Principale / Analisi

Epatite autoimmune

Analisi

L'epatite autoimmune è una malattia infiammatoria del parenchima epatico di eziologia sconosciuta (causa), accompagnata dall'apparizione nel corpo di un gran numero di cellule immunitarie (gamma globuline, autoanticorpi, macrofagi, linfociti, ecc.)

La malattia è abbastanza rara, si verifica in Europa con una frequenza di 50-70 casi per 1 milione di abitanti e nel Nord America con una frequenza di 50-150 casi per 1 milione di abitanti, ovvero il 5-7% della malattia totale da epatite. In Asia, Sud America e Africa, l'incidenza di epatite autoimmune nella popolazione è la più bassa e varia da 10 a 15 casi per 1 milione di persone, ovvero l'1-3% del numero totale di persone che soffrono di epatite.

L'epatite autoimmune colpisce spesso le donne in giovane età (dai 18 ai 35 anni).

La prognosi per la malattia non è favorevole, il tasso di sopravvivenza a cinque anni per questa malattia è del 50%, il tasso di sopravvivenza a dieci anni è del 10%. Con il decorso della malattia si sviluppa un'insufficienza epatocellulare che porta allo sviluppo del coma epatico e, di conseguenza, alla morte.

cause di

Le cause dello sviluppo dell'epatite autoimmune non sono state ancora stabilite. Ci sono diverse teorie proposte da diversi autori:

  • Teoria ereditaria, la cui essenza è che c'è un trasferimento da madre a figlia di un gene mutante coinvolto nella regolazione dell'immunità;
  • Teoria virale, la cui essenza risiede nell'infezione umana con virus dell'epatite B, C, D o E, così come il virus dell'herpes o il virus Epstein-Bar, che interrompono il sistema immunitario del corpo e portano a fallimenti nella sua regolazione;
  • La comparsa della malattia dovuta al trasporto del gene patologico del complesso principale di istocompatibilità - HLA-A1, DR3, C4AQ0, DR4 o -B8.

Tutte le teorie di cui sopra portano a uno scenario:

Le cellule del sistema immunitario, che sono prodotte nel corpo, cominciano a considerare il fegato come un agente alieno e patologico e cercano di distruggerlo - queste cellule sono chiamate anticorpi. Se gli anticorpi distruggono i loro stessi tessuti e organi, allora sono chiamati autoanticorpi. Le cellule epatiche distrutte vengono sostituite dal tessuto connettivo e l'organo perde gradualmente tutte le sue funzioni e si sviluppa un'insufficienza epatica che porta alla morte. Il processo può essere rallentato con i farmaci, ma non puoi fermarti.

classificazione

A seconda del tipo di anticorpi, si distinguono 3 tipi di epatite autoimmune:

  • Tipo 1 - presenza di ANA (anticorpi al nucleo dell'epatocita) e SMA (anticorpi alla busta dell'epatocita);
  • Tipo 2 - presenza di LKM-1 (anticorpi ai microsomi epatici);
  • Tipo 3 - presenza di SLA (anticorpi contro l'antigene epatico).

Sintomi di epatite autoimmune

  • stanchezza;
  • debolezza generale;
  • mancanza di appetito;
  • vertigini;
  • mal di testa;
  • un leggero aumento della temperatura corporea;
  • ingiallimento della pelle;
  • flatulenza;
  • pesantezza allo stomaco;
  • dolore nell'ipocondrio destro e sinistro;
  • fegato e milza ingrossati.

Con la progressione della malattia nelle fasi successive si osservano:

  • arrossamento delle palme;
  • l'aspetto della telangiectasia (vene del ragno) sulla pelle;
  • pallore della pelle;
  • abbassare la pressione sanguigna;
  • dolore nel cuore;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • encefalopatia epatica (demenza);
  • coma epatico.

diagnostica

La diagnosi di epatite autoimmune inizia con un'indagine e un esame da un medico generico o da un gastroenterologo, seguita da uno studio di laboratorio e strumentale. La diagnosi di epatite autoimmune è abbastanza problematica, in quanto la natura virale e alcolica del danno epatico dovrebbe essere inizialmente esclusa.

Indagine paziente

Nel sondaggio dovrebbero trovare i seguenti dati:

  • se ci fosse una trasfusione di sangue entro 1-2 anni;
  • se il paziente sta abusando di alcol;
  • erano malattie virali del fegato durante la loro vita;
  • sono stati consumati farmaci epatotossici (farmaci, droghe) durante la loro vita;
  • Il paziente ha malattie autoimmuni di altri organi (lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide, sclerodermia, dermatomiosite, ecc.)?

Esame del paziente

All'esame, viene prestata particolare attenzione alla pelle, alle mucose e alle dimensioni del fegato:

  • colore della pelle e delle ittero mucoso;
  • emorragie e teleangectasie sono visibili sulla pelle;
  • gengive sanguinanti;
  • fegato e milza ingrossati.

Metodi di esame di laboratorio

Analisi del sangue generale:

Cambiamento nell'epatite autoimmune

ESR (tasso di sedimentazione degli eritrociti)

Analisi delle urine:

Cambiamento nell'epatite autoimmune

1 - 3 in vista

1 - 7 in vista

1 - 2 in vista

5 - 6 in vista

3 - 7 in vista

Esame del sangue biochimico:

Cambiamenti nell'epatite autoimmune

0,044 - 0,177 mmol / l

0,044 - 0,177 mmol / l

Cambiamenti nell'epatite autoimmune

8,6 - 20,5 μmol / l

130,5 - 450 micron / l e oltre

60,0 - 120,0 μmol / l

0.8 - 4.0 piruvite / ml-h

5,0 - 10,0 piruvato / ml-h

Coagulogramma (coagulazione del sangue):

Cambiamenti nell'epatite autoimmune

APTT (tempo di tromboplastina parziale attiva)

Meno di 30 secondi

Lipidogramma (quantità di colesterolo e sue frazioni nel sangue):

Cambiamenti nell'epatite autoimmune

3.11 - 6.48 μmol / l

3.11 - 6.48 μmol / l

0,565 - 1,695 mmol / l

0,565 - 1,695 mmol / l

lipoproteine ​​ad alta densità

lipoproteine ​​a bassa densità

35 - 55 unità densità ottica

35 - 55 unità densità ottica

Analisi per i test reumatici:

Cambiamenti nell'epatite autoimmune

CRP (proteina c-reattiva)

Ce ne sono molti

Metodi di esame sierologico

  • ELISA (ELISA);
  • CSC (reazione di fissazione del complemento);
  • PCR (reazione a catena della polimerasi).

I suddetti metodi sierologici vengono eseguiti per escludere la natura virale della malattia del fegato, l'analisi viene effettuata su marcatori di epatite virale B, C, D ed E, così come il virus dell'herpes, la rosolia, Epstein-Bar. Per l'epatite autoimmune, i test dovrebbero essere negativi.

Analisi per i marcatori di epatite autoimmune

Questa analisi viene eseguita solo tramite PCR, poiché questo è il metodo più sensibile. Se ci sono marcatori ANA, SMA, LKM-1 o SLA nel sangue, è possibile giudicare una malattia epatica autoimmune.

Esame strumentale del fegato

  • Ultrasonografia del fegato, dove è possibile vedere l'infiammazione del tessuto epatico e la sostituzione di un parenchima sano con tessuto connettivo;
  • La biopsia epatica sotto guida ecografica seguita dall'esame del tessuto epatico al microscopio, consente di effettuare la diagnosi finale con una precisione del 100%.

Trattamento dell'epatite autoimmune

Trattamento farmacologico

Terapia patogenetica

Poiché le cause della malattia non sono completamente comprese, è possibile influenzare solo il gruppo di processi nel corpo, la cui conseguenza è la produzione di autoanticorpi tropici nel parenchima epatico. Questo trattamento ha lo scopo di ridurre l'immunità del corpo e implica la cessazione della produzione di cellule che combattono agenti estranei che entrano nel corpo dall'esterno o sono considerati estranei al corpo - in casi come l'epatite autoimmune.. Gli svantaggi di questo trattamento è che il corpo diventa indifeso contro qualsiasi agente infettivo, fungino, parassitario o batterico.

Ci sono 3 regimi di trattamento:

1 schema consiste nella nomina di glucocorticosteroidi (ormoni ad alto dosaggio):

  • 40-80 mg di prednisone (il numero di milligrammi dipende dal peso corporeo del paziente) al giorno, con 2/3 della dose giornaliera assunta al mattino a stomaco vuoto e 1/3 della dose alla sera prima dei pasti. Dopo 2 settimane di assunzione del farmaco, che deve necessariamente essere accompagnato da un miglioramento nei test di laboratorio, la dose inizia a ridursi di 0,5 mg ogni settimana. Al raggiungimento di una dose di 10-20 mg di prednisone al giorno (dose di mantenimento), la riduzione viene interrotta. Il farmaco viene somministrato per via intramuscolare. Il farmaco dura a lungo e continua fino a quando i test di laboratorio non rientrano nei limiti normali.

2 schema è costituito da un glucocorticosteroide e immunosoppressore (un farmaco che mira a sopprimere il sistema immunitario):

  • 20-40 mg di prednisolone 1 volta al giorno al mattino a stomaco vuoto per via intramuscolare, dopo 2 settimane - riducendo la dose del farmaco di 0,5 alla settimana. Al raggiungimento di 10-15 mg il farmaco viene assunto sotto forma di compresse, al mattino a stomaco vuoto.
  • 50 mg di azotioprina suddivisi in 3 dosi al giorno, prima dei pasti sotto forma di compresse. Il corso del trattamento secondo questo schema è di 4 - 6 mesi.

3, lo schema è costituito da glucocrocosteroide, immunosoppressore e acido urodesossicolico (un farmaco che migliora la rigenerazione degli epatociti):

  • 20-40 mg di prednisolone 1 volta al giorno al mattino a stomaco vuoto per via intramuscolare, dopo 2 settimane - riducendo la dose del farmaco di 0,5 alla settimana. Al raggiungimento di 10-15 mg il farmaco viene assunto sotto forma di compresse, al mattino a stomaco vuoto.
  • 50 mg di azotioprina suddivisi in 3 dosi al giorno, prima dei pasti sotto forma di compresse.
  • 10 mg per 1 kg di peso corporeo di acido urodesoxycholic al giorno, la dose divisa in 3 dosi sotto forma di compresse.

Il corso del trattamento va da 1 a 2 mesi a sei mesi. Quindi l'azotioprina viene rimossa e il trattamento con i due farmaci rimanenti viene continuato per un massimo di 1 anno.

Terapia sintomatica:

  • per il dolore - riabal 1 compressa 3 volte al giorno;
  • con gengive sanguinanti e la comparsa di vene varicose sul corpo - vikasol 1 compressa 2 - 3 volte al giorno;
  • in caso di nausea, vomito, febbre - polisorb o enterosgel 1 cucchiaio 3 volte al giorno;
  • in caso di edema o ascite - furosemide 40-40 mg 1 volta al giorno al mattino a stomaco vuoto.

Trattamento chirurgico

Questa malattia può essere curata solo da un intervento chirurgico, che consiste in un trapianto di fegato (trapianto).

L'operazione è piuttosto complicata, ma è stata a lungo inserita nella pratica dei chirurghi dell'ex CSI, il problema è trovare un donatore adatto, potrebbe richiedere anche qualche anno, e costa un sacco di soldi (da circa 100.000 dollari).

L'operazione è abbastanza seria e difficile da trasportare per i pazienti. Ci sono anche una serie di complicazioni e inconvenienti piuttosto pericolosi causati dai trapianti di organi:

  • il fegato potrebbe non stabilizzarsi ed essere respinto dal corpo, nonostante l'uso costante di farmaci che sopprimono l'immunità;
  • l'uso costante di immunosoppressori è difficile da trasportare per il corpo, poiché durante questo periodo è possibile ottenere qualsiasi infezione, anche la più comune ARVI, che può portare allo sviluppo di meningite (infiammazione delle meningi), polmonite o sepsi in condizioni di immunità depressa;
  • Un fegato trapiantato può non svolgere la sua funzione, e successivamente si sviluppa un'insufficienza epatica acuta e si verifica la morte.

Trattamento popolare

Il trattamento popolare per l'epatite autoimmune è severamente proibito, poiché non solo non ha l'effetto desiderato, ma può anche aggravare il decorso della malattia.

Una dieta che allevia il decorso della malattia

È severamente vietato utilizzare un prodotto con proprietà allergiche nella dieta:

È vietato consumare cibi grassi, speziati, fritti, salati, affumicati, cibo in scatola e alcol.

La dieta delle persone con epatite autoimmune dovrebbe includere:

  • manzo o vitello bolliti;
  • ortaggi;
  • cereali;
  • i latticini non sono cibi grassi;
  • pesce non grasso Grado cotto o bollito;
  • frutta;
  • bevande di frutta;
  • composte;
  • tè.

Epatite autoimmune che esami del sangue è necessario passare

Test del fegato: come prendere e indicatori di normalità

Per il trattamento del fegato, i nostri lettori hanno usato con successo il Leviron Duo. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

Il fegato è uno degli organi vitali del corpo umano. Pertanto, al fine di ottenere un quadro completo del suo lavoro, vengono effettuati test del fegato. È questo test che aiuta a determinare la presenza di una malattia pericolosa, così come il grado di danno d'organo.

Cosa sono i test del fegato

I test funzionali del fegato sono esami del sangue biochimici e radionuclidi che mostrano un quadro completo del flusso della bile, del danno cellulare, dell'infiammazione e della struttura anormale degli organi. I test epatici sono quello che sono, il test principale per determinare la patologia grave del fegato e il suo lavoro.

Cosa è incluso nei test del fegato:

  • ALT;
  • AST;
  • GGT;
  • Difesa alcalina;
  • bilirubina diretta, indiretta, generale;
  • proteine ​​totali;
  • albumina.

Cambiamenti nella concentrazione di enzimi, il loro eccesso o diminuzione dallo standard - questo è il sintomo principale dei disturbi nel corpo umano.

Indicazioni per appuntamento

Non tutte le persone fanno regolarmente un esame del sangue, test del fegato. Ma ci sono una serie di sintomi che sono precursori di malattie di organi pericolosi. Questi includono:

  1. Occhi e pelle gialli.
  2. Dolore nella parte destra nella parte inferiore delle costole.
  3. Frequente sensazione di nausea.
  4. Senso di amarezza in bocca.
  5. Aumento inspiegabile della temperatura corporea.

Questi non sono tutti i sintomi, sulla base dei quali il medico può prescrivere un test per ottenere letture accurate del fegato. Ad esempio, può essere una grande massa corporea, diabete, epatite, alcolismo, ecc. Con l'epatite, i test epatici sono i test più importanti.

Ragioni per crescere

Perché i test del fegato aumentano? Molte malattie e droghe possono influenzare la composizione del sangue. Ma i motivi principali per il loro aumento sono:

  • gruppo epatite A, B, C, D;
  • prendere statine;
  • insufficienza cardiaca;
  • l'obesità;
  • alcool.

Oltre a loro, influenzano anche:

  • celiachia;
  • emocromatosi;
  • cancro al fegato;
  • pancreatite;
  • ipotiroidismo;
  • La malattia di Wilson;
  • mononucleosi e altro.

Se i risultati dell'esame sono deviati dallo standard, ma non ci sono sintomi visibili della malattia, è necessario ripetere l'esame.

Come prendere gli esami del fegato

Come fare un esame del fegato dirà al medico in dettaglio. Ma ci sono regole uniformi per la preparazione di esami del sangue biochimici per test di funzionalità epatica.

Come vengono prese le analisi del fegato da un adulto:

  1. Si raccomanda di donare il sangue per gli esami del fegato a stomaco vuoto. La dieta è auspicabile per osservare circa un giorno prima di superare il test.
  2. È meglio riposare un po 'prima di donare il sangue (20-25 minuti).
  3. Un giorno prima del test non dovresti bere alcolici, farmaci, praticare un'intensa attività fisica.

Quando si effettua un test per gli enzimi epatici nei bambini, i medici raccomandano di innaffiare un bambino 150-200 ml di acqua per mezz'ora.

Norme per uomini e donne

I campioni di fegato che decodificano l'analisi della norma e la sua deviazione differiscono in uomini, donne e bambini. Per il maschio, il risultato del fegato di un esame del sangue può differire con l'assunzione di un pasto molto grasso di fronte a lui.

Test del fegato di Norma Alt e Ast nelle donne da 4 a 49 (4-46), negli uomini da 4 a 34 (4-30).

La bilirubina è comune, che nelle donne, negli uomini, lo standard è lo stesso da 3,4 a 17. Lo stesso vale per la bilirubina diretta da 0 a 3,3 e la bilirubina indiretta da 2,4 a 13,4. L'albumina va da 34 a 49. ALP da 31 a 116. Proteine ​​totali da 64 a 84. GGT nelle donne da 2 a 54, negli uomini da 4 a 37. Anche l'elevata conta epatica ematica nelle persone con malattie renali è considerata normale. Test epatici elevati indicano la presenza di patologie.

Nello studio delle norme dell'analisi biochimica del fegato, è necessario tenere conto della presenza di varie malattie croniche del paziente, delle medicine che usa, nonché della sua età e del suo sesso. Per le donne che non hanno ancora partorito, il tasso di esami del fegato è diverso durante la gravidanza e l'allattamento. Naturalmente, tutto è individuale, ma i valori dei normali indicatori dei test di funzionalità epatica valgono ancora la pena. Dopotutto, se l'indicatore del sangue epatico è elevato, allora vale la pena contattare immediatamente uno specialista.

Decodifica risultati

Gli indicatori epatici di analisi biochimiche di sangue possono dire su molte malattie. Molto spesso, la direzione del loro passaggio viene emessa in caso di sospetto di malattia epatica o per tracciare quelli esistenti. I più importanti sono 4 criteri in base ai quali il medico determina la patologia: ALT, AST, ALP, GGT. Per questo, il paziente dona il sangue per i test del fegato, decodificando i suoi risultati parla in grande quantità.

Ad esempio, se i test del fegato di ALT e AST-gamma sono sovrastimati, allora ci sono danni alle cellule del fegato, alla presenza di epatite o malattie autoimmuni. A volte i risultati sono alti a causa dell'uso di farmaci epatotossici. Un livello elevato di test epatici emoticogonici di fosfatasi alcalina e GGT suggerisce che vi sia la stasi biliare. Di solito la ragione di questa ostruzione dei percorsi per la rimozione della bile da parte dei vermi o per un altro motivo. I test della bilirubina epatica aiutano a stabilire se c'è ristagno o danno. E se a questo si aggiungono i test dell'ALT e dell'AST sovrastimati, allora c'è un forte danno alle cellule dell'organo. Se gli indici epatici del test del sangue biochimico sono elevati in diversi punti (ALP, GGT, bilirubina), allora questo è un segnale della possibile comparsa di colestasi. Se l'albumina e le proteine ​​totali rientrano nei limiti standard, la funzionalità epatica è migliorata. Una diminuzione in questo indice indica un errore.

Gli esami del fegato mostrano patologie non solo negli adulti, ma anche nei bambini. Sulla base di uno scarso indice di fegato, il medico può prescrivere ulteriori test e formulare ipotesi iniziali sulla malattia e ulteriori trattamenti.

Test epatici nei bambini

I test epatici nei bambini sono presi, come negli adulti da una vena, nei neonati e nei neonati - dal tallone. Nei neonati e nei bambini, il tasso di test del fegato è diverso. Questi risultati sono influenzati dall'età, dall'altezza, dal sesso e dagli ormoni del bambino. Quando il bambino cresce, eventuali anomalie e anomalie congenite tornano gradualmente alla normalità. Certamente, che negli adulti lo standard, nei bambini è considerato una deviazione, e viceversa.

Prima dell'esame è necessario comunicare al medico tutte le medicine che la madre assume (in caso di allattamento) e il bambino. E anche, quando è stato l'ultimo uso del cibo.

Nello studio dei risultati, quasi tutti gli indici sono usati come negli adulti:

  1. ALT. Un aumento o una riduzione di questo rapporto è la presenza di una malattia della colecisti e delle vie biliari, oltre a danni all'organo stesso.
  2. AST. L'aumento di questo enzima segnala il malfunzionamento dei muscoli dello scheletro, del sangue, del cuore e del fegato.
  3. GGT. L'aumento di questo enzima fornisce informazioni sulla patologia del fegato, una diminuzione - il malfunzionamento della ghiandola tiroidea.
  4. AP. Un aumento è un segno di una malattia di reni, ossa, fegato e fiele, ma la diminuzione è l'anemia e la mancanza di ormoni sessuali nell'adolescenza.
  5. Bilirubina. L'aumento fornisce informazioni sulla presenza di ittero, malattie cardiache e problemi con il ritiro della bile.

Gli standard nei bambini sono i seguenti:

  • AST: fino a 6 mesi (21-69), fino a 12 mesi (14-59);
  • ALT - fino a 1 settimana (48), fino a 12 mesi (53), da 1 a 3 anni (32), da 3 a 6 anni (28), da 6 a 15 anni (38);
  • bilirubina totale - fino a 12 mesi (14 -66), da 12 a 17 mesi (3.3-20.6);
  • GGT - fino a 6 settimane (19-199), fino a 12 mesi (4-58), fino a 15 anni (4-21);
  • ALP - fino a 6 settimane (69-369), fino a 12 mesi (79-469), da 1 a 10 anni (64-359), da 10 a 15 anni (79-439).

Tassi di gravidanza

In gravidanza, un test epatico elevato può segnalare gravi malattie che possono interessare non solo la madre, ma l'intera gravidanza e l'ulteriore sviluppo del bambino.

In diverse fasi della gravidanza, i coefficienti sono diversi.

Ad esempio, durante il 1 ° trimestre:

  • ALT (31), AST (30), GGT (35), ALP (39-139), albumina (31-49), bilirubina totale (3.3-21.5), bilirubina diretta (0-7.8) bilirubina indiretta (3.3-13.6); proteine ​​totali (62-82).

Durante il 2 ° trimestre:

  • ALT (30), AST (29), GGT (35), ALP (39-139), albumina (27-55,7), bilirubina totale (3,3-21,5), bilirubina diretta (0-7, 8), bilirubina indiretta (3.3-13.6); proteine ​​totali (62-82).

Durante il trimestre 3:

  • ALT (30), AST (29), GGT (35), ALP (39-139), albumina (25,5-66), bilirubina totale (3,3-21,5), bilirubina diretta (0-7, 8), bilirubina indiretta (3.3-13.6); proteine ​​totali (61-82).

L'aumento di fosfatasi alcalina nel secondo trimestre è permesso a 191, e nel terzo - a 239.

Durante la gravidanza, spesso accade che molti indici di test aumentino, ma questo non è motivo di preoccupazione. In medicina, questa è chiamata sindrome di Gilbert, che è una malattia congenita e non ha alcun rischio per la salute del bambino.

Cosa fare con le deviazioni dalla norma

Cosa succede se i test del fegato sono pessimi? La cosa principale è non deprimersi subito. Per aiutare a determinare la causa di tali deviazioni può solo specialista. In ogni caso, non dovresti automedicare, soprattutto se c'è una gravidanza. Quindi puoi danneggiare significativamente lo sviluppo e la salute del futuro bambino. La ragione delle deviazioni dalla norma delle analisi può essere solo nell'uso di cibi grassi immediatamente prima di servire. Il ricampionamento aiuterà a dissipare o, comunque, a confermare i fallimenti esistenti nel corpo.

I medici raccomandano di ottenere risultati più affidabili e di non ottenere elevati test di funzionalità epatica.

video

Esami del sangue: LAVORO DI FEGATO (proteine ​​totali / bilirubina / fosfatasi alcalina / AST / ALT).

Diagnosi di epatite virale: test e falsi test

L'epatite virale è un problema di salute pubblica molto importante. Sfortunatamente, l'incidenza di questi è elevata e continua a crescere. Alcuni tipi di epatite virale, ad esempio, B e C, possono causare gravi complicanze come la cirrosi epatica e persino il cancro se non diagnosticato correttamente. Questa infezione rappresenta una vera minaccia durante la gravidanza, sia per la futura mamma che per il bambino.

Attualmente, ci sono diversi virus che possono causare l'epatite. Sono indicati con lettere latine: epatite A, B, C, D, E, ecc. Inoltre, possono verificarsi malattie da epatite con infezione da HIV / AIDS, virus dell'herpes, citomegalovirus e altri. L'associazione di virus, le cosiddette infezioni miste, complica il decorso delle malattie del fegato. Combinazione particolarmente sfavorevole di virus dell'epatite B con HIV / AIDS.

Per stabilire la diagnosi, vengono utilizzate la raccolta dell'anamnesi, la valutazione dei sintomi clinici, i metodi di ricerca strumentali e di laboratorio.

In questo articolo esaminiamo le caratteristiche dei metodi di ricerca di laboratorio per l'epatite virale.

Quali sono i test per l'epatite?

Al fine di valutare la funzione e l'entità del danno epatico, la reazione generale del corpo alla penetrazione dell'agente causativo, nonché a determinare il tipo di virus, vengono utilizzati metodi di laboratorio. Alcuni di loro sono spesso decisivi nell'identificare l'agente causale.

Tutta la varietà di test per l'epatite può essere suddivisa in tre gruppi:

  1. Studi clinici generali - un'analisi generale del sangue e delle urine.
  2. Esami del sangue biochimici - i cosiddetti test di funzionalità epatica e alcuni altri.
  3. Diagnosi specifica o rilevamento dei marcatori dell'epatite: determinazione del tipo, genotipo del virus, nonché della sua quantità nel sangue. Inoltre in alcuni casi è possibile determinare la durata dell'infezione e valutare la risposta immunitaria del paziente all'agente patogeno.

Studi clinici generali

Le analisi più elementari che possono essere fatte praticamente da qualsiasi laboratorio pubblico o privato. I cambiamenti in essi non sono specifici e indicano la reazione generale del corpo all'introduzione del virus.

Il sangue dovrebbe essere donato al mattino a stomaco vuoto. Il termine di prontezza di queste analisi è di solito 1 giorno.

In generale, gli esami del sangue per l'epatite virale si trovano spesso:

  • Leucopenia - una diminuzione dei leucociti nel sangue. Si verifica principalmente a causa di una diminuzione dei linfociti (linfopenia), che sono uno dei tipi di globuli bianchi. La diminuzione dei linfociti si verifica a seguito della morte attiva di queste cellule nella lotta contro il virus.
  • Accelerazione di ESR. Indica un processo infiammatorio.
  • Trombocitopenia: diminuzione delle piastrine nel sangue. Indica una violazione della funzione di coagulazione del fegato, specialmente in combinazione con i cambiamenti del coagulogramma.

Nell'analisi generale delle urine, si riscontra spesso un aumento della quantità di urobilina dovuta alla compromissione della funzionalità epatica sulla rimozione della bilirubina.

Esami del sangue biochimici

Per il trattamento del fegato, i nostri lettori hanno usato con successo il Leviron Duo. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

Sono stati studiati possibili disordini metabolici in cui è coinvolto il fegato. Viene anche valutata l'entità del danno epatico da parte del virus.

Prima dello studio non è raccomandato l'uso di cibi grassi eccessivi, alcool e fumo. Inoltre, è necessario posticipare l'esercizio. Il sangue dovrebbe essere donato al mattino a stomaco vuoto. Il termine di preparazione è da uno a due giorni.

Molto spesso, viene analizzato un complesso di analisi con il nome condizionale "test del fegato". Questo complesso include:

  • Livello di bilirubina: totale e sue frazioni: diretto e indiretto. Nelle malattie del fegato, di norma, c'è un aumento significativo di questi indicatori, specialmente in presenza di ittero.
  • Determinazione dell'attività delle transaminasi epatiche: alanina aminotransferasi (ALT), aspartato aminotransferasi (AST), fosfatasi alcalina (ALP), a volte - gamma-glutamiltransferasi (GGT). Altre transaminasi (LDH-5, GDH, ecc.) Sono meno frequentemente studiate: questi indicatori aumentano significativamente con il danno epatico da parte del virus, a volte diverse decine di volte, indicando citolisi o colestasi.
  • Valutazione della funzione di sintesi proteica del fegato, che è marcatamente compromessa dall'epatite. Determinare il livello di proteine ​​totali nel sangue e nelle sue frazioni: albumina e globulina. Sono stati utilizzati anche campioni sedimentari, ad esempio timolo.
  • Coagulogramma: valutazione del sistema di coagulazione, anch'esso compromesso nella direzione dell'ipocoagulazione e della tendenza al sanguinamento.

A volte determinano anche gli indicatori del metabolismo lipidico (colesterolo, trigliceridi), il metabolismo dell'azoto e altri.

Studi specifici - marcatori di epatite virale

Il vantaggio principale della diagnostica specifica: la determinazione dei marcatori dell'epatite è la possibilità di identificare l'agente causale. Questo ti permette di scegliere il trattamento migliore e migliorare la prognosi della malattia.

Quando si esegue una diagnostica specifica, è possibile rilevare:

  • Agente patogeno dell'antigene (virus dell'epatite).
  • Anticorpi specifici che il corpo del paziente produce in risposta alla penetrazione del virus - classi totali o individuali.
  • Acidi nucleici virali che costituiscono il genoma del virus - DNA o RNA. È interessante sapere che il genoma di quasi tutti i virus dell'epatite contiene l'RNA. Le eccezioni sono il virus dell'epatite B e TTV, nella loro struttura del genoma - DNA.

Oltre a chiarire l'eziologia del patogeno (RNA o DNA specifico), è possibile diagnosticare un tipo di virus (genotipo), la sua quantità e attività nel corpo del paziente (carica virale).

E la definizione di classi di anticorpi (classi IgM o IgG totali o separate) consente di valutare approssimativamente la durata dell'infezione e l'adeguatezza della risposta immunitaria del corpo del paziente alla presenza di infezione.

Metodi per la determinazione dei marcatori dell'epatite virale

Per compilare un quadro completo del virus - l'agente eziologico delle lesioni infettive del fegato, vengono utilizzati diversi metodi diagnostici. Ognuno di loro serve per identificare specifici marcatori.

Il test immunoassorbente legato all'enzima (ELISA) - è usato per determinare antigeni e anticorpi del virus dell'epatite B. Diffuso nella pratica medica. Viene anche utilizzato per lo screening, ad esempio le donne in gravidanza.

Gli anticorpi totali sono generalmente determinati, il che consente di ottenere informazioni più complete sulla risposta immunitaria del paziente.

Se non è possibile produrre anticorpi totali, viene utilizzato il metodo per determinare le singole classi di anticorpi - IgM o IgG specifiche.

L'analisi immunoblot ricombinante (RIBA) è un'alternativa all'ELISA. Più preciso, ma anche più costoso. Usato per confermare risultati positivi con ELISA.

Analisi immunocromatografica (ICA) - "test rapido". Questo esame del sangue per l'epatite viene effettuato utilizzando strisce indicatrici, pannelli o cassette di prova. Meno sensibile di ELISA e, ancora di più - RIBA.

Il metodo della reazione a catena della polimerasi (PCR). È il "gold standard" per la diagnosi del patogeno. Abbastanza costoso. Questa analisi dell'epatite viene effettuata per identificare il patogeno - la definizione di RNA o DNA del genoma virale.

La PCR consente anche di determinare il genotipo del virus, la carica virale. Cioè, il metodo PCR determina il materiale genetico del virus che è contenuto nel genoma - RNA o DNA.

Il metodo di determinazione è quantitativo o qualitativo. Un metodo quantitativo di PCR determina, ad esempio, carica virale: il numero di copie di RNA o DNA di un virus nel sangue. Questo ti permette di identificare la concentrazione e l'attività della sua riproduzione. Il metodo qualitativo della PCR determina la presenza di RNA o DNA del virus nel corpo.

La maggior parte dei marcatori di epatite virale viene diagnosticata nel sangue. Per fare questo, devi donare sangue da una vena, preferibilmente a stomaco vuoto. In questo caso, la condizione non è così categorica come, ad esempio, nelle analisi biochimiche. La durata di tali studi è di solito da uno a tre giorni.

Tuttavia, in alcuni casi è necessario determinare la presenza di un virus nel materiale di biopsia epatica. Usa il metodo PCR per determinare l'RNA o il DNA del virus.

Caratteristiche dell'esame durante la gravidanza

Durante la gravidanza, oltre allo screening per l'epatite B e C, una donna viene esaminata per la sifilide: vengono determinate la reazione di Wasserman (RW, PB) e gli anticorpi contro l'HIV / AIDS. Tutte queste infezioni sono molto pericolose per il nascituro e possono complicare il corso della gravidanza.

Il test per la sifilide (PB) deve solitamente essere preso tre volte durante la gravidanza. L'analisi per l'individuazione di anticorpi contro l'HIV, l'epatite B e C (mediante ELISA) è anche presa 2-3 volte. Se c'è un risultato positivo, il test HIV viene ricontrollato usando il metodo RIBA. Se la diagnosi di HIV è confermata, la terapia antiretrovirale viene prescritta durante la gravidanza. Il trattamento in questo caso è effettuato da un medico specializzato in infezione da HIV.

Se vengono rilevati anticorpi contro l'epatite virale B e / o C, viene eseguito un ulteriore esame PCR per determinare l'RNA virale o il DNA, nonché la determinazione degli anticorpi totali e di classe.

A volte durante la gravidanza c'è un test falso positivo per l'epatite C, meno spesso - B. Ciò è dovuto alle peculiarità delle reazioni immunitarie durante la gravidanza. Tuttavia, la conferma definitiva della presenza di una malattia epatica virale in una donna incinta dovrebbe essere effettuata da uno specialista di malattie infettive.

conclusione

Qualsiasi metodo di ricerca è ausiliario, anche PCR. La diagnosi di epatite virale con decodifica dei risultati del test, e ancora di più - la nomina del trattamento, dovrebbe essere effettuata solo da un medico. Un tentativo indipendente di decifrare i risultati dei test e stabilire la diagnosi è irto di gravi effetti avversi sulla salute.

Quando è necessario un test per l'epatite C?

L'epatite C è testata per qualsiasi sospetto di malattia insidiosa. Inoltre, le persone le cui attività professionali sono legate alla medicina, al cibo o ad altre aree del servizio devono essere testate annualmente per l'epatite C. Questa misura aiuterà a proteggere la persona stessa e la popolazione che lo circonda.

Questa malattia è molto insidiosa, poiché i suoi sintomi potrebbero non manifestarsi per molto tempo. Separare diversi tipi di malattia. La loro somiglianza è che influenzano tutti il ​​fegato. Spesso si incontrano epatite A, B e C. Un esame del sangue biochimico per l'epatite aiuta a rilevare la presenza di una malattia pericolosa nel tempo e ad iniziare una terapia tempestiva.

Come posso determinare la presenza della malattia

La definizione di tutte le epatiti comporta la rilevazione del patogeno, l'identificazione della forma e l'installazione del livello di danno epatico. Per determinare tutti questi criteri, vengono assegnati i seguenti test:

  1. Analisi generale del sangue e delle urine.
  2. Esami del sangue biochimici, test del fegato per componenti ALT e AST.
  3. Saggio della reazione a catena della polimerasi (PCR).
  4. Diagnosi immunologica dei liquidi sanguigni, che determina la presenza di anticorpi prodotti dal fegato per eliminare agenti estranei.
  5. Biopsia del tessuto epatico.
  6. Altri test

L'appello iniziale al terapeuta, scrive, quali test devi superare. Se la presenza di epatite è confermata, il paziente viene indirizzato a uno specialista. Decrittografia delle prove eseguite dal medico curante.

A seconda del tipo di malattia, uno studio ha luogo. Emocromo completo per epatite C, le analisi delle urine a volte non sono accurate nella diagnosi di una tale malattia. Aiutano ad identificare la presenza della malattia su vari cambiamenti nel corpo:

  1. Diminuzione della concentrazione di emoglobina.
  2. La coagulazione del sangue sta peggiorando.
  3. Diminuzione del livello di leucociti e piastrine.
  4. Aumento del tasso di sedimentazione degli eritrociti.
  5. Cambiamenti nei livelli di ALT e AST nel sangue.
  6. La presenza di urobilina nei test delle urine.

Utilizzando tali indicatori, diventa possibile determinare la presenza di cellule virali. Utilizzando un esame del sangue biochimico, è possibile diagnosticare l'epatite C identificando:

  • strutture enzimatiche del film;
  • frazioni di bilirubina;
  • fallimento nel rapporto dei composti proteici nel sangue;
  • aumentando il livello di lipidi nel sangue.

Utilizzando l'analisi della PCR per la determinazione dell'epatite C, determinare la struttura dei patogeni della malattia con il metodo di ricerca del DNA. Questo metodo è considerato uno dei più precisi e affidabili fino ad oggi. Tali studi sono molto suscettibili a strutture estranee nel campione di cellule del DNA, quindi diventa possibile identificare un tipo specifico di disturbo. Se durante il corso di questo studio vengono osservate tutte le regole, i risultati saranno i più affidabili.

Utilizzando uno studio immunologico su campioni di sangue, è possibile determinare la presenza di anticorpi contro tutti i tipi di malattia. È possibile effettuare l'analisi da soli utilizzando un'analisi rapida sotto forma di una striscia reattiva, che consente di rilevare l'epatite nel sangue. Una biopsia epatica viene eseguita prelevando un campione di tessuto. L'analisi è soggetta ad esame al microscopio. Quindi condurre una valutazione generale delle condizioni del corpo.

Nella medicina moderna, ci sono altri test che possono sostituire una biopsia (actitest, fibrotest). Qualsiasi esame effettuato in istituti medici su attrezzature specializzate.

Come fa l'epatite

Il numero predominante di pazienti richiede assistenza medica quando la condizione peggiora. Ci sono lamentele come:

  • perdita di appetito;
  • aumento della temperatura corporea;
  • forti mal di testa o emicranie, che sono contrassegnati per un lungo periodo;
  • disturbi digestivi;
  • dolore nei muscoli e nel lato a destra.

Oltre ai segni citati, il colore delle urine cambia: se per una persona sana la norma è di colore giallo chiaro, allora durante l'epatite l'urina si trasforma in un colore scuro, simile alla fermentazione del tè forte. Anche il colore delle feci cambia, diventa leggero o completamente scolorito. C'è un aumento della milza, mentre ALT e AST stanno cambiando, il cui tasso in una persona sana è in qualche modo diverso da quello della portatrice del virus.

I sintomi elencati sono caratteristici per i primi stadi della malattia. Nel corso del tempo, con il progredire della malattia, il danno epatico diventa più forte, il paziente sviluppa ittero. In questa malattia colpisce la struttura e il tessuto del fegato, vi è una diminuzione del livello del suo funzionamento. Per il motivo che il fegato non è in grado di elaborare la bilirubina, si accumula. Un eccesso di bilirubina nel corpo si manifesta sotto forma di ittero delle mucose della cavità orale, degli occhi, dell'epidermide. Durante tali manifestazioni, le condizioni del paziente possono leggermente migliorare, ma il colore delle urine e delle feci non ritorna alla normalità. Tali segni clinici della malattia possono determinarne la presenza nelle fasi successive dello sviluppo.

Esami del sangue

Un esame del sangue e risultati accurati sono possibili 6 settimane dopo l'infezione. Pertanto, è spesso possibile identificarlo nelle prime fasi della malattia con l'aiuto di analisi qualitativa e quantitativa dell'RNA dell'epatite C virale.Il sangue per l'epatite C consente di rilevare più accuratamente la malattia nelle fasi avanzate. La decodifica dell'analisi consente di determinare la presenza della malattia stessa o dei suoi fenomeni residui sotto forma di anticorpi prodotti dall'organismo.

Spesso la malattia è diagnosticabile quando sfocia nello stadio cronico. Ciò è dovuto al fatto che il virus muta, il corpo non è in grado di produrre gli anticorpi desiderati fino a quando il virus non muta. L'analisi della decodifica viene eseguita da un medico. Mostra la presenza di anticorpi IgG nel sangue, caratterizza lo stadio cronico dell'epatite C. Se vengono rilevati anticorpi del tipo IgM (un test dell'epatite è positivo), ciò indica una esacerbazione dell'epatite C. Un esame del sangue per l'epatite B e C consente di determinare la presenza della malattia e iniziare terapia tempestiva.

Il risultato discutibile dell'analisi per l'epatite C è molto raro. Ciò è dovuto alle peculiarità del funzionamento dell'immunità umana, al prelievo di sangue scorretto, all'assunzione di alcuni farmaci. Secondo le statistiche, nel 15% dei pazienti la malattia passa da sola, ma gli anticorpi vengono rilevati nel sangue. Pertanto, quando viene eseguita l'analisi PCR, mostra un risultato positivo.

Come si può ottenere l'epatite C?

I tipi di genesi virale dell'epatite B, C e D sono trasmessi attraverso il sangue o altri fluidi biologici:

  • durante la trasfusione di sangue o dei suoi componenti;
  • durante i rapporti non protetti;
  • quando si usano farmaci con il metodo di iniezione;
  • durante determinate procedure mediche, interventi chirurgici;
  • durante l'uso di attrezzature non sterili durante l'applicazione di tatuaggi, piercing;
  • quando si usano rasoi, spazzolini da denti o altri mezzi comuni a una persona malata.

Altri tipi di epatite virale sono caratterizzati dall'infezione da mani non lavate, frutta o verdura.

Un esame del sangue per l'epatite B e C consente di determinare l'esacerbazione della malattia e il suo trattamento tempestivo.

Per il trattamento dell'epatite B, i metodi sono utilizzati per ripristinare le cellule epatiche danneggiate e combattere contro agenti estranei che provocano alterazioni patologiche nei tessuti dell'organo. Pertanto, la terapia viene eseguita in modo completo - sono prescritti epatoprotettori, dieta terapeutica. Per la terapia vengono utilizzati agenti immunomodulatori e antivirali.

Epatite autoimmune: sintomi, trattamento e diagnosi

L'epatite autoimmune è una malattia progressiva che causa l'infiammazione del parenchima epatico e la comparsa di un gran numero di cellule immunitarie in esso. Di conseguenza, il sistema immunitario del corpo distrugge il corpo.

L'eziologia della malattia non è ancora completamente compresa.

Questa patologia è considerata abbastanza rara tra la popolazione e si trova in tutti i continenti con una frequenza media di 50-100 casi per milione di persone. Inoltre, in Europa, il Nord America è molto più comune che in Asia e in Africa.

Trattamento dell'epatite autoimmune

A causa del fatto che le cause dell'epatite autoimmune non sono completamente comprese, tutte le terapie mirano a ridurre la propria immunità, fermando la produzione di cellule che riguardano gli epatociti come agenti esterni.

Questo trattamento ha i suoi lati positivi e negativi:

  • Un vantaggio è la capacità di fermare il processo di distruzione del fegato infiammatorio-necrotico.
  • Lo svantaggio è che a causa della soppressione dell'immunità, il corpo diventa vulnerabile a qualsiasi infezione e non è in grado di combattere agenti batterici, virus, funghi e parassiti.

Trattamento farmacologico

Terapia patogenetica Questo trattamento prevede la somministrazione di glucocorticosteroidi (ormoni), immunosoppressori (farmaci immunosoppressori) e farmaci che migliorano il recupero delle cellule epatiche secondo un regime specifico.

Il corso del trattamento viene eseguito fino a quando gli indicatori di laboratorio non rientrano nella gamma normale e dura in media da sei mesi a un anno.

Terapia sintomatica Questo trattamento aiuta ad alleviare il dolore, ridurre le gengive sanguinanti, alleviare il gonfiore e normalizzare il tratto gastrointestinale.

Ad oggi, ci sono due schemi di trattamento farmacologico:

  • Combinato - quando i farmaci sono prescritti nel complesso.
  • Monoterapia - l'appuntamento di alte dosi di ormoni (Prednisolone).
  • Sono ugualmente efficaci, aiutano a raggiungere la remissione, aumentano il tasso di sopravvivenza. Ma nel caso dello schema combinato, la percentuale di effetti collaterali è 4 volte inferiore rispetto alla monoterapia.

Trattamento chirurgico

Se il trattamento con farmaci per 4-5 anni non porta risultati, sono registrate frequenti recidive e gli effetti collaterali diventano pronunciati, l'unica soluzione per salvare una persona è un trapianto di fegato.

La complessità della procedura risiede non solo nell'operazione stessa, ma anche nella necessità di selezionare un donatore adatto.

Questo metodo ha molte complicazioni che devono essere conosciute:

  • Un nuovo organo potrebbe non stabilizzarsi, nonostante la concomitante terapia farmacologica.
  • Esiste un'alta probabilità di complicanze anche di raffreddori minori, fino a meningite, polmonite e sepsi.
  • In caso di funzionalità epatica trapiantata compromessa, si può sviluppare insufficienza epatica acuta, che è fatale.

Dieta, allevia i sintomi della malattia

È utile includere nella dieta alimenti ricchi di proteine, vitamine e minerali. È anche raccomandato:

  • Varietà di carne, al vapore o bollite.
  • Tutti i tipi di cereali
  • Latticini, preferibilmente senza grassi.
  • Pesce magro di mare
  • Frutta e verdura
  • Composte e bevande alla frutta.
  • Marshmallow, marshmallow.

Allo stesso tempo, ci sono alcuni alimenti che devono essere utilizzati nella vostra dieta in quantità limitate:

  • Uova.
  • Prodotti ape.
  • Latte intero, formaggi grassi
  • Citrus.
  • Caffè, tè forte, cioccolato.

Sotto un divieto categorico:

  • Fat.
  • Sharp.
  • Carni affumicate
  • Sottaceti e cibo in scatola.
  • Alcol.

Epatite autoimmune e suoi sintomi

È caratteristico dell'epatite autoimmune che i processi patologici possono contemporaneamente attaccare diversi organi e sistemi corporei. Di conseguenza, il quadro clinico della malattia non è visibile e i sintomi sono molto diversi.

Tuttavia, ci sono un certo numero di segni che sono presenti in questo stato:

  • Giallo di pelle e sclera.
  • Fegato ingrandito.
  • Milza ingrandita.

Dovresti anche prestare attenzione ai seguenti sintomi che si verificano all'inizio della malattia:

  • Affaticamento, debolezza
  • Perdita di appetito, pesantezza allo stomaco, fastidio all'intestino.
  • Dolore in ipocondrio su entrambi i lati.
  • Fegato e milza ingrossati.
  • Forte mal di testa, vertigini.

Se la malattia progredisce, i seguenti sintomi si uniscono:

  • Pallore della pelle.
  • Rossore della pelle dei palmi e delle piante dei piedi.
  • Frequenti dolori al cuore, tachicardia, comparsa di vene varicose.
  • Disturbi mentali Intelligenza ridotta, perdita di memoria, demenza.
  • Coma epatico.

L'epatite autoimmune cronica può iniziare la sua azione distruttiva in due modi:

  • La malattia mostra segni di epatite virale o tossica nella forma acuta.
  • La malattia è asintomatica, il che complica in modo significativo la diagnosi e influenza il numero di possibili complicanze.

Spesso viene effettuata una diagnosi errata, poiché il paziente ha altri sintomi non epatici. Di conseguenza, il paziente viene erroneamente trattato per il diabete, la tiroidite, la colite ulcerosa, la glomerulonefrite.

Epatite autoimmune e diagnosi

Poiché i sintomi specifici di questa malattia sono assenti e altri organi sono coinvolti nel processo patologico, è molto difficile diagnosticarlo.

La diagnosi finale può essere fatta se:

  • Sono escluse tutte le cause visibili del danno al fegato: alcolismo, virus, tossine, trasfusioni di sangue.
  • Manifesta un quadro istologico del fegato.
  • I marcatori immunitari sono determinati.

Inizia la diagnosi con studi semplici.

Analisi della storia della malattia

Durante la conversazione, il medico deve scoprire:

  • Cosa e quanto a lungo disturba il paziente.
  • Ci sono malattie croniche?
  • Ci sono stati processi infiammatori precedenti negli organi addominali?
  • Fattori ereditari
  • Il paziente è stato contattato con sostanze tossiche nocive?
  • Dipendenza da cattive abitudini.
  • Quali farmaci sono stati presi per molto tempo e fino al momento in cui vai da un dottore.

Esame fisico

All'esame, uno specialista:

  • Esamina la pelle e la mucosa per il giallo.
  • Determina la dimensione del fegato e il grado di dolore mediante i metodi di palpazione (sondaggio) e percussione (tapping).
  • Misura la temperatura corporea.

Diagnosi di laboratorio

In laboratorio, il sangue del paziente viene prelevato e sottoposto ad analisi generale e biochimica.

Nelle urine con questa malattia aumenta il livello di bilirubina, sono presenti proteine ​​e globuli rossi (quando il processo infiammatorio si unisce ai reni).

L'analisi delle feci aiuta a confermare o confutare la presenza nel corpo di uova di vermi o protozoi che possono causare disturbi simili ai sintomi dell'epatite.

Diagnostica strumentale

L'ecografia in pazienti con epatite autoimmune rivela:

  • Cambiamento diffuso del fegato - il parenchima è eterogeneo, i nodi sono visibili.
  • Il bordo del corpo acquisisce la tuberosità, con gli angoli arrotondati.
  • Dimensione ingrandita della ghiandola, ma senza modificare i contorni.

La RM e la TC del fegato vengono eseguite raramente e sono considerate non specifiche. Questi metodi diagnostici confermano la presenza di un processo infiammatorio-necrotico nell'organo, un cambiamento nella sua struttura e determinano anche lo stato dei vasi epatici.

La valutazione istologica è ottenuta analizzando un campione di tessuto piccolo e indica:

  • Sul processo infiammatorio attivo nel fegato.
  • La presenza di infiltrazione linfoide (tessuto patologico), aree di cirrosi.
  • La formazione di gruppi di epatociti separati da ponti, le cosiddette rosette.
  • Sostituzione di focolai di infiammazione sul tessuto connettivo.

Il processo infiammatorio nel periodo di remissione è ridotto, ma non è necessario parlare del ripristino dell'attività funzionale delle cellule epatiche. Nel caso di esacerbazioni ripetute, il numero di focolai di necrosi aumenta significativamente, aggravando ulteriormente le condizioni del paziente, che porta allo sviluppo di cirrosi persistente.

Epatite autoimmune che esami del sangue è necessario passare

Nella diagnosi di epatite autoimmune, il medico curante decide quali test eseguire.

L'emocromo completo rivelerà:

  • Il numero di leucociti e la loro composizione.
  • Basso numero di piastrine
  • La presenza di anemia.
  • Elevata ESR.


Analisi biochimiche del sangue. Se la quantità di proteine ​​nel sangue diminuisce, gli indicatori di qualità cambiano (le frazioni immunitarie in priorità) - questo indica un cambiamento funzionale nel fegato. I test del fegato superano significativamente la norma. Un eccesso di bilirubina si trova non solo nelle urine, ma anche nel sangue, con tutte le sue forme in aumento.

Un esame del sangue immunologico rivela un difetto nel sistema dei linfociti T. I complessi immunitari circolano negli antigeni delle cellule di vari organi. Se i globuli rossi sono coinvolti nel processo immunitario, la reazione di Coombs dà un risultato positivo.

Un esame del sangue per i marcatori di cirrosi e di epatite autoimmune determina la riduzione dell'indice di protrombina (PTI). L'analisi rapida utilizzando strisce reattive aiuterà a identificare la presenza di antigeni sui virus B e C. Può essere fatto a casa.

Epatite autoimmune e prognosi di sopravvivenza

È un errore aspettarsi che lo stato di remissione arriverà da solo, senza un trattamento adeguato, l'epatite autoimmune distruggerà rapidamente e aggressivamente il fegato e progredirà costantemente.

La patologia è aggravata da vari tipi di complicazioni e da conseguenze così gravi come:

  • Insufficienza renale.
  • La cirrosi.
  • Ascite.
  • Encefalopatia epatica.

In questo caso, la previsione di vita oscilla intorno ai 5 anni.

Con necrosi progressiva, l'incidenza della cirrosi è di circa il 17% dei pazienti che sono stati monitorati per 5 anni. Quante persone convivono con l'epatite autoimmune in assenza di complicazioni così gravi come l'encefalopatia epatica e l'ascite, dicono le statistiche, in 1/5 di tutti i pazienti il ​​processo infiammatorio si autodistrugge e non dipende dall'attività della malattia.

Con un trattamento corretto e tempestivo, con la diagnosi di epatite autoimmune, l'aspettativa di vita dell'80% dei pazienti può raggiungere i 20 anni. Le statistiche mostrano che il tasso di sopravvivenza tra i pazienti dipende direttamente dal trattamento tempestivo iniziato. In quei pazienti che hanno chiesto aiuto nel primo anno di malattia, l'aspettativa di vita è aumentata del 61%.

Con questa patologia, è possibile solo una prevenzione secondaria, che include:

  • Visite regolari dal medico
  • Controllo costante del livello di anticorpi, immunoglobuline.
  • Dieta rigorosa
  • Limitazione dello stress fisico ed emotivo.
  • Annulla la vaccinazione e i farmaci.

Epatite autoimmune nei bambini, come è il trattamento

L'epatite autoimmune nei bambini è piuttosto rara e rappresenta il 2% di tutti i casi di malattia epatica. In questo caso, i bambini muoiono di cellule epatiche ad un ritmo rapido.

Le ragioni esatte per cui il corpo del bambino inizia a produrre anticorpi contro le proprie cellule epatiche non sono completamente stabilite.

Tuttavia, i medici chiamano le ragioni per cui questa malattia è stata provocata:

  • La presenza nel corpo dell'epatite A.C.
  • La sconfitta del corpo con il virus dell'herpes.
  • La presenza del virus del morbillo.
  • Accettazione di alcuni farmaci.

Allo stesso tempo, nel corpo del bambino, dopo il fegato, altri organi iniziano a soffrire: i reni, il pancreas, la tiroide e la milza. Il trattamento nei bambini è specifico e dipende dall'età del paziente e dal tipo di malattia.

Tipi, tipi di epatite autoimmune

Esistono 3 tipi di epatite autoimmune, determinati dai tipi di anticorpi:

  • Digitare 1 Questa variante della malattia colpisce più spesso le giovani donne che hanno anticorpi contro il nucleo degli epatociti (ANA) e la membrana degli epatociti (SMA). Con un trattamento appropriato e tempestivo, è possibile ottenere una remissione stabile, e anche dopo l'interruzione del trattamento, il 20% dei pazienti non osserva l'attività della malattia.
  • Tipo 2 Questo tipo di malattia è più grave. Il corpo rileva la presenza di anticorpi al microsame epatico (LKM-1). Gli organi interni soffrono di autoanticorpi e si osservano tracce di danni nella ghiandola tiroidea, nell'intestino e nel pancreas. Lungo la strada, malattie come il diabete mellito, la colite ulcerosa, la tiroidite autoimmune si sviluppano, il che aggrava seriamente le condizioni del paziente. La terapia farmacologica non porta i risultati aspettati, e dopo la sua cancellazione, di regola, si verifica una ricaduta.
  • Tipo 3 Caratterizza la presenza di anticorpi contro l'antigene epatico (SLA). Nella medicina moderna non si considera una malattia indipendente, ma come concomitante in altri tipi di malattie autoimmuni, a causa della non specificità dei complessi immunitari. Il trattamento non porta a una prolungata remissione, con il risultato che la cirrosi epatica si sviluppa rapidamente.

Il trattamento dell'epatite autoimmune dipende dal tipo di patologia.

Cause di epatite autoimmune

Le cause dell'epatite autoimmune non sono completamente comprese. Le seguenti teorie sul "meccanismo di innesco" di questa patologia sono attivamente studiate nei circoli medici:

  • Eredità. Molto spesso, un gene mutante responsabile della regolazione dell'immunità viene trasmesso attraverso la linea femminile.
  • La presenza nel corpo di virus dell'epatite B, il virus dell'herpes, che contribuiscono a guasti nella regolazione del sistema immunitario.
  • La presenza nel corpo del gene patologico.

Gli autori delle teorie concordano sul fatto che le proprie cellule del sistema immunitario considerano il fegato come un agente estraneo e cercano di distruggerlo. Di conseguenza, gli epatociti attaccati vengono sostituiti dal tessuto connettivo, che impedisce al corpo di funzionare normalmente. Posso liberarmi di, curare l'epatite autoimmune? Il processo è quasi irreversibile, è molto difficile fermarlo, puoi rallentarlo con l'aiuto di droghe e ottenere la remissione.

Il farmaco è prednisone, con malattia da epatite autoimmune

Il prednisolone è un farmaco ormonale per il trattamento dell'epatite autoimmune ad ampio spettro, che ha un effetto antinfiammatorio nel corpo e riduce l'attività dei processi patologici nel fegato. Riduce la produzione di gammaglobuline che danneggiano gli epatociti.

Tuttavia, la monoterapia con Prednisolone è progettata per ricevere alte dosi del farmaco, che aumenta nel 44% dei casi la crescita di complicazioni così pericolose come diabete, obesità, infezioni, ritardo della crescita nei bambini.

Pubblicazioni Sulla Diagnostica Del Fegato

Tabella di dieta №5 di Pevzner - cosa può e non dovrebbe essere, tabella di prodotti e menu

Epatite

Transizione rapida sulla paginaTabella di dieta numero 5 - uno dei più comuni tra i pazienti con malattie gastroenterologiche.

Valore e funzione del fegato

Diete

Il fegato è uno dei principali organi del corpo umano. L'interazione con l'ambiente esterno è fornita dalla partecipazione del sistema nervoso, dell'apparato respiratorio, del tratto gastrointestinale, del sistema cardiovascolare, del sistema endocrino e del sistema di organi del movimento.

Epatoprotettori per il fegato: una lista di farmaci efficaci e poco costosi

Analisi

Gli epatoprotettori sono principalmente prescritti ai pazienti più anziani.A causa delle caratteristiche dell'età e del deterioramento della funzione di digestione, la poliipovitaminosi si sviluppa nelle persone.

Fegato e colesterolo: la loro relazione. Come normalizzare il colesterolo?

Cirrosi

Oggi la parola "colesterolo", che risuona da tutti i lati, viene percepita solo negativamente. Tutti sanno che un alto contenuto di questa sostanza nel sangue porta alla comparsa di aterosclerosi e altre malattie.