Principale / Cirrosi

Test dell'epatite: da "A" a "G"

Cirrosi

L'astuzia delle malattie virali, come l'epatite, è che l'infezione si verifica in un istante, ma il paziente può anche non sapere per molto tempo che è infetto. Diagnosticare accuratamente la malattia e selezionare l'aiuto terapeutico necessario nei test fatti nel tempo. Parliamo di loro in modo più dettagliato.

Che test hai per l'epatite?

L'epatite significa una malattia infiammatoria del fegato. Può essere sia acuto che cronico. Le più comuni malattie virali. Oggi ci sono sette tipi principali di virus dell'epatite: questi sono i gruppi A, B, C, D, E, F e G. Tuttavia, indipendentemente dal tipo di virus, nella fase iniziale la malattia è simile: disagio nell'ipocondrio destro, temperatura, debolezza, nausea, dolori dappertutto, urine scure, ittero. Tutti questi sintomi sono un motivo per testare l'epatite.

Dovresti sapere che la malattia può essere trasmessa in diversi modi: attraverso acqua e cibo contaminati, attraverso sangue, saliva, sessualmente, usando prodotti per l'igiene di altre persone, inclusi rasoi, asciugamani, forbicine per unghie. Pertanto, se i sintomi non compaiono (e il periodo di incubazione può durare fino a due mesi o anche più), ma hai suggerimenti che potresti essere infetto, il test per l'epatite dovrebbe essere fatto il prima possibile.

Inoltre, medici, personale di sicurezza, specialisti di manicure e pedicure, dentisti, in una parola, tutti coloro il cui lavoro quotidiano è collegato con materiali biologici di altre persone, dovrebbero essere testati regolarmente. Inoltre, il test viene mostrato agli specialisti le cui attività professionali prevedono il viaggio in paesi esotici.

Epatite A, o malattia di Botkin

Si chiama un virus RNA dalla famiglia Picornaviridae. Il virus viene trasmesso attraverso gli oggetti domestici e il cibo, quindi la malattia viene anche chiamata "malattia delle mani sporche". Sintomi tipici di qualsiasi tipo di epatite: nausea, febbre, dolori articolari, debolezza. Quindi appare l'ittero. Il periodo di incubazione dura in media 15-30 giorni. Esistono forme acute (itteriche), subacute (anterteri) e subcliniche (asintomatiche) della malattia.

Anti-HAV-IgG (anticorpi della classe IgG per il virus dell'epatite A) può essere utilizzato per rilevare l'epatite A. Inoltre, questo test aiuta a determinare la presenza di immunità al virus dell'epatite A dopo la vaccinazione, questo studio è particolarmente necessario durante le epidemie. Con segni clinici di epatite A, è prescritto il contatto con il paziente, colestasi (violazione del deflusso della bile) Anti-HAV-IgM (anticorpi della classe IgM contro il virus dell'epatite A). Con le stesse indicazioni, viene effettuato un test per la determinazione del virus dell'RNA nel siero del sangue mediante il metodo della reazione a catena della polimerasi (PCR) nel plasma.

Epatite B

È causato dal virus HBV della famiglia di gepadnavirus. L'agente patogeno è molto resistente alle alte e alle basse temperature. L'epatite B è un grave pericolo: circa 2 miliardi di persone nel mondo sono infette da questo virus e oltre 350 milioni sono malati.

La malattia viene trasmessa attraverso oggetti perforanti, sangue, fluidi biologici, durante i rapporti sessuali. Il periodo di incubazione può durare da 2 a 6 mesi, se durante questo periodo non si identifica e si inizia a trattare la malattia, allora può passare da uno stadio acuto a uno cronico. Il decorso della malattia passa con tutti i sintomi caratteristici dell'epatite. A differenza dell'epatite A, l'epatite B compromessa funzionalità epatica è più pronunciata. Più spesso si sviluppano sindrome colestatica, esacerbazioni, ci può essere un decorso prolungato, così come recidive della malattia e lo sviluppo del coma epatico. Violazione delle regole di igiene e sesso casuale non protetto sono la base per un test.

Per identificare questa malattia sono prescritti test quantitativi e qualitativi per la determinazione dell'HBsAg (antigene di superficie dell'epatite B, antigene HBs, antigene di superficie del virus dell'epatite B, antigene australiano). L'interpretazione delle indicazioni dell'analisi quantitativa è la seguente: e = 0,05 IU / ml - positivo.

Epatite C

Malattia virale (precedentemente chiamata "epatite non-A, non-B") trasmessa attraverso sangue contaminato. Il virus dell'epatite C (HCV) è un flavivirus. È molto stabile nell'ambiente esterno. Tre proteine ​​strutturali del virus hanno proprietà antigeniche simili e determinano la produzione di anticorpi anti-HCV-core. Il periodo di incubazione della malattia può durare da due settimane a sei mesi. La malattia è molto comune: nel mondo, circa 150 milioni di persone sono infettate dal virus dell'epatite C e sono a rischio di sviluppare cirrosi o cancro del fegato. Ogni anno oltre 350 mila persone muoiono a causa di malattie epatiche correlate all'epatite C.

L'epatite C è astuta perché può essere nascosta sotto la vista di altre malattie. L'ittero in questo tipo di epatite è visto raramente, anche l'aumento della temperatura non è sempre osservato. Ci sono stati numerosi casi in cui l'affaticamento cronico e i disturbi mentali erano le uniche manifestazioni della malattia. Vi sono anche casi in cui le persone, in quanto portatrici e portatrici del virus dell'epatite C, non hanno manifestato alcuna manifestazione della malattia per anni.

La malattia può essere diagnosticata utilizzando un'analisi qualitativa di anti-HCV-totale (anticorpi contro gli antigeni del virus dell'epatite C). La determinazione quantitativa del virus RNA viene eseguita mediante PCR. Il risultato è interpretato come segue:

  • non rilevato: nessun RNA dell'epatite C rilevato o un valore inferiore al limite di sensibilità del metodo (60 UI / ml);
  • 108 UI / ml: il risultato è positivo con una concentrazione di RNA dell'epatite C superiore a 108 UI / ml.

Il rischio di cancro del fegato comprende pazienti con epatite B e C. Fino all'80% dei casi di cancro al fegato primario nel mondo sono registrati in portatori cronici di queste forme della malattia.

Epatite D o epatite delta

Si sviluppa solo in presenza del virus dell'epatite B. I metodi di infezione sono simili all'epatite B. Il periodo di incubazione può durare da un mese e mezzo a sei mesi. La malattia è spesso accompagnata da edema e ascite (idropisia addominale).

La malattia viene diagnosticata utilizzando un'analisi del virus sierico dell'epatite D RNA nel siero del sangue mediante il metodo della reazione a catena della polimerasi (PCR) con rilevamento in tempo reale, nonché analisi per gli anticorpi IgM (virus dell'epatite delta, anti IgM, HD-IgM). Un risultato positivo del test indica un'infezione acuta. Un risultato negativo del test registra la sua assenza, o un periodo di incubazione precoce della malattia o uno stadio avanzato. Il test è indicato in pazienti a cui è stata diagnosticata l'epatite B, così come i consumatori di droghe iniettabili.

La vaccinazione contro l'epatite B protegge dall'infezione da epatite D.

Epatite E

L'infezione viene spesso trasmessa attraverso cibo e acqua. Il virus viene spesso rilevato nei residenti dei paesi caldi. I sintomi sono simili all'epatite A. Nel 70% dei casi la malattia è accompagnata da dolore nell'ipocondrio destro. A pazienti la digestione è sconvolta, la salute generale peggiora, poi l'ittero comincia. Con l'epatite E, il decorso grave della malattia, che porta alla morte, è più comune che con l'epatite A, B e C. Si consiglia di fare lo studio dopo aver visitato i paesi in cui il virus è prevalente (Asia centrale, Africa).

La malattia viene rilevata durante il test Anti-HEV-IgG (anticorpi della classe IgG contro il virus dell'epatite E). Un risultato positivo indica la presenza di una forma acuta della malattia o indica una recente vaccinazione. Negativo - sull'assenza di epatite E o sul recupero.

Epatite F

Questo tipo di malattia è attualmente poco conosciuto e le informazioni raccolte a riguardo sono contraddittorie. Ci sono due agenti causali della malattia, uno può essere trovato nel sangue, l'altro - nelle feci di una persona che è stata trasfusa con sangue infetto. Il quadro clinico è lo stesso di altri tipi di epatite. Un trattamento che sarebbe diretto direttamente al virus dell'epatite F non è stato ancora sviluppato. Pertanto, la terapia sintomatica viene eseguita.

Oltre agli esami del sangue, l'urina e le feci vengono esaminate per rilevare questa malattia.

Epatite G

Si sviluppa solo con la presenza di altri virus di questa malattia - B, C e D. Si trova nell'85% dei tossicodipendenti che iniettano sostanze psicotrope con un ago non disinfettato. L'infezione è anche possibile quando si applicano tatuaggi, piercing all'orecchio, agopuntura. La malattia è trasmessa attraverso rapporti sessuali. Per molto tempo, può procedere senza sintomi gravi. Il decorso della malattia somiglia in molti modi all'epatite C. I risultati della forma acuta della malattia possono essere: il recupero, la formazione di epatite cronica o un portatore a lungo termine del virus. La combinazione con l'epatite C può portare alla cirrosi.

Per identificare la malattia, è possibile utilizzare l'analisi per la determinazione dell'RNA (HGV-RNA) nel siero. Le indicazioni per il test sono precedentemente registrate epatite C, B e D. È inoltre necessario superare il test per i tossicodipendenti e coloro che sono in contatto con loro.

Preparazione per i test per l'epatite e la procedura

Per i test per tutti i tipi di epatite B, il sangue viene prelevato da una vena. Il prelievo di sangue avviene al mattino a stomaco vuoto. La procedura non richiede un addestramento speciale, ma il giorno prima è necessario astenersi dal sovraccarico fisico ed emotivo, smettere di fumare e bere alcolici. In genere, i risultati dei test sono disponibili un giorno dopo il prelievo di sangue.

Decodifica risultati

I test dell'epatite possono essere qualitativi (indicano la presenza o l'assenza di un virus nel sangue) o quantitativi (stabilire la forma della malattia, aiutare a controllare il decorso della malattia e l'efficacia della terapia). Solo uno specialista di malattie infettive può interpretare l'analisi e fare una diagnosi basata sul test. Tuttavia, diamo un'occhiata approssimativa a quali sono i risultati del test.

Analisi per l'epatite "negativa"

Un risultato simile suggerisce che nel sangue non è stato rilevato alcun virus dell'epatite: un'analisi qualitativa ha dimostrato che la persona sottoposta a test è sana. Gli errori non possono essere, perché l'antigene si manifesta nel sangue già durante il periodo di incubazione.

Parlare di un buon risultato dell'analisi quantitativa è possibile se la quantità di anticorpi nel sangue è inferiore al valore soglia.

Test dell'epatite "positivo"

Nel caso di un risultato positivo, dopo un po 'di tempo (a discrezione del medico) viene eseguita una seconda analisi. Il fatto è che una maggiore quantità di anticorpi può essere causata, ad esempio, dal fatto che il paziente ha recentemente sofferto di una forma acuta di epatite e che gli anticorpi sono ancora presenti nel sangue. In altri casi, un risultato positivo indica un periodo di incubazione, la presenza di epatite acuta o virale o conferma che il paziente è portatore del virus.

Secondo la legislazione russa, le informazioni sui risultati positivi dei test sierologici per i marcatori di epatite virale parenterale sono trasmesse ai dipartimenti di registrazione e registrazione delle malattie infettive dei relativi centri per la sorveglianza sanitaria ed epidemiologica.

Se il test è stato eseguito in modo anonimo, i suoi risultati non possono essere accettati per fornire assistenza medica. Se si ottiene un risultato positivo del test, è necessario contattare un medico per le malattie infettive per programmare un ulteriore esame e la terapia necessaria.

L'epatite non è una frase, nella maggior parte dei casi la forma acuta della malattia è completamente guarita, l'epatite cronica, con l'osservanza di alcune regole, non cambia radicalmente la qualità della vita. L'importante è rilevare il virus in tempo e iniziare a combatterlo.

Costo dell'analisi

In cliniche private a Mosca, è possibile effettuare test per l'identificazione e le specifiche del virus dell'epatite. Pertanto, un'analisi qualitativa dell'epatite A costa in media 700 rubli, la stessa quantità per l'epatite B; ma un test quantitativo per l'antigene di superficie del virus dell'epatite B costerà circa 1.300 rubli. La definizione di virus dell'epatite G è di 700 rubli. Ma un'analisi più complessa, la determinazione quantitativa dell'RNA del virus dell'epatite C mediante PCR, costa circa 2.900 rubli.

Attualmente, non vi è alcuna difficoltà nella diagnosi dell'epatite, specialmente nelle regioni centrali dei paesi sviluppati. Ma per evitare tali malattie, non bisogna trascurare le regole dell'igiene personale. Va anche ricordato che il contatto sessuale casuale può causare malattie. La vaccinazione sarà la migliore difesa contro possibili malattie - è stata praticata con successo per molto tempo contro la maggior parte dei virus dell'epatite.

Decifrare un esame del sangue per l'epatite B

L'epatite B è una delle malattie più pericolose del nostro tempo.

È causata da un virus che entra nel corpo quando il sangue entra in contatto con materiale biologico infetto, compresi quelli che rimangono su accessori per manicure, strumenti medici e macchine per tatuaggi che non sono state disinfettate correttamente. Il virus può anche essere trasmesso attraverso il contatto sessuale.

L'epatite B viene analizzata per diagnosticare la malattia prendendo il sangue di un paziente.

L'infezione avviene attraverso percorsi sessuali e domestici, il tipo di diffusione è ematogena (attraverso il sangue). Una volta infettato, il virus entra negli epatociti (cellule epatiche), che viene prodotto in futuro. Attraverso il flusso sanguigno, la malattia si sta rapidamente diffondendo in tutto il corpo. Il virus B (HBV) è caratterizzato da un'elevata resistenza agli effetti della temperatura e dell'acido ed è in grado di mantenere le sue proprietà dannose per sei mesi.

Quali esami del sangue hai per l'epatite B?

Se l'epatite B ha mostrato i primi sintomi, è necessario superare i test prima di iniziare la terapia e il trattamento. Un esame del sangue è un metodo affidabile per l'installazione dell'infezione da epatite. Condotto in laboratorio. Il materiale di test dell'epatite B viene somministrato a stomaco vuoto: un minimo di 8 ore deve passare dall'ultimo pasto.

Per rilevare il virus dell'epatite B nel sangue, vengono utilizzati test di tre tipi, che caratterizzano la presenza del virus nel sangue:

  • analisi per la presenza di DNA di HBV nel materiale studiando la reazione a catena della polimerasi;
  • Studio qualitativo della presenza della proteina IgG anti-HBc e dell'antigene HBsAg (presente in soggetti sani, infetti e malati);
  • analisi per il rilevamento di proteine ​​HBeAg e anti-HBc IgM (caratterizzano il peggioramento della malattia).

Per completezza, si consiglia di condurre simultaneamente ricerche su diversi marker.

Test immunologici per l'epatite B

I test più comuni per l'epatite B sono immunologici. La loro essenza è di rilevare gli anticorpi nel sangue prodotto dal corpo o dal fegato. I campioni sono qualitativi e quantitativi. I test dell'epatite B e il loro trascritto di solito contengono informazioni su diverse proteine ​​caratteristiche. Durante il test, vengono testati i seguenti anticorpi:

Si manifesta nelle prime fasi dell'infezione prima dell'insorgenza dei segni clinici.

Un marker positivo indica la presenza di un virus, ma si trova anche in persone completamente sane. Se nel sangue è presente meno di 0,05 UI / ml, il risultato è considerato negativo. Se la concentrazione dell'anticorpo è più alta, il test è considerato positivo.

Trovato in quasi tutti i pazienti infetti. Mantenere gli indicatori ad alto livello può indicare una transizione della malattia in una forma cronica del corso. Un marker positivo indica la presenza della malattia nel periodo di esacerbazione, recupero prolungato. L'HBeAg è un segno estremamente negativo. Il paziente è molto contagioso. Normalmente, la proteina non viene rilevata nel sangue.

Esistono due tipi di anticorpi anti-HBc: IgG e IgM. La presenza di IgM nel sangue è un segno del decorso della forma acuta, l'alta infettività del paziente e la possibilità di ribaltare la malattia nella forma cronica. Normalmente, la presenza di IgM non è consentita. IgG è un indicatore favorevole. Il marcatore indica l'immunità corporea contro l'epatite B.

Se viene rilevato un marcatore nel sangue, si può trarre una conclusione sul decorso favorevole della malattia e sulla formazione dell'immunità protettiva nel paziente.

  • Anti-HBs.

Il segnale segnala il recupero e la formazione di immunità.

Rilevazione del DNA dell'HBV mediante PCR

Per l'esame di laboratorio e la rilevazione della presenza di una diagnosi di epatite B nel sangue usando il metodo della PCR. Il modo in cui viene considerata la reazione a catena della polimerasi è il più aggiornato nel campo del rilevamento della malattia.

La decodifica finale mostra se ci sono tracce della presenza genica del patogeno nelle cellule del fegato.

Se tutti i principi sono seguiti durante lo studio, il risultato è assolutamente accurato. Il metodo è utilizzato per la diagnosi, utilizzato nel processo di trattamento e nella terapia antivirale.

  1. La PCR di alta qualità sul totale ha solo due significati: "rilevato" e "non rilevato". La procedura viene eseguita per ogni paziente con sospetta epatite. Con una sensibilità media del test PCR nell'intervallo da 10 a 500 UI / ml, con bassi livelli di DNA di virus nel sangue, non verrà rilevato alcun materiale genico.
  2. PCR quantitativa. In contrasto con la qualità, indica non solo l'epatite B. L'analisi quantitativa indica fino a che punto la norma di una persona sana è lontana dagli indicatori del paziente in termini numerici. Il metodo consente di valutare lo stadio della malattia e prescrivere il trattamento. La sensibilità del test PCR in seguito quantitativo è superiore rispetto al metodo qualitativo. La base è il conteggio del DNA rilevato, che è espresso in copie per millilitro o IU / ml.

Inoltre, la PCR quantitativa fornisce informazioni sugli effetti del trattamento e sulla correttezza della terapia scelta. A seconda della quantità di materiale genico virale, può essere presa una decisione per abbreviare la durata del trattamento o, al contrario, per prolungarla e rafforzarla.

Esame del sangue biochimico per l'epatite B

Il metodo di analisi biochimica è necessario per ottenere un quadro clinico completo del decorso della malattia. Questo metodo diagnostico fornisce una comprensione del lavoro degli organi interni (fegato, reni, cistifellea, tiroide e altri). La decodifica dà una comprensione del tasso metabolico nel corpo, le possibili patologie del metabolismo. Indicatori dettagliati indicheranno una mancanza di vitamine, macronutrienti e minerali necessari per la salute e la vita umana.

Puoi fare un test per l'epatite in qualsiasi altro centro diagnostico (Invitro, Gemotest, ecc.). L'analisi del sangue biochimica per l'individuazione dell'epatite B include i seguenti componenti.

Analisi quantitativa dell'enzima ALT (AlAt)

Questo enzima si trova più spesso in concentrazioni elevate nell'epatite acuta e cronica. La sostanza è contenuta nelle cellule del fegato e con le lesioni degli organi attraverso il flusso sanguigno entra nei vasi sanguigni.

Il numero e la concentrazione nel sangue durante una malattia virale sono in costante cambiamento, quindi la ricerca viene condotta almeno una volta al trimestre. ALT riflette non solo l'attività del virus dell'epatite, ma anche il grado di compromissione da esso provocato nel fegato. Il livello di ALT aumenta con l'aumentare delle quantità di sostanze tossiche di origine epatica e in presenza del virus.

Analisi quantitativa dell'enzima AST

La proteina è un componente degli organi più importanti dell'uomo: fegato, tessuto nervoso, tessuto renale, scheletro e muscoli. L'enzima è coinvolto nella costruzione del muscolo più importante: il cuore. Un alto AST in un paziente con epatite B può segnalare la fibrosi epatica. Una situazione simile si verifica quando alcol, droghe o altri danni tossici alle cellule del fegato.

Gli indicatori di surriscaldamento sono un segno di danno epatico a livello cellulare. Quando si effettua una diagnosi, è necessario prendere in considerazione il rapporto tra AST e ALT (coefficiente di de Rytis). Un aumento simultaneo della concentrazione di entrambi gli enzimi è un segno di necrosi epatica.

bilirubina

La sostanza è formata nella milza e nel fegato, come risultato della scomposizione dell'emoglobina nei loro tessuti. Questo componente fa parte della bile. Esistono due frazioni proteiche: bilirubina diretta (legata) e bilirubina indiretta (libera). Con un aumento della bilirubina legata al sangue, ha senso sospettare epatite o altri danni al fegato. È direttamente correlato alla citolisi delle cellule epatiche.

Se la quantità di bilirubina indiretta aumenta, allora molto probabilmente c'è una lesione del tessuto parenchimale o della sindrome di Gilbert. L'alto livello di bilirubina in base ai risultati dell'analisi può essere dovuto all'ostruzione dei dotti biliari. Quando il livello di bilirubina è superiore a 30 micromoli per litro, il paziente mostra un tono cutaneo itterico, l'urina diventa scura e il bianco degli occhi cambia colore.

albumina

La sintesi di questa proteina avviene nel fegato. Se la sua quantità è ridotta, ciò indica una diminuzione della sintesi degli enzimi nel corpo a causa della presenza di gravi lesioni delle cellule epatiche.

Proteine ​​totali

Se la quantità di proteine ​​totali diventa significativamente inferiore alla norma accettata, allora questo indica un rallentamento del funzionamento del fegato.

GGT (GGTP)

Un enzima utilizzato nel rilevamento di ittero ostruttivo e colecistite. Un aumento del livello di GGT è un segnale di danno epatico tossico. Può essere provocato dall'alcolismo cronico e dall'uso incontrollato di droghe. Le proteine ​​sono particolarmente sensibili alle tossine e all'alcol, sotto la loro influenza la sua attività cresce rapidamente. Mantenere un'alta concentrazione di GGT nel sangue per un lungo periodo parla di gravi danni al fegato.

creatinina

È un prodotto del metabolismo delle proteine ​​che si verifica nel fegato. Un forte calo nel livello è un segnale che l'organo sta rallentando.

Frazioni proteiche

Una diminuzione del livello delle frazioni proteiche è un segno di patologia epatica.

L'analisi di decodifica per l'epatite B e i valori sono normali

La diagnosi dell'epatite B è uno studio cumulativo di indicatori. Solo la loro analisi completa consente di trarre conclusioni sull'infezione del paziente. Considerare l'analisi di decodificazione per l'epatite B. Per confronto, il tasso di sostanze nel sangue.

Prove di epatite C: indicazioni, tipi, trascritti

L'epatite C è un danno ai tessuti del fegato a causa dell'insorgenza del processo infiammatorio causato da un virus contenente RNA. Questo tipo di virus è stato identificato per la prima volta nel 1988.

La malattia può manifestarsi in forma acuta o cronica, ma più spesso è caratterizzata da un lungo decorso latente, cioè asintomatico. La tendenza alla malattia cronica è dovuta alla capacità del patogeno di mutazione. A causa della formazione di ceppi mutanti, il virus dell'HCV sfugge alla sorveglianza immunitaria e si trova nel corpo per un lungo periodo, senza causare sintomi pronunciati della malattia.

Gli antigeni dell'HCV hanno una bassa capacità di indurre reazioni immunitarie, pertanto gli anticorpi precoci ad essi compaiono solo dopo 4-8 settimane dall'esordio della malattia, a volte anche dopo, i titoli anticorpali sono bassi - questo complica la diagnosi precoce della malattia.

Un processo infiammatorio prolungato causato da HCV provoca la distruzione del tessuto epatico. Il processo è nascosto a causa delle capacità compensative del fegato. A poco a poco, sono esausti e ci sono segni di disfunzione epatica, di solito questo indica una profonda sconfitta. L'obiettivo dell'analisi per l'epatite C è identificare la malattia in uno stadio latente e, appena possibile, iniziare il trattamento.

Indicazioni per il rinvio di test per l'epatite C

I test dell'epatite C vengono eseguiti per i seguenti motivi:

  • esame delle persone che hanno avuto contatti con l'infetto;
  • diagnosi di epatite mista eziologia;
  • monitorare l'efficacia del trattamento;
  • cirrosi epatica;
  • visita medica preventiva di operatori sanitari, dipendenti di istituti prescolari, ecc.

Un paziente può essere inviato per analisi se ci sono segni di danno epatico:

  • ingrossamento del fegato, dolore nell'ipocondrio destro;
  • il giallo della pelle e il bianco degli occhi, prurito;
  • milza ingrossata, ragni vascolari.

Tipi di test dell'epatite C

Per la diagnosi dell'epatite C viene utilizzata una selezione diretta del virus nel sangue e l'identificazione di segni indiretti della sua presenza nel corpo - i cosiddetti marcatori. Inoltre, vengono studiate le funzioni del fegato e della milza.

I marcatori dell'epatite C sono anticorpi totali del virus dell'HCV (Ig M + IgG). Iniziano a formarsi gli anticorpi della prima (dalla quarta alla sesta settimana di infezione) della classe IgM. Dopo 1,5-2 mesi inizia la produzione di anticorpi della classe IgG, la cui concentrazione raggiunge un massimo da 3 a 6 mesi della malattia. Questo tipo di anticorpi può essere trovato nel siero per anni. Pertanto, la rilevazione di anticorpi totali consente la diagnosi di epatite C, a partire dalla 3a settimana dopo l'infezione.

La trasmissione del virus dell'epatite C avviene attraverso uno stretto contatto con il vettore del virus o l'ingestione di sangue infetto.

Gli anticorpi anti-HCV sono determinati mediante saggio immunoenzimatico (ELISA), un test ultrasensibile che viene spesso utilizzato come test diagnostico rapido.

Per determinare l'RNA del virus nel siero utilizzando il metodo della reazione a catena della polimerasi (PCR). Questa è l'analisi principale per stabilire la diagnosi di epatite C. La PCR è un test qualitativo, in cui viene determinata solo la presenza di un virus nel sangue, ma non la sua quantità.

La determinazione del livello di anticorpi HCVcor IgG NS3-NS5 è necessaria per escludere o confermare la diagnosi in presenza di un risultato PCR negativo.

Per la diagnostica della funzionalità epatica, sono prescritti test del fegato - determinazione dell'ALT (alanina aminotransferasi), AST (aspartato aminotransferasi), bilirubina, fosfatasi alcalina, GGT (gamma-glutamiltransferasi), test del timolo. I loro indicatori sono confrontati con le tabelle delle norme, il valore di una valutazione completa dei risultati.

Una fase obbligatoria della diagnosi è un esame del sangue con la definizione di formula leucocitaria e piastrine. Nell'epatite C, in generale, un esame del sangue rivela un numero normale o ridotto di leucociti, linfocitosi, una diminuzione della VES, e in un esame del sangue biochimico, l'iperbilirubinemia è causata da una frazione diretta, aumento dell'attività ALT e disturbi del metabolismo proteico. Nel periodo iniziale dell'epatite, aumenta anche l'attività di alcune sostanze, che sono normalmente contenute negli epatociti e entrano nel sangue in piccolissime quantità: sorbitolo deidrogenasi, ornithinecarbamoyltransferase, fruttosio-1-fosfataldolasi.

L'analisi generale delle urine con microscopia del sedimento rivelerà urobilina nelle urine e bilirubina negli stadi successivi della malattia.

Ha condotto uno studio sull'hardware degli organi della cavità addominale, incluso il fegato - ultrasuoni, imaging core core o magnetico.

Il virus dell'epatite C non viene trasmesso attraverso strette di mano, baci e la maggior parte degli oggetti domestici, come utensili comuni.

Un metodo importante per la diagnosi dell'epatite C è uno studio morfologico della biopsia epatica. Non solo integra i dati di ricerca biochimica, immunologica e hardware, ma spesso indica anche la natura e lo stadio del processo patologico, che altri metodi non rilevano. Lo studio morfologico è necessario per determinare le indicazioni per la terapia con interferone e valutarne l'efficacia. La biopsia epatica è indicata per tutti i pazienti con portatori di epatite C e HBsAg.

Preparazione per l'analisi

Per testare l'epatite C, è necessario donare il sangue da una vena. Come prepararsi per la raccolta del sangue? È possibile mangiare e bere prima dell'analisi?

L'analisi viene data rigorosamente a stomaco vuoto. Tra l'ultimo pasto e la raccolta del sangue dovrebbero essere necessarie almeno 8 ore. Prima di passare l'analisi è necessario escludere lo sforzo fisico, il fumo, l'uso di alcol, cibi grassi e fritti, bevande gassate. Puoi bere acqua pulita. La maggior parte dei laboratori preleva il sangue per l'analisi solo nella prima metà della giornata, quindi il sangue viene donato al mattino.

Decodifica risultati

Le analisi per la determinazione degli anticorpi contro il virus dell'epatite sono qualitative, ovvero indicano la presenza o l'assenza di anticorpi, ma non determinano il loro numero.

Se nel siero vengono rilevati anticorpi anti-HCV, viene eseguita un'analisi ripetuta per eliminare il risultato falso-positivo. Una risposta positiva all'analisi ripetuta indica la presenza di epatite C, ma non distingue tra forme acute e croniche.

In assenza di anticorpi contro il virus, la risposta è "negativa". Tuttavia, l'assenza di anticorpi non può escludere l'infezione. La risposta sarà anche negativa se sono trascorse meno di quattro settimane dall'infezione.

Per la diagnosi dell'epatite C viene utilizzata una selezione diretta del virus nel sangue e l'identificazione di segni indiretti della sua presenza nel corpo - i cosiddetti marcatori.

Il risultato dell'analisi può essere errato? La preparazione inadeguata per l'analisi può portare a risultati falsi. In questi casi si possono ottenere risultati falsi positivi:

  • inquinamento del biomateriale presentato;
  • la presenza di eparina nel sangue;
  • la presenza di proteine, sostanze chimiche nel campione.

Cosa significa test positivo per l'epatite C?

Da persona a persona, l'epatite C viene trasmessa, di norma, per via parenterale. La principale modalità di trasmissione è attraverso il sangue infetto, così come attraverso altri fluidi biologici (saliva, urina, sperma). Il sangue dei portatori di un'infezione è pericoloso fino a quando non mostrano i sintomi della malattia e mantiene la capacità di contrarre l'infezione per un lungo periodo.

Ci sono più di 180 milioni di persone infette da HCV nel mondo. Il vaccino contro l'epatite C attualmente non esiste, ma sono in corso ricerche per svilupparlo. Più spesso, un virus patogeno è rilevato nei giovani di età compresa tra 20-29 anni. L'epidemia di epatite C virale sta crescendo, circa 3-4 milioni di persone si infettano ogni anno. Il numero di morti per complicazioni della malattia ha oltre 390 mila all'anno.

Tra alcuni gruppi di popolazione, il tasso di infezione è molto più alto. Quindi, a rischio sono:

  • pazienti spesso ospedalizzati;
  • pazienti che richiedono emodialisi permanente;
  • ricevitori di sangue;
  • pazienti dispensatori oncologici;
  • persone che hanno subito trapianti di organi;
  • gruppi professionali di operatori sanitari che sono in contatto diretto con il sangue dei pazienti;
  • bambini nati da madri infette (con alte concentrazioni del virus nella madre);
  • Portatori di HIV;
  • partner sessuali di persone con epatite C;
  • persone in detenzione;
  • persone che si iniettano droghe, pazienti con trattamento farmacologico.

La trasmissione del virus avviene attraverso uno stretto contatto con il vettore del virus o l'ingestione di sangue infetto. In rari casi si registra una via di trasmissione sessuale e verticale (da madre a figlio). Nel 40-50% dei pazienti non è possibile individuare l'esatta fonte di infezione. Il virus dell'epatite C non viene trasmesso attraverso strette di mano, baci e la maggior parte degli oggetti domestici, come utensili comuni. Ma se c'è una persona infetta nella famiglia, bisogna fare attenzione: accessori per manicure, un rasoio, uno spazzolino da denti, salviette per il bagno non possono essere condivisi, in quanto potrebbero esserci tracce di sangue su di loro.

Al momento dell'infezione, il virus entra nel sangue e si accumula in quegli organi e tessuti dove si moltiplica. Queste sono cellule epatiche e cellule mononucleate del sangue. In queste cellule, l'agente patogeno non solo si moltiplica, ma rimane per molto tempo.

L'HCV provoca quindi danni alle cellule del fegato (epatociti). L'agente patogeno entra nel parenchima epatico, modificandone la struttura e interrompendo l'attività vitale. Il processo di distruzione degli epatociti è accompagnato dalla crescita del tessuto connettivo e dalla sostituzione delle cellule epatiche con essa (cirrosi). Il sistema immunitario produce anticorpi alle cellule del fegato, aumentandone il danno. A poco a poco, il fegato perde la sua capacità di svolgere le sue funzioni e si sviluppano gravi complicazioni (cirrosi, insufficienza epatica, carcinoma epatocellulare).

Gli antigeni dell'HCV hanno una bassa capacità di indurre reazioni immunitarie, pertanto gli anticorpi precoci ad essi compaiono solo dopo 4-8 settimane dall'esordio della malattia, a volte anche dopo, i titoli anticorpali sono bassi - questo complica la diagnosi precoce della malattia.

I sintomi per i quali è richiesto un test dell'epatite C

L'intensità dei sintomi della malattia dipende in gran parte dalla concentrazione del virus nel sangue, dallo stato del sistema immunitario. Il periodo di incubazione è in media 3-7 settimane. A volte questo periodo è ritardato a 20-26 settimane. La forma acuta della malattia è raramente diagnosticata e più spesso per caso. Nel 70% dei casi di infezione acuta, la malattia passa senza manifestazioni cliniche.

L'analisi viene data rigorosamente a stomaco vuoto. Tra l'ultimo pasto e la raccolta del sangue dovrebbero essere necessarie almeno 8 ore. Prima di passare l'analisi è necessario escludere lo sforzo fisico, il fumo, l'uso di alcol, cibi grassi e fritti, bevande gassate.

I sintomi che possono indicare epatite C acuta:

  • malessere generale, debolezza, prestazioni ridotte, apatia;
  • mal di testa, vertigini;
  • riduzione dell'appetito, ridotta tolleranza allo stress alimentare;
  • nausea, dispepsia;
  • pesantezza e disagio nell'ipocondrio destro;
  • febbre, brividi;
  • prurito;
  • urina scura, schiumosa (urina, simile alla birra);
  • danno alle articolazioni e al muscolo cardiaco;
  • fegato e milza ingrossati.

La colorazione giallastra della pelle può essere assente o apparire per un breve periodo. In circa l'80% dei casi, la malattia procede in forma anicterica. Con l'avvento dell'ittero, l'attività enzimatica delle transaminasi epatiche diminuisce.

Normalmente i sintomi vengono cancellati e i pazienti non attribuiscono molta importanza alle manifestazioni cliniche, pertanto, in più del 50% dei casi, l'epatite acuta diventa cronica. In rari casi, un'infezione acuta può essere difficile. Una forma clinica specifica della malattia - epatite fulminante - è accompagnata da gravi reazioni autoimmuni.

Trattamento dell'epatite C

Il trattamento viene effettuato da un epatologo o da uno specialista in malattie infettive. Si prescrivono farmaci antivirali, immunostimolanti. La durata del corso, il dosaggio e il regime dipendono dalla forma del corso e dalla gravità della malattia, ma in media la durata del ciclo di terapia antivirale è di 12 mesi.

Test dell'epatite B:
tutto sulla diagnosi primaria della malattia

La diagnosi tempestiva dell'epatite B può migliorare la prognosi della malattia e ridurre il rischio di complicazioni così gravi come il cancro e la cirrosi epatica. La diagnosi precoce è estremamente importante solo perché consente di determinare le indicazioni per la terapia antivirale e di condurre l'immunoprofilassi.

Allo stato attuale, ci sono 2 tipi di esami del sangue che vengono utilizzati per diagnosticare l'epatite B:

marcatori di epatite B;

test quantitativi e qualitativi per il DNA dell'epatite B.

In questo articolo parleremo in dettaglio di entrambi i metodi di ricerca, scopriremo come e quando fare il test per l'epatite B, che cos'è un test per DNA, anticorpi e il misterioso marker hbsag, e quali possono essere i risultati di queste analisi.

Metodi diagnostici immunologici

Esistono molti metodi di diagnosi immunologica, mentre non hanno una classificazione chiara, che può causare confusione. In entrambi i casi, la base di ciascuno di essi è il metodo di saggio immunoenzimatico, o in breve - ELISA.

Un po 'di teoria sull'ELISA

Per capire come funziona l'ELISA, è necessario trattare alcuni concetti e termini fondamentali.

Marcatori - sostanze circolanti nel sangue, che indicano che una persona è malata di qualsiasi malattia. I marcatori dell'epatite B possono essere antigeni e anticorpi per loro.

Antigeni: sostanze estranee che entrano nell'organismo, causando la formazione di anticorpi protettivi. Gli antigeni principali del virus dell'epatite B sono l'antigene di superficie hbsAg, la proteina principale del virus hbcAg e hbêAg, che non è incluso nella struttura del virus, ma si forma durante la sua replicazione.

Gli anticorpi sono proteine ​​che si formano singolarmente nel corpo per ciascun antigene dell'epatite B.

Gli anticorpi si legano agli antigeni e si inseriscono in complesse reazioni immunochimiche, che possono essere risolte in vari modi. Questa è l'essenza dell'ELISA. Ad esempio, se una compressa diagnostica viene applicata con un reagente con anticorpi anti-hbsag, quando viene aggiunto il sangue di un paziente hbsag-positivo, si formano complessi antigene-anticorpo, in base ai quali viene valutata la malattia.

Su quale marcatore effettuare un'analisi del sangue per sospetta epatite B

Il primo marker di HBV è l'antigene australiano o HbsAg. Questa è una proteina del virus cappotto, che è determinata dal metodo ELISA già 4-8 settimane dopo l'infezione. HbsAg è presente in tutti i sistemi di screening per la diagnosi primaria.

Il meccanismo di infezione da epatite B è simile a quello di altre infezioni e la clinica di qualsiasi epatite è indistinguibile l'una dall'altra, pertanto è necessario fare un'analisi non solo per l'epatite B, ma in modo complesso.

Ad esempio, dopo un rapporto sessuale non protetto con un partner dubbioso, non è male sottoporsi a un rapido esame del sangue per l'epatite B e C, l'infezione da HIV del 1 ° e 2 ° tipo, così come la sifilide. Allo stesso tempo, quando compaiono sintomi di epatite, il medico può prescrivere uno studio completo di base sui principali virus dell'epatite, che rileva IgM anti-HAV, HBsAg e anticorpi totali per HCV.

Pertanto, la diagnosi di laboratorio dell'epatite B virale deve essere eseguita solo su prescrizione di un medico che scelga lo scopo dello studio sulla base dei risultati dell'esame e del colloquio del paziente. I tentativi di diagnosticare l'epatite B con l'aiuto di test di laboratorio da soli non hanno alcun significato pratico e possono portare a conclusioni errate sulla loro salute.

La diagnosi di laboratorio dell'epatite B deve essere eseguita solo su prescrizione del medico.

Analisi per l'antigene australiano (antigene di superficie HBV)

L'esame del sangue per HbsAg per la diagnosi iniziale dell'epatite B non richiede un addestramento speciale: è sufficiente non fumare 30 minuti prima dello studio. Il materiale per l'analisi è sangue da una vena.

Il materiale di test dell'epatite B è il sangue di una vena.

Ci sono solo due possibili risultati dello studio:

HBsAg è determinato. Un risultato positivo può indicare un'epatite B acuta, un'infezione cronica attiva e un trasporto asintomatico.

HBsAg non è definito. Un risultato negativo dell'analisi è stato osservato in assenza di epatite B attiva, nella fase di recupero e come risultato dell'immunità post-vaccinazione.

Altri marker di epatite possono essere utilizzati per la diagnosi iniziale. In questo caso, il loro risultato viene valutato insieme.

Non confondere questo studio con molti altri associati all'epatite B: analisi prima della vaccinazione e l'inizio del trattamento, monitoraggio della loro efficacia, determinazione della forma e dello stadio della malattia. Questi studi stabiliscono altri compiti per se stessi, utilizzano indicatori diversi e sono interpretati a modo loro.

La diagnosi iniziale stabilita dal metodo ELISA è preliminare e deve essere confermata mediante analisi virologica.

Informazioni sulle analisi di decodifica con il metodo ELISA, leggere il materiale speciale.

Diagnosi virologica dell'epatite B

La diagnosi virologica comporta l'isolamento e l'identificazione del virus. Per rilevare il materiale genetico del virus dell'epatite B nel sangue, viene utilizzato il metodo PCR - RT - reazione a catena della polimerasi in tempo reale. Con l'aiuto di apparecchiature PCR complesse, è possibile rilevare e riconoscere il DNA dell'HBV (virus dell'epatite B) anche se è contenuto in una piccola quantità. Allo stesso tempo, è possibile una valutazione sia qualitativa che quantitativa del risultato.

Determinazione qualitativa del DNA del virus dell'epatite B (HBV)

Il test PCR di alta qualità per l'HBV DNA conferma la presenza di virus dell'epatite B nel sangue, che è molto importante nei casi in cui la diagnosi è incerta. Le mutazioni del virus possono causare cambiamenti in HBsAg e HBeAg, che in questo caso non saranno determinati da ELISA. Allo stesso tempo, ciò non ha alcun effetto sulla prognosi della malattia e sul rischio di complicanze.

Un importante vantaggio del metodo è il fatto che il DNA dell'HBV appare nel sangue prima dell'antigene australiano, che consente l'utilizzo di un'analisi qualitativa della PCR per la diagnosi precoce dell'epatite B nelle persone ad alto rischio di infezione.

Si raccomanda di non fumare 30 minuti prima di eseguire il test PCR.

Ci sono cinque principali indicazioni per complicare un test di qualità del DNA dell'HBV:

  • conferma di un test positivo da parte di ELISA;
  • sospetto di infezione con risultati discutibili di ELISA;
  • infezione mista;
  • malattia epatica cronica con una causa non chiara;
  • controllo della terapia antivirale.

Per l'analisi, il sangue viene prelevato da una vena. Non è necessaria una preparazione speciale per la procedura, sebbene si raccomanda di astenersi dal fumare 30 minuti prima dell'analisi.

L'analisi PCR di alta qualità implica 2 possibili risultati:

  • negativo se il DNA del virus dell'epatite B non viene rilevato;
  • positivo se viene determinato il materiale genetico del virus nel sangue.

La sensibilità della PCR è vicina al 100% ed è limitata solo dal limite inferiore di misurazione delle apparecchiature diagnostiche, tuttavia, va ricordato che il DNA del virus non è sempre rilevato in portatori asintomatici. Maggiori informazioni sulla nozione di "carrier state" nell'articolo "Vettori di virus dell'epatite B".

Esame del sangue per i marcatori dell'epatite B e C.

1. Test dell'epatite

Se vuoi sapere se hai virus dell'epatite B e C nel sangue, devi superare dei test speciali. Tutta la diagnostica di laboratorio nel nostro centro viene effettuata su attrezzature moderne e utilizzando reagenti di alta qualità a prezzi inferiori ai prezzi medi a Mosca. I risultati dei test ottenuti sono sempre inequivocabili, la loro accuratezza è del 100%, che è estremamente importante, poiché sulla base dei risultati di questi test viene fatta una diagnosi e vengono prese decisioni sulla scelta delle tattiche di trattamento. Le analisi dovrebbero essere prese a stomaco vuoto, cioè almeno 8 ore dovrebbero passare tra l'ultimo pasto e il prelievo di sangue.

Test dell'epatite B

Il marker diagnostico per l'epatite virale B è il dosaggio HBsAg. Un risultato positivo significa la presenza di virus dell'epatite B nel fegato, cioè una diagnosi di epatite virale cronica B.
Con un risultato negativo, la presenza di un virus in una forma latente non può essere esclusa, pertanto si consiglia di assumere sempre contemporaneamente altri due importanti indicatori di laboratorio: anti-HBcor e anti-HBs.
Anti-HBcor mostra la presenza del virus dell'epatite B in passato.

Positivo anti-HBs significa la presenza di anticorpi protettivi che sono prodotti sia come risultato dell'epatite virale acuta B trasferita con convalescenza, sia come risultato della vaccinazione.

Se tutti e tre i marcatori sono negativi, il tuo corpo non ha mai avuto contatti con il virus e devi essere vaccinato, che per 8-10 anni ti proteggerà da possibili infezioni. Questo è particolarmente importante per coloro che sono in contatto con pazienti con epatite virale o che stanno per essere sottoposti a un intervento chirurgico, così come quando pianificano una gravidanza.

Complessi 3 marcatori VG "In" (HbsAg + Anti-Hbcor + Anti-HBs)

Se l'HBsAg viene rilevato come risultato di un'indagine sui marcatori dell'epatite, è necessario eseguire un'analisi PCR che consenta di determinare la quantità del virus, l'attività del virus e il suo genotipo (specie).

Virus dell'epatite B -HBV-DNA

Determinazione quantitativa del virus dell'epatite B.

Virus dell'epatite "B" -HBV-DNA ultrasensibile

Il genotipo del virus "In"

Test dell'epatite C.

Il marker diagnostico per l'epatite C virale è un test anticorpale anti-HCV.

La presenza di anticorpi non significa la presenza di un virus. Questa non è una diagnosi di epatite C!

Se vengono rilevati anticorpi, è necessario eseguire analisi PCR - la reazione a catena della polimerasi - per rilevare gli stessi virus dell'epatite. Questo è un metodo altamente sensibile che consente di rilevare anche una piccola quantità di virus nel sangue, fino a un virus nella cellula. Nel nostro centro epatologico, questa analisi viene eseguita con un metodo ultrasensibile che soddisfa i più recenti requisiti per la diagnostica di laboratorio.

Un'analisi positiva mediante PCR indica un processo virale attivo. La conseguenza di questo processo potrebbe essere il danneggiamento del fegato fino alla formazione della cirrosi. In questi casi, si raccomanda la terapia antivirale. Per chiarire il regime di trattamento e la prognosi della malattia, è necessario stimare la carica virale, cioè calcolare la sua quantità nel sangue. È anche importante determinare il genotipo del virus (la sua specie). La durata della terapia e la dose di farmaci dipendono dal genotipo del virus.

Saggi PCR

Analisi qualitativa del virus dell'epatite "C" -HCV-RNA

Virus dell'epatite "C" -HCV-RNA ultrasensibile (quantitativo)

Il genotipo del virus "C" con un sottotipo

2. Valutazione del fegato

La valutazione dello stato del fegato nell'epatite virale B e C viene effettuata utilizzando i parametri biochimici del sangue che caratterizzano la struttura e la funzione delle cellule epatiche interessate dal virus.

Analisi del sangue biochimica I (10 indicatori - proteine ​​totali, urea, creatinina, zucchero, bilirubina, AST, ALT, fosfatasi alcalina, gamma-glutamiltranspeptidasi, ferro)

Profilo lipidico (6 indicatori: colesterolo totale, colesterolo HDL, colesterolo LDL, trigliceridi, coefficiente aterogenico)

Determinazione del metabolismo delle proteine

Il grado di danno epatico - il grado di fibrosi - deve essere determinato per chiarire la tattica del trattamento quando si prescrive la terapia antivirale. Si tratta di informazioni importanti per la pianificazione del trattamento, che possono essere posticipate se le circostanze personali (comprese quelle materiali) non consentono di iniziare la terapia. Se un alto grado di fibrosi (3-4), è auspicabile iniziare la terapia il prima possibile.

Per valutare il grado di fibrosi, utilizziamo metodi moderni, sicuri e accurati: FibroTest, FibroScan, FibroMax.

Questi sono i test più necessari per la diagnosi dell'epatite virale B e C. Al fine di prendere una decisione sul trattamento, è necessario un ulteriore esame, che può essere programmato per una consultazione gratuita in qualsiasi giorno della settimana.

3. Indagine per la nomina della terapia per l'epatite virale B e C

Esame per la terapia antivirale per l'epatite virale C

  • Esame completo del virus dell'epatite C (genotipo e carica virale);
  • Test del virus dell'epatite B per la vaccinazione se i risultati del test lo consentono;
  • Esame completo del fegato: analisi biochimiche che riflettono lo stato strutturale e funzionale delle cellule epatiche, ecografia addominale con Doppler, valutazione del grado di fibrosi (Elastometria, FibroMax, FibroTest);
  • Analisi per escludere controindicazioni per la nomina della terapia: analisi del sangue clinico, ormoni e ultrasuoni della tiroide, anticorpi autoimmuni;
  • Per i pazienti di età superiore ai 40 anni, è prescritto un esame del cuore, dei vasi sanguigni e del sistema respiratorio.

Il costo stimato del sondaggio è di 28.000 rubli. (può cambiare se hai già fatto test o, se necessario, altri test oltre all'esame standard).

Esame per la nomina di terapia antivirale per l'epatite virale B

  • Esame completo del virus dell'epatite B: tutti i parametri ELISA, nonché analisi PCR con carica virale;
  • Analisi del virus delta;
  • Esame completo del fegato: analisi biochimiche che riflettono lo stato strutturale e funzionale delle cellule epatiche, ecografia addominale con Doppler, valutazione del grado di fibrosi (Elastometria, FibroMax, FibroTest);
  • Un esame del sangue;
  • Analisi della mutazione del virus e resistenza ai farmaci.

Il costo stimato del sondaggio è di 28.000 rubli. (può cambiare se hai già fatto test o, se necessario, altri test oltre all'esame standard).

Test dell'epatite

L'epatite è un gruppo di processi infiammatori nel fegato che può essere attivato dall'azione di un numero di virus o tossine. La condizione patologica è irta della transizione a malattie più pericolose sotto forma di cirrosi, insufficienza epatica o persino processi oncologici.

Rilevazione tempestiva della presenza della malattia - il compito principale degli epatologi e dei gastroenterologi. Il risultato è un trattamento precoce (nelle fasi iniziali dell'infiammazione) e il ripristino dell'attività dell'epatocita. Il test dell'epatite è la prima fase di un esame completo.

Pochi antigeni e anticorpi

Le cause dello sviluppo della malattia sono un virus che entra nel corpo umano e può modificare le caratteristiche anatomiche e fisiologiche delle cellule epatiche. Il virus ha un rivestimento proteico che protegge il suo materiale genetico. Ci sono casi in cui la shell è composta da diversi strati, rinforzati da una palla di cellule adipose.

Il guscio include un numero di elementi che sono percepiti dal sistema immunitario umano come estranei. Questi sono antigeni. Di regola, sono sostanze proteiche, ma ci sono casi in cui le proteine ​​sono combinate in complessi con grassi o carboidrati complessi.

Le difese del corpo umano in risposta alla comparsa di antigeni sono responsabili della sintesi di alcune sostanze, che vengono chiamate anticorpi. Questi ultimi sono rappresentati da immunoglobuline che circolano liberamente nel sangue o in combinazione con i linfociti B.

È importante! Gli anticorpi sono necessari non solo per il riconoscimento di sostanze estranee che entrano nel corpo, ma anche per il loro legame e inattivazione.

Ogni antigene corrisponde ad un anticorpo specifico. Questo è il motivo per cui il chiarimento in laboratorio della presenza di anticorpi può confermare la penetrazione di alcuni antigeni e i loro indicatori quantitativi indicano la condizione generale del corpo e il grado di attività del processo infettivo.

Fai questo test e scopri se hai problemi al fegato.

Diagnosi di epatite

Per diagnosticare l'epatite è importante nelle prime fasi della malattia. La patologia a lungo può essere asintomatica e, pertanto, la diagnosi precoce impedirà la progressione dell'infiammazione e lo sviluppo di complicanze.

Come testare l'epatite:

  • donare il sangue per la biochimica - questo tipo di diagnosi mostrerà il livello di transaminasi, fosfatasi alcalina, GGT, GLDG, albumina, vi permetterà di fare un test del timolo;
  • analisi del sangue per coagulazione - specifica il livello di protrombina, fibrinogeno, tempo di coagulazione;
  • un esame del sangue per i marcatori di infiammazione del fegato;
  • Analisi PCR (polymerase chain reaction): consente di rilevare la presenza di informazioni genetiche sulle cellule virali nel corpo del paziente.

I primi due metodi di ricerca sono considerati ulteriori modi per confermare la diagnosi di epatite, gli ultimi due - la base della diagnosi differenziale. Il fatto è che i cambiamenti osservati nell'analisi biochimica del sangue non sono specifici, cioè possono accompagnare altre condizioni patologiche, così come gli indicatori di coagulazione. Inoltre, le lamentele e le manifestazioni del quadro clinico del paziente possono anche essere simili a una serie di altre malattie del fegato o di altri organi e sistemi corporei.

Cos'è un test rapido?

Tutti i precedenti esami del sangue per l'epatite vengono effettuati solo nei laboratori clinici, ma i moderni produttori di prodotti medici offrono test rapidi per eventuali test a casa. L'epatite Rapid Test è un dispositivo speciale rappresentato da strisce reattive o cassette impregnate con reagenti specifici.

Il reagente a contatto con sangue umano reagisce alla presenza di anticorpi contro un particolare antigene in esso contenuto. Con una reazione positiva, si verificano cambiamenti visivi in ​​base ai quali la patologia può essere confermata. Il test express può essere acquistato in qualsiasi farmacia, non è un modulo di prescrizione. Il kit include:

  • striscia o cassetta diagnostica, che è in confezione ermeticamente sigillata;
  • pipetta o tampone speciale per la raccolta di biomateriali;
  • sostanza chimica sotto forma di solvente o soluzione tampone;
  • lancetta o scarificatore, necessario per forare il dito per prelevare il sangue per la diagnosi.

Attualmente, ci sono due modi per testare l'infiammazione del fegato a casa: lo studio della saliva umana e del suo sangue capillare. La prima opzione è considerata indolore, ma non così informativa. La preparazione per l'analisi è la seguente:

  • è necessario rifiutare il ricevimento di cibo e bevande nell'organismo 30 minuti prima della diagnosi;
  • lavarsi i denti mezz'ora prima del test.

Il secondo modo per condurre un esame del sangue per l'epatite è lo studio del sangue capillare da un dito. Questo è un modo più scomodo, perché quando si fora la pelle per raccogliere il biomateriale, appaiono sensazioni dolorose.

Regole per i test in casa:

  1. Rimuovere la striscia reattiva dalla confezione.
  2. Utilizzare un cuscinetto speciale incluso nel kit per raccogliere la saliva o uno scarificatore e una pipetta per la raccolta del sangue capillare.
  3. Posizionare il biomateriale sulla zona indicata sulla striscia o sulla cassetta. Se le istruzioni indicano che è necessario aggiungere una soluzione tampone o solvente, effettuare la manipolazione.
  4. La valutazione del risultato avviene per il tempo specificato nelle istruzioni.

Di solito le strisce reattive hanno diverse zone. Il primo è il controllo e il secondo è il test. Se la presenza di anticorpi contro il virus dell'epatite è determinata nel corpo del soggetto, le linee appariranno in entrambe le zone. Se la linea è presente solo nella regione di controllo, la malattia è assente. Con la completa assenza di linee (in entrambe le zone) dopo il test, il test è considerato inadatto. In quest'ultimo caso, si consiglia di acquistare un nuovo set.

Epatite B

La malattia deriva dall'ingresso del virus dell'epatite B nel corpo umano. La guaina di una cellula virale ha anticorpi specifici, in risposta all'attività di cui il sistema immunitario umano risponde con la produzione di antigeni. Gli anticorpi e gli antigeni sono marcatori di epatite. L'epatite B cronica ha i seguenti marcatori:

  • L'HBsAg (antigene australiano) è una sostanza che si trova sulla superficie di una cellula virale. I suoi anticorpi sono Anti-HBsAg;
  • HBcAg è un antigene del nucleo del virus, i suoi anticorpi sono IgG anti-HBcAg e IgM anti-HBcAg (l'aspetto di uno o dell'altro tipo dipende dal grado di luminosità del processo di infezione);
  • HBeAg e HBV-DNA è la sostanza proteica del nucleo virale e la sua informazione genetica, Anti-HBe è l'anticorpo di questa sostanza proteica.

L'analisi biochimica del sangue nell'epatite B consente di ottenere dati sullo stato degli epatociti, il grado di danno al tessuto epatico. C'è un aumento del livello delle transaminasi (ALT, AST), un aumento di GGT, GLDG, che conferma la distruzione delle cellule degli organi. L'immagine dei parametri biochimici del sangue mostra un aumento del numero di frazione diretta e indiretta di bilirubina e colesterolo. La quantità di albumina e di protrombina diminuisce, ma può essere osservata sullo sfondo di una serie di altre patologie del corpo. Il test del timolo è positivo

Epatite C

Il pericolo dell'agente causale della malattia sta nel fatto che la sua informazione genetica è contenuta nell'RNA e non nel DNA, come nella maggior parte dei suoi "fratelli". Ciò consente alla cellula virale di mutare e adattarsi alle condizioni avverse.

Questa caratteristica spiega perché gli scienziati non possono creare un vaccino che possa proteggere completamente una persona dall'agente patogeno della patologia. Quali indicatori indicano la presenza della malattia, considerare più in dettaglio.

IgM anti-HCV

La diagnostica per i marcatori dell'epatite virale consente di determinare la presenza di anticorpi IgM anti-HCV nel sangue. Appaiono nel flusso sanguigno dopo 30-40 giorni dal momento dell'infezione. Tali sostanze indicano che il paziente si trova nella fase di malattia acuta o esacerbazione della forma cronica di patologia.

Se il sangue per l'epatite mostrava IgM anti-HCV:

  • è necessario scegliere il trattamento durante il trattamento iniziale del paziente;
  • correggere la terapia quando il paziente viene riapplicato;
  • valutare la presenza di complicanze.

IgG anti-HCV

Se i test di laboratorio hanno confermato la presenza di anticorpi di questo tipo, il medico ritiene che il virus sia entrato nel corpo del paziente, ma non ha causato lo sviluppo della malattia. È possibile mantenere le IgG anti-HCV nel sangue durante la vita di una persona (nella forma di un portatore) o come indicatore di un processo infiammatorio lento cronico. Le IgG anti-HCV possono essere rilevate 60-90 giorni dopo l'infezione.

Epatite D

Di norma, questa forma del processo infiammatorio esiste in parallelo con il tipo B. La sua informazione genetica è contenuta anche nell'RNA, che spiega il pericolo e l'astuzia dell'agente patogeno. I test per l'epatite D sono necessari per determinare la presenza dei seguenti marcatori:

  • IgM anti-HDV - indicano la presenza di un processo patologico, con un alto grado di attività, che si verifica durante i primi due mesi dopo che il patogeno entra nel corpo umano;
  • IgG anti-HDV: parlare di processi o carenze croniche lente, non così pericolose come la prima versione di anticorpi.

La diagnosi di epatite virale determina sempre la presenza di marcatori di epatite B se il paziente ha una forma D, poiché quest'ultima variante patologica non può esistere in assenza del virus B.

Forma tossica dell'infiammazione del fegato

Appare sotto l'azione di droghe, sostanze tossiche, veleni industriali, un numero di piante e funghi, pesticidi, ecc. La diagnosi di laboratorio dell'epatite in questo caso è un processo che richiede tempo, poiché è piuttosto difficile differenziare la condizione. Test clinici generali, PCR, determinazione dei marcatori di forme virali, biochimica e altri metodi di ricerca vengono in soccorso. È importante diagnosticare lo stato del sistema di coagulazione del sangue, valutare la presenza di sostanze tossiche nel sangue e nelle urine.

Come passare l'analisi sui marcatori?

I test dell'epatite possono essere eseguiti in qualsiasi laboratorio clinico di tipo pubblico o privato. Per ottenere dati corretti è importante seguire le regole di preparazione. Ciò ridurrà la probabilità di un risultato falso positivo o falso negativo. La preparazione per la diagnosi è necessaria come segue: l'ultima assunzione di cibo dovrebbe essere non oltre le 22:00 della sera prima dello studio.

Al mattino, nel giorno dell'analisi, è vietato bere bevande ad eccezione dell'acqua naturale. Per 48 ore è importante escludere cibi fritti, grassi, piatti con spezie, bevande alcoliche. 30-40 minuti prima del prelievo di sangue, smettere di fumare.

L'analisi non viene effettuata lo stesso giorno con altri metodi di ricerca (radiografia, ultrasuoni, metodi diagnostici strumentali). Nei giorni scorsi è importante abbandonare lo stress fisico ed emotivo, i farmaci (d'accordo con il medico). Se al paziente vengono completamente negati i farmaci, l'elenco dei farmaci da assumere deve apparire sul retro del modulo di riferimento.

Risposte alle domande frequenti dei pazienti:

  1. Quanto viene eseguito il test sull'epatite? - Quanti giorni l'analisi è fatta dipende dal laboratorio stesso. Di regola, dopo un giorno il paziente può ritirare la risposta. Ma ci sono momenti in cui i laboratori si trovano in villaggi, insediamenti di tipo urbano che non dispongono delle attrezzature necessarie per condurre la diagnostica. In questi casi, il biomateriale viene trasportato nei laboratori dei centri regionali, il che significa che il risultato dovrà attendere fino a 3-5 giorni.
  2. Dove prendi il sangue per la ricerca? - Il materiale è preso da una vena.
  3. Il digiuno deve prendere o no? - L'analisi viene eseguita esclusivamente a stomaco vuoto. Altrimenti, il risultato della diagnosi potrebbe essere falso.
  4. Cosa significa una risposta negativa? - Il risultato conferma l'assenza di un virus nel corpo del paziente.
  5. Può un emocromo completo per epatite sostituire altri metodi di ricerca? - UAC è solo un'aggiunta ai metodi principali. È considerato prova indiretta della presenza del processo infiammatorio, ma non diretto.

PCR nella diagnosi di infiammazione del fegato

Di norma, la reazione a catena della polimerasi viene effettuata dopo la rilevazione di anticorpi nel corpo del soggetto. Questa opzione diagnostica è di due tipi: PCR qualitativa e quantitativa. La prima opzione indica la presenza dell'agente patogeno nel corpo. La sua risposta è: "rilevato" o "non rilevato".

Nel secondo caso, il test consente di determinare la quantità di virus nel sangue, che aiuta a chiarire il grado di infezione. È indicato dalla quantità di materiale genetico del patogeno che può essere trovato in un millilitro di sangue (1 cm3). Più alto è il risultato, più contagioso (contagioso) è il processo patologico in un particolare paziente.

Probabilità di risultati falsi

Un test falso positivo per l'epatite è il risultato che conferma la presenza della malattia, secondo la diagnosi, in assenza di essa in effetti. Le ragioni di questo potrebbero essere i seguenti stati:

  • periodo di trasporto di un bambino;
  • processi autoimmuni nel corpo;
  • neoplasie;
  • processi infettivi;
  • uso a lungo termine di medicinali stimolanti delle difese corporee;
  • epatite autoimmune;
  • vaccinazione nel recente passato.

Se parliamo di fattori che non riguardano lo stato del corpo del paziente, le ragioni includono errori del personale medico durante il campionamento del materiale, mancanza di preparazione di qualità per la diagnosi, campioni mescolati casualmente, l'effetto delle alte temperature sui tubi durante il loro stoccaggio e trasporto. Per confermare o confutare la diagnosi è una diagnosi completa. Solo dopo aver ottenuto i risultati è stata scelta un'ulteriore tattica.

Pubblicazioni Sulla Diagnostica Del Fegato

Essliver - istruzioni ufficiali * per l'uso

Diete

ISTRUZIONI
sull'uso medico del farmacoNumero di registrazione:Nome commerciale del farmaco: Essliver ® ForteNome internazionale non proprietario:Forma di dosaggio:struttura

Lavaggio intestinale: efficacia e sfumature della procedura

Cirrosi

Tutto ciò che mangiamo si rivela nell'intestino. È il cibo che agisce costantemente sul fattore intestinale. L'eccesso di cibo, l'abuso di cibo dannoso, il basso contenuto di fibre vegetali influenzano negativamente la salute dell'intestino e della sua microflora.

Dieta: "Table number 2" di Pevzner

Cirrosi

Le diete medicinali sono una garanzia di recupero rapido. A volte, una corretta alimentazione, in ogni caso, non ha un effetto terapeutico inferiore alla terapia farmacologica.

Come rimuovere le pietre dalla cistifellea: chirurgia e farmaci

Diete

I concrementi negli organi di accumulo della bile e dei loro dotti sono una patologia comune causata dalla stagnazione dei contenuti e da un aumento della concentrazione di sali in essa contenuti.