Principale / Epatite

Analisi qualitativa della PCR per l'epatite C

Epatite

L'epatite è una malattia grave che ha molte cause. La base del suo sviluppo è il danno diretto o indiretto al fegato. Considerando la sua importanza per l'intero organismo, si può solo intuire quanto sia difficile la patologia. In questo articolo esamineremo più in dettaglio le caratteristiche del corso e la diagnosi di laboratorio dell'epatite C.

La causa della malattia è un agente virale che si riferisce a patogeni contenenti RNA. Ha una caratteristica distintiva: la capacità di mutare, cioè di cambiare la sua struttura. A causa di ciò, l'infezione sfugge all'attacco del sistema immunitario e nella maggior parte dei casi porta a un'infiammazione cronica nel fegato.

Data l'esistenza di diversi sottotipi del virus, la selezione dei farmaci dovrebbe essere basata sui risultati della genotipizzazione. Nonostante un lungo studio della malattia e le caratteristiche della struttura dell'HCV, non è stato ancora possibile sviluppare un vaccino specifico per la malattia.

Le difficoltà della diagnosi precoce si trovano nel decorso asintomatico dell'epatite, a seguito della quale una persona visita un medico nella fase della cirrosi. Al fine di rilevare la malattia nel tempo, sono richiesti regolari esami medici. Solo attraverso test di laboratorio sul sangue è possibile rilevare l'HCV e prevenire l'infezione di chi ti circonda. Il fatto è che il vettore dell'infezione può a lungo non indovinare la patologia e continuare a trasmettere il virus a persone sane.

Modi di trasmissione

Nella maggior parte dei casi, il virus si diffonde attraverso il sangue, poiché contiene la più alta concentrazione di agenti patogeni. Quindi, l'infezione viene trasmessa:

  • con emodialisi;
  • con un ago infetto;
  • nel processo di combattimento, quando la pelle è ferita e si verifica un contatto con il sangue;
  • con trasfusione di sangue (trasfusione di sangue).

La probabilità di infezione durante l'intimità è insignificante, poiché lo sperma e le perdite vaginali contengono una piccola quantità di agenti patogeni. Il rischio di infezione è significativamente aumentato in violazione dell'integrità della membrana mucosa dei genitali. Questo è osservato con il sesso aggressivo e anale.

Per quanto riguarda la modalità verticale di trasmissione, è effettuata nel processo di lavoro. Nel periodo di gestazione, l'agente patogeno non può penetrare la placenta nell'embrione. Durante il parto naturale, l'agente patogeno viene trasmesso al bambino quando la pelle è ferita, quando si osserva il contatto con il sangue della madre.

Dopo la penetrazione del patogeno in un organismo sano, inizia la sintesi degli anticorpi, che sono protezione dall'infezione e appartengono alle strutture immunitarie. Si trovano nello studio iniziale di una persona che utilizza ELISA.

Viene eseguita una reazione a catena della polimerasi per confermare la diagnosi del paziente. È un'analisi del materiale genetico di un agente patogeno e la determinazione della carica virale.

Diagnosi di laboratorio dell'epatite C

La diagnosi di laboratorio inizia con un test immunoenzimatico. Il suo compito principale è rilevare gli anticorpi prodotti contro il patogeno. La sua efficacia è quasi del 95%. Grazie a questa ricerca, è possibile identificare il vettore del virus nella fase preclinica e inviarlo per ulteriori esami.

Un'analisi qualitativa del test ELISA indica la presenza o l'assenza di immunoglobuline nel sangue del paziente. Il risultato potrebbe essere "positivo" o "negativo". Dopo aver ricevuto la prima risposta, la persona viene inviata per il prossimo esame - PCR. Il suo prezzo dipende dalla qualità dei reagenti e del laboratorio. Il costo della reazione a catena della polimerasi può raggiungere i 4 mila rubli.

Funzioni PCR

Usando una reazione a catena della polimerasi, anche una piccola quantità di materiale biologico ci consente di stimare la carica virale nel sangue, cioè di calcolare la concentrazione di agenti patogeni in un millilitro di fluido.

Con l'avvento della PCR, la diagnosi di epatite è stata notevolmente semplificata. L'analisi consente di identificare l'RNA dell'HCV, per stabilire lo stadio del processo infettivo e l'infettività della portatrice del virus.

Esistono diversi tipi di diagnosi genetica:

  1. Analisi qualitativa della PCR per l'epatite C - conferma la presenza o l'assenza di HCV nel sangue del soggetto:
  2. quantitativo, attraverso il quale è possibile calcolare la concentrazione di virus e stabilire lo stadio della malattia. Il risultato è dato in UI / ml o copie / ml (a seconda del laboratorio);
  3. genotipizzazione: necessaria per determinare il genotipo dell'HCV. Questo è necessario per una selezione accurata dei farmaci che saranno più efficaci in questo caso. L'analisi indica indirettamente la gravità del processo patologico nel fegato. Quindi, con il terzo genotipo dell'agente patogeno, la steatosi è più spesso osservata, la cui base è l'accumulo di grasso negli epatociti (le sue cellule). Inoltre, il tipo di virus influenza l'esito e la durata del corso terapeutico.

Analisi qualitativa della PCR per l'epatite C

Prima di tutto, il materiale biologico viene esaminato in laboratorio per la presenza dell'HCV RNA. È importante ricordare che un'analisi qualitativa dell'epatite C ha un certo livello di sensibilità e quindi potrebbe non dare sempre la risposta giusta. In questo caso, si consiglia di ripetere la diagnostica di laboratorio utilizzando altri reagenti.

Per ottenere risultati affidabili, devono essere utilizzati sistemi di prova con una sensibilità di almeno 50 UI / ml.

Il risultato diagnostico può essere "positivo" o "negativo". Se l'agente patogeno non si trova nel sangue, lo studio è completato. Se nel campione viene rilevato un agente patogeno, viene quantificata una carica virale.

Una risposta falsamente negativa si ottiene quando il processo viene violato, ad esempio, i componenti attivi che sopprimono la generazione di copie del patogeno entrano nel mezzo. Pertanto, non è possibile visualizzare una vera immagine del sangue, motivo per cui l'infezione di una persona non viene diagnosticata.

Un risultato falso positivo può essere ottenuto se il tubo per la raccolta di materiale biologico, così come l'ambiente per lo studio sono stati contaminati. Inoltre, tale risposta all'analisi è possibile con infezioni miste, quando il fegato è influenzato da diversi virus, come l'epatite C e D.

Indicazioni per la ricerca qualitativa

Il medico può prescrivere a un paziente uno studio qualitativo sull'identificazione dell'RNA del virus dell'epatite C:

  • al ricevimento di una risposta immunologica enzimatica positiva o dubbia;
  • per la verifica della diagnosi;
  • determinare la carica virale;
  • impostare lo stadio della malattia;
  • diagnosi di infezione mista. L'epatite C colpisce spesso il fegato contemporaneamente al virus "D";
  • determinazione delle tattiche terapeutiche tenendo conto del genotipo dell'agente causale;
  • valutare le dinamiche dei cambiamenti durante il trattamento con farmaci antivirali.

I vantaggi della reazione a catena della polimerasi includono:

  1. alta sensibilità della tecnica, che consente di stabilire il fatto di infezione in fase preclinica;
  2. identificazione del materiale genetico del patogeno e non dei suoi anticorpi;
  3. la possibilità di stabilire un sottotipo di un agente patogeno;
  4. alta velocità di diagnostica, in quanto non richiede la semina del materiale su un mezzo nutritivo, ed è sufficiente utilizzare specifici sistemi di test. Una persona ottiene il risultato dopo 5 ore;
  5. versatilità. L'analisi consente di identificare qualsiasi materiale genetico (RNA, DNA). Grazie a questo, il medico può confermare l'epatite C e altri tipi di malattia (B);
  6. la capacità di rilevare l'infezione latente.

Ricerca quantitativa

Nello studio del sangue utilizzando la reazione a catena della polimerasi è possibile calcolare il numero di patogeni in una quantità fissa di materiale biologico. L'indicatore è presentato in UI / ml. Attraverso l'analisi, è possibile determinare il grado di contagio del paziente, determinare lo stadio del processo infettivo e anche valutare l'efficacia della terapia farmacologica.

Sulla base della PCR, lo specialista decide quali dosi di farmaci consentono di bloccare la riproduzione dei patogeni. Inoltre, vengono determinati la durata del trattamento antivirale e la prognosi per la vita. È importante ricordare che i sistemi di test hanno un'alta sensibilità, quindi il metodo consente di confermare l'infezione di una persona allo stadio preclinico.

genotipizzazione

Data la capacità del patogeno di mutare, il suo genotipo è necessario per determinare la tattica del trattamento e la scelta dei farmaci antivirali. Ad esempio, il trattamento dell'epatite HCV 1 dura 48 settimane, con una tendenza positiva osservata solo nel 60% dei casi. I genotipi 2 e 3 hanno una prognosi più favorevole. I farmaci antivirali sono prescritti per 8 mesi e la loro efficacia raggiunge l'85%.

Secondo le statistiche, nella maggior parte dei casi, HCV 1, 2 e 3 sono registrati nella Federazione Russa.

Quando si decifra un test di laboratorio, questa risposta può essere indicata - "non digitato". Ciò significa che un virus circola nel sistema circolatorio del paziente e non può essere riconosciuto dal sistema di test. Il risultato dell'analisi in questo caso indica che il patogeno non è tipico per una determinata area geografica.

Come ottenere risultati affidabili?

Affinché uno studio qualitativo della PCR per rilevare l'RNA dell'agente causale dell'epatite C ha mostrato i risultati corretti, è necessario osservare i requisiti per la preparazione per la diagnostica di laboratorio:

  1. il prelievo di sangue viene effettuato a stomaco vuoto e il gap "affamato" non dovrebbe essere inferiore a 8 ore;
  2. due giorni prima dello studio, si raccomanda di smettere di bere alcolici e di abbandonare i piatti piccanti, grassi e affumicati;
  3. annullare l'introduzione di farmaci che riducono la coagulazione del sangue, ad esempio l'eparina. Se questi farmaci sono prescritti per motivi di salute, è necessario informare il medico. Inoltre, lo specialista dovrebbe essere a conoscenza dell'ammissione di altri farmaci che possono influenzare il risultato della ricerca di laboratorio;
  4. Alla vigilia della raccolta di materiale biologico, le procedure fisioterapeutiche non dovrebbero essere eseguite e dovrebbero essere sottoposte a gravi sforzi fisici.

I risultati dell'analisi possono essere influenzati non solo dalla persona che dona sangue, ma anche da altri fattori, vale a dire:

  • prelievo di sangue di scarsa qualità;
  • inosservanza delle raccomandazioni sul trasporto di materiale biologico;
  • formazione insufficiente dei lavoratori di laboratorio;
  • non conformità con la tecnica di ricerca;
  • introduzione di anticoagulanti (eparina) alla vigilia del campionamento del sangue. Questo gruppo di farmaci riduce la coagulazione, rallentando così il lavoro dei reagenti.

In diversi laboratori, la risposta diagnostica può essere leggermente diversa, ma questi errori non influenzano il risultato finale dello studio.

Particolare attenzione è rivolta ai tipi di sistemi di test utilizzati in laboratorio. Spesso, la preferenza è data ai reagenti con alta sensibilità. Questo è importante per i pazienti con bassa carica virale perché è difficile da rilevare.

Quante volte viene eseguito un test di laboratorio?

La reazione a catena della polimerasi primaria viene eseguita in persone che sono state rilevate mediante immunodosaggio per gli anticorpi contro il patogeno dell'epatite. In questo caso, viene assegnato per confermare il fatto di infezione di una persona e stabilire lo stadio della malattia. Inoltre, l'analisi consente di determinare il sottotipo del virus, che è particolarmente importante per la scelta dei farmaci.

Il periodo successivo per i test di laboratorio obbligatori è di 3 mesi dall'inizio della terapia antivirale. La diagnostica consente di valutare l'efficacia dei farmaci, regolare la dose o sostituirli.

Oltre ai test di base, la PCR può essere eseguita anche a 4 e 24 settimane dall'inizio del trattamento. La prognosi positiva della malattia è confermata da una diminuzione della carica virale dopo tre mesi di terapia. Ad esempio, dovrebbe diminuire da 1 milione di IU / ml a diverse centinaia di migliaia.

Se la concentrazione di agenti patogeni nel sangue rimane allo stesso livello o aumenta un po ', ciò indica l'inefficacia dei farmaci antivirali e richiede la loro sostituzione. Utilizzando la PCR alla fine del trattamento, è possibile confermare il recupero del paziente.

Per interpretare correttamente i risultati della diagnostica di laboratorio, è richiesta la consulenza di un epatologo o di uno specialista in malattie infettive. Data l'alta frequenza di false risposte in ELISA, l'analisi viene utilizzata esclusivamente per lo screening primario. Per un esame più approfondito del paziente ha usato la reazione a catena della polimerasi.

Analisi di alta qualità per l'epatite C

Diagnosi di epatite virale: test e falsi test

Per il trattamento del fegato, i nostri lettori hanno usato con successo il Leviron Duo. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

L'epatite virale è un problema di salute pubblica molto importante. Sfortunatamente, l'incidenza di questi è elevata e continua a crescere. Alcuni tipi di epatite virale, ad esempio, B e C, possono causare gravi complicanze come la cirrosi epatica e persino il cancro se non diagnosticato correttamente. Questa infezione rappresenta una vera minaccia durante la gravidanza, sia per la futura mamma che per il bambino.

Attualmente, ci sono diversi virus che possono causare l'epatite. Sono indicati con lettere latine: epatite A, B, C, D, E, ecc. Inoltre, possono verificarsi malattie da epatite con infezione da HIV / AIDS, virus dell'herpes, citomegalovirus e altri. L'associazione di virus, le cosiddette infezioni miste, complica il decorso delle malattie del fegato. Combinazione particolarmente sfavorevole di virus dell'epatite B con HIV / AIDS.

Per stabilire la diagnosi, vengono utilizzate la raccolta dell'anamnesi, la valutazione dei sintomi clinici, i metodi di ricerca strumentali e di laboratorio.

In questo articolo esaminiamo le caratteristiche dei metodi di ricerca di laboratorio per l'epatite virale.

Quali sono i test per l'epatite?

Al fine di valutare la funzione e l'entità del danno epatico, la reazione generale del corpo alla penetrazione dell'agente causativo, nonché a determinare il tipo di virus, vengono utilizzati metodi di laboratorio. Alcuni di loro sono spesso decisivi nell'identificare l'agente causale.

Tutta la varietà di test per l'epatite può essere suddivisa in tre gruppi:

  1. Studi clinici generali - un'analisi generale del sangue e delle urine.
  2. Esami del sangue biochimici - i cosiddetti test di funzionalità epatica e alcuni altri.
  3. Diagnosi specifica o rilevamento dei marcatori dell'epatite: determinazione del tipo, genotipo del virus, nonché della sua quantità nel sangue. Inoltre in alcuni casi è possibile determinare la durata dell'infezione e valutare la risposta immunitaria del paziente all'agente patogeno.

Studi clinici generali

Le analisi più elementari che possono essere fatte praticamente da qualsiasi laboratorio pubblico o privato. I cambiamenti in essi non sono specifici e indicano la reazione generale del corpo all'introduzione del virus.

Il sangue dovrebbe essere donato al mattino a stomaco vuoto. Il termine di prontezza di queste analisi è di solito 1 giorno.

In generale, gli esami del sangue per l'epatite virale si trovano spesso:

  • Leucopenia - una diminuzione dei leucociti nel sangue. Si verifica principalmente a causa di una diminuzione dei linfociti (linfopenia), che sono uno dei tipi di globuli bianchi. La diminuzione dei linfociti si verifica a seguito della morte attiva di queste cellule nella lotta contro il virus.
  • Accelerazione di ESR. Indica un processo infiammatorio.
  • Trombocitopenia: diminuzione delle piastrine nel sangue. Indica una violazione della funzione di coagulazione del fegato, specialmente in combinazione con i cambiamenti del coagulogramma.

Nell'analisi generale delle urine, si riscontra spesso un aumento della quantità di urobilina dovuta alla compromissione della funzionalità epatica sulla rimozione della bilirubina.

Esami del sangue biochimici

Sono stati studiati possibili disordini metabolici in cui è coinvolto il fegato. Viene anche valutata l'entità del danno epatico da parte del virus.

Prima dello studio non è raccomandato l'uso di cibi grassi eccessivi, alcool e fumo. Inoltre, è necessario posticipare l'esercizio. Il sangue dovrebbe essere donato al mattino a stomaco vuoto. Il termine di preparazione è da uno a due giorni.

Molto spesso, viene analizzato un complesso di analisi con il nome condizionale "test del fegato". Questo complesso include:

  • Livello di bilirubina: totale e sue frazioni: diretto e indiretto. Nelle malattie del fegato, di norma, c'è un aumento significativo di questi indicatori, specialmente in presenza di ittero.
  • Determinazione dell'attività delle transaminasi epatiche: alanina aminotransferasi (ALT), aspartato aminotransferasi (AST), fosfatasi alcalina (ALP), a volte - gamma-glutamiltransferasi (GGT). Altre transaminasi (LDH-5, GDH, ecc.) Sono meno frequentemente studiate: questi indicatori aumentano significativamente con il danno epatico da parte del virus, a volte diverse decine di volte, indicando citolisi o colestasi.
  • Valutazione della funzione di sintesi proteica del fegato, che è marcatamente compromessa dall'epatite. Determinare il livello di proteine ​​totali nel sangue e nelle sue frazioni: albumina e globulina. Sono stati utilizzati anche campioni sedimentari, ad esempio timolo.
  • Coagulogramma: valutazione del sistema di coagulazione, anch'esso compromesso nella direzione dell'ipocoagulazione e della tendenza al sanguinamento.

A volte determinano anche gli indicatori del metabolismo lipidico (colesterolo, trigliceridi), il metabolismo dell'azoto e altri.

Studi specifici - marcatori di epatite virale

Il vantaggio principale della diagnostica specifica: la determinazione dei marcatori dell'epatite è la possibilità di identificare l'agente causale. Questo ti permette di scegliere il trattamento migliore e migliorare la prognosi della malattia.

Quando si esegue una diagnostica specifica, è possibile rilevare:

  • Agente patogeno dell'antigene (virus dell'epatite).
  • Anticorpi specifici che il corpo del paziente produce in risposta alla penetrazione del virus - classi totali o individuali.
  • Acidi nucleici virali che costituiscono il genoma del virus - DNA o RNA. È interessante sapere che il genoma di quasi tutti i virus dell'epatite contiene l'RNA. Le eccezioni sono il virus dell'epatite B e TTV, nella loro struttura del genoma - DNA.

Oltre a chiarire l'eziologia del patogeno (RNA o DNA specifico), è possibile diagnosticare un tipo di virus (genotipo), la sua quantità e attività nel corpo del paziente (carica virale).

E la definizione di classi di anticorpi (classi IgM o IgG totali o separate) consente di valutare approssimativamente la durata dell'infezione e l'adeguatezza della risposta immunitaria del corpo del paziente alla presenza di infezione.

Metodi per la determinazione dei marcatori dell'epatite virale

Per compilare un quadro completo del virus - l'agente eziologico delle lesioni infettive del fegato, vengono utilizzati diversi metodi diagnostici. Ognuno di loro serve per identificare specifici marcatori.

Il test immunoassorbente legato all'enzima (ELISA) - è usato per determinare antigeni e anticorpi del virus dell'epatite B. Diffuso nella pratica medica. Viene anche utilizzato per lo screening, ad esempio le donne in gravidanza.

Gli anticorpi totali sono generalmente determinati, il che consente di ottenere informazioni più complete sulla risposta immunitaria del paziente.

Se non è possibile produrre anticorpi totali, viene utilizzato il metodo per determinare le singole classi di anticorpi - IgM o IgG specifiche.

L'analisi immunoblot ricombinante (RIBA) è un'alternativa all'ELISA. Più preciso, ma anche più costoso. Usato per confermare risultati positivi con ELISA.

Analisi immunocromatografica (ICA) - "test rapido". Questo esame del sangue per l'epatite viene effettuato utilizzando strisce indicatrici, pannelli o cassette di prova. Meno sensibile di ELISA e, ancora di più - RIBA.

Il metodo della reazione a catena della polimerasi (PCR). È il "gold standard" per la diagnosi del patogeno. Abbastanza costoso. Questa analisi dell'epatite viene effettuata per identificare il patogeno - la definizione di RNA o DNA del genoma virale.

La PCR consente anche di determinare il genotipo del virus, la carica virale. Cioè, il metodo PCR determina il materiale genetico del virus che è contenuto nel genoma - RNA o DNA.

Il metodo di determinazione è quantitativo o qualitativo. Un metodo quantitativo di PCR determina, ad esempio, carica virale: il numero di copie di RNA o DNA di un virus nel sangue. Questo ti permette di identificare la concentrazione e l'attività della sua riproduzione. Il metodo qualitativo della PCR determina la presenza di RNA o DNA del virus nel corpo.

La maggior parte dei marcatori di epatite virale viene diagnosticata nel sangue. Per fare questo, devi donare sangue da una vena, preferibilmente a stomaco vuoto. In questo caso, la condizione non è così categorica come, ad esempio, nelle analisi biochimiche. La durata di tali studi è di solito da uno a tre giorni.

Tuttavia, in alcuni casi è necessario determinare la presenza di un virus nel materiale di biopsia epatica. Usa il metodo PCR per determinare l'RNA o il DNA del virus.

Caratteristiche dell'esame durante la gravidanza

Durante la gravidanza, oltre allo screening per l'epatite B e C, una donna viene esaminata per la sifilide: vengono determinate la reazione di Wasserman (RW, PB) e gli anticorpi contro l'HIV / AIDS. Tutte queste infezioni sono molto pericolose per il nascituro e possono complicare il corso della gravidanza.

Il test per la sifilide (PB) deve solitamente essere preso tre volte durante la gravidanza. L'analisi per l'individuazione di anticorpi contro l'HIV, l'epatite B e C (mediante ELISA) è anche presa 2-3 volte. Se c'è un risultato positivo, il test HIV viene ricontrollato usando il metodo RIBA. Se la diagnosi di HIV è confermata, la terapia antiretrovirale viene prescritta durante la gravidanza. Il trattamento in questo caso è effettuato da un medico specializzato in infezione da HIV.

Se vengono rilevati anticorpi contro l'epatite virale B e / o C, viene eseguito un ulteriore esame PCR per determinare l'RNA virale o il DNA, nonché la determinazione degli anticorpi totali e di classe.

A volte durante la gravidanza c'è un test falso positivo per l'epatite C, meno spesso - B. Ciò è dovuto alle peculiarità delle reazioni immunitarie durante la gravidanza. Tuttavia, la conferma definitiva della presenza di una malattia epatica virale in una donna incinta dovrebbe essere effettuata da uno specialista di malattie infettive.

conclusione

Qualsiasi metodo di ricerca è ausiliario, anche PCR. La diagnosi di epatite virale con decodifica dei risultati del test, e ancora di più - la nomina del trattamento, dovrebbe essere effettuata solo da un medico. Un tentativo indipendente di decifrare i risultati dei test e stabilire la diagnosi è irto di gravi effetti avversi sulla salute.

Diagnosi di epatite C utilizzando PCR RNA - analisi quantitativa e qualitativa, interpretazione

L'analisi tempestiva e di alta qualità della PCR per l'epatite C consente di confermare o eliminare la presenza del virus nel corpo. Uno dei principali vantaggi della tecnica è che il virus può essere rilevato immediatamente dopo l'infezione, senza attendere evidenti manifestazioni dei sintomi della malattia.

L'epatite C è causata dal virus dell'HCV (virus dell'epatite C) contenente acido ribonucleico. Il principale pericolo di HCV è un lungo periodo di tempo, che separa i momenti di infezione e la comparsa di reazioni dal sistema immunitario (da 1 a 6 mesi). La PCR consente di determinare la presenza del virus dell'RNA nel sangue molto prima, per fare una diagnosi accurata, per iniziare il trattamento.

Opzioni di analisi

La tecnica è stata inizialmente utilizzata nei primi anni '70 del secolo scorso dagli scienziati norvegesi. Si basa sulla copia ripetuta di uno specifico, relativamente breve tratto del DNA di un virus che utilizza molecole di RNA. E confrontando i frammenti ottenuti con siero umano.

Cos'è la PCR per l'epatite? La reazione a catena della polimerasi condotta (PCR) mostra:

Per il trattamento del fegato, i nostri lettori hanno usato con successo il Leviron Duo. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

  • La presenza o l'assenza di un virus;
  • Analisi quantitativa della lesione;
  • Il genotipo del virus dell'epatite rilevato.

Sulla base dei dati ottenuti, viene determinato il grado di pericolo epidemiologico (il grado di infezione e il rischio di trasmissione ad altre persone) e viene anche elaborata la sequenza delle misure terapeutiche.

I test PCR sono assegnati a:

  • Se si identificano i sintomi di infiammazione del fegato;
  • Per studi di screening preventivo;
  • Per l'esame in caso di contatto provato con una persona malata;
  • Quando si diagnostica l'epatite di classi diverse;
  • Per scoprire quanto sia attivo il virus nell'epatite cronica;
  • Valutare l'adeguatezza del trattamento.

Analisi qualitativa

L'analisi PCR di alta qualità ci consente di dimostrare o escludere la presenza di HCV (virus dell'epatite C) nei fluidi biologici. Nonostante il fatto che uno studio qualitativo possa dare solo due risultati - positivi o negativi, la decifrazione corretta dei dati è molto importante.

  1. Positivo. Indica la presenza di virus dell'epatite C nel sangue. Questo significa che il paziente è infetto. Una certa percentuale è lasciata alla possibilità di ottenere un risultato falso. Ma la diagnosi in presenza di altri sintomi è già possibile.
  2. Negativo. Indica che nel biomateriale in esame non è stato rilevato alcun virus a RNA. O parla di una piccola concentrazione del virus, test di bassa sensibilità. Anche l'analisi negativa è falsa.

Un esempio di analisi qualitativa dell'RNA della PCR

Se l'epatite si sviluppa in forma acuta, una versione qualitativa dello studio indica la presenza di un virus nell'organismo già 3 settimane dopo l'infezione.

Analisi quantitativa

PCR quantitativa indica il grado di carica virale, visualizza la concentrazione del virus nel corpo. Lo studio dà un'idea di quanti frammenti del virus dell'RNA sono contenuti in 1 cm3 di sangue.

Il risultato è indicato dal sistema IU / ml generalmente accettato - unità internazionali per millilitro. Con velocità fino a 600.000 UI / ml, la concentrazione del virus è considerata bassa, il valore medio è nell'intervallo di 600.000-700.000 UI / ml, superiore a 800000 UI / ml - alto.

Esempio di analisi quantitativa

La diagnosi quantitativa viene nominata prima dell'inizio del corso terapeutico e alla settimana 12 per determinare l'efficacia del ciclo di terapia scelto.

Il metodo aiuta a valutare i seguenti fattori:

  • Il grado di infezione del paziente. Un'alta concentrazione del virus aumenta il rischio di infettare l'ambiente;
  • La correttezza della terapia scelta;
  • La durata del trattamento e la possibile prognosi (con una grande carica virale, la terapia dura parecchio tempo).

Gli epatologi osservano che il livello di concentrazione del virus non ha un effetto diretto sulla gravità della malattia. Anche con una carica virale molto elevata, il fegato può rimanere senza gravi danni.

Genotipo Definizione

La capacità di mutare il virus dell'epatite C è molto alta. Pertanto, è importante determinare il suo genotipo prima di iniziare un trattamento lungo e costoso. Ci sono un totale di 11 genotipi HCV con un gran numero di sottospecie.

Il test del genotipo consente agli specialisti di determinare il grado di resistenza del virus, per selezionare un trattamento adeguato. Quindi, 1 genotipo richiede fino a 48 settimane di terapia antivirale e 2 e 3 sono trattati più velocemente e in modo più efficiente (fino a 24 settimane).

Genotipi del virus dell'epatite C

La genotipizzazione determina indirettamente lo stato del fegato. Ad esempio, il terzo genotipo è caratterizzato dallo sviluppo della steatosi - una malattia in cui vi è un accumulo di grasso nei tessuti del fegato.

I sistemi di test PCR non rilevano sempre il tipo di virus. Quindi il paziente ottiene il risultato: "Non digitato". Ciò significa una bassa sensibilità del test o una sottospecie di genotipo non tipica per un'area geografica. La ripetuta diagnostica con un sistema più sensibile consentirà di determinare il tipo in modo corretto.

Per la prevenzione e il trattamento delle malattie del fegato, i nostri lettori usano con successo un rimedio efficace...

Analisi Ultra Sensibile

Un metodo PCR che utilizza un test di ibridizzazione-fluorescenza è chiamato analisi ultrasensibile (o ultra PCR).

Quando il metodo è usato:

  • Se lo specialista responsabile della malattia ha scoperto le sue forme nascoste;
  • In presenza di anticorpi anti HCV, non confermato con altri metodi;
  • Per confermare il recupero completo dopo il trattamento;
  • Per rilevare la malattia in una fase iniziale utilizzando lo screening.

Per condurre uno studio, il sangue venoso viene raccolto da un paziente. Questo metodo dà una sensibilità inferiore a 10 IU / ml, e questo è parecchie volte superiore rispetto alle analisi qualitative e quantitative tipiche. Ultra PCR è prescritto da un epatologo o da uno specialista in malattie infettive.

Sotto normali opzioni di ricerca, è possibile ottenere un risultato falso. Ciò accade quando campioni di sangue o apparecchiature sono contaminati. L'analisi ultrasensibile consente di evitare tali situazioni e facilitare la diagnosi.

Decrittografia delle analisi

Per ottenere risultati adeguati, è necessario osservare rigorosamente la sterilità dei campioni di biomateriali e le condizioni della ricerca. Qualsiasi deviazione fornisce dati errati agli analisti, distorce l'immagine della malattia, complica la formulazione dell'analisi e la scelta del corretto corso del trattamento.

Le inesattezze nell'analisi della PCR si verificano, pertanto si consiglia di utilizzare un metodo di ricerca completo.

Alla fine dell'analisi di laboratorio sono disponibili i seguenti dati:

  • Positivo / negativo (analisi qualitativa);
  • Carico virale (il numero di frazioni di RNA, ad esempio, 630.920 UI / ml);
  • Numero di genotipo HVC, ad esempio 1;
  • Il nome del test utilizzato, ad esempio, in tempo reale.

Il secondo punto è tradizionalmente considerato il più importante. Mostra il grado di carica virale ed è decisivo per la scelta del trattamento.

lineamenti

Non tentare di decifrare da sé l'analisi PCR. I suoi dati potrebbero essere fuorviati da un non esperto. Ad esempio, un test qualitativo può essere negativo e un saggio immunoassorbente legato all'enzima (ELISA), condotto in parallelo, può essere positivo.

Questo significa solo che il virus dell'epatite C non è stato rilevato nel sangue umano in questo momento, ma in passato aveva una forma acuta della malattia.

ELISA indica gli anticorpi prodotti dall'organismo dopo l'infezione. L'ELISA è utilizzato per la ricerca primaria, ma i suoi esperti non lo considerano sufficientemente affidabile. Per la diagnosi finale, di solito selezionare i dati del test PCR.

Termini di analisi

Il sangue per PCR viene prelevato direttamente in laboratorio. Spesso combinare la recinzione per 2 tipi di analisi: PCR ed ELISA.

Perché i risultati siano corretti, sono necessarie le seguenti regole:

  • Non assumere cibi e bevande prima dell'analisi;
  • L'ultimo pasto dovrebbe aver luogo 8 ore o più prima che il materiale biologico venga raccolto;
  • Il giorno precedente, prima di fare il test, rifiutare cibi fritti e grassi;
  • Non meno di un giorno prima della consegna non subire uno sforzo fisico.

Il metodo diagnostico PCR è considerato veloce e affidabile. Questi risultati possono essere ottenuti a mano in un giorno.

video

STABILIN è una sospensione speciale utilizzata per regolare i processi metabolici e ripristinare la rigenerazione e le funzioni delle cellule del fegato...

  1. Parametri epatici di analisi biochimica del sangue
  2. Cos'è l'elastometria (fibroscanning) del fegato? Decodifica risultati
  3. Come prepararsi per l'ecografia della cistifellea, colazione coleretica
  4. Biopsia con ago del fegato - preparazione, tipi e modalità di assunzione

Cosa significa "portatore di epatite C" e come è pericoloso per una persona

Sempre più spesso nella sua vita, una persona moderna può sentire un termine medico come "portatore di epatite C". Cosa intende? Una tale carrozza è pericolosa per gli altri e cosa fare se a te o ai tuoi cari viene fornita una diagnosi del genere?

  • Modi per contrarre l'epatite C dal vettore del virus
  • È importante
  • Come diagnosticare un vettore di virus
  • Prevenzione dell'infezione da epatite C dal vettore
  • Come trattare un vettore di epatite C.

Il portatore del virus dell'epatite C può essere un malato cronico e la malattia è in uno stato di remissione e non vi sono sintomi chiaramente espressi, né anticorpi o il virus stesso sono stati rilevati nel sangue durante l'esame, ma i sintomi non si sono manifestati affatto.

Nell'epatite C acuta, i sintomi clinici non si manifestano praticamente. Ma è proprio un portatore di malattie che è molto insidioso. Dopo un anno e mezzo dal momento dell'infezione, la malattia assume forme croniche. Purtroppo, secondo le statistiche, ciò accade nel 70-80% dei casi.

Modi per contrarre l'epatite C dal vettore del virus

Se c'è una persona nella cerchia della tua comunicazione che è portatrice dell'epatite C, allora non dovresti aver paura dell'infezione e smettere di comunicare con essa, questa è una precauzione inutile, non porterà a nulla se non lo stress per entrambe le parti. Dopotutto, anche l'epatite C è del tutto possibile.

  • con tatuaggio, piercing in caso di uso improprio dello strumento;
  • durante le trasfusioni di sangue, con interventi medici. Questo metodo di infezione è comune tra i tossicodipendenti che usano il metodo endovenoso di somministrazione del farmaco e non pensano a disinfettare gli aghi;
  • durante i rapporti sessuali;
  • durante il parto, durante il parto vaginale, la madre può trasmettere il virus al bambino.

È importante

Il trasporto per 6 mesi di epatite è un periodo condizionato per la distinzione tra forme acute e croniche della malattia. La forma cronica pericolosa della malattia si manifesta con epatite scarsamente espressa. In questo caso, può essere rilevato solo morfologicamente (quando si esegue una biopsia epatica) o quando si superano le norme durante le analisi del sangue di laboratorio. Nella forma cronica di epatite, i sintomi della malattia stanno progredendo attivamente e si manifestano sempre più chiaramente.

In caso di un decorso sfavorevole della malattia, possono verificarsi cancro al fegato o cirrosi. Ci sono anche rari casi di cessazione spontanea della malattia, ma il più delle volte a causa del trattamento farmacologico, l'epatite può "placarsi" per molti decenni, o addirittura smettere di disturbare il paziente. Tuttavia, non rilassarsi. Può mostrarsi con un nuovo potere in qualsiasi momento.

Come diagnosticare un vettore di virus

In pratica, è piuttosto difficile determinare la durata dell'infezione. Quanto dura lo stato portatore del virus può essere determinato con precisione in pazienti che hanno avuto un'epatite virale mentre venivano ospedalizzati, così come in pazienti sottoposti a rigoroso controllo di laboratorio (dipendenti di istituzioni per bambini, medicine). Ma dovresti sapere che solo un medico può fare una diagnosi accurata dopo aver ricevuto risultati diagnostici affidabili. Il sondaggio prevede le seguenti procedure:

  • PCR (determinazione del DNA del sangue del virus dell'epatite C);
  • individuazione di anticorpi specifici (diagnosi sierologica);
  • analisi del sangue biochimica (test del fegato);
  • ecografia epatica, biopsia dell'organo interessato con esame istologico.

Anche se vengono rilevati anticorpi specifici e l'assenza del DNA del virus dell'epatite C, è ancora impossibile dire con assoluta precisione che il paziente "ha sconfitto" questa malattia e successivamente la patologia non progredirà attivamente.

Prevenzione dell'infezione da epatite C dal vettore

Gli studi hanno dimostrato che durante le strette di mano, i baci, le conversazioni, il rischio di infezione da epatite C virale è molto piccolo. Un gran numero di donne portatrici partoriscono bambini completamente sani e hanno anche rapporti sessuali con i coniugi, che durante l'esame non rilevano alcun segno di infiammazione del fegato. Ma per sicurezza, vale la pena osservare queste raccomandazioni:

  • non fare sesso con estranei, usare preservativi di alta qualità;
  • se hai la pelle danneggiata, non contattare il vettore virus da vicino;
  • non usare mai prodotti per l'igiene personale di altre persone (rasoi, forbicine per unghie);
  • alla reception nei centri medici, cosmetologia e studi dentistici, osserva attentamente che il personale medico ha lavorato con i guanti e ha utilizzato solo strumenti monouso o disinfettati.

Come trattare un vettore di epatite C.

Se il DNA patogeno o anticorpi specifici sono rilevati nel vettore del virus nel sangue, allora il virus non mostra attività al momento. In assenza di segni di danno epatico, il trattamento non è indicato, ma è necessario seguire una dieta, prendere gli epatoprotettori, condurre anche degli esami ed eliminare completamente l'alcol dalla dieta.

Se sei un aderente alla medicina tradizionale, allora dovresti praticare il fito-recupero.

Il corso di fitodepurazione prevede 2-3 mesi di utilizzo delle collezioni di erbe 2-3 volte l'anno, comprese le piante antinfiammatorie e epatoprotettive. Grazie a loro, puoi rafforzare il sistema immunitario, contribuire alla conservazione di un fegato funzionante, migliorare la salute e la digestione.

Ora sai esattamente chi è il portatore dell'epatite C e come proteggersi, sii sano! In ogni caso, il trasporto del virus dell'epatite può essere inerente anche a persone che non ne sono consapevoli.

Test accurati dell'epatite C

Una diagnosi accurata dell'epatite C viene eseguita solo in laboratorio esaminando il sangue del paziente. Esistono diverse tecniche utilizzate per questo:

  • Metodo ELISA - ELISA, che consente di determinare la presenza di anticorpi al virus dell'epatite C. Nelle diverse fasi dello sviluppo della malattia, nel sangue sono stati rilevati diversi tipi di anticorpi: IgM, IgG;
  • Reazione a catena della polimerasi - La PCR è un'analisi efficace e accurata al 100% dell'epatite C, poiché consente di identificare direttamente l'RNA del virus dell'epatite C e non gli anticorpi.

In condizioni diverse, entrambi questi studi possono dare risultati di test falsi positivi e falsi negativi, quindi per la diagnosi più accurata solo una combinazione di questi risultati può fornire un quadro accurato della diagnosi. Se il test ELISA ha dato un risultato positivo, viene eseguito un test PCR per l'epatite C. Se fornisce anche un risultato positivo, la diagnosi è confermata e al paziente viene detto che ha l'epatite C. Se il test ELISA è positivo e il test PCR è negativo Significa che una persona è in salute! Questo è spesso il caso dopo il trattamento per l'epatite C o dopo aver sofferto di epatite C acuta, che è stata completamente guarita.

Tali casi si verificano anche. Circa il 15-20% dei malati può ammalarsi di loro senza rendersene conto e senza fare alcuno sforzo per la propria guarigione!

Dopo il trattamento per l'epatite C, un esame del sangue viene regolarmente prescritto dalla PCR per un anno per verificare una risposta virologica sostenuta. Oltre all'analisi qualitativa del sangue mediante il metodo PCR, vengono eseguiti gli esami del sangue per la carica virale e la genotipizzazione del virus dell'epatite C. Il valore normale è l'assenza di carica virale. Il genotipo del virus dopo il trattamento può cambiare. Ciò suggerisce che il genotipo prevalente è stato curato con successo, ma ora è necessario trattarne un altro. Ci sono stati casi in cui il paziente aveva tre genotipi del virus dell'epatite C. Ciò richiede un serio trattamento a lungo termine. L'analisi del genotipo del virus mostra solo la presenza del genotipo del virus dell'epatite C prevalente nel sangue.

Epatite C, come batterla?

Per sconfiggere l'epatite C, non dovresti sederti e sperare in un miracolo o in una medicina tradizionale, ma andare in una clinica di epatologia, dove medici esperti curano l'epatite C. Questa complessa malattia virale non è sufficiente! Oggi, oltre ai classici metodi di trattamento dell'epatite virale C - Interferone e Ribavirina, viene utilizzato il più recente schema di trattamento della nuova generazione - Harvoni. Questo è un prodotto di un'azienda farmaceutica americana, che consiste in due nuovi farmaci: Sofosbuvir e Ledipasvir. Hanno un effetto completamente diverso sul virus, che consente un trattamento rapido ed efficiente.

Epatite C e costipazione

L'epatite C virale provoca anomalie nel tratto gastrointestinale. I pazienti possono manifestare nausea, amarezza in bocca, bruciore di stomaco, violazione delle feci - diarrea o stitichezza, nonché gonfiore e flatulenza.

Analisi PCR per l'epatite C

L'epatite C passa da acuta a cronica nell'80% dei casi. La replicazione dei virus patogeni nelle cellule del fegato funzionali porta a disfunzione d'organo. Ciò è dovuto al fatto che il tessuto parenchimale è sostituito dal connettivo. Di conseguenza, la storia del paziente è integrata da sanguinamento nel tratto gastrointestinale, intossicazione del corpo, problemi di coagulazione del sangue. Pertanto, i primi cambiamenti patologici sono diagnosticati, maggiore è la possibilità di recupero del paziente. L'analisi PCR per l'epatite C è considerata il metodo di ricerca più accurato.

Questo metodo diagnostico può essere eseguito diversi giorni dopo l'infezione. La reazione a catena della polimerasi consente di determinare in modo affidabile il genotipo e la concentrazione del virus nel sangue. Per fare l'analisi, il paziente viene preso materiale biologico in cui può essere presente l'RNA del patogeno.

La PCR per l'epatite C si svolge in tre fasi:

  • Analisi qualitativa - utilizzandola per determinare il materiale genetico del patogeno.
  • Ricerca quantitativa - quindi rivelare carica virale.
  • Genotipizzazione: in questa fase, il medico riconoscerà il tipo di malattia.

La tecnica è stata sviluppata circa 30 anni fa. È usato per diagnosticare molte malattie infettive. PCR consente di rilevare materiale genetico unico. Per fare questo, utilizzare i primer. I cosiddetti fili corti di RNA, che sono collegati all'inizio del gene.

Di conseguenza, il numero di frammenti di virus patogeno si moltiplica. Ogni fase richiede uno speciale regime di temperatura e un certo periodo di tempo. Una molecola di DNA si forma entro 3 minuti. L'amplificazione comprende circa 30 cicli. La PCR viene eseguita in laboratorio attraverso attrezzature speciali.

Indicazioni per appuntamento

La consegna dell'analisi PCR può essere dovuta alla presenza di sintomi clinici di epatite C. La procedura è indicata per le persone che:

  • contattato una persona infetta;
  • soffre di malattia epatica acuta e cronica;
  • essere trattati per cambiamenti patologici nel tessuto parenchimale;
  • sono a rischio;
  • sono donatori di sangue e dei suoi componenti.

La PCR viene eseguita non solo con l'epatite C. L'analisi viene utilizzata in medicina, biologia, medicina legale. Determinazione di indicatori specifici - la fase necessaria per la selezione di schemi di farmaci.

Benefici dell'analisi

Nello schema di esame diagnostico includono l'analisi di immunofluorescenza e PCR. Usando il primo, è possibile determinare la concentrazione di immunoglobuline. Queste sostanze sono prodotte da un meccanismo protettivo dopo l'ingresso di virus patogeni nel corpo. Contrariamente alla PCR, ELISA non è efficace durante il periodo di incubazione. Con l'aiuto della reazione a catena della polimerasi, l'epatite C può essere rilevata nei primi 7 giorni dopo l'infezione.

Questo studio clinico ha le seguenti caratteristiche:

  • La probabilità minima di un risultato falso.
  • Alta efficienza.
  • Specificità.
  • Sensibilità.
  • Versatilità.
  • Automatizza il processo.
  • Sicurezza.
  • Il tasso di ottenere indicatori.

L'unico svantaggio della PCR è la sua complessità tecnica. Ciò è dovuto al fatto che il medico deve scegliere la giusta composizione di nucleotidi, le cui funzioni sono la sintesi del DNA. A causa della maggiore sensibilità del metodo, è possibile ottenere risultati falsi positivi o falsi negativi.

Al fine di ottenere l'accuratezza di indicatori significativi, il materiale biologico viene accuratamente pulito dai farmaci e dai composti proteici. Per confermare il risultato, è necessario un confronto tra i campioni precedentemente testati. I fattori che provocano un errore includono:

Violazione dell'analisi della tecnica di campionamento

  • Violazione della tecnica di analisi.
  • Cambiamenti nella sequenza dei frammenti di RNA.
  • La coincidenza dei nucleotidi sintetizzati e dei geni dei virus patogeni.

La probabilità di ottenere un risultato falso nell'epatite C è presente a causa dell'impossibilità di determinare la base genetica della malattia. La diagnosi PCR consente di identificare direttamente l'agente patogeno. Utilizzando l'amplificazione del DNA, i patogeni vengono rilevati nel cibo, nell'acqua e nel terreno.

Le restrizioni su questo metodo non riducono la sua efficacia e popolarità. La ricerca clinica viene eseguita regolarmente. Pertanto, il medico può valutare l'efficacia delle misure di trattamento adottate. La necessità di questo è dovuta al fatto che il virus dell'epatite C è in grado di mutare. L'assenza di un effetto positivo significa l'adattamento del virus ai farmaci utilizzati.

Preparazione per la consegna

Al fine di condurre una reazione a catena della polimerasi in un paziente affetto da epatite C, viene prelevato sangue venoso. Di solito sono necessarie due parti di materiale biologico per lo studio. Attraverso uno, la PCR viene eseguita direttamente e l'altra viene inviata per il dosaggio immunoenzimatico.

Sangue per analisi PCR prelevato dalla vena

La preparazione è importante. Il paziente dona sangue per PCR al mattino a stomaco vuoto. Alcuni giorni prima la procedura dovrà abbandonare cibo, alcool, nicotina e droghe dannosi. Il paziente deve evitare il contatto sessuale, eccessivo stress fisico ed emotivo. La piscina e la palestra sono vietate. Sarà necessario prepararsi in ogni caso.

Ci sono indicazioni specifiche per quanto riguarda i farmaci. Questo vale per antibiotici e antidepressivi. Le donne che hanno le mestruazioni dovrebbero ritardare la consegna dell'analisi per l'epatite C. La colposcopia è anche un motivo per rifiutare la procedura.

Le regole elencate sono piuttosto semplici. Grazie a loro, è possibile ottenere la massima affidabilità di questo metodo diagnostico. Decifrare i risultati deve specialista. Interpretarli in modo indipendente in un paziente è improbabile che abbiano successo.

Il processo di analisi

La diagnostica PCR è la seguente:

Il sangue viene inserito in un termostato.

  • Per prima cosa, prendi il materiale biologico. Il sangue viene inserito in dispositivi sterilizzati. Il volume richiesto non supera 1-1,5 ml. Mantenere il sangue e i suoi componenti non dovrebbero essere più lunghi di 24 ore. La temperatura di conservazione non deve superare i 4 gradi Celsius.
  • Dopo aver iniziato uno studio clinico. Il sangue preparato viene posto in un termostato insieme alla miscela di amplificazione. Di solito non richiede più di 25 ml di una composizione speciale. L'amplificazione viene eseguita automaticamente per diverse ore.
  • In parallelo, effettuare test di controllo. Per fare questo, utilizzare materiali biologici presi da una persona sana. Ciò contribuirà ad evitare risultati falsi.
  • Decodifica e registrazione degli indicatori. Il materiale genetico viene rilevato usando l'etidio bromuro. A causa dell'effetto specifico, i frammenti di DNA sono evidenziati. La presenza (assenza) del virus viene rivelata concentrandosi su queste tabelle.

Decodifica risultati

Solo uno specialista di malattie infettive e un epatologo possono determinare il valore di questi indicatori. L'analisi PCR viene gestita con un complesso diagnostico insieme a esami del sangue biochimici, ultrasuoni, ELISA e biopsia. La diagnosi è fatta sulla base di tutti i risultati. La procedura per l'analisi della decodifica dipende dalla fase dell'esame diagnostico.

Nella prima fase della PCR, un risultato positivo del test è la rilevazione di frammenti di DNA del virus patogeno. Quando si esegue l'analisi quantitativa determinare il livello di carica virale. Può essere basso (meno di 8 * 10 ^ 5 IU / ml), medio (da 8 * 10 ^ 5 IU / ml), alto (più di 2.4 * 10 ^ 7 IU / ml). L'assenza di anticorpi specifici e particelle di RNA virale è considerata la norma (risultato negativo). Nella fase di genotipizzazione, l'infezione da un'infezione è indicata dall'RNA di un particolare genotipo.

Al ricevimento di un risultato positivo, al paziente viene prescritto un regime terapeutico efficace. Allo stesso tempo, devono essere prese in considerazione le informazioni sulla presenza del virus nel sangue, il grado della sua attività e il genotipo. Il prezzo della procedura dipende dal metodo di prova, dal tipo di materiale biologico. I costi per l'assunzione di sangue o altri fluidi possono essere aggiunti al costo totale. Quest'ultimo è dovuto al fatto che l'agente patogeno si trova spesso nelle urine, nelle feci e nello sperma.

Studio PCR sull'epatite C: tipi, indicazioni, trascrizione

L'epatite C virale è una malattia grave che si verifica con danni al fegato. Nell'otto percento dei pazienti, diventa cronico. Il virus si moltiplica nelle cellule del fegato - gli epatociti - e causa la loro morte. Il tessuto morto viene sostituito da focolai di tessuto connettivo, si sviluppa la fibrosi.

Quando la fibrosi si sviluppa, il fegato non è in grado di svolgere le sue funzioni, inizia la cirrosi epatica, che è pericolosa a causa delle sue complicazioni: aumento della pressione nel sistema delle vene portale, sanguinamento gastrointestinale, alterata coagulazione del sangue, alterazioni mentali dovute a danni ai nuclei cerebrali da parte di prodotti tossici.

La causa della malattia è l'infezione da parte di un virus della famiglia Flaviviridae, che appartiene al tipo di virus a RNA. Ciò significa che il materiale genetico mediante il quale le proteine ​​del patogeno sono sintetizzate è codificato nella molecola di acido ribonucleico. L'infezione avviene attraverso il sangue, sessualmente, e da una donna incinta al feto. Sfortunatamente, una quantità sufficiente di tempo può passare tra l'infezione e l'inizio della produzione di anticorpi - da due settimane a sei mesi. Ciò non consente di determinare l'infezione da ELISA e iniziare il trattamento in una fase precoce.

Cos'è l'analisi PCR?

La PCR è un metodo di analisi molecolare, che consente di rilevare il materiale genetico del patogeno già nella prima settimana dopo l'infezione con l'aiuto della reazione a catena della polimerasi. Lo studio ha un'elevata specificità, accuratezza e consente non solo di determinare la presenza o l'assenza del virus, ma anche la sua concentrazione e il genotipo.

Per lo studio, viene prelevato il sangue di un paziente in cui l'RNA del virus può potenzialmente essere localizzato. I primer vengono aggiunti al sangue - regioni artificialmente sintetizzate del gene desiderato di piccola lunghezza, e l'RNA polimerasi è un enzima speciale che aumenta ripetutamente la quantità del materiale genetico del patogeno. Utilizzando un apparecchio speciale, vengono eseguiti diversi cicli di riscaldamento e raffreddamento. Quindi il materiale viene analizzato e confrontato con i geni noti del virus, sulla base dei quali viene formulata una conclusione sulla presenza o assenza di infezione.

Tipi di analisi PCR per l'epatite C

Esistono tre tipi di analisi PCR:

    Analisi qualitativa della PCR. La prima fase dello studio. Ti permette di identificare il materiale genetico del virus nel sangue.

Analisi quantitativa della PCR. Consente di determinare la carica virale - la concentrazione del materiale genetico del patogeno in un millilitro di sangue. Questo studio viene effettuato prima dell'inizio della terapia, e poi nel primo, quarto, dodicesimo e (se il corso è lungo) ventiquattresimo settimana di trattamento, al fine di valutarne l'efficacia.

  • Genotipizzazione. L'agente eziologico dell'epatite C si modifica spesso e rapidamente. C'erano sette varianti di questo genotipo di virus trovato sul pianeta. In Russia, il primo, il secondo e il terzo tipo sono comuni. Ciascuno dei genotipi ha una diversa resistenza alla terapia, per esempio, l'efficacia del trattamento del primo tipo è del sessanta per cento, e per il secondo e il terzo questa cifra raggiunge ottantacinque. Pertanto, al fine di selezionare i farmaci appropriati e prescrivere un ciclo di trattamento di durata sufficiente, è necessario determinare esattamente quale tipo di virus è stato infettato dal paziente.
  • Indicazioni per l'analisi PCR per l'epatite C

    Lo studio PCR è prescritto nei seguenti casi:

    • contatto con una persona ammalata alla quale potrebbe verificarsi un'infezione;
    • saggio immunoenzimatico positivo;
    • segni di cirrosi: cambiamenti delle dimensioni del fegato, ingrossamento della milza, comparsa sull'addome del plesso venoso sottocutaneo;
    • la comparsa di sintomi di danno epatico: dolore all'addome destro, ingiallimento della pelle;
    • aumento dell'attività di ALT e AST nell'analisi biochimica del sangue;
    • prima di iniziare il trattamento per determinare la carica virale;
    • monitorare l'efficacia della terapia antivirale;
    • dopo il trattamento per controllare la ricaduta;
    • in presenza di diagnosi di epatite B, per escludere un danno epatico misto.

    Spiegazione degli studi PCR sull'epatite C

    La decodifica dell'analisi PCR e del saggio immunologico enzimatico per l'epatite C dovrebbe essere eseguita da un epatologo o da uno specialista in malattie infettive. L'analisi dei risultati della PCR è necessaria insieme ai dati dell'analisi biochimica del sangue, della biopsia e degli ultrasuoni. Solo un medico qualificato sarà in grado di analizzare i risultati della ricerca e, sulla base di essi, prescriverà il trattamento corretto.

    Decodifica dell'analisi qualitativa.

    Nel materiale biologico analizzato trovato materiale genetico del patogeno. Infezione confermata

    L'infezione è assente o il numero di RNA patogeni è inferiore al limite di sensibilità.

    Decodifica dell'analisi quantitativa.

    Tasso normale per persone sane. Significa che non vi è alcun RNA di epatite C nel materiale in studio, o la sua concentrazione è inferiore alla soglia di sensibilità dello studio.

    La concentrazione di RNA è inferiore all'intervallo di quantificazione. Questi risultati sono interpretati molto attentamente, li correlano con i dati di altri studi, spesso riesaminano.

    Il livello di carica virale a una determinata concentrazione è considerato basso. Di solito, una diminuzione della quantità di virus significa che la terapia ha successo.

    Più di 8 * 10 ^ 5 IU / ml

    Il livello di carica virale a una data concentrazione è considerato alto.

    Più di 2,4 * 10 ^ 7 IU / ml

    La quantità di RNA è superiore al limite superiore dell'intervallo di quantificazione. È impossibile trarre conclusioni sul grado di carica virale con questo risultato. Solitamente in tali casi, il test viene ripetuto con la diluizione di un campione di sangue.

    Genotipizzazione decodifica.

    RNA rilevato di un genotipo specifico

    Il virus dell'epatite C di un determinato genotipo e sottotipo è stato rilevato nel biomateriale. Il risultato è codificato in numeri romani e lettere latine, ad esempio - 1a, 2b. In totale ci sono sette genotipi e sessantasette sottotipi, tuttavia, in Russia ci sono solo tre primi tipi.

    Rilevato RNA del virus dell'epatite C

    L'RNA è stato trovato nel sangue di un raro genotipo per la Russia, che non può essere attribuito al primo, al secondo o al terzo tipo. Sono necessarie ulteriori ricerche

    Questo risultato indica che il paziente è sano o che la quantità di RNA patogeno è troppo piccola.

    È possibile che l'analisi PCR per l'epatite C sia negativa e il saggio immunoassorbente legato all'enzima riconosca gli anticorpi contro il virus. Ciò significa che il paziente ha avuto un'epatite C acuta e si è ripreso da solo. Circa venti casi di infezione provocano una guarigione spontanea se il corpo del paziente ha una resistenza sufficiente all'infezione.

    Sebbene la PCR sia un dosaggio altamente accurato, i suoi risultati potrebbero essere distorti nelle seguenti situazioni:

    • il sangue è stato trasportato in laboratorio in condizioni inadeguate, la temperatura è stata violata;
    • il campione di biomateriale era contaminato;
    • c'erano tracce residue di eparina e altri anticoagulanti nel sangue;
    • Le sostanze indagate erano inibitori - sostanze che rallentano o fermano la reazione a catena della polimerasi.

    I vantaggi della PCR rispetto ad altri metodi

      Diagnosi nelle prime fasi. PCR rileva il materiale genetico dell'agente causale. Utilizzando l'analisi di immunofluorescenza, è possibile identificare solo le immunoglobuline, sostanze che il corpo produce in risposta a un'infezione. In caso di infezione da epatite C, l'intervallo tra l'infezione e l'insorgenza della risposta immunitaria può essere di diverse settimane e mesi, in questo momento l'ELISA sarà inefficace. La PCR darà una risposta nella prima settimana dopo l'infezione.

    Bassa probabilità di errore. Nel materiale in studio determinare l'area del materiale genetico, che è caratteristico di un solo tipo di agenti patogeni. Questo elimina risultati falsi. Quando sono possibili errori ELISA, poiché lo stesso tipo di anticorpi può essere rilasciato contro diversi virus - tali anticorpi sono chiamati anticorpi.

  • Alta sensibilità La PCR consente di rilevare l'RNA dell'agente causativo anche in quantità minime. Questo rende possibile identificare le infezioni nascoste.
  • Come prepararsi per la donazione di sangue per gli studi sulla PCR

    Per l'analisi PCR per l'epatite C, viene raccolto sangue venoso. Di solito, due porzioni di sangue vengono prelevate dalla vena del paziente alla volta: il primo viene inviato per la PCR e il secondo da ELISA. Questo viene fatto per valutare con maggiore precisione quanto un paziente è stato infettato da un virus e in che modo l'immunità combatte contro di esso.

    Di solito il paziente è tenuto ad aderire alle seguenti regole:

    • un esame del sangue viene effettuato al mattino;
    • L'intervallo tra l'ultimo pasto e la donazione di sangue dovrebbe essere da otto a dieci ore;
    • due o tre giorni prima dell'analisi, dovresti abbandonare cibi fritti e grassi e alcol;
    • per ventiquattro ore prima dell'analisi, il paziente dovrebbe evitare lo sforzo fisico: non portare pesi, non andare in palestra o in piscina.

    Pubblicazioni Sulla Diagnostica Del Fegato

    Fegato impoverito modello vascolare

    Analisi

    Descrizione della malattiaLa cirrosi è una malattia caratterizzata dalla proliferazione del tessuto connettivo nel fegato, che porta a processi patologici che possono portare a insufficienza epatica e ipertensione portale.

    Dieta "Tabella numero 5" per bambini

    Diete

    Purtroppo, i bambini sono sempre più affetti da malattie del fegato e delle vie biliari. Spesso la causa delle condizioni patologiche diventa malnutrizione. Parallelamente alla terapia farmacologica, la nutrizione terapeutica è di grande importanza.

    L'effetto dei farmaci coleretici sull'intestino

    Sintomi

    Luogo di farmaci coleretici nella pratica clinicaIn questo articolo ti diremo qual è il posto dei farmaci coleretici nella pratica clinica di un gastroenterologo.

    Quanto dura il periodo di incubazione dell'epatite B e come?

    Diete

    L'epatite virale B (HBV) è una malattia infettiva antropootica causata dal virus del gruppo Hepadnavirus. La fonte e l'agente infettivo sono casi acuti e cronici di tale epatite, così come i portatori dell'infezione.