Principale / Sintomi

Test per la colecistite

Sintomi

I sintomi della colecistite hanno molto in comune con altre malattie, in un modo o nell'altro legate al tratto digestivo e al fegato. Pertanto, al fine di prescrivere un trattamento appropriato e non esacerbare la situazione, è importante distinguere una malattia da un'altra. Il complesso di analisi per la colecistite aiuta i medici in questo.

Come si presenta la colecistite?

La colecistite è un'infiammazione comune nella cistifellea e nei suoi dotti. Può essere causato da stress e cattiva alimentazione. Altre cause sono anche prese in considerazione: vermi, batteri o calcoli biliari.

La malattia fornisce un sacco di disagi per il corpo. Può manifestarsi in forma acuta, quando c'è un forte dolore nella parte destra, nausea e vomito gravi, e nella cronica, causa perdita di peso, deterioramento della salute e dolore periodico nell'ipocondrio destro, accompagnato da nausea e talvolta vomito.

Senza adeguati test di laboratorio per identificare la causa della colecistite è difficile. Inoltre, ci sono un certo numero di malattie che hanno sintomi simili:

  1. pancreatite;
  2. pielonefrite;
  3. gastrite e ulcera gastrica;
  4. infarto miocardico;
  5. appendicite;
  6. infestazione da vermi.

Pertanto, dal momento della prima visita dal medico e dall'esame del paziente, vengono assegnati vari test per effettuare una diagnosi accurata.

ricerca

Tra i test necessari per la diagnosi di colecistite, si possono distinguere:

  1. test di laboratorio e test di funzionalità epatica;
  2. Ultrasuoni e CT;
  3. sondaggio gastroduodenale.

Di solito, i test di cui sopra sono sufficienti per fare una diagnosi accurata. Ma in alcuni casi, possono essere necessari ulteriori metodi di ricerca, tra cui radiografia, laparoscopia, colecistografia, esofagogastroduodenoscopia e scintigrafia epatobiliare.

Tutto dipende esclusivamente dallo stato individuale del corpo e dal decorso della malattia, comprese le comorbidità e le loro complicanze. In un modo o nell'altro, tutto inizia con un esame preliminare, dopo il quale i test di laboratorio sono i primi in linea.

Test di laboratorio

Quando i test di colecistite sono fatti, familiari a tutti dall'infanzia: sangue, feci e urina. Ma se si sospetta la colecistite, a questi viene aggiunto un test epatico. L'esame del sangue è considerato il più informativo; urina e feci sono di minore importanza.

L'obiettivo del personale medico è determinare il contenuto di leucociti e globuline, nonché la concentrazione di bilirubina nel sangue, nelle urine e nelle feci.

Emocromo completo è la prima procedura necessaria per la colecistite. È importante per determinare il livello dei leucociti. L'aumento del contenuto di leucociti indica la presenza di infezione, ma non diagnostica e non determina la localizzazione della malattia. Questo è possibile solo con uno studio più approfondito. In questa fase, è importante confermare o negare il fatto di una malattia infettiva.

L'analisi biochimica del sangue è la fase successiva della diagnosi. Nel caso di colecistite sospetta, questo studio mira principalmente a determinare la presenza di colestasi e il livello di bilirubina.

La concentrazione di bilirubina è il principale indicatore della salute della cistifellea e del fegato.

In una persona sana, questa sostanza è contenuta nella bile in una quantità strettamente definita. Allo stesso tempo, se la corrente della bile è disturbata, c'è più bilirubina in esso di quanto dovrebbe essere. Lo stesso accade in violazione del fegato.

Un aumento del contenuto di bilirubina può manifestarsi non solo nel sangue, ma anche nelle feci e nelle urine. C'è anche una terza possibilità. Con una bassa concentrazione di bilirubina nelle urine e nelle feci, può iniziare ad aumentare la pelle umana, causando ittero. Questo è uno dei principali segni su cui il medico diagnostica la presenza di problemi al fegato.

Le analisi di urina e feci, oltre a determinare il livello di bilirubina, sono importanti per la diagnosi differenziale. Con il loro aiuto, il sospetto di malattia renale e la presenza di vermi parassiti nel fegato è confermato o confutato.

Una menzione speciale merita l'analisi dei test di funzionalità epatica. È obbligatorio per qualsiasi malattia del fegato, e dal momento che la cistifellea e il fegato costituiscono un unico sistema, e se un organo è interessato, un altro risponde immediatamente a questo, questa analisi è applicabile anche alla diagnosi di colecistite.

Ultrasuoni e CT

Non appena i medici ottengono tutte le informazioni che possono dai test di laboratorio, è ora di dare un'occhiata più da vicino al fegato. Poiché non è ragionevole eseguire un'operazione chirurgica per la diagnosi, vengono utilizzati ultrasuoni e tomografia computerizzata.

Avendo diversi principi di funzionamento, questi studi hanno lo scopo di determinare la presenza di distorsioni nei tessuti del fegato, della cistifellea e dei dotti e di risolvere i seguenti problemi:

  1. per identificare il grado di ostruzione del dotto biliare. Aiuta a diagnosticare la colelitiasi oa determinare il grado di invasione da parte dei vermi in alcuni casi;
  2. controllare lo stato dei tessuti del fegato e della cistifellea, la loro integrità e spessore, nonché identificare la presenza di un processo infiammatorio e il grado di danno agli organi addominali.

Il principale vantaggio di questi tipi di ricerca è che non sono invasivi e non usano radiazioni, il che significa che possono essere utilizzati anche per esaminare bambini e donne incinte.

Suono gastroduodenale

Nonostante gli esami del sangue per bilirubina e test di funzionalità epatica forniscano informazioni sufficientemente complete sullo stato del fegato, lo studio della bile può essere un metodo di diagnosi altrettanto importante. È vero, la sua recinzione è una procedura più complicata.

Per questo, la paziente arriva in ospedale affamata e assume un agente coleretico. Quindi deve ingoiare una sonda speciale per poter registrare la quantità di bile secreta e fare le sue analisi. Per fare questo, hai bisogno di 3 porzioni, raccolte come il deflusso di liquido dalla cistifellea.

Quindi i campioni ottenuti vengono utilizzati per la microscopia e l'analisi biochimica. Nel primo caso, viene determinata la presenza di inclusioni estranee nella bile: cellule del sangue e pezzi di epitelio, colesterolo e altri. Nel secondo, l'attenzione è rivolta alla composizione chimica, compresa l'identificazione di un aumento del contenuto di bilirubina.

Inoltre, conducendo un'intubazione duodenale, il medico può iniziare uno studio colecistografico. Per fare ciò, il medico inserisce una sostanza radiopaca attraverso il tubo, rendendo possibile esaminare lo spessore delle pareti della cistifellea e determinare la dinamica dei cambiamenti nel volume della cavità interna dell'organo. È importante per la diagnosi differenziale al fine di escludere possibili malformazioni dell'organo. Anche sulle immagini a raggi X è possibile scoprire il grado di ostruzione del dotto biliare.

L'epatobiliscintigrafia viene eseguita in modo simile. L'unica differenza tra la procedura e la colecistografia è l'introduzione di un agente di contrasto direttamente nel sangue. Le particelle della sostanza vengono catturate dalle cellule del fegato e, insieme alla bile, vengono trasportate nel duodeno. I medici osservano fino in fondo con l'aiuto di attrezzature speciali.

C'è un'altra procedura che utilizza la sonda - esofagogastroduodenoscopia (EGDS), ma in questo caso il medico non è interessato al fegato, ma al tratto digestivo. Questa ricerca ha lo scopo di eliminare i problemi con altre parti del sistema digestivo dalle possibili cause di cattiva salute.

laparoscopia

Se i dati ottenuti sono insufficienti, viene prescritta laparoscopia per una corretta diagnosi, che viene eseguita con l'aiuto di un chirurgo.

La laparoscopia può essere utilizzata non solo per l'esecuzione di test, ma anche per l'esecuzione di un'operazione, se necessario.

La procedura è la seguente:

  1. dopo le procedure preparatorie e l'introduzione dell'anestesia, l'anidride carbonica viene iniettata nella cavità addominale con un ago. Di conseguenza, lo stomaco diventa gonfio e al chirurgo viene dato accesso agli organi interni;
  2. un laparoscopio viene inserito attraverso il secondo foro: in questo modo il medico riceve un'immagine di ciò che sta accadendo nella cavità addominale;
  3. vengono effettuati ulteriori tagli attraverso i quali è possibile eseguire qualsiasi procedura necessaria: eseguire test o addirittura rimuovere la cistifellea se necessario.

Nonostante il fatto che la laparoscopia sia considerata una procedura meno pericolosa rispetto ad una chirurgia addominale aperta, è comunque una procedura invasiva che è piuttosto complicata nella sua progettazione tecnica. Pertanto, è nominato raramente e con necessità urgente. In altri casi, per la diagnosi di colecistite sono di solito sufficienti esami del sangue, urine e feci, ecografia e intubazione duodenale. È sulla base di questi studi che inizia il trattamento della colecistite.

Esami del sangue per colecistite

In precedenza, una patologia piuttosto rara "colecistite" negli ultimi decenni è molto più comune. Lei è significativamente più giovane.

Ciò è stato causato dalla prevalenza della dieta dell'uomo moderno di cibi veloci, cibi grassi, pieni di conservanti e vari additivi nocivi, così come un desiderio fanatico di perdere peso in breve tempo per conformarsi agli ideali di bellezza imposti dai media.

La malattia può essere asintomatica per lungo tempo o mascherata come altre malattie del tratto gastrointestinale. Per chiarire la situazione e chiarire la diagnosi aiuta le analisi del sangue di laboratorio per la colecistite.

Cos'è la colecistite?

Sotto colecistite capire l'infiammazione delle pareti della cistifellea. Il deflusso di bile disturbato e la presenza di microrganismi patogeni nel lume della vescica possono portare al processo infiammatorio. Questa patologia può essere una complicazione della malattia del calcoli biliari. Un po 'meno spesso disturbi della circolazione sanguigna nelle pareti del dotto biliare comune (dotto biliare) portano alla malattia.

A rischio sono le persone:

  • con processi infettivi nel fegato e nell'intestino;
  • con invasioni parassitarie, con disturbi alimentari;
  • diete abusanti per la perdita di peso.

Tutto ciò porta a deviazioni, che si manifestano non solo nelle analisi: una persona avverte un significativo deterioramento della salute.

Colecistite si distinguono per caratteristiche eziologiche:

  • non calculo (senza formazione di calcoli);
  • calculous (con la formazione di pietre).

A valle sono divisi in:

  • affilato;
  • cronica.

Per colecistite acuta sono caratteristici:

  • forte dolore nell'ipocondrio destro;
  • nausea;
  • vomito;
  • flatulenza;
  • spesso diarrea.

Il dolore può essere molto intenso e può essere alleviato solo dagli antispastici. La temperatura corporea sale a 38 gradi Celsius.

Le sensazioni dolorose in questo caso diventano insopportabili e costringono il paziente a cercare assistenza medica qualificata. La pelle e la sclera degli occhi diventano intensamente gialle. In questo caso, la condizione deve essere differenziata con altri processi patologici nella cistifellea e negli organi interni. Test di laboratorio, studi strumentali e ultrasuoni contribuiranno a farlo nel modo più accurato.

Quali test per la colecistite devono passare?

Le analisi con colecistite aiutano a chiarire la diagnosi e a valutare le condizioni del fegato e del pancreas. Le variazioni nei test di laboratorio indicano la gravità del processo infiammatorio. Gli studi sono condotti durante tutto il trattamento per confermare l'efficacia delle procedure mediche.

Quale ricerca aiuta a confermare la colecistite? Un esame del sangue clinico è prescritto per qualsiasi deterioramento della salute, compreso il sospetto della presenza di un processo infiammatorio nel corpo.

L'analisi biochimica del sangue nella colecistite cambia spesso solo con profonde violazioni nel coledoco e negli organi vicini. Il processo acuto e fresco praticamente non si riflette in questo studio. Se si sospetta l'infiammazione della cistifellea da test biochimici, si consiglia di nominare:

  • test di funzionalità epatica - timolo, ALT, AST (da non confondere con ADS per colecistite - stimolante antisettico di Dorogov), bilirubina;
  • frazioni proteiche;
  • fosfatasi alcalina;
  • GGTP (gamma-glutamyl transpeptidase) è un enzima coinvolto nel processo di scambio di aminoacidi;
  • amilasi di sangue e urina.

Esaminare anche l'urina e le feci. Oltre a un'analisi delle urine generale, in cui possono essere rilevati segni di infiammazione dei reni, che possono indicare che l'infezione è penetrata nei tessuti renali, è previsto uno studio per urobilin e pigmenti biliari, la presenza di bilirubina.

Le feci sono testate per lo stercoelogeno. Se la bilirubina non processata viene rilevata nell'analisi, ciò può essere un segno di un'interruzione del funzionamento della cistifellea, della sua ostruzione alle pietre e di un processo infiammatorio in essa.

Analisi del sangue generale

Un esame del sangue per la colecistite ha alcune peculiarità. Durante le esacerbazioni, si osserva un aumento del numero di leucociti, neutrofilia, aumento della VES. In alcuni casi, viene diagnosticata l'anemia. Durante la remissione, i leucociti non deviano dalla norma o diminuiscono leggermente.

Esame del sangue biochimico per colecistite

Le analisi biochimiche per la colecistite possono variare a seconda del corso e della forma.

I test per la colecistite sull'amilasi (sangue e urina) hanno migliorato i risultati solo se il pancreas è coinvolto nel processo. GGTP raramente si discosta dalla norma, solo in casi avanzati gravi nell'analisi può essere ottenuto un numero maggiore di questo enzima. In un quarto dei pazienti con colecistite è aumentata la fosfatasi alcalina. Nello studio delle frazioni proteiche - disproteinemia, aumenta la frazione di globulina.

Aumentare la bilirubina

La bilirubina per l'infiammazione della cistifellea è solitamente normale. Una piccola deviazione di questo indicatore può confermare l'adesione dell'epatite tossica.

In questo caso, può essere osservata un'aumentata bilirubina indiretta nel test del sangue biochimico per la colecistite. Se l'iperbilirubinemia è significativa con una predominanza della frazione diretta, si può sospettare:

  • ostruzione delle pietre del dotto biliare;
  • spasmo vascolare;
  • colestasi extraepatica;
  • cambiamenti distruttivi nella cistifellea.

Video utile

Per maggiori informazioni su cosa sia la colecistite, guarda questo video:

Esame del sangue per colecistite. Analisi generali e biochimiche

Il ruolo degli esami del sangue nella diagnosi di colecistite

In alcuni casi, il riconoscimento della colecistite e l'istituzione della sua forma specifica possono essere associati a determinate difficoltà dovute alla somiglianza dei sintomi con una serie di altre malattie. Le analisi del sangue di laboratorio possono fornire un'assistenza preziosa per stabilire la diagnosi corretta e determinare le tattiche di trattamento necessarie. Inoltre, l'analisi del sangue prescritta tempestivamente aiuta a notare l'inizio dello sviluppo di alcune gravi complicanze che possono svilupparsi con colecistite.

    Se si sospetta l'infiammazione della cistifellea, possono essere prescritti i seguenti esami del sangue:

  • clinica standard;
  • ricerca biochimica;
  • coagulogramma (valutazione della coagulabilità);
  • contenuto di zucchero;
  • sulla definizione del suo gruppo e del fattore Rh;
  • per la presenza di epatite, sifilide (RW) e alcune altre infezioni.
  • Il valore più informativo della colecistite è rappresentato dalle analisi generali del sangue clinico e biochimico, che aiutano a fornire una valutazione corretta del quadro clinico della malattia esistente. In caso di un decorso cronico della malattia, si raccomanda di prendere i dati dell'esame almeno una volta durante l'anno solare. Nel trattamento delle forme di colecistite acuta o acuta, di solito vengono prescritti più volte per valutare le condizioni del paziente nel tempo. Tutti gli altri studi possono essere importanti al momento di decidere la possibilità di colecistectomia e la quantità richiesta di preparazione preoperatoria.

    Analisi del sangue generale

    Durante la remissione della colecistite che procede cronicamente, un esame del sangue generale spesso non mostra assolutamente cambiamenti patologici, tutti i suoi indicatori possono rientrare nei valori normali per una persona sana. Allo stesso tempo, per qualsiasi colecistite acuta o durante un'esacerbazione, i dati dell'analisi saranno in qualche modo diversi.

    Anche con la forma acuta di colecistite, i cambiamenti nel livello di emoglobina e il numero di globuli rossi possono non essere osservati. Con le forme più gravi di colecistite acuta (in particolare, con la sua natura distruttiva, l'empiema, la perforazione della colecisti o la peritonite), c'è spesso una marcata diminuzione del contenuto di globuli rossi e livelli di emoglobina. Con concomitante colelitiasi e attacchi ripetuti di vomito, questi indicatori sono di solito cambiati nella direzione opposta.

    Uno dei segni affidabili della presenza di infiammazione nella cistifellea è un aumento del numero di leucociti e uno spostamento della formula dei leucociti a sinistra. In particolare, con la colecistite acuta catarrale, la leucocitosi può essere moderata (entro 9-14 mila) e con malattia flemmatica o gangrena, il numero di leucociti può superare i 16 mila con concomitante linfopenia e neutrofilia. Con lo sviluppo della peritonite biliare, il livello dei leucociti può essere aumentato fino al livello di oltre 20 mila. Va notato che lo spostamento della formula dei leucociti non è un segno obbligatorio, a volte non è osservato nemmeno con l'infiammazione distruttiva della cistifellea.

    Il numero di eosonofili nel sangue di pazienti che soffrono di malattie del sistema biliare, il più delle volte varia dall'1 al 2%. Se gli eosonofili sono assenti o si trovano in quantità ridotte, il medico ha motivo di sospettare un decorso distruttivo o complicato della malattia. L'indice ESR è spesso leggermente elevato.

    Analisi biochimiche

    L'analisi biochimica del sangue consente al medico di ottenere una serie di importanti dati aggiuntivi, per valutare le condizioni generali del paziente e identificare alcune delle patologie associate. Un'attenzione particolare nella valutazione dei risultati della ricerca biochimica è rivolta agli indicatori del metabolismo della bilirubina. Il grado di aumento della bilirubina è un segno diagnostico molto importante che aiuta a distinguere l'esacerbazione dell'infiammazione cronicamente scorrente dalla sua forma acuta. Il livello di aumento della bilirubina in ciascun caso è valutato singolarmente dal medico in combinazione con altri sintomi importanti. Di norma, nella colecistite acuta c'è un aumento più significativo rispetto al caso di esacerbazione.

    Un importante indicatore di laboratorio per valutare lo stato del sistema biliare è il livello di fosfatasi alcalina, il suo aumento indica la presenza di stasi pronunciata della bile. Nella colecistite cronica, questa cifra è leggermente aumentata (in media - fino a 200 U / l), e con la stasi biliare acuta, le cifre possono essere più elevate. Con questa malattia, gli esami del sangue biochimici possono anche mostrare un aumento dei seguenti indicatori: ALT, AST, GGT, fibrinogeno, colesterolo, acidi sialici, gamma globulina e aptoglobina.

    Esami del sangue per colecistite

    Recentemente, una malattia come la colecistite si verifica in molte persone. Inoltre, questa malattia è significativamente "più giovane". Infatti, nella dieta delle persone moderne ci sono cibi grassi, fast food, vari conservanti nocivi, additivi dannosi, il desiderio di dimagrire molto rapidamente per ottenere una figura da sogno.

    Per un lungo periodo di tempo, la malattia in questione può procedere senza alcun sintomo o essere mascherata da altre malattie gastrointestinali. È possibile diagnosticare una malattia con l'aiuto di alcuni test.

    Cos'è la colecistite?

    Questa è una condizione caratterizzata dalla presenza di un processo infiammatorio nelle pareti della cistifellea. L'infiammazione può essere innescata da fattori come la presenza di microbi cattivi nel lume della vescica e anche il flusso biliare della bile. Questo disturbo può verificarsi come complicanza della malattia del calcoli biliari. Inoltre, in rari casi, la condizione può essere innescata da una ridotta circolazione del sangue nelle pareti del dotto biliare.

    Persone a rischio:

    • quelli che abusano diete mirate a perdere peso;
    • con malnutrizione, con invasioni parassitarie;
    • con infezioni nell'intestino e nel fegato.

    Tutto ciò provoca violazioni, che si manifestano non solo nelle analisi. Il paziente si sente molto peggio.

    A seconda dei sintomi eziologici della colecistite è:

    • calculous - quando le pietre sono formate;
    • non calcoli - senza pietre.

    A seconda del flusso ci sono:

    Per una malattia acuta, i personaggi sono i seguenti:

    • gonfiore intestinale;
    • nausea, vomito;
    • forte dolore nell'area sotto il bordo destro;
    • la diarrea può spesso verificarsi.

    Il dolore può essere abbastanza forte, può essere eliminato utilizzando farmaci antispastici. Inoltre, il paziente potrebbe verificare un aumento della temperatura corporea.

    Se viene rilevato un elevato numero di bilirubina nelle analisi, ciò indica che il deflusso della bile è stato disturbato a causa della presenza di una pietra nel dotto che la intasa. Potrebbe anche essere un segno di infezione.

    In questo caso, ci sono dolori gravi che non possono essere tollerati, il paziente appena possibile si rivolge al medico per ottenere aiuto. La pelle e il bianco degli occhi diventano gialli. È importante distinguere la condizione con altri disturbi che possono verificarsi nella cistifellea e in altri organi. Per determinare con precisione la malattia, il paziente desidera un'ecografia e i test necessari.

    Quali test per la colecistite devono passare?

    Grazie ai test di laboratorio, è possibile effettuare una diagnosi accurata, nonché le condizioni del pancreas e del fegato. Se i parametri di laboratorio sono cambiati, allora questo indica la presenza di un processo infiammatorio. Le analisi dovrebbero essere effettuate durante l'intero corso terapeutico. Questo è necessario per confermare l'efficacia delle procedure.

    Quale ricerca può rivelare la colecistite? Viene prescritto un esame del sangue per qualsiasi problema di salute, incluso il sospetto di presenza di infiammazione.

    L'analisi biochimica di solito cambia nel caso di disturbi complessi negli organi vicini. Se il processo è nato di recente, allora è praticamente impossibile rilevarlo in questo studio. Se si sospetta un processo infiammatorio nella colecisti, si raccomandano i seguenti test:

    • test del fegato - AST, ALT, test del timolo, bilirubina;
    • urina e sangue amilasi;
    • GGTP: un enzima coinvolto nello scambio di processi di amminoacidi;
    • fosfatasi proteica;
    • frazioni proteiche.

    Inoltre, senza esito negativo, le feci e l'urina dovrebbero essere studiate. Oltre all'analisi generale dell'urina, che è in grado di mostrare il processo infiammatorio nei reni, che può indicare che una focalizzazione infettiva è entrata nei reni, è previsto anche uno studio per la presenza di bilirubina, per i pigmenti biliari, per l'urobilina.

    Le feci vengono esaminate per la presenza di stercobilinogeno. Quando viene rilevata la bilirubina non trattata, è possibile parlare di tali condizioni - c'è un processo infiammatorio nella cistifellea, sono presenti delle pietre in esso, il funzionamento della cistifellea viene interrotto.

    Analisi del sangue generale

    Nella malattia in esame, un esame del sangue clinico è leggermente diverso. Nel periodo di esacerbazioni, aumenta il numero di neutrofilia, aumentano i leucociti, aumenta la VES. A volte può rivelare anemia. Nel periodo di remissione vi è una diminuzione del numero di leucociti, ma non molto, ma potrebbero anche non discostarsi dalla norma.

    Esame del sangue biochimico per colecistite

    Va detto che, a seconda della forma della malattia e della sua manifestazione, tali analisi possono variare.

    Nei campioni di fegato, il test del timolo può essere aumentato, indicando che l'organo non funziona normalmente. Gli enzimi AST e ALT fondamentalmente non vanno oltre i valori normali. Tuttavia, possono essere elevati in presenza di gangiosi e processi purulenti.

    Gli indicatori nell'analisi di amilasi possono essere aumentati se il processo coinvolge il pancreas. Solitamente GGTP mantiene le sue normali prestazioni, il numero di questo componente aumenta solo in casi complessi e trascurati. In circa il 25% dei pazienti con diagnosi di colecistite, può essere rilevato un aumento del livello di fosfatasi alcalina. Inoltre, l'analisi aumenterà la frazione di globulina.

    Aumentare la bilirubina

    La biochimica del sangue per la malattia in esame non è un fattore molto significativo, ma può aiutare in modo significativo a valutare in modo completo tutti i dati sullo stato di salute del paziente.

    Fondamentalmente, in presenza di processi infiammatori nella cistifellea, la bilirubina non si discosta dai suoi valori normali. Se c'è una tale deviazione, potrebbe indicare che l'epatite tossica si è unita.

    L'analisi biochimica in questo caso mostrerà un aumento della bilirubina indiretta. Se la frazione diretta predomina nell'iperbilirubinemia, allora si sospetta:

    • la presenza di colestasi extraepatica;
    • vasospasmo;
    • la presenza di pietre nei dotti biliari;
    • cambiamenti nella cistifellea di origine distruttiva.

    Quali test sono prescritti per la colecistite

    La colecistite è una malattia della cistifellea, accompagnata dal suo processo infiammatorio. Le analisi per la colecistite sono fornite dopo un esame generale da un medico e sono necessarie per fare una diagnosi accurata (colecistite cronica, acuta o iniziale). Il modo più efficace per determinare la malattia è uno studio biochimico della bile con una sonda speciale.

    diagnostica

    A causa del fatto che la colecistite cronica ha sintomi simili a un numero enorme di malattie del fegato e malattie del tratto gastrointestinale, il processo di studio della malattia ha le sue caratteristiche.

    Dovresti sapere che alle prime manifestazioni è necessario andare immediatamente a vedere un medico, e poi condurre un esame completo per studiare il lavoro della cistifellea.

    La procedura diagnostica è la seguente:

    1. Viene eseguito un primo esame dal medico, dopo il quale sarà necessario sottoporsi a una serie di test di laboratorio designati;
    2. Campionamento materiale per ulteriori studi in laboratorio (emocromo completo, AST - determinazione degli enzimi del metabolismo proteico nel corpo, studio biochimico della cistifellea).
    3. Per creare un'immagine più completa, il medico curante può inviare al paziente una ecografia o una TAC.
    4. Dovrai anche passare attraverso una procedura piuttosto spiacevole di inserimento di una sonda per il sondaggio duodenale e il campionamento della bile;
    5. In alcuni casi, viene condotto uno studio radiologico durante il quale al paziente viene somministrato uno speciale agente radionuclide. Ulteriori componenti del farmaco attraverso il sistema circolatorio nella cistifellea. Quindi viene eseguita un'analisi spettrale delle pareti dell'organo e della bile.
    6. L'ultimo metodo con cui è possibile confermare la colecistite: analisi strutturale a raggi X.

    Esame del sangue

    Gli studi di laboratorio sulla composizione del sangue possono svolgere un ruolo importante nel determinare la diagnosi corretta e scegliere le giuste tattiche per combattere la malattia. Un esame del sangue tempestivo può aiutare a rilevare le fasi iniziali della progressione di alcune pericolose complicanze che si sviluppano insieme a colecistite cronica.

    Il medico può prescrivere i seguenti esami del sangue:

    1. Analisi del sangue generale
    2. Studio biochimico della composizione del sangue.
    3. Lo studio della coagulazione del sangue.
    4. Un test che determina la quantità di zucchero.
    5. Per ricevere informazioni sul gruppo sanguigno e sul suo fattore Rh.
    6. La presenza di una malattia infettiva nel paziente in studio.

    Nel caso dei primi segni di colecistite, i medici raccomandano una serie di studi:

    • rinuncia al test del fegato (test di alt e di cova, bilirubina, timolo);
    • lo studio dell'urina e delle feci per trovare amilasi nella loro composizione;
    • test per GGT (gamma-glutamiltranspeptidasi - un enzima contenuto nelle cellule del fegato e dei dotti biliari). Il modo più efficace per determinare l'esistenza della stasi biliare.
    • fosfatasi alcalina (con infiammazione della cistifellea aumentata di un quarto della norma);
    • frazioni proteiche.

    Risultati altamente informativi nel processo infiammatorio che si sviluppa nella cistifellea, hanno un esame ematico clinico generale e uno studio della biochimica della composizione del sangue.

    Se il medico curante ha una presenza sospetta di colecistite, la prima analisi nell'elenco è sempre il numero totale di emocromi. Il suo scopo è fatto nella diagnosi della maggior parte delle malattie. L'obiettivo principale di questo studio è identificare l'infezione nel corpo. Ciò è evidenziato da un aumento dei globuli bianchi.

    Allo stesso tempo, un paziente con colecistite, anche in forma acuta, potrebbe non ricevere il risultato corretto, dal momento che gli indicatori di emoglobina e globuli rossi saranno nella zona del marchio normativo. Le persone che soffrono di colecistite cronica presentano deviazioni dalla norma del numero di eosonofili nel sangue, di regola, dell'1-2%. In una situazione in cui il numero di eosonofili è ridotto o completamente assente, questo indica un decorso grave della malattia.

    Se il medico ha anche il minimo dubbio circa l'infiammazione della cistifellea, quindi invia il paziente a un esame del sangue biochimico.

    Studio biochimico della composizione del sangue

    L'analisi biochimica del sangue nella colecistite aiuterà a scoprire cosa ha causato la violazione del lavoro salutare del corpo. L'indicatore principale sarà la bilirubina. Se il contenuto nel sangue di questo elemento è superiore all'indicatore standard, allora questo indica il suo utilizzo di scarsa qualità della cistifellea. Inoltre, la rilevazione della colestasi nella composizione del sangue ci permette di parlare di violazioni nel lavoro del corpo.

    In una situazione in cui vi è un aumento del livello di bilirubina nella bile, può essere fatta solo una conclusione: la bile non raggiunge l'intestino. E questo richiederà attenzione non solo alla cistifellea, ma anche al fegato.

    Oltre alla bilirubina, un valore elevato è la determinazione del livello di fosfatasi alcalina nella colecistite. La deviazione dalla norma nella direzione di aumentare questo indicatore indica l'esistenza di una congestione biliare pronunciata. Nella forma cronica della malattia, il livello può leggermente superare la norma (fino a 200 U / l). Durante il decorso acuto della malattia, il coefficiente nella maggior parte dei casi è notevolmente sovrastimato.

    Analisi della bile

    Questo tipo di studio di laboratorio aiuta a trovare deviazioni nell'equilibrio dei componenti delle sostanze e degli acidi biliari.

    Nello studio di 12 ulcera duodenale producono diverse porzioni di campioni di bile. Il materiale per l'analisi è prodotto dal rilevamento frazionario e consiste di 5 fasi.

    1. La prima fase Il materiale viene raccolto dal duodeno 12. Le porzioni biliari "A" vengono raccolte entro mezz'ora immediatamente dopo l'introduzione della sonda prima dell'introduzione di una soluzione speciale;
    2. La seconda fase è la fase di contrazione dello sfintere di Oddi. Inizia subito dopo l'infusione di una soluzione speciale che stimola la contrazione della cistifellea;
    3. Terza fase. La bile viene raccolta dai dotti biliari extraepatici. La durata di questa fase non supera i tre minuti dall'apertura dello sfintere di Oddi fino alla comparsa della bile dalla vescica;
    4. Quarta fase. La bile della porzione "B" dalla vescica viene prodotta per 30 minuti;
    5. Quinta fase Porzioni di bile di fegato "C". Anche la durata di questa fase non supera la mezz'ora.

    Decifrando le prestazioni di questo studio, è necessario concentrarsi sulla porzione di indicatore "A". La deviazione dalla norma al lato inferiore ci consente di indicare uno stadio precoce di colecistite o epatite.

    Il contenuto ridotto di bile nella porzione "B" indica la presenza di colecistite. Una colorazione bianca della bile di questo campione viene osservata anche durante la colecistite cronica.

    Livelli aumentati o ridotti di acidi biliari nel campione della quinta fase (porzioni "C") informa sullo stadio iniziale di sviluppo della colecistite calcicola.

    Analisi del test del fegato

    Questo studio si basa sul test del fegato. Il fegato reagisce istantaneamente a malfunzionamenti nel normale funzionamento della cistifellea, in quanto produce bile. L'analisi rifletterà i cambiamenti che si verificano nel fegato in caso di difficoltà nel passaggio della bile attraverso il canale comune tra il fegato e l'intestino.

    Quando si determina il livello elevato di test del timolo, è sicuro dire che il paziente ha problemi al fegato.

    Urina e feci

    Per rilevare uno squilibrio nel contenuto di bilirubina nel corpo può essere lo studio delle feci e delle urine del soggetto. Questi test aggiuntivi aiutano a determinare la qualità della cistifellea. Con il sano funzionamento del corpo, la quantità di bilirubina secreta è regolata dal fegato.

    Se nel materiale raccolto viene determinato un livello basso, la pelle del paziente deve avere una sfumatura giallastra, poiché la bilirubina inizia a fluire in grandi quantità nell'epidermide. Al ricevimento di tali risultati e alla presenza di evidenti sintomi di colecistite, il medico effettua una diagnosi definitiva e prescrive il trattamento.

    Ultrasuoni e tomografia computerizzata

    Ultrasuoni: uno studio non invasivo del corpo umano attraverso le onde ultrasoniche. Questo metodo di diagnosi della colecistite consente di studiare separatamente la cavità addominale o ciascun organo. Grazie agli ultrasuoni, il diagnostico può determinare lo spessore delle pareti della cistifellea e le patologie fisiche esistenti dell'organo interno.

    Tra le altre cose, l'ecografia può rilevare i segni di accumulo squilibrato della bile nel corpo, così come la sua densità. Più densa è la struttura biliare, peggiore è la situazione con la pervietà dei dotti biliari e, di conseguenza, l'organo stesso.

    La diagnosi ecografica e la tomografia computerizzata hanno permesso di diagnosticare il blocco dei canali e lo studio futuro della loro struttura eterogenea. Solo con l'aiuto di queste procedure la determinazione della malattia del calcoli biliari diventa reale.

    Esame della cistifellea con una sonda speciale

    Anche prima della procedura, al paziente viene somministrato un agente coleretico. Dopo un certo periodo di tempo, una sonda speciale viene inserita nell'intestino del paziente. Grazie a questo miracolo della tecnologia, il materiale viene raccolto per ulteriori ricerche di laboratorio.

    Studiando la composizione biochimica della bile, vengono diagnosticate malattie della colecisti. L'essenza dell'analisi è che dopo aver mangiato cibo nell'intestino ci sono due diverse bile. Il primo è consegnato direttamente dal fegato, e il secondo è il suo concentrato e proviene dalla cistifellea.

    In una situazione in cui vi è infiammazione della cistifellea, la bile ristagna. Questo processo è caratterizzato da un alto contenuto di bilirubina, che non è soggetta a dissoluzione dall'acqua o da altri componenti della composizione degli elementi biliari.

    conclusione

    Dovresti sapere che lo studio del materiale di laboratorio in presenza di colecistite sospetta deve avvenire a stomaco vuoto, specialmente durante i test biochimici.

    Inizia sempre il trattamento con un viaggio dal tuo medico (terapeuta distrettuale). Dopo aver superato un esame esterno e aver ricevuto una consulenza dettagliata da uno specialista qualificato, recarsi alle prove prescritte dal medico.

    video

    Diagnosi di colecistite: esame delle urine e del sangue, coprogramma, intubazione duodenale.

    Test di colecistite: conta ematica, metodi diagnostici di laboratorio e hardware

    La diagnosi di colecistite inizia con anamnesi. Intervistando il medico raccoglie informazioni sul paziente e sulla sua malattia. Per la natura dei sintomi dopo l'esame, viene effettuata la diagnosi primaria e vengono selezionati i metodi di trattamento ottimali.

    Momento importante di comparsa dei segni della malattia, presenza di dolore, febbre, sintomi dispeptici. Dipende dai sintomi clinici del tipo di colecistite diagnosticata: acuta o cronica.

    Il medico è obbligato a verificare le sue ipotesi in altri modi. L'esame esteso viene effettuato con metodi di laboratorio e hardware.

    Ricerca di laboratorio

    Test di laboratorio per la colecistite aiutano a valutare le condizioni generali del paziente, la salute degli organi del sistema biliare.

    Solitamente prescritto:

    • Analisi cliniche del sangue. Consente di determinare il numero di leucociti e piastrine, la velocità di eritrosedimentazione (ESR), il contenuto di emoglobina. La colecistite acuta è caratterizzata da leucocitosi, conta dei leucociti elevata. Cronico è caratterizzato da un livello normale di leucociti o dal suo costante declino. Con l'analisi clinica, è possibile determinare la presenza di un processo infiammatorio;
    • Analisi biochimiche Assunzione prodotta di sangue venoso, seguita da uno studio. Consente di valutare lo stato del sistema biliare, identificare le violazioni del fegato, i disordini metabolici, diagnosticare l'infiammazione. L'analisi mostra la quantità di bilirubina. Livelli elevati indicano problemi della colecisti e dei dotti epatici. Se i parametri della frazione diretta sono aumentati, ciò significa la possibilità di colestasi, cambiamenti distruttivi nella cistifellea, presenza di calcoli nel tratto biliare;
    • Analisi delle urine Può determinare la presenza di malattie infiammatorie e infettive;
    • Le feci vengono esaminate per escludere l'invasione parassitaria.

    Durante l'analisi biochimica vengono anche esaminati i test del fegato. Con il test del timolo si determinano i disturbi funzionali del fegato. Aumento dei livelli di enzimi ALT e AST indica processi infiammatori e suppurativi della cistifellea.

    Livelli elevati di amilasi possono verificarsi durante l'infiammazione del pancreas. Livelli eccessivi di bilirubina potrebbero non apparire nel sangue, ma esprimere ingiallimento della pelle e sclera degli occhi.

    In rari casi, vengono prescritti test immunologici per determinare le patologie di natura autoimmune.

    Metodi hardware per la diagnosi di colecistite

    Per una corretta diagnosi e chiarimento della classificazione della colecistite condurre la diagnostica hardware.

    Esame ultrasonico della cistifellea

    Questo è il principale metodo diagnostico, in lingua medica chiamata colecistometria. Se l'ecografia viene eseguita da uno specialista altamente qualificato, altri metodi potrebbero non essere affatto necessari.

    Ultrasuoni del fegato e della cistifellea

    Gli ultrasuoni possono essere identificati il ​​prima possibile:

    • Ingrandimento patologico della cistifellea;
    • Deformazione delle pareti, ispessimento, cambiamenti distruttivi nei tessuti dell'organo;
    • Violazioni delle funzioni motorie e di evacuazione associate al movimento e alla consegna della bile agli organi digestivi;
    • Anomalie strutturali;
    • Eterogeneità dei contenuti della cistifellea;
    • La presenza di pietre nell'organo e nei condotti.

    La colecistometria viene eseguita a stomaco vuoto. La dieta è consigliata 2-3 giorni prima dell'inizio dell'esame. È necessario escludere i carboidrati e gli alimenti che aumentano la formazione di gas (pasticceria dolce, pane di segale, cavoli freschi, legumi).

    Normalmente, la cistifellea dovrebbe avere una forma a pera con confini chiari. Quando si osserva sempre la colecistite ispessimento delle pareti.

    Uno dei principali segni della fase acuta della malattia è l'ispessimento delle pareti, la visualizzazione del doppio contorno. Sull'ecografia può essere vista la perforazione e la cancrena. Nella colecistite cronica, le pareti sono sigillate, il contenuto non è uniforme, c'è un sedimento biliare.

    La presenza di pietre e sabbia nella cistifellea è determinata con precisione quasi al 100% con gli ultrasuoni. La composizione delle pietre in questo modo è impossibile da riconoscere.

    Diagnostica differenziale

    Clinicamente, la colecistite è simile ad altre patologie. Per stabilire la causa della condizione patologica, viene effettuata una diagnosi differenziale.

    Le seguenti malattie di solito cercano di escludere:

    • Appendicite in forma acuta. Per l'infiammazione dell'appendice non è tipico dolore nel giusto ipocondrio, vomito ripetuto di bile, dolore sul lato destro dello sterno e sotto la scapola;
    • L'ulcera Quando si perforano le pareti dello stomaco e del duodeno, si osserva dolore acuto, localizzato nella parte centrale destra. Sono associati alla perforazione delle pareti e alla perdita di succo gastrico all'esterno degli organi;
    • Pielonefrite. Accompagnato da colica renale, mal di schiena acuto. Il dolore può essere dato all'anca e all'inguine. La presenza di sangue nelle urine è caratteristica di questa malattia;
    • Pancreatite. Durante l'esacerbazione, c'è un dolore acuto a sinistra e chiari segni di intossicazione: nausea, vomito, peggioramento del benessere generale. Diagnosticare in modo accurato e rapido la pancreatite può essere in un ospedale.

    I segni clinici aiutano a differenziare la colecistite da altre malattie, ma le prove principali saranno i risultati di studi di laboratorio e strumentali.

    La diagnosi differenziale di colecistite può essere effettuata con altre malattie:

    • Colite ulcerosa;
    • Gastrite cronica in fase acuta;
    • Invasione elmintica;
    • Duodenite.

    Intubazione duodenale

    Nelle malattie del fegato e dei dotti biliari, l'intubazione duodenale viene utilizzata come metodo diagnostico. Con l'aiuto di iniezioni o inalazione, viene iniettato un farmaco irritante nel corpo. Stimola la funzione contrattile della cistifellea e rilassa lo sfintere.

    Quindi, la bile viene fornita al duodeno 12, la recinzione viene effettuata attraverso una sonda precedentemente inserita. Dopo aver ricevuto una porzione di bile, la sonda viene rimossa. Lo studio ottenuto con la bile consente di diagnosticare la malattia, per determinare la condizione dei dotti biliari.

    Metodi per la diagnosi della bile:

    • Microscopia. La malattia indica la presenza nella bile di leucociti, epitelio cellulare, inclusioni di colesterolo;
    • Biochimica della bile. Un aumento del livello di immunoglobuline (risposta immunitaria all'infiammazione), proteine, fosfatasi alcalina, nonché una bassa concentrazione di bilirubina, indica la colecistite.

    gastroduodenoscopia

    Utilizzando strumenti endoscopici, viene esaminata la superficie interna del duodeno e dello stomaco. Identifica la causa dell'infiammazione e il blocco dei dotti. Uno strumento ottico flessibile con un'estremità luminosa viene inserito direttamente nell'esofago. All'esame, è possibile vedere anche i tumori localizzati e localizzati.

    La gastroduodenoscopia è necessaria per i seguenti sintomi:

    • Dolore nell'addome;
    • Perdita di peso;
    • Difficoltà a deglutire;
    • vomito;
    • Manifestazioni frequenti di bruciore di stomaco;
    • l'anemia;
    • Problemi con la sedia.

    endosonography

    L'esame ecografico endoscopico è un tipo combinato in cui un trasduttore ultrasonico viene inserito nell'esofago, nello stomaco, nell'intestino e fornisce immagini di alta qualità della superficie interna degli organi. La procedura può essere combinata con una biopsia con puntura fine dell'ago.

    Con l'aiuto dell'endosonografia, la diagnostica viene eseguita nei seguenti organi:

    • Cistifellea. Patologie delle sezioni di uscita dei dotti biliari vengono rilevate;
    • Pancreas. La pancreatite viene diagnosticata nella fase acuta e cronica;
    • Lo stomaco e l'esofago per la presenza di varici cambiamenti caratteristiche di alcune malattie del fegato.
    Endoscopio ad ultrasuoni

    I moderni endoscopi trasmettono i dati in formato digitale, fornendo immagini di alta qualità.

    hepatobiliscintigraphy

    Con l'aiuto di uno studio sul radionuclide, vengono eseguite le diagnosi delle malattie del sistema biliare, che comprendono fegato, cistifellea, pancreas e stomaco. È in corso una somministrazione endovenosa di radiofarmaci.

    Dopo aver distribuito il radioisotopo ai tessuti, il radiologo produce diverse immagini successive su un dispositivo gamma. Quindi, viene valutato il lavoro degli organi, viene registrata la condizione dei tessuti e dei vasi, vengono rilevate formazioni patologiche.

    Tomografia computerizzata

    Il metodo dell'informatività è inferiore all'ecografia. Viene effettuato solo quando è necessario valutare in modo completo le condizioni del fegato, del pancreas e della cistifellea. Con l'aiuto della tomografia diagnosticare colecistite acuta con cambiamenti parenchimali.

    Un complesso di test diagnostici, hardware e di laboratorio, consente al medico di determinare il corso ottimale del trattamento. Di solito, la colecistite combina la terapia antinfiammatoria, la dieta e il trattamento sintomatico mirato ad alleviare la condizione generale.

    La litotripsia ad onde d'urto può essere necessaria come trattamento conservativo. In alcuni casi, eseguire la rimozione chirurgica della cistifellea.

    A giudicare dal fatto che stai leggendo queste righe ora - la vittoria nella lotta contro le malattie del fegato non è dalla tua parte.

    E hai già pensato alla chirurgia? È comprensibile, perché il fegato è un organo molto importante e il suo corretto funzionamento è una garanzia di salute e benessere. Nausea e vomito, pelle giallastra, sapore amaro in bocca e un odore sgradevole, urine scure e diarrea. Tutti questi sintomi ti sono familiari di prima mano.

    Ma forse è più corretto trattare non l'effetto, ma la causa? Raccomandiamo di leggere la storia di Olga Krichevskaya, di come ha curato il fegato. Leggi l'articolo >>

    Test necessari per la diagnosi di colecistite

    Nell'80% dei casi, un atteggiamento irresponsabile nei confronti della salute e il rifiuto di uno studio dettagliato dei biomateriali porta ad un indebolimento del sistema immunitario del corpo e al ricovero urgente di un paziente con possibile intervento chirurgico.

    La moderna diagnostica medica aiuta i pazienti a rilevare i sintomi latenti della malattia in modo tempestivo e prescrive il trattamento in tempo fino a quando si verificano effetti irreversibili.

    A tal fine, se un medico sospetta una malattia, può riferire un paziente per un numero di test. Spesso le persone pensano che questo sia solo un "pompaggio" di denaro e niente di più.

    Ma, come dimostra la pratica, è meglio passare un'analisi in più che pagare per la tua negligenza per il resto della tua vita. In questo articolo parleremo dei test che vengono utilizzati per diagnosticare la colecistite.

    Definizione di colecistite e lista di analisi

    La colecistite è un'infiammazione della parete della cistifellea, accompagnata da dolori parossistici o doloranti che sono coliche epatiche. I sintomi concomitanti sono nausea, vomito e aumento della temperatura corporea basale fino a 39 gradi.

    Per selezionare il trattamento appropriato, è necessario stabilire il tipo e il livello della malattia. Dopo questo, vengono scelti un corso di trattamento e i preparativi necessari, ad esempio, Holosas, Tykveol e altri.

    Fattori che causano colecistite: infezione batterica, ristagno di bile, ereditarietà.

    Differenze tra cistifellea sana e colpita

    Test diagnostici

    Per diagnosticare la malattia e il grado del suo sviluppo, è necessario condurre studi di laboratorio. Gli oggetti di studio sono sangue, urina, feci e bile.

    Elenco dei test richiesti:

    1. Analisi del sangue clinico generale.
    2. Analisi biochimiche del sangue.
    3. Analisi delle urine.
    4. Analisi della bile nel modo più semplice.
    5. Esame del sangue immunologico
    6. Suono duodenale.

    emocromo completo

    L'emocromo completo è assegnato a:

    1. Analizzare le informazioni sulla composizione cellulare delle cellule del sangue e la presenza di alterazioni patologiche.
    2. Per diagnosticare la forma acuta della malattia.
    3. Determina il focus del processo infiammatorio.

    Quando si esamina un esame del sangue in un paziente con una forma cronica della malattia, gli indicatori sono spesso entro il range di normalità. Durante l'esacerbazione o nel caso del decorso della malattia in forma grave, si osservano tali cambiamenti:

    • diminuzione del livello di emoglobina nel sangue;
    • aumento dei globuli bianchi;
    • spostamento dei leucociti a sinistra;
    • aumento dell'indice ESR.

    Tecnica di prelievo del sangue

    Un esame del sangue svolge un ruolo significativo nella diagnosi di colecistite

    Per questa procedura, il biomateriale viene prelevato dal dito (ad eccezione di alcuni casi in cui è richiesto il sangue venoso). Prima della procedura, il dito della mano sinistra viene pulito con un panno sterile.

    Quindi, fai una puntura e raccogli il sangue con una pipetta. Trasferire parte del sangue in una fiaschetta sottile e trasferire la parte in un bicchiere da laboratorio. Un tampone sterile viene premuto contro il sito di incisione.

    Indicatori standard

    • emoglobina: da 11,7 a 17,4;
    • globuli rossi: da 3,8 a 5,8;
    • piastrine: da 150 a 400;
    • ESR: da 0 a 30;
    • leucociti: da 4,5 a 11,0.

    Preparazione per l'analisi

    Si raccomanda di donare il sangue a stomaco vuoto. Quando si procede sistematicamente alla donazione di sangue per ottenere risultati più accurati, è necessario eseguire un esame del sangue a intervalli regolari.

    Costo di

    Il prezzo dell'ordine di 180-600 rubli.

    Analisi delle urine

    Le fluttuazioni nell'urina studiata riflettono la presenza di patologie. I dati ottenuti aiutano a trovare una possibile causa di violazioni. In presenza di infiammazione della cistifellea o blocco dei dotti biliari, compaiono i seguenti sintomi:

    1. Cambia l'urina nel colore marrone scuro.
    2. Cambio di acidità (pH 4281

    Pubblicazioni Sulla Diagnostica Del Fegato

    Cancro al fegato

    Sintomi

    Il cancro del fegato è una malattia maligna in cui cellule del fegato sane sono sostituite da cellule tumorali. A rischio di rapida progressione e diffusione di metastasi.Cause di cancro al fegato

    Come pulire il fegato dai parassiti

    Analisi

    Le invasioni di vermi sono il problema più urgente del nostro tempo. Mancanza di cultura alimentare, igiene, non conformità con la prevenzione dell'infezione da parassiti porta a un gran numero di portatori di elminti.

    Chirurgia per rimuovere la cistifellea

    Sintomi

    La rimozione della cistifellea è una forma comune di chirurgia, è prescritta in presenza di pietre, patologie gravi che interferiscono con il normale funzionamento dell'organo.

    Cause di pancreatite Pancreatite e calcoli biliari: qual è la connessione?

    Diete

    Da questo articolo imparerai le cause della malattia e perché la pancreatite cronica si sviluppa più spesso nelle persone con calcoli nella cistifellea.