magnetica, scintigrafia epatica, angiografia del tronco celiaco e arterie mesenterica, viene effettuata una diagnosi differenziale di una cisti epatica con emangioma, tumori dello spazio retroperitoneale, tumori dell'intestino tenue, pancreas, mesenteri, idroceli della cistifellea, lesioni metastatiche del fegato. In caso di dubbio sulla diagnosi, viene eseguita la laparoscopia diagnostica. Per escludere l'eziologia parassitaria delle cisti epatiche, vengono eseguiti specifici esami del sangue sierologici (ELISA, RNA).

Trattamento cisti epatica

I pazienti con cisti epatiche asintomatiche che non superano i 3 cm di diametro devono essere seguiti da un gastroenterologo (epatologo).

Le indicazioni per il trattamento chirurgico delle cisti del fegato operativamente fungono da complicazioni (sanguinamento, rottura, suppurazione, ecc.); cisti grandi e giganti (fino a 10 cm o più); compressione delle vie biliari con alterata bile; compressione del sistema venoso portale con lo sviluppo dell'ipertensione portale; gravi sintomi clinici che peggiorano la qualità della vita; ricorrenza di una cisti epatica dopo aver tentato di forarla. Il trattamento delle cisti epatiche parassitarie viene effettuato sotto la supervisione di uno specialista in malattie infettive o parassitologo.

Tutti gli interventi chirurgici eseguiti sulle cisti del fegato possono essere radicali, condizionatamente radicali e palliativi. I metodi radicali per le cisti solitarie includono la resezione epatica; in caso di policistico - trapianto di fegato. I metodi condizionalmente radicali possono includere l'esfoliazione (enucleazione) della cisti o l'escissione delle pareti della cisti. Quando si eseguono questi interventi, l'accesso laparoscopico minimamente invasivo è ampiamente utilizzato.

Gli interventi palliativi nelle cisti del fegato non implicano la rimozione della massa addominale e possono consistere in un'aspirazione mirata del contenuto della cisti con successiva sclerobliterazione della cavità; apertura, svuotamento e drenaggio della cavità residua della cisti; cisti di marsupializzazione; fenestrazione della cisti; cistoenterostomia o cistogastrostomia.

Un effetto duraturo dopo l'aspirazione percutanea di una cisti e il suo indurimento si ottiene con dimensioni relativamente piccole (fino a 5-6 cm) della cavità. Un'autopsia e un drenaggio esterno sono indicati per cisti epatiche post-traumatiche complicate da rottura o suppurazione del muro. La marsupializzazione (svuotamento della cisti con cucitura delle pareti fino ai margini della ferita operativa) viene effettuata alla localizzazione centrale della cisti nella porta epatica, compressione del tratto biliare, presenza di ipertensione portale. Fenestrazione - la dissezione e l'escissione delle pareti libere di cisti, di regola, è fatto ricorso a più cisti o al fegato policistico in assenza di segni di insufficienza renale ed epatica. In caso di cisti giganti, viene imposta la cistogastroanastomosi o cistoenteroanastomosi, cioè viene creato un messaggio tra la cavità della cisti epatica e la cavità dello stomaco o dell'intestino.

Prognosi per cisti epatica

Dopo la rimozione radicale delle cisti del fegato solitario, la prognosi è generalmente favorevole. Dopo interventi palliativi in ​​vari termini distanti, le cisti epatiche possono ripresentarsi, richiedendo ripetute misure terapeutiche.

Un progressivo aumento delle cisti epatiche non trattate può portare a numerose complicazioni pericolose. In caso di danno epatico diffuso, è possibile un esito fatale a causa di insufficienza epatica.

Cisti del fegato - trattamento a Mosca

Manuale delle malattie

Malattie degli organi digestivi

Ultime notizie

  • © 2018 Bellezza e medicina

inteso solo come riferimento

e non sostituisce l'assistenza medica qualificata.

Cosa minaccia una cisti nel fegato, da quello che succede e come rimuoverlo?

Il fegato è una stazione di disintossicazione del nostro corpo, un organo che disinfetta costantemente un'enorme quantità di sostanze nocive. È molto paziente - fa male già quando la malattia è andata molto lontano, quindi, è necessario controllare sistematicamente le condizioni del fegato.

Spesso il reperto con uno studio ecografico di questo organo è una formazione come una ciste epatica, che è benigna e si verifica quando ci sono fattori predisponenti.

Il concetto e il codice della malattia secondo ICD-10

Una cisti epatica è un concetto generalizzato che implica la presenza di una cavità in essa piena di liquido o secrezione. Una cisti può verificarsi su qualsiasi parte del fegato e sulla superficie o all'interno dell'organo.

Secondo l'ICD-10, le cisti del fegato appartengono alla classe "Altre malattie del fegato specificate" con il codice di malattia K76.8.

cause di

Secondo i segni morfologici, le cisti del fegato si dividono in:

Non esiste una teoria comune e univoca sulla causa di una ciste non parassitaria. Ma la maggior parte degli esperti ritiene che si tratti di dotti biliari spontanei, che nel corso della vita crescono con il corpo e che successivamente si trasformano in cavità, ricoperti di epitelio e pieni di liquido.

La causa delle cisti parassitarie sono le larve di tenia (cysticercus, echinococcus), per le quali tale cisti è una sorta di capsula per lo sviluppo intermedio.

classificazione

La struttura delle pareti della cisti è divisa in:

Per il numero di entità:

  • sottocapsulare (sulla superficie);
  • parenchimale (all'interno del corpo).

Le cisti parassitarie, a seconda dell'agente patogeno, sono suddivise in:

hydatid

Una cisti epatica si forma a causa dell'infezione da parte delle larve del verme Echinococcus granulosus. L'uomo è il proprietario intermedio del parassita, nel cui fegato si insediano le larve.

solitario

La formazione di cisti si verifica quando una persona è infettata da cisticercosi - una lesione dell'organo da parte delle larve di maiale Cysticercus cellulosae. In questo caso, la persona è anche l'ospite intermedio del parassita, le cui larve vivono nel fegato e formano bolle, a volte formando gruppi.

Foto di una cisti solitaria al fegato

Nel corso del tempo, il guscio della bolla diventa calcificato e diventa duro, il che non impedisce al parassita interno di rimanere vitale.

piccolo

Se la diagnosi di una ciste non parassitaria è già stata confermata e la sua dimensione non supera i 4-5 cm, l'osservazione dinamica è accettabile. Se vi sono dubbi che la cisti non sia parassitaria, è necessario un ulteriore esame.

multiplo

I medici interpretano la presenza di più cisti nel corpo come malattia policistica, che è cronica e porta a insufficienza epatica.

Le cisti non sono malattie ereditarie, ma va tenuto presente che la propensione a una malattia come la malattia policistica è un fattore ereditato geneticamente.

sintomi

I sintomi della formazione cistica dipendono dalla natura e dalle dimensioni. Le piccole cisti di solito non sono pericolose e non si mostrano.

Con un aumento delle dimensioni si possono osservare più di 5 cm:

  • fegato ingrossato;
  • dolore nell'ipocondrio destro;
  • ittero ostruttivo.

In caso di lesione parassitaria, vengono aggiunti i sintomi gastrointestinali:

Il danno epatico multiplo è caratterizzato da segni di insufficienza epatica:

  • perdita di appetito;
  • vomito;
  • aumento della dimensione dell'addome;
  • il dolore;
  • gonfiore degli arti.

Patologia in un bambino

Nei bambini, le cisti del fegato sono generalmente congenite (cisti vere).

Altre cause della formazione di cisti in un bambino possono essere:

  • danno epatico;
  • processi infiammatori o infettivi (ittero, rosolia, infezione adenovirale);
  • chirurgia epatica;
  • infezione da parassita.

Qual è il rischio di malattia?

Le complicanze della malattia devono affrontare le seguenti conseguenze:

  • spremitura dei dotti biliari e violazione del deflusso della bile;
  • cambiamenti nella struttura del tessuto epatico e sviluppo del fallimento;

Spesso una cisti suppura, che minaccia di romperla, e come risultato, ci sono:

Pertanto, un forte dolore all'addome - una ragione per il trattamento immediato per uno specialista.

diagnostica

Spesso nella pratica clinica accade che un medico ecografico rileva accidentalmente una formazione cistica e offre un'osservazione dinamica. Questa tattica non è del tutto corretta, perché le cisti del fegato possono essere un sintomo di altre malattie, persino una manifestazione di processi neoplastici.

Pertanto, ogni volta che viene rilevata una cisti epatica, è consigliabile contattare un'istituzione specializzata che tratta i pazienti con questo profilo.

Se parliamo con quale dottore si osserva meglio, allora è meglio rivolgersi a un chirurgo, ed è auspicabile che il medico stesso possegga il metodo ecografico, perché a volte solo con piccoli e piccoli segni si può determinare se una cisti è una manifestazione di un'altra malattia.

Se vi sono dubbi che la cisti non sia parassitaria, è necessario un ulteriore esame.

Non è facile distinguere una cisti non parassitaria da una cisti parassitaria, specialmente se è piccola. Per identificare il parassita sono necessari test addizionali per test sierologici.

Trattamento di varie cisti epatiche

Se la diagnosi di una ciste non parassitaria è già stata confermata e la sua dimensione non supera i 4-5 cm, l'osservazione dinamica è accettabile.

Se viene stabilita la diagnosi di echinococcosi o cisticercosi, l'osservazione dinamica non è accettabile. Una cisti parassitaria, indipendentemente dal fatto che si manifesti con qualche sintomo o meno, richiede un trattamento.

Molto spesso, questo trattamento è chirurgico, ma è importante rilevare una cisti il ​​più presto possibile - se non ha ancora raggiunto i 3 cm, può essere curata senza alcun intervento chirurgico a causa di particolari preparazioni.

farmaci

La terapia farmacologica viene effettuata con cisti echinococciche e solitarie per distruggere le larve dei parassiti. reception carica dal:

  • farmaci antiparassitari;
  • mezzi per mantenere la funzione epatica;
  • farmaci anti-infiammatori.

operazione

Oggi, la rimozione della cisti viene eseguita per via laparoscopica senza l'uso di grandi operazioni traumatiche.

Tuttavia, con suppurazione della formazione o con una cisti di grandi dimensioni, l'operazione può essere eseguita con i seguenti metodi:

  1. Chirurgia aperta con orlatura dei bordi della capsula alla parete anteriore del peritoneo e successivo drenaggio del contenuto.
  2. Rimozione di una cisti con una porzione del tessuto epatico modificato.
  3. In caso di lesioni epatiche multiple, viene eseguita la resezione di una parte dell'organo.
  4. Se ci sono complicazioni, viene eseguita la pericistectomia: rimozione del parassita con la membrana fibrosa.

Dopo l'operazione, su indicazione dell'OMS, il paziente deve essere monitorato da un medico per 10 anni. E solo dopo questo periodo, in assenza di ricadute, una persona è completamente guarita.

Rimedi popolari

Senza dubbio, tutti sono interessati alla domanda se una cisti possa risolversi da sola. Tali casi sono noti, ma a questo scopo la formazione non dovrebbe essere parassitaria e di piccole dimensioni. Per questo vengono usati i rimedi popolari:

  1. Radice di bardana Un cucchiaio di radici secche versare un bicchiere d'acqua e far bollire per 15 minuti. Insistere, filtrare e prendere un terzo di bicchiere per 20 minuti prima di un pasto.
  2. Succo di bardana Viene spremuto dalle foglie della pianta, diluito con acqua 1: 1 e bevuto 2 cucchiai tre volte al giorno prima dei pasti.
  3. Celidonia. Un cucchiaio di erba secca deve essere versato 0, 5 litri di acqua bollente, insistere e bere un sorso durante il giorno.
  4. Nard. Le radici della pianta (100 g) versare un litro d'acqua, aggiungere 1 cucchiaio. cucchiaio di lievito secco e lasciare per due giorni in un luogo buio. Va bevuto dopo mezz'ora dopo aver mangiato non più di 100 g.

dieta

Il più delle volte, quando una ciste epatica non richiede una dieta speciale. Può essere raccomandato se il flusso biliare è compromesso per migliorare la funzionalità epatica. Le raccomandazioni sono fatte per escludere dalla dieta quanto segue:

  • cibi e cibi grassi;
  • tutto in scatola, affumicato, salato;
  • caffè e soda;
  • funghi.

Si consiglia di utilizzare di più:

  • latticini (in particolare fiocchi di latte);
  • fegato di manzo;
  • cereali;
  • succhi di frutta freschi;
  • frutta, verdura in qualsiasi forma (il melone del fegato apporta benefici particolari).

Recensioni

Ha subito un'ecografia della cavità addominale, a seguito della quale è stata trovata una cisti sul fegato di 2 cm. Il dottore ha detto che molte persone hanno una tale cisti e che devi solo osservarla. Ho guardato a lungo, e poi ha cominciato ad aumentare. Aveva molta paura dell'operazione, ha iniziato a bere brodo di bardana su consiglio di un amico. Molto probabilmente, è stata la bardana che ha contribuito a fermare la crescita della cisti, dal momento che gli ultimi due ultrasuoni non hanno mostrato ulteriore aumento.

Ho una cisti sul fegato che cresce in media di 1 mm al mese, ora è di 3,5 cm. Hanno detto che lo rimuovono quando la cisti è più di 7 cm, ma per ora è necessario monitorarlo. Ho anche paura, per me è meglio rimuovere una piccola cisti piuttosto che aspettare che cresca. Anche se ho sentito che ci sono casi in cui si risolve da solo. Proverò i metodi tradizionali con le erbe medicinali.

Prognosi e prevenzione

La prognosi per cisti epatiche normali e persino complicate è piuttosto favorevole in caso di successo del trattamento chirurgico. La chirurgia radicale dà un recupero duraturo al paziente.

Per fare questo, è necessario rispettare le misure di igiene personale, non mangiare carne cotta in modo insufficiente e acquistare prodotti solo da fornitori affidabili.

Cisti del fegato - che cos'è? Cause di patologia e trattamento

La cisti epatica è un tumore benigno pieno di liquido. Una cisti può apparire sia all'interno che sulla superficie di quasi tutti gli organi, incluso il fegato. Imparerai come trattare una cisti epatica ed è in pericolo di vita in questo articolo.

Il fegato è uno degli organi umani più importanti, che a causa di vari fattori possono essere soggetti a determinate malattie.

Cos'è una ciste epatica?

Cisti del fegato - neoplasma addominale, che è pieno di liquido. Di solito questo liquido non ha colore e odore. In alcuni casi, il contenuto della cisti ha una consistenza gelatinosa. Nel caso in cui il sangue penetri nella cavità cistica, il liquido acquista una tonalità viola e quando la cisti si infetta, il suo contenuto diventa purulento.

La cisti può essere localizzata praticamente in qualsiasi segmento del fegato, a volte si forma sui legamenti. Il diametro della cisti va da pochi millimetri a pochi centimetri. In rari casi, la neoplasia può raggiungere dimensioni più impressionanti.

La cisti epatica viene diagnosticata nello 0,8% dei pazienti. In questo caso, le donne soffrono di questa patologia circa 4 volte più spesso degli uomini. Una cisti del lobo epatico sinistro è più comune di una cisti del lobo epatico destro.

classificazione

La cisti può essere multipla o singola. Un singolo appare in un lobo del fegato. Il multiplo può essere localizzato in più parti, coprendo fino al 30% del fegato.

Secondo l'eziologia, le cisti parassite e non parassitarie sono isolate. A sua volta, la cisti parassitaria del fegato è divisa in due tipi:

  • echinococco. Di solito, una cisti echinococcica del fegato si sviluppa nel lobo destro dell'organo. Gli elminti che si sviluppano nel fegato causano lo sviluppo di tumori;
  • alveokokkovaya. In questo caso, la causa della cisti diventa un'infezione del corpo con cestoda, la cui fase larvale è parassitaria nel fegato.

Le cisti non parassitarie sono divise in acquisite e congenite. La cisti congenita (vera) deriva dal fatto che durante lo sviluppo prenatale la formazione dei dotti biliari è stata disturbata. La causa delle cisti epatiche acquisite può essere lesioni e processi infiammatori.

Una vera cisti epatica può essere dei seguenti tipi:

  • cisti di fegato solitario. Tale tumore si trova nel segmento inferiore destro dell'organo. Di solito la cisti ha una gamba. Una cisti epatica solitaria in un bambino è una condizione congenita che richiede un costante monitoraggio da parte di un medico;
  • policistico. Nuove crescite si trovano in tutto il corpo: sia all'interno che all'esterno. Le cisti epatiche multiple tendono ad aumentare di dimensioni per tutta la vita del paziente;
  • fibrosi cistica. Questa condizione è considerata la più pericolosa: le cisti influenzano non solo l'organo, ma anche la vena porta.

Cisti del fegato solitario

Cosa causa una cisti?

Fino ad ora, i medici non sono stati in grado di determinare con precisione le ragioni per cui si sviluppa una ciste epatica. Molto probabilmente, ci possono essere diverse ragioni.

Ecco le principali teorie che spiegano la patologia:

  • predisposizione genetica: la cisti epatica appare spesso nei bambini ai cui genitori viene diagnosticata la stessa malattia;
  • farmaci ormonali;
  • intervento precedente;
  • lo sviluppo del processo infiammatorio nel fegato;
  • danno d'organo traumatico, per esempio, una rottura del fegato.

Nel caso di cisti parassitarie, si verifica una neoplasia dovuta all'infezione di una persona con elminti.

Segni di

Se la cisti è piccola, il paziente potrebbe non avere sintomi. A volte una neoplasia viene rilevata accidentalmente durante un esame ecografico degli organi addominali.

Nel caso in cui una cisti sia grande e inizi a esercitare pressione sugli organi vicini, possono verificarsi i seguenti sintomi:

  • nausea frequente;
  • sensazione di pesantezza nello stomaco;
  • dolori sul lato destro dell'addome, che tendono ad aumentare con lo sforzo fisico;
  • disagio dopo aver mangiato;
  • bruciore di stomaco.

Il bruciore di stomaco è uno dei possibili segni di una ciste epatica.

Infine, durante l'esame, il medico può notare che il fegato del paziente è ingrandito.

Nel caso in cui il contenuto della cisti si infetti, il paziente può sviluppare sintomi di intossicazione del corpo: affaticamento, mancanza di appetito, debolezza, tachicardia. Anche di sera, la temperatura del paziente aumenta (fino a 37-37,5 gradi).

La cisti epatica è pericolosa?

Cos'è la cisti epatica pericolosa? Forse puoi rifiutare il trattamento? Queste domande interessano molte persone che hanno imparato a conoscere la presenza di una neoplasia cistica nel loro fegato. È importante sapere che anche una piccola cisti è un pericolo per la salute umana. Dopotutto, può cominciare a crescere di dimensioni e causare sensazioni abbastanza spiacevoli.

Inoltre, se non trattata, possono verificarsi le seguenti complicazioni:

  • la cisti epatica può rompersi con il rilascio del suo contenuto nella cavità addominale;
  • emorragia accompagnata da dolore acuto può verificarsi nella cavità cistica;
  • in alcuni casi, quando una cisti si rompe, si verifica un sanguinamento grave che minaccia la vita del paziente;
  • se la cisti schiaccia i dotti biliari, si sviluppa l'ittero;
  • quando una cisti si infetta, si verifica una malattia pericolosa - ascesso epatico;
  • una cisti può degenerare in un tumore maligno, anche se di dimensioni sufficientemente ridotte;
  • se un pus appare nella cisti del fegato, il paziente ha sintomi di intossicazione;
  • le cisti, la cui formazione è provocata dall'infestazione da parassiti, possono rompersi, a seguito della quale gli echinococci con flusso sanguigno si diffondono in tutto il corpo. Allo stesso tempo, numerosi focolai di infezione possono formare, ad esempio, le cisti dei polmoni;
  • in presenza di più cisti epatiche, il paziente può sviluppare insufficienza epatica. Questa condizione è molto pericolosa: dal 50 all'80% dei pazienti muore per insufficienza epatica.

Fai attenzione! Quando una ciste cresce di grandi dimensioni, l'aspetto del paziente cambia. La sua pelle diventa itterica, il fegato aumenta. Spesso il paziente perde molto peso e il suo stomaco diventa asimmetrico. In alcuni casi, la cisti può essere palpata sotto forma di una massa elastica, indolore alla palpazione.

La mancanza di trattamento per le cisti epatiche può essere fatale.

diagnostica

In genere, durante l'ecografia viene rilevata una cisti epatica. In questo caso, il medico può vedere il numero di tumori e determinarne le dimensioni.

Oltre agli ultrasuoni, ricorrono spesso alla puntura, che consente di esaminare il contenuto di una ciste e determinare se contiene sangue e pus.

Nei casi difficili, può essere necessaria la risonanza magnetica: un esame che può determinare non solo il numero di cisti, ma anche la possibile causa del loro aspetto.

Se si sospetta un'origine parassitaria di una neoplasia, può essere necessario un esame sierologico per determinare il tipo di parassita.

terapia

È impossibile curare completamente una cisti epatica con l'aiuto di medicinali: solo i sintomi del paziente scompariranno da loro. Tuttavia, l'intervento chirurgico non è utilizzato in tutti i casi.

La rimozione della cisti epatica è indicata se:

  • c'è una rottura della cisti;
  • il paziente ha seriamente compromesso i processi digestivi;
  • c'è sangue nella cisti o è infiammato;
  • il paziente non ferma il dolore nemmeno con l'uso costante di analgesici;
  • la ciste è in costante aumento di dimensioni. Di norma, l'operazione è raccomandata se il tumore ha un diametro maggiore di 6 centimetri.

Chirurgia della cisti epatica

Rimuovere il liquido dalla cisti può essere dalla puntura. Questo metodo più semplice può alleviare rapidamente il paziente dal dolore. Di solito la puntura viene eseguita alla vigilia di un'operazione per rimuovere una cisti epatica.

Per ridurre le dimensioni di una semplice ciste epatica, vengono introdotte preparazioni speciali. Sotto la loro influenza, le pareti della neoplasia si uniscono, a causa della quale diminuisce di dimensioni. L'introduzione di farmaci viene effettuata sotto il controllo degli ultrasuoni. Non si deve presumere che la cisti si sia risolta: è appena diventata più piccola, il che facilita l'intervento chirurgico ed elimina i sintomi spiacevoli.

Se la cisti ha un'origine parassitaria, il suo trattamento prevede la somministrazione di speciali farmaci antielmintici. Tuttavia, è possibile che l'operazione non possa essere annullata, specialmente se la cisti è abbastanza grande. Se il paziente ha complicazioni gravi (ascesso, peritonite) durante l'intervento chirurgico, una parte dell'organo interessato può essere rimossa.

Fai attenzione! In alcuni casi, il fegato può essere danneggiato da una cisti così tanto che deve essere rimosso completamente. In questo caso, il paziente viene trapiantato con fegato di donatore. Pertanto, non rimandare la visita dal medico!

prospettiva

Il trattamento chirurgico delle cisti epatiche suggerisce una prognosi favorevole: la maggior parte dei pazienti guarisce completamente. In rari casi, può verificarsi una recidiva della malattia, che richiede un intervento chirurgico ripetuto.

Se la cisti è piccola, è del tutto possibile trattarla in modo conservativo. In questo caso, il paziente deve essere monitorato da un medico per tutta la vita e sottoposto regolarmente ad ecografia.

In nessun caso si dovrebbe ignorare una cisti: le cisti possono danneggiare il fegato in misura tale che l'organo fallisce completamente, con il risultato che si sviluppa un'insufficienza epatica. È importante ricordare che le cisti non si risolvono da sole: non possono crescere e non farsi conoscere fino a un certo tempo.

Il trattamento chirurgico di una cisti epatica spesso si completa con successo.

Ai pazienti a cui è stata diagnosticata una cisti epatica si consiglia di seguire una dieta speciale, che prevede:

  • rifiuto di cibi grassi, affumicati e piccanti;
  • rifiuto di cibo in scatola;
  • restrizione di dolci, caffè e tè forte;
  • mangiare grandi quantità di pesce, carne magra e succhi di frutta freschi.

I prodotti dovrebbero essere consumati in piccole porzioni e abbastanza spesso. Si consiglia a ciascun paziente di redigere un piano nutrizionale individuale consultando un dietologo per un consiglio. Una dieta con una ciste epatica dovrebbe essere permanente.

Un effetto negativo sul fegato ha una carenza nella dieta delle vitamine. Pertanto, dopo l'intervento chirurgico per rimuovere una cisti, si dovrebbe mangiare il maggior numero possibile di verdure fresche e frutta e scegliere anche un complesso multivitaminico adatto. Quando si scelgono le vitamine, è importante consultare il proprio medico.

Fai attenzione! Molti sono interessati a come curare una ciste epatica con metodi popolari. Non pensare che i rimedi popolari siano efficaci: le infusioni di erbe possono essere di aiuto alla terapia farmacologica, ma non possono sostituirle. Ricorda: prima di provare qualsiasi trattamento di rimedio popolare alle cisti del fegato, le recensioni che ti sono sembrate allettanti, dovresti consultare un medico! Da rimedi popolari le cisti non si dissolvono, al contrario, alcune erbe e le tasse possono influire negativamente sul lavoro del fegato.

Ora conosci le cause e le caratteristiche del trattamento delle cisti del fegato. Questa malattia richiede un costante controllo medico, altrimenti non sarà possibile evitare complicazioni gravi, alcune delle quali mortali. Cosa fare se viene diagnosticata una cisti epatica? Visita regolarmente il terapeuta, fai un'ecografia, segui una dieta e non rifiutare l'operazione, se raccomandato dal medico. Ora nelle prime fasi dello sviluppo della malattia, il trattamento viene eseguito attraverso una piccola incisione, cioè con un impatto minimo sul corpo del paziente. Da questo video imparerai esattamente come questo accade:

Cause e sintomi della ciste epatica

Una cisti epatica (o citosi) è una formazione anormale non maligna all'interno o sulla superficie di un organo, simile a una capsula con una cavità interna riempita con un liquido trasparente o una massa gelatinosa verdognola.

Può una cisti nel fegato risolvere se stessa o sotto l'effetto di droghe? Questa formazione è considerata benigna, ma a differenza di un tumore maligno, non è una struttura densa di tessuto, ma sembra una palla con un contenuto liquido o viscoso. Poiché la guaina della capsula cistica non può scomparire, lo pseudotumore epatico spontaneo non si risolve. Se il muro si rompe, il guscio rimanente viene riempito di liquido di nuovo dopo un po '.

  1. La patologia si verifica in 1 a 2 persone su 100 e nel 50% dei pazienti, secondo i dati degli esami dispensativi, non è stata ancora identificata e procede senza sintomi evidenti.
  2. Nei pazienti di sesso maschile, la malattia cistica epatica è osservata quasi 4 volte meno frequentemente rispetto alle donne, che è associata alla mancanza di stress ormonale negli uomini, che le donne sperimentano durante la gestazione e la menopausa.
  3. Il picco temporale della malattia cade sulla fascia di età di 30-50 anni.
  4. La cisti epatica nei bambini viene diagnosticata anche meno frequentemente rispetto ai pazienti in età avanzata, ma richiede un'attenzione particolare a causa delle difficoltà con la diagnosi.
  5. La patologia si trova in vari segmenti e lobi dell'organo. Nel lobo sinistro del fegato, sono localizzati più spesso che nella destra.
  6. La dimensione delle cisti epatiche varia da 2 a 8 millimetri in formazione. Tuttavia, con la progressione della malattia, la capsula può crescere fino a 25 centimetri o più. Allo stesso tempo, un diametro significativo della crescita può verificarsi in poche settimane. La formazione sulla superficie del fegato sta diventando più intensa di quella che è comparsa nel corpo.
  7. Se l'emorragia si verifica nella cavità di una cisti, il liquido all'interno diventa sanguinolento, e quando i batteri ingeriti - purulenta.
  8. Spesso, la malattia cistica del fegato è accompagnata dalla formazione di calcoli nella cistifellea e da malattie come la cirrosi o la malattia del rene policistico.
  9. Le formazioni in rari casi si trasformano in tumori cancerosi.

classificazione

I tumori epatici benigni del fegato sono divisi in due gruppi: non parassitari e parassitari.

Per classificare le cisti epatiche non parassitarie è fatto secondo il meccanismo della loro formazione. Questo gruppo include veri (congeniti) e falsi tumori benigni. Caratteristiche di queste forme della malattia:

  • una crescita anormale del tipo vero di solito ha un carattere congenito, si trova spesso nei neonati;
  • una cisti falsa è formata non intrauterina- mente, ma durante la vita - cioè, è acquisita (o secondaria), che sorge dopo il danno d'organo, le operazioni, i processi infiammatori.

Per il numero di cavità formate, le seguenti crescite anomale sono isolate:

  1. Cisti del fegato solitario o solitario. Questa è una capsula arrotondata a parete sottile, che è localizzata all'interno o superficialmente - sotto la capsula del fegato (neoplasia sottocapsulare). Può avere una singola cavità e quindi viene chiamata una semplice ciste epatica.
  2. L'educazione può essere associata ai dotti biliari (cistite ritentiva) o localizzata separatamente. Quando diverse camere sono separate da un setto all'interno della cavità, si forma una cisti epatica a camera multipla. Una cavità con due o tre camere, localizzata nella regione del dotto biliare è definita come cistoadenoma.
  3. Policistico. Questa è una lesione ereditaria patologica di un organo quando più cisti nel fegato sono in tutti i lobi e segmenti, ma si trovano sulla superficie. La diagnosi viene spesso effettuata nei bambini piccoli dopo la nascita. Nei casi più gravi, più cisti di liquidi catturano fino al 25-30% dei tessuti e più, interrompendo la funzione dell'organo.

motivi

Le opinioni di esperti per stabilire le cause della formazione di cisti non parassitarie differiscono. Quando una vera cistica del fegato viene diagnosticata nei bambini, le cause di questa malattia possono essere le seguenti:

  • malattie infettive di vario tipo subite da una donna durante la gravidanza;
  • violazioni della formazione del dotto biliare del corpo durante lo sviluppo fetale dell'embrione. Per questo motivo, questi dotti rimangono chiusi. La cisti biliare rivelata del fegato in un neonato nel 100% dei casi è congenita;
  • danno al feto a causa di difetti nello sviluppo o lesioni di una donna incinta;
  • mutazioni geniche e predisposizione ereditaria. Il fatto che una cisti sul fegato in un bambino si presenti spesso se i genitori soffrono di citosi epatica conferma l'ipotesi ereditaria dello sviluppo di tali formazioni.

Le principali cause di sviluppo negli adulti di un tumore epatico acquisito sono:

  1. Infezioni, processi infiammatori nell'organo interessato e strutture adiacenti, inclusa la cistifellea.
  2. Lesioni all'organo, comprese quelle ottenute durante interventi chirurgici: quando il tessuto è danneggiato, si verifica un processo infiammatorio, dopo di che si forma la fibrosi (cicatrici dense) nel sito di lesione, che diventa il punto focale per la formazione di un tumore benigno del fegato.
  3. Farmaci ormonali a lungo termine e incontrollati, inclusi glucocorticosteroidi antinfiammatori, pillole anticoncezionali, estrogeni, farmaci per il trattamento della disfunzione erettile, infertilità.
  4. Aggressione di elminti e Giardia che penetrano nel tessuto epatico.

Sintomi di cistite epatica

Un piccolo tumore benigno, di regola, non causa manifestazioni cliniche. I sintomi tipici delle cisti epatiche cominciano ad apparire:

  • quando una sola neoplasia benigna cresce a 60 - 80 mm;
  • nel caso di lesioni dell'organo con cisti multiple (2-8 mm), il cui volume totale è pari al 15-20% del volume totale dell'organo.
  1. Gravità, distensione sotto il margine destro e regione epigastrica (nell'epigastrio), che diventa più pronunciata dopo aver mangiato o fatto esercizio fisico.
  2. Dolore nell'ipocondrio destro.
  3. Eruttazione, nausea, sapore amaro in bocca, gas, stitichezza e diarrea.
  4. Prurito frequente della pelle.
  5. Feci schiarenti e urine scure.
  6. Debolezza generale, sudorazione frequente.

Quale medico dovrebbe essere consultato se i suddetti sintomi sono osservati?

Alla consultazione iniziale, il paziente viene dal suo terapeuta, e quindi potrebbe essere necessario essere esaminati da un epatologo, un chirurgo e un gastroenterologo.

Se la malattia si sviluppa, i sintomi di un tumore cistico epatico diventano più pronunciati. Enormi formazioni singole, come molte piccole cisti sulla superficie e nello spessore del parenchima (il tessuto principale dell'organo), comprimono i dotti biliari e le navi, interrompendo il normale funzionamento dell'organo.

Sullo sfondo di tale progressione della patologia, sorgono manifestazioni più dolorose, tra cui:

  • aumento del dolore nella parte destra;
  • intossicazione (avvelenamento) del corpo, che si manifesta: perdita di appetito, mal di testa, attacchi di vomito, perdita di peso, aumento della temperatura a 37,5 - 38 gradi, dolori muscolari, articolazioni;
  • un aumento dell'organo (epatomegalia) e asimmetria dell'addome con una sporgenza sul lato destro;
  • violazione della normale eliminazione della bile, che porta alla comparsa di pelle gialla, mucose e occhi bianchi;
  • l'aspetto sulla pelle delle "reti" sottocutanee vascolari, arrossamento dei palmi;
  • tachicardia (palpitazioni) con piccoli carichi.

Poiché il dolore può diffondersi a tutto l'addome destro, i sintomi delle cisti del fegato nelle donne nella fase iniziale della malattia sono spesso confusi con segni di infiammazione dell'ovaio destro, movimento di pietre o sabbia lungo l'uretere.

Cos'è la cisti epatica pericolosa

Se non ci sono infezioni e suppurazione, le piccole cisti fino a 20-30 mm non sono pericolose, ma per evitare complicazioni è necessario un esame periodico.

Le gravi conseguenze provocano grandi formazioni singole e molte piccole cisti, che colpiscono fino a un terzo del fegato.

Aumentando di dimensioni, spremono i tessuti di altri organi, vasi sanguigni e dotti biliari, interrompendo così il loro lavoro.

Le conseguenze di ittero a lungo termine e violazioni del deflusso della bile nei pazienti maschi portano spesso a una diminuzione della funzione sessuale (impotenza), alle donne possono verificarsi violazioni del ciclo mestruale, diminuzione della funzione ovarica e relative difficoltà nel concepire e mantenere la gravidanza.

Se non si monitora la crescita di un tumore benigno del fegato, trascurare il trattamento quando compaiono sintomi gravi, si presentano gravi complicazioni:

  1. Infezione e suppurazione della cisti (ascesso) con avvelenamento acuto dell'intero organismo.
  2. Torcendo le gambe (legamenti) della cisti, a seguito della quale l'afflusso di sangue si interrompe e la morte del tessuto avviene con lo sviluppo di focolai di necrosi.
  3. Perforazione (rottura) della membrana e perdita del contenuto nel peritoneo con conseguente sviluppo di peritonite.
  4. Sanguinamento che minaccia la vita del paziente quando la capsula cistica si rompe.
  5. Infiltrazione di contenuto purulento nel flusso sanguigno, seguito da infezione del sangue.
  6. Degenerazione maligna (cancro).
  7. Encefalopatia epatica (morte delle cellule cerebrali).
  8. Insufficienza epatica con possibile morte.

La rottura della capsula, l'emorragia nel peritoneo, la peritonite e la suppurazione sono accompagnate da sintomi gravi e un alto rischio di morte del paziente. I seguenti segni si sviluppano congiuntamente o separatamente:

  • dolore intenso su tutto l'addome, fino allo shock del dolore;
  • vomito persistente (a volte con sangue);
  • febbre alta, brividi, sudore freddo;
  • feci ritardate, gas nell'intestino;
  • delirio, perdita di coscienza;
  • un forte calo di pressione che può causare un coma;
  • intossicazione acuta con veleni microbici e tossine di tessuti morti con lo sviluppo di shock batteriologico.

diagnostica

I metodi diagnostici sono necessari per determinare la dimensione e il tipo di pseudotumore, la sua posizione, le condizioni complicate, scegliere il regime di trattamento corretto.

Una grossa cisti epatica è facilmente determinata dal medico durante la palpazione (esame manuale) sotto forma di una formazione mobile densa ed elastica sotto il bordo destro. Può essere indolore, ma durante il processo infiammatorio, l'ispezione causa dolore. In caso di più cisti, è palpabile un organo allargato con una superficie densa e collinosa.

I cambiamenti nella biochimica del sangue per lungo tempo non si verificano, vengono rilevati solo con lo sviluppo di insufficienza epatica. Nel caso di un ascesso di organi nel sangue, il contenuto di leucociti (leucocitosi) aumenta significativamente, il tasso di sedimentazione dei globuli rossi - ESR.

  1. Esame ecografico del fegato Un'ecografia con un'accuratezza del 97-100% rivela il numero, la dimensione e la posizione di cavità di soli 5 mm. Un tumore non parassitario su un monitor è definito come una formazione anecoica arrotondata e chiaramente delimitata, cioè onde ultrasoniche trasmissive (piuttosto che riflettenti).
  2. Radiografia della cavità addominale. Rileva i cambiamenti nei contorni del fegato, lo spostamento del diaframma.
  3. Tomografia (TC e RM). Esame strato per strato dell'organo nella sezione per una visualizzazione più accurata della struttura delle formazioni più piccole (fino a 5 mm) e della loro connessione con i dotti biliari. Allo stesso tempo, la densità di pseudo-tumori non parassitari è inferiore alla densità delle formazioni contenenti vermi.
  4. Angiografia. Metodo informativo per lo studio dei cambiamenti vascolari nella cisti, aree con densità speciale e sviluppo di piccoli vasi. Permette di differenziare (distinguere) la formazione di cavità da tumori ipervascolari (compatti vascolari), come l'emangioma epatico (accumulo denso di vasi sanguigni), il nodo del cancro.
  5. Puntura diagnostica (perforazione) del guscio della capsula per un successivo esame del contenuto cellulare. Questo è necessario per confermare il tipo di tumore non parassitario, per escludere la sua degenerazione maligna.

prospettiva

Se la formazione epatica è piccola, non è pericolosa, anche se è stata rilevata in un neonato. In tali casi, è necessario monitorare costantemente il bambino dal pediatra. Per i pazienti adulti, si consiglia di seguire una dieta e esami periodici ed esami con uno specialista che, se necessario, può prescrivere farmaci.

Per lesioni estese o formazioni di grandi dimensioni, il trattamento di una cisti epatica comporta l'uso di tecniche chirurgiche, nei casi gravi - un trapianto di fegato.

Per liberarsi completamente di cisti sul fegato, è necessario l'intervento chirurgico. Dopo un trattamento chirurgico tempestivo, quasi tutti i pazienti guariscono. Con più cisti, la prognosi è anche abbastanza favorevole, la cosa principale è fare una diagnosi in tempo e iniziare il trattamento.

Pubblicazioni Sulla Diagnostica Del Fegato

Chaga - applicazione, preparazione e metodi di preparazione

Cirrosi

Contenuto dell'articoloChaga è una delle creazioni uniche della natura che aiutano le persone a migliorare la loro salute. Uno squilibrio su un albero sembra inutile, ma è un fungo.

Cause, sintomi e trattamento dell'ittero negli adulti

Diete

La maggior parte delle persone usa il termine "ittero" per comprendere l'epatite o la malattia di Botkin. In realtà, questa parola viene utilizzata per designare una serie di cambiamenti patologici che possono influenzare non solo il fegato, ma anche altri organi.

Ristagno di bile nei bambini I primi 8 sintomi della malattia

Cirrosi

Stasi di bile in bambini - il trattamento corretto. 8 sintomi di colestasi. Diagnosi di complicazioni e conseguenze. Aiuta un bambino con colestasi.

Come il fumo colpisce il fegato: le conseguenze

Diete

Grazie a studi clinici, gli scienziati dell'Università della California hanno dimostrato che non solo l'alcol può distruggere il sistema biliare. L'effetto negativo del fumo sul fegato è pericoloso quanto le complicazioni dopo aver bevuto alcolici.