Principale / Cirrosi

Determinazione delle proprietà delle malattie (necrosi caseosa nei polmoni, infarto polmonare edema polmonare, fegato di moscato, emosiderosi polmonare), pagina 2

Cirrosi

3. iperplasia dei melanociti nello strato basale dell'epidermide sul bordo del derma

4. nei macrofagi del derma raccogliendo melanina (melanoformi)

5. Melanosi acquisita localmente, eventualmente degenerazione in tumori maligni - melanomi.

15. Microdrug H / 31 - glomerulosclerosi ialina.

1. le pareti arteriose sono ispessite a causa della deposizione di masse eosinofiliche ialine omogenee sotto l'endotelio

2. glomeruli ialinizzati multipli

3. tra i glomeruli ialurizzati, i tubuli sono atrofizzati e sostituiti con tessuto connettivo

4. Il meccanismo di formazione di ialina. Distruzione di strutture fibrose e aumento della permeabilità vascolare-tessutale (plasmorragia) dovuta a processi angioedema (dyscirculatory), metabolici e immunopatologici. La plasmorragia è associata con l'impregnazione del tessuto con proteine ​​plasmatiche e il loro adsorbimento su strutture fibrose modificate, seguite da precipitazione e formazione di proteine ​​ialine. L'ialinosi è il risultato di ammollo di plasma, gonfiore fibrinoide, infiammazione, necrosi, sclerosi.

16. Micropertice O / 87-pericardite fibrinosa.

1) La struttura e il colore delle sovrapposizioni fibrinose sull'epicardio: colore rosso-rosato, sotto forma di fili intrecciati.

2) L'epicardio è infiltrato con leucociti.

3) La forza di adesione del film con i tessuti sottostanti: la fragile connessione di un sottile film fibroso con i tessuti sottostanti viene facilmente rimossa e, quando separati, si formano difetti superficiali.

4) Le navi dell'epicardio sono piene.

5) Il tipo di infiammazione fibrinosa sull'epicardio è cereo.

6) Quali malattie possono causare pericardite fibrinosa:

reumatismi, uremia, sepsi, infarto miocardico transmurale.

17. Microdrug H / 140 - cistite difenitica.

1. l'epitelio transizionale è completamente necrotico e saturo di fibrina,

2. la necrosi si diffonde parzialmente alla sottomucosa,

3. nella sottomucosa infiltrazione infiammatoria diffusa.

4. vengono preservati gli strati muscolari e la membrana sierosa della vescica,

5. Quali sono i possibili esiti di questo tipo di infiammazione fibrinosa: ulcere seguite da una sostituzione? Con ulcere profonde - cicatrici, sepsi, sanguinamento.

18. Microdrug O / 20 - ascesso di rene.

1) La presenza di una cavità nel rene.

2) La composizione dell'essudato purulento, che è contenuto nella cavità: massa purulenta e cremosa. Infiammazione del tessuto detritico, microbi, granulociti vitali e morti, linfociti, macrofagi, neutrofili, leucociti.

3) Membrana pirogenica sul bordo con tessuto renale.

4) La struttura della membrana piogenica: l'albero del tessuto di granulazione. La capsula piogenica è un tessuto di granulazione che delimita la cavità ascessuale. Consiste, di regola, di 2 strati: quello interno è costituito da granulazioni, quello esterno è formato come risultato della maturazione del tessuto di granulazione nell'SDT maturo. Lo strato esterno potrebbe mancare.

5) Ascesso a valle: acuto, in esacerbazione di pielonefrite cronica, accompagnato da secrezione purulenta.

19. Microdrug O / 135 - Phlegmon della pelle.

1) L'epidermide è parzialmente necrotizzata.

2) Diffusione diffusa dei leucociti nel derma e nel tessuto sottocutaneo.

3) essudato sieroso, emorragie nell'ipoderma.

4) Phlegmon - infiammazione purulenta e illimitata, in cui l'essudato purulento si infiltra ed esfolia i tessuti.

5) Tipo di flemmone con il razionale - flemmone molle, perché non ci sono chiari punti focali: può essere morbido se prevale la lisi dei tessuti necrotici e difficile quando si verifica la necrosi coagulativa dei tessuti nella cellulite.

20. Condiloma Microdrug O / 164.

1) escrescenze a forma di cono ricoperte da epitelio cheratinizzato multiplo piatto,

2) l'epitelio squamoso è ispessito con acantosi pronunciata (immersione di fili di epitelio squamoso nel derma),

3) lo stroma è sciolto, con un gran numero di capillari di nuova formazione,

4) diffusa infiltrazione stromale infiammatoria,

5) L'infiltrato infiammatorio è costituito da plasmacellule, linfociti e macrofagi.

21. Microdrug H / 65 - tubercolosi polmonare miliare.

1) granulomi multipli;

2) al centro di soli singoli granulomi, necrosi caseosa (poiché è necessario più tempo per formare la necrosi). I macrofagi attivati ​​sono localizzati intorno alla necrosi: cellule epiteliali che formano uno strato circolatorio di diverso spessore. La formazione di un focus necrotico è un processo messo in scena, i macrofagi affrontano una bacchetta Koch fino a un certo punto, quindi una progressione dell'invasione.

3) la composizione cellulare dei granulomi: cellule epitelioidi, cellule giganti multinucleari di Pirogov-Langhans, linfociti,

4) negli alveoli intorno all'essudato sieroso granuloso,

5) indicare quale tipo di granuloma appartiene al granuloma tubercolare secondo l'eziologia - stabilita, infettiva, dalla patogenesi - immune, secondo il livello di scambio - con un alto livello di metabolismo, attivo, produttivo, secondo la composizione cellulare - cellula epitelioide.

22. Microdrug 0/50-alveococcosi del fegato.

1) vescicole (alveocisti) con conchiglie chitinose di colore rosa,

2) intorno alle bolle c'è una zona di necrosi del tessuto epatico,

3) sul confine con necrosi e lungo i tratti portali dell'infiltrazione infiammatoria del fegato,

4) infiltrato infiammatorio costituito da macrofagi, linfociti, fibroblasti,

5) il tessuto connettivo si forma in aree separate intorno alla necrosi.

23. Microdrug O / 94 - un granuloma di una corpo estraneo Per studiare e descrivere la composizione del granuloma:

1) materiale di sutura (catgut), dipinto di blu,

2) accanto ai fili delle grandi cellule multinucleate giganti di budello di diverse forme e dimensioni,

3) intorno all'infiltrato infiammatorio costituito da macrofagi e fibroblasti,

4) la crescita del tessuto connettivo,

5) indicare a quale tipo di granuloma questo granuloma appartiene per morfologia, per livello di metabolismo. Granuloma gigante non immune con basso tasso metabolico. Si verifica quando esposto a sostanze inerti (corpi estranei inerti).

24. Microdrug H / 111 - opisthorchiasis di fegato.

1) il corpo dei parassiti nei dotti biliari dilatati,

2) crescite reattive dell'epitelio dei dotti con la formazione di strutture ghiandolari,

3) proliferazione del tessuto connettivo nella parete del condotto,

4) nel tessuto circostante della necrosi centrolobulare del fegato,

  • AltGTU 419
  • AltGU 113
  • AMPGU 296
  • ASTU 266
  • BITTU 794
  • BSTU "Voenmeh" 1191
  • BSMU 172
  • BSTU 602
  • BSU 153
  • BSUIR 391
  • BelSUT 4908
  • BSEU 962
  • BNTU 1070
  • BTEU PK 689
  • BrSU 179
  • VNTU 119
  • VSUES 426
  • VlSU 645
  • WMA 611
  • VSTU 235
  • Li VNU. Dahl 166
  • VZFEI 245
  • Vyatgskha 101
  • Vyat GGU 139
  • VyatGU 559
  • GGDSK 171
  • GomGMK 501
  • State Medical University 1967
  • GGTU loro. Asciugare 4467
  • GSU loro. Skaryna 1590
  • GMA loro. Makarova 300
  • DGPU 159
  • DalGAU 279
  • DVGGU 134
  • DVMU 409
  • FESTU 936
  • DVGUPS 305
  • FEFU 949
  • DonSTU 497
  • DITM MNTU 109
  • IvGMA 488
  • IGHTU 130
  • IzhSTU 143
  • KemGPPK 171
  • KemSU 507
  • KGMTU 269
  • KirovAT 147
  • KGKSEP 407
  • KGTA loro. Degtyareva 174
  • KnAGTU 2909
  • KrasGAU 370
  • KrasSMU 630
  • KSPU loro. Astafieva 133
  • KSTU (SFU) 567
  • KGTEI (SFU) 112
  • PDA №2 177
  • KubGTU 139
  • KubSU 107
  • KuzGPA 182
  • KuzGTU 789
  • MGTU loro. Nosova 367
  • Università statale di economia di Mosca Sakharova 232
  • MGEK 249
  • MGPU 165
  • MAI 144
  • MADI 151
  • MGIU 1179
  • MGOU 121
  • MGSU 330
  • MSU 273
  • MGUKI 101
  • MGUPI 225
  • MGUPS (MIIT) 636
  • MGUTU 122
  • MTUCI 179
  • HAI 656
  • TPU 454
  • NRU MEI 641
  • NMSU "Montagna" 1701
  • KPI 1534
  • "KPI" NTUU 212
  • NUK loro. Makarova 542
  • HB 777
  • NGAVT 362
  • NSAU 411
  • NGASU 817
  • NGMU 665
  • NGPU 214
  • NSTU 4610
  • NSU 1992
  • NSUAU 499
  • NII 201
  • OmGTU 301
  • OmGUPS 230
  • SPbPK №4 115
  • PGUPS 2489
  • PGPU loro. Korolenko 296
  • PNTU loro. Kondratyuka 119
  • RANEPA 186
  • ROAT MIIT 608
  • PTA 243
  • RSHU 118
  • RGPU loro. Herzen 124
  • RGPPU 142
  • RSSU 162
  • "MATI" - RGTU 121
  • RGUNiG 260
  • REU loro. Plekhanova 122
  • RGATU loro. Solovyov 219
  • RyazGU 125
  • RGRU 666
  • SamGTU 130
  • SPSUU 318
  • ENGECON 328
  • SPbGIPSR 136
  • SPbGTU loro. Kirov 227
  • SPbGMTU 143
  • SPbGPMU 147
  • SPbSPU 1598
  • SPbGTI (TU) 292
  • SPbGTURP 235
  • SPbSU 582
  • SUAP 524
  • SPbGuniPT 291
  • SPbSUPTD 438
  • SPbSUSE 226
  • SPbSUT 193
  • SPGUTD 151
  • SPSUEF 145
  • SPbGETU "LETI" 380
  • PIMash 247
  • NRU ITMO 531
  • SSTU loro. Gagarin 114
  • SakhGU 278
  • SZTU 484
  • Sibag 249
  • SibSAU 462
  • SibGIU 1655
  • SibGTU 946
  • SGUPS 1513
  • SibSUTI 2083
  • SibUpK 377
  • SFU 2423
  • SNAU 567
  • SSU 768
  • TSURE 149
  • TOGU 551
  • TSEU 325
  • TSU (Tomsk) 276
  • TSPU 181
  • TSU 553
  • UkrGAZHT 234
  • UlSTU 536
  • UIPKPRO 123
  • UrGPU 195
  • UGTU-UPI 758
  • USPTU 570
  • USTU 134
  • HGAEP 138
  • HCAFC 110
  • KNAME 407
  • KNUVD 512
  • KhNU loro. Karazin 305
  • KNURE 324
  • KNUE 495
  • CPU 157
  • ChitU 220
  • SUSU 306
Elenco completo delle università

Per stampare un file, scaricarlo (in formato Word).

Descrizione del fegato alveococcosi Microdrug

Qual è la cirrosi portale del fegato?

Per il trattamento del fegato, i nostri lettori hanno usato con successo il Leviron Duo. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

Nonostante il fatto che la medicina si sia fatta avanti, non è stata in grado di superare una tale patologia come la cirrosi epatica. Sfortunatamente, è in grado di assumere forme diverse e persino di condurre alla morte.

A volte la patologia è causata da virus, quindi per calcolarlo viene utilizzato un microdrug. Quando la causa può essere esaminata senza un microscopio, viene utilizzata una macropreparazione.

Il concetto di cirrosi portale

La cirrosi portale è una complicanza della cirrosi, che è molto comune nei pazienti. Il 40% dei pazienti con cirrosi soffre di questo tipo di patologia. Fondamentalmente, solo l'epatite virale porta a questo stadio della malattia.

La cirrosi portale interessa l'intero organo. I setti fibrosi si formano nel fegato, che può essere notato solo da uno specialista che utilizza un microscopio e un microscopio.

I sintomi di questo tipo di patologia dipendono dal suo stadio. All'inizio, una persona può notare debolezza e stanchezza, il suo appetito scompare e il suo stomaco cresce. Dopo questa fase, il fegato inizia a crescere, l'ittero si sviluppa e il paziente inizia ad avere forti dolori nella parte destra. Se un disturbo non viene trattato, allora il fegato inizia a morire.

Diagnosi e trattamento

Per fare una descrizione corretta della malattia, il medico prescrive al paziente di sottoporsi a una diagnosi dettagliata, effettuando test strumentali e di laboratorio. Per fare questo, fare un esame del sangue, l'ecografia del fegato è fatto, utilizzando la tomografia computerizzata. Fanno anche una biopsia epatica per trarre una conclusione definitiva usando un microscopio e un microscopio.

Con la cirrosi portale, il paziente deve osservare il riposo a letto e non esporsi allo sforzo fisico. Inoltre, al paziente viene prescritto di seguire una dieta speciale, che esclude l'uso di proteine, cibi fritti e grassi.

Inoltre, il medico può prescrivere farmaci e vitamine che migliorano le condizioni del fegato e rafforzano il sistema immunitario. Se queste terapie non aiutano, si dovrebbe fare un trapianto di fegato. La chirurgia è una misura estrema per il trattamento della cirrosi epatica.

Un altro tipo di cirrosi

La cirrosi epatica postnecrotica si sviluppa nelle persone che hanno avuto la malattia di Botkin, si può dire che questa è una conseguenza di questa malattia. Questo tipo di cirrosi è una reazione del corpo a determinati farmaci o all'intossicazione da veleni non patogeni.

In questa fase, la patologia progredisce fortemente e comincia a verificarsi l'insufficienza epatica. Nei pazienti con dolore nella parte destra, e si manifesta ittero. Inoltre, la temperatura aumenta e i segni di ascite sono pronunciati.

Conducendo i test di laboratorio, uno specialista può notare che il livello di proteine ​​nel plasma è notevolmente sovrastimato, il numero di globuline aumenta e il numero di albumina diminuisce.

Tipi di cirrosi e loro diagnosi

Se si divide la cirrosi epatica in indicatori morfologici, ci sono i seguenti tipi di patologia:

  1. Micronodulare. Questo tipo di malattia è caratterizzato da un aumento dei fuochi nel fegato fino a un centimetro. Tale cirrosi è osservata negli alcolizzati.
  2. Macronodular è quando i fuochi nel fegato sono più di un centimetro. Questa condizione è inerente a quei pazienti che hanno l'epatite.
  3. Un tipo misto di patologi è quando i due tipi elencati sono combinati.

Per capire cosa sta succedendo con il paziente e per stabilire la diagnosi corretta, il medico chiede quali sintomi la persona ha notato e per quanto tempo lo hanno seguito. Dopodiché dovrai eseguire un esame delle urine e del sangue per scoprire la causa della malattia.

Molto spesso, al paziente viene prescritto di sottoporsi a un'ecografia per vedere il quadro completo della condizione del fegato. Questa procedura mostra se il fegato ha cambiato le sue dimensioni e come appare.

Dopo un esame approfondito e scoprire la causa della cirrosi, il medico fa una diagnosi e prescrive un trattamento specifico. In alcuni casi, se la fase della cirrosi è pericolosa per la vita, la persona è ricoverata in ospedale e strettamente monitorata per le sue condizioni.

Nell'ospedale, gli viene prescritta una dieta speciale e ogni giorno vengono presi dei test dal paziente per verificare se i suoi indicatori del fegato sono peggiorati.

Preparazione per il sondaggio

Prima che il paziente superi l'esame, ha bisogno di seguire alcune regole. Ad esempio, pochi giorni prima dei test, non puoi bere alcolici. Inoltre, è necessario interrompere l'assunzione di droghe da altre malattie, in quanto potrebbero influenzare i risultati dei test.

Anche se sospetti ciò che il medico ti dirà, non dovresti automedicare. Avendo superato i test in tempo, sarete in grado di iniziare il trattamento corretto ed evitare gravi conseguenze, inclusa la morte.

Cos'è l'alveococcosi epatica e come trattarla?

L'amore per viaggiare, la caccia e il riposo selvaggio possono finire molto tristemente. L'alveococcosi del fegato è una malattia parassitaria molto pericolosa, accompagnata dalla distruzione di organi. Ciò è dovuto all'elminth di Echinoccocus multilocularis. È interessante che ci siano aree in diversi paesi del mondo in cui vivono i parassiti sopra menzionati. Queste sono l'America centrale e meridionale, il Canada settentrionale e l'Alaska, i paesi dell'Europa centrale, il Caucaso, gli stati dell'Asia centrale e in Russia, le regioni della Siberia e l'Estremo Oriente. Nei paesi del nord, i piccoli animali della foresta (lemming, persiani), vari roditori (furetti, topi, muskrats, castori) sono infetti. E nel sud - volpi, marmotte, volpi, sciacalli, lupi e altri predatori.

Fonti di infezione

I proprietari finali di alveococchi in natura sono il lupo, la volpe, lo sciacallo, lo scriba e altri, e circondati dall'uomo - un gatto e un cane. I cestodi maturi si depositano negli intestini di questi animali. Gli individui del parassita e delle uova si distinguono con le feci.

L'ospite intermedio di Echinoccocus multilocularis sono roditori simili a topi e umani. Il loro corpo è un vicolo cieco biologico per i microrganismi. È impossibile essere infettati da una persona malata.

L'elminto entra nel corpo umano durante una passeggiata attraverso boschi e prati, raccogliendo bacche, erbe e funghi, inseminati dalle uova del parassita. Inoltre, puoi essere infettato bevendo acqua da fonti naturali. La caccia, il taglio delle carcasse e il contatto con le pelli, dove si trovano le uova del parassita, e la cura degli animali malati contribuiscono allo sviluppo di alveococcosi.

Una via di infezione più rara è l'inalazione di oncosfere con aria polverosa, nel qual caso i polmoni sono colpiti. La malattia è comune nelle persone di età compresa tra 30 e 45 anni.

Cosa succede nel corpo dopo l'infezione

I cambiamenti visibili nel benessere (tranne che per debolezza e affaticamento) sono spesso assenti e le preparazioni microscopiche e le preparazioni microscopiche del fegato non differiscono molto. Le persone più spesso incolpano questa condizione di affaticamento dal lavoro, cattiva salute, associata ad avvelenamento o disturbo intestinale. Durante questo periodo, la larva alveococcus cresce e si forma per diventare un adulto. Se si esegue un'ecografia o una risonanza magnetica in questo momento, è possibile ottenere una macropreparazione e una microslide del fegato o degli intestini.

Dopo che la larva si trasforma in un adulto, i prodotti metabolici velenosi del parassita e delle tossine iniziano ad entrare nel corpo. Poiché la larva matura di alveococco emerge dalla sua membrana protettiva e penetra dall'intestino nel flusso sanguigno. Inoltre, attraverso le vene, entra nel fegato, dove si deposita. L'elminto ha una dimensione di circa 1,5 mm di lunghezza. Nel fegato, ognuno di loro forma un nuovo guscio, all'interno del quale c'è un liquido.

Inoltre, la proliferazione del parassita distrugge gradualmente il tessuto epatico. Sintomi minori che una persona può assumere per disturbi della motilità intestinale, intossicazione alimentare o disturbi digestivi. Tuttavia, i preparati microscopici e microscopici del fegato hanno già i sintomi della malattia.

All'interno della capsula, il parassita comincia a dividersi per il metodo del germogliamento, cioè i segmenti che possono muoversi, nutrirsi e crescere sono separati dal suo corpo. Nel corso del tempo, i nodi formati nel fegato sono formati da gruppi di bolle di alveococchi.

La nuova crescita sul fegato di solito cresce all'esterno. A volte le bolle scoppiano, quindi entra un liquido specifico nel corpo umano, contenente i prodotti metabolici del microrganismo, che provoca ulteriore intossicazione da parte del paziente.

Manifestazioni della malattia

All'inizio della malattia compaiono piccole bolle rare sulla superficie dell'organo. Mentre l'alveococcosi progredisce, le formazioni aumentano di dimensioni e la macropreparazione ha:

  • nodi pieni di liquido e irregolari di varie dimensioni;
  • il nodo acquisisce colore avorio;
  • visivamente è molto difficile determinare i confini della patologia;
  • la preparazione microscopica del fegato sulla fetta è coperta da neoplasie, ma alcune delle bolle nella zona del grande nodo iniziano a disintegrarsi.

La progressione di alveococcosi provoca intossicazione aggiuntiva nel paziente, che è accompagnata da eruzioni allergiche. Nella fase avanzata della malattia, il nodo patologico occupa la maggior parte del fegato. La palpazione dell'organo causa dolore. Con la chirurgia, è possibile vedere tracce di rottura di bolle e necrosi dei tessuti.

Manifestazioni sintomatiche

Per settimane e persino mesi, la malattia può essere quasi asintomatica. Una persona vince periodicamente apatia, letargia o disturbi del sonno.

Inoltre, a volte si verificano nausea e vomito, oltre a costipazione alternata a diarrea. Sfortunatamente, è molto raro che qualcuno in questa fase della malattia venga sottoposto a test per i parassiti.

Nella fase iniziale, il paziente a volte lamenta un dolore fastidioso nell'ipocondrio destro, sensazione di pesantezza nell'addome o perdita di appetito. Sentire il nodo patologico è possibile solo con la sua posizione superficiale. Esami del sangue approfonditi mostrano eccesso di ESR, gamma globuline e proteina sierica totale.

Man mano che la patologia si sviluppa, il dolore nell'area del fegato e nell'epigastrio diventa permanente, si osservano disturbi digestivi: eruttazione, feci atrofizzate, perdita di appetito, apatia, sensazione di pesantezza dopo aver mangiato. Alla palpazione, il medico noterà un aumento delle dimensioni del fegato, la presenza di nodi multipli infiammati di consistenza densamente elastica. Un aumento significativo di eosinofili, ESR, proteine ​​totali e gamma globulina viene rilevato nel sangue. Nell'analisi biochimica del sangue, l'indice della proteina C-reattiva e del campione di timolo è sovrastimato.

Allo stadio di manifestazioni gravi ci sono segni di ittero ostruttivo:

  • le feci si illumina;
  • l'urina diventa più scura;
  • sclera gialla degli occhi, mucosa della bocca, e poi la pelle del viso, del tronco e degli arti;
  • prurito della pelle sulla schiena, braccia e gambe.

Le analisi mostrano un aumento della quantità di bilirubina nel sangue e nelle urine. Quando i linfonodi alveococchi germogliano nella vena cava inferiore e nelle vene portali, il paziente mostra segni di ipertensione - gonfiore alle gambe, ascite, varici esofagee. Spesso ci sono emorragie interne.

Il decorso grave della malattia è completato dalla formazione di focolai metastatici secondari nel cervello, nei reni e nei polmoni. In questo caso, la malattia renale può essere associata a metastasi o compressione meccanica dei tessuti dell'organo all'esterno. Allo stesso tempo, nelle analisi delle urine, si evidenziano proteinuria, eritrocituria, leucocituria e piuria.

La fase termica della malattia è molto difficile. È caratterizzato da danni irreversibili agli organi, grave perdita di peso, uno stato di immunodeficienza e altre complicazioni.

Possibili complicazioni

Spesso all'interno dei nodi inizia la disintegrazione dei tessuti con la formazione di cavità piene di contenuto simile al pus - ascesso epatico, colangite purulenta. La svolta di questa cavità provoca dolore e febbre. A volte infiammazione del tessuto intorno al lobo affetto del fegato - perigepatite.

Un'altra complicazione è la germinazione del nodo negli organi vicini - la cistifellea, i legamenti, ecc. Attraverso la patologia del diaframma può diffondersi nella regione del cuore, dei polmoni e dei reni. Le interruzioni del metabolismo proteico portano all'amiloidosi e, in caso di danno renale, si sviluppa un'insufficienza renale cronica.

Misure diagnostiche

Il medico deve raccogliere una dettagliata storia epidemiologica negli ultimi anni prima della malattia. Qui è importante prendere in considerazione l'area di residenza, i viaggi di lavoro a lungo termine, lo stile di vita del paziente, la frequenza delle visite alle foreste, la caccia, la comunicazione con animali selvatici e domestici, il possibile rischio di invasioni dovute ad attività professionali e altro.

La diagnosi finale si basa sui seguenti esami:

  1. Emocromo completo, incluso contenente eosinofili, ESR.
  2. Proteinogramma. Si nota un aumento delle proteine ​​totali e delle gammaglobuline, una diminuzione della quantità di albumina.
  3. Parametri biochimici del sangue. Elevata bilirubina, un aumento del test timolo-veronalovogo.
  4. Analisi delle urine. Presta attenzione a una possibile proteinuria, ematuria, leucocituria.
  5. Test sierologici per anticorpi contro alveococco (ELISA, RNA, reazione di agglutinazione al lattice).
  6. Ultrasuoni, risonanza magnetica, esame radiografico, TC.
  7. Esame dell'espettorato per la presenza di alveococco.
  8. La biopsia del nodo durante la chirurgia laparoscopica è rara.

La malattia deve essere differenziata da cirrosi epatica, echinococcosi, tumori benigni o maligni, malattia policistica, tubercolosi, emangioma.

Trattamento di patologia

Il paziente dopo la diagnosi deve essere ricoverato in ospedale. Con alveococcosi, il trattamento è simile alla terapia con echinococcosi. Il più delle volte include quanto segue:

  1. Intervento chirurgico Molto spesso, resezione parziale dei lobi colpiti del fegato con la conservazione del tessuto sano. L'operazione è designata nel caso in cui non vi siano tracce di nodi germogliati negli organi e nei tessuti vicini, così come la formazione di metastasi.
  2. Dopo l'intervento chirurgico o in assenza della possibilità della sua attuazione, viene prescritta una terapia antiparassitaria. Si basa sull'assunzione di Albendazolo alla dose di 20 mg / kg del corpo del paziente al giorno. I fondi dei corsi a lungo termine spendono in modo intermittente 2-4 anni. Al fine di evitare danni tossici per il corpo, il trattamento deve essere sotto la stretta supervisione del medico curante. Se si verificano cambiamenti negativi, il medico può modificare la terapia.
  3. Per facilitare la condizione generale del paziente e la correzione del funzionamento degli organi interessati, viene prescritta una terapia sintomatica.

I medici dovrebbero monitorare la salute di un paziente con alveococcosi a vita. Ogni sei mesi, deve sottoporsi a ecografia, risonanza magnetica o altro tipo di esame strumentale per lo sviluppo di una ricaduta. Inoltre, vengono monitorati i test del sangue e delle urine.

Misure preventive

Questa è una malattia molto grave che uccide lentamente persone giovani e robuste. È molto difficile liberarsene, e più spesso è impossibile, quindi è estremamente importante conoscere le misure preventive:

  • quando visiti i prati e le foreste, porta sempre un disinfettante per le mani;
  • non bere acqua da torrenti e altri corpi naturali di acqua;
  • Lavare accuratamente le erbe raccolte, i funghi e le bacche prima di mangiare.
  • Combattere i roditori in tempo utile a casa e nella zona circostante;
  • una volta ogni 6 mesi trascorrono a sverminare gatti e cani domestici.

Le persone sono spesso avvertite del pericolo di contrarre varie infezioni parassitarie. Tuttavia, essendo ammalati da qualcosa, i pazienti stessi e i medici pensano molto raramente che questa condizione sia causata da elminti. Spesso, solo all'autopsia, vengono a conoscenza della diagnosi reale - alveococcosi del fegato, il cui trattamento deve essere iniziato molto prima. È molto facile da infettare con i parassiti, ma è molto problematico recuperare. A questo proposito, è meglio prendere sempre precauzioni.

Descrizione di Macrodrug del fegato di alveococcosi

Pagine di lavoro

Contenuto di lavoro

Macrodrug "pericardite fibrinosa".

1) opuscolo pericardico viscerale (epicardio) ispessito

2) colore - bianco-grigio, tipo di film fibroso - film fibroso lobare

3) nome figurativo del cuore con pericardite fibrinosa - cuore "peloso"

4) esiti di pericardite fibrinosa: a) risoluzione dell'infiammazione (scissione di fibrina), b) carapace cardiaco (si formano adesioni)

Macrodrug "Polmonite di Lobar con un ascesso".

1) la presenza di una cavità nel polmone, la superficie interna dell'ascesso non è uniforme, con tessuto polmonare necrotico

2) il tessuto polmonare circostante è denso, grigio, con inclusioni di polvere di carbone

3) la superficie del taglio è granulare, sulla sovrapposizione di pleura fibrina

4) ascesso - infiammazione purulenta delimitata, accompagnata dalla formazione di una cavità riempita di essudato purulento. Possibili complicanze dell'ascesso polmonare - erosione della nave, empiema, formazione di mieloidosi secondaria. Un ascesso nel polmone sviluppato sullo sfondo della polmonite lobare

1) più lesioni papillari

2) il colore è grigio-marrone (il colore della pelle dell'area anale)

3) la proliferazione dell'epitelio squamoso stratificato e lo stroma sono associati alla formazione di condilomi

4) localizzazione di condilomi - sul bordo dell'epitelio piatto e ghiandolare

5) la causa del condiloma: sifilide, gonorrea, malattie virali

Macrodrug "Alveococcosi del fegato".

1) nel fegato è determinato da un nodo denso bianco,

2) il nodo occupa quasi l'intero lobo epatico,

3) i confini del nodo sono sfocati,

4) sulla sezione, il nodo ha un aspetto a maglie fini,

5) potrebbero esserci delle cavità di decadimento.

Macrodrug "Opisthorchiasis del fegato".

1) condotti biliari dilatati

2) le pareti dei dotti biliari sono ispessite e sclerose

3) sotto la capsula del fegato si vede uno schema convoluto dei dotti biliari dilatati

4) opistorhisis sono determinati nel lume dei condotti

5) complicazioni dell'opizia per il fegato: sclerosi, deformazione delle pareti, che può portare a colangite purulenta colangiocellulare, cirrosi epatica

Macrodrug "Miliare tubercolosi dei polmoni".

1) il numero di lesioni - multiple

2) colore fuochi - bianco

3) dimensioni - piccole

4) la tubercolosi è chiamata miliario a causa della sua somiglianza macroscopica con il miglio ("millias" - miglio)

5) esiti di granulomi tubercolari: favorevole - organizzazione, pietrificazione; sfavorevole - la caseificazione

Macrodrug "Polipo fibroso edematoso".

1) la forma del polipo è arrotondata

2) colore bianco grigiastro

3) la superficie è lucida

4) consistenza morbida e gelatinosa

5) La reazione di ipersensibilità di tipo I (anafilattico) si manifesta con la formazione di un polipo fibro-edematoso.

Macrodrug "Amiloidosi della milza - sago milza".

1) dimensione della milza - ingrandita

2) consistenza organica - compattata

3) la superficie della capsula è pallida

4) vista della sezione - inclusioni di proteine ​​bianche, depositate nei follicoli

5) metodo di diagnosi rapida di amiloidosi al tavolo sezionale - trattamento con soluzione di iodio lugolevskim

Macrodrug "Amiloidosi del rene".

1) aumento della dimensione del rene

2) colore - biancastro

3) la consistenza è densa

4) condizioni superficiali - colore chiaro

5) il disegno sulla sezione della corteccia e del midollo è sfocato, scarsamente espresso,

6) il nome simbolico del rene per l'amiloidosi è il rene "grasso"

Macrodrug "Ipertrofia miocardica".

1) aumento della massa cardiaca e delle dimensioni

2) il muro del ventricolo sinistro è ispessito

3) aumenta il volume delle trabecole e dei muscoli papillari del ventricolo sinistro

4) condizione della cavità ventricolare sinistra - ridotta

5) il colore del miocardio sull'incisione è marrone

6) ipertrofia miocardica si riferisce all'ipertrofia compensatoria

Macrodrug "Brown atrofia del miocardio".

1) la dimensione del cuore è ridotta

2) il peso corporeo è ridotto

3) la quantità di grasso è ridotta

4) la natura del corso delle navi sotto l'endocardio - il corso tortuoso delle navi

5) il colore del muscolo cardiaco è marrone, associato all'accumulo di lipofuscina.

6) lo sviluppo di atrofia miocardica marrone è possibile con atrofia a causa di insufficiente apporto di sangue

Macrodrug "Idronefrosi del rene". Esaminare e descrivere:

1) aumento della dimensione del rene

2) vista del bacino e delle coppe - aumentata

3) condizione del parenchima renale - ridotta

4) le alterazioni rilevate nel rene sono associate a un deflusso meccanicamente ostacolato o completamente impossibile di urina dal rene a causa del restringimento del lume dell'uretere, dell'uretra o della vescica e dell'evitare l'uretere. I cambiamenti nel rene sono spiegati dalla reazione di atrofia del tessuto renale.

Nartalakov MA, Panteleev VS, Salimgareyev I.Z., Abdeev R.R., Nagaev F.R., Chingizova G.N., Valeev S.I., Kutuev I.Kh.

FSBEI HE Bashkir State Medical University, Ospedale clinico repubblicano GBUZ. GG Kuvatov, Ufa

L'alveococcosi è una elmintiasi multi-camera o alveolare causata dalle larve di Echinococcus multilocularis, caratterizzata dalla formazione di nodi parassitari nel fegato [1, 3, 4, 6, 22, 23]. La frequenza di occorrenza di questa elmintiasi nelle aree endemiche raggiunge fino a 8-10 casi ogni 100.000 abitanti [12, 14, 15] e il numero di osservazioni a livello mondiale è di 2500-2700 casi [18]. Nel suo corso, l'alveococcosi è particolarmente furba con le terribili complicazioni spesso formidabili e ha molto in comune con le malattie maligne [13, 17, 18, 19, 21, 25, 26].

In totale, dal 2005 al 2016, nelle condizioni dell'istituzione sanitaria di bilancio dello Stato dell'ospedale clinico repubblicano intitolato. GG Kuvatov, Ufa, 57 pazienti sono stati trattati con alveococcosi del fegato, di cui 37 uomini e 20 donne. La malattia è stata riscontrata principalmente nelle persone giovani e di mezza età (età media 35 ± 3,6 anni). Il lobo destro del fegato era affetto in 34 pazienti (60,0%), la sinistra - in 14 pazienti (25,5%), l'affezione di entrambi i lobi è stata osservata in 9 (14,5%) pazienti. Le manifestazioni cliniche della malattia in pazienti con alveococcosi epatica, sono presentate nella tabella 1.

Manifestazioni cliniche di alveococcosi epatica e sue complicanze

Dolore in ipocondria

Ittero meccanico o misto

Tra i test di laboratorio, è stata prestata particolare attenzione ai risultati del test immunoassorbente legato all'enzima (ELISA), raccomandato da molti autori per verificare la malattia. Tuttavia, nella nostra osservazione, la prova convincente di ELISA non è stata mostrata e ammontava al 63,6% (Tabella 2).

Manifestazioni cliniche di alveococcosi epatica e sue complicanze

Risultato positivo del saggio immunoenzimatico (ELISA)

ESR superiore a 20 mm / h

Aumento di Alt e AsT

Per la diagnosi, compreso il differenziale, abbiamo utilizzato metodi strumentali che hanno una capacità sufficientemente elevata di rilevare la malattia con la sua esatta localizzazione nel fegato, oltre al riconoscimento di varie complicanze. In 22 casi abbiamo usato la biopsia puntura del fegato (Tabella 3).

Risultati di metodi diagnostici strumentali

Il numero di pazienti studiati

Tomografia computerizzata (CT)

Tomografia a emissione di posizione (PET)

Una delle complicanze dell'alveococcosi del fegato è la disintegrazione del nodo parassita con la formazione di una cavità (cavità), che è chiaramente visibile quando si usano gli ultrasuoni (Figura 1).

Fig. 1. Ultrasuoni - una foto del fegato alveococcus con disintegrazione.

Scansione TC - con alveococcosi del fegato, è possibile determinare chiaramente la localizzazione, i confini e la natura della lesione, anche con più posizioni di nodi parassitari (Fig. 2).

Fig. 2. TAC: immagine di alveococcosi dei lobi sinistro e destro del fegato.

Uno dei metodi di ricerca strumentali relativamente nuovi è la PET, come un modo per differenziare l'alveococcosi epatica da altre formazioni epatiche e per stabilire una diagnosi accurata prima dell'operazione con grande affidabilità (Figura 3).

Tutti i 57 pazienti sono stati sottoposti a trattamento chirurgico. Nei casi in cui il "tumore parassita" aveva una sede regionale, sono state eseguite resezioni atipiche del fegato. Con una dimensione significativa dell'alveococco, la preferenza è stata data all'ematosi epatoepatectomia. Tutti questi interventi chirurgici sono radicali e permettono al paziente di liberarsi della malattia, oltre ad essere quasi completamente riabilitato, tornando alla vita normale [2, 9, 10, 11]. Per migliorare la qualità della resezione stessa e per evitare il sanguinamento parenchimale nel primo periodo postoperatorio, abbiamo utilizzato un laser chirurgico al biossido di carbonio con vari parametri di radiazione [5, 16, 17]. Con l'introduzione dei metodi chirurgici di diagnosi e trattamento radiologico a raggi X, abbiamo rivisto la tattica degli interventi chirurgici, anche nei pazienti con alveococcosi epatica. Al fine di eseguire una resezione estesa senza il rischio di insufficienza epatica nel periodo postoperatorio, in 3 pazienti con ampie lesioni del lobo destro del fegato, abbiamo eseguito un intervento chirurgico in 2 fasi. Al primo stadio, è stata eseguita l'embolizzazione del ramo lobare destro della vena porta. Dopo l'incidente di 3-4 settimane, è stata eseguita la seconda fase (principale) - estesa emiepatectomia destra. A questo punto, grazie al rifornimento di sangue intenso, il lobo sinistro (sano) del fegato è stato sottoposto a ipertrofia significativa, il che significa che è apparso tessuto parenchimale aggiuntivo, che ha permesso di evitare l'insufficienza epatica nel periodo postoperatorio, nonostante il grande volume dell'intervento chirurgico.

Esempio clinico: Paziente: G., 58 anni. Diagnosi clinica: alveococcosi del lobo destro del fegato. Chirurgia eseguita: resezione anormale del fegato sul lato destro.

Fig. 4. Scansione TC - immagine di alveococcosi del lobo destro del fegato. Fig. 5. Macrodrug di un parassita remoto.

Paziente: E., 35 anni. Diagnosi clinica: alveococcosi del lobo destro del fegato. Chirurgia eseguita: emiepatectomia destra anatomica.

Fig. 6. TAC - foto di alveococcosi. 7. Macrodrug del resecato

lobo destro del fegato. lobo del fegato con alveococco.

Paziente: Z., 32 anni. Diagnosi clinica: alveococcosi ricorrente del lobo sinistro del fegato con decadimento e suppurazione. Chirurgia eseguita: emiepatectomia anatomica sinistra.

Fig. 8. TAC - immagine di alveococco del lobo sinistro del fegato con Fig.9. Macrodrug del fegato resecato con una cavità di disintegrazione.

Paziente I., 30 anni. Diagnosi clinica: alveococco gigante del lobo destro del fegato con decadimento. Eseguita operazione a 2 stadi:

1. Embolizzazione del ramo destro della vena porta sotto controllo a raggi x. 2. Resezione estesa del lobo destro del fegato.

Fig. 10. TAC: immagine di alveococcosi con danni estesi al lobo destro del fegato. Fig. 11. Macrodrug del lobo epatico destro resecato.

Nei casi in cui un'operazione radicale non fosse possibile, abbiamo usato opzioni palliative per interventi chirurgici. Questi includono: il parassita che ammassa con l'introduzione di alcool 70 0 nella restante parte del "tumore parassitario" [13]; apertura, sanificazione e drenaggio delle cavità di decadimento [8]; anastomosi per la rimozione della bile e drenaggio esterno dei dotti biliari [8]. In caso di sospetto rilevamento del decadimento della cavità di decadimento, abbiamo usato il metodo della terapia fotodinamica antimicrobica [7], che ci ha permesso di ottenere un'efficace eliminazione dei microrganismi dalla cavità [17, 18]. La stessa tecnica della terapia fotodinamica (PDT) si basa sull'azione distruttiva del fotosensibilizzatore sotto l'azione della radiazione laser su cellule tumorali e microbiche [20] In 2 casi (Figura 13), il trapianto di fegato ortotopico è stato eseguito nel parassita centrale [24].

Fig. 13. La posizione centrale dell'alveococco nel fegato.

In totale, sono stati eseguiti 58 interventi chirurgici e in un paziente ce ne sono stati 2 durante un ricovero in ospedale, il primo a distruggere il tumore e il secondo a trapianto di fegato. Il volume di tutte le operazioni è presentato nella tabella 4.

  1. L'alveococcosi epatica è una malattia relativamente rara, ma insidiosa con gravi complicanze, specialmente nei focolai epidemici e richiede l'unificazione di misure diagnostiche e terapeutiche.
  2. Un trattamento radicale per alveococcosi è la resezione epatica di varie dimensioni. Il laser chirurgico al biossido di carbonio, che fornisce un'emostasi affidabile, che riduce il rischio di emorragia parenchimale nel periodo postoperatorio, ha mostrato un'elevata efficienza durante l'intervento chirurgico.
  3. Con l'alveococcosi, quando vi è danno a entrambi i lobi del fegato, o il nodo parassita è localizzato nella porta del fegato, o il parassita invade la vena cava inferiore, è possibile il trapianto di fegato.
  1. Alperovich B.I. Alveococcosi e suo trattamento / B.I. Alperovich. - M., 1972. - 224 p.
  2. Alperovich B.I. Resezione epatica durante operazioni ripetute in pazienti con malattie parassitarie del fegato / B.I. Alperovich, N.V. Merzlikin, G.N. Yaroshkin // Chirurgia. - 1990. - № 10. - P. 116-119.
  3. Alperovich B.I. Trattamento chirurgico e criochirurgico di alveococcosi ricorrente del fegato / B.I. Alperovich, R.V. Sorokin, I.V. Tolkayeva // Bollettino della medicina siberiana. - 2005. - № 4. - P. 92-95.
  4. Alperovich B.I. Chirurgia delle lesioni focali del fegato / B.I. Alperovich // Bollettino della medicina siberiana. - 2002. - № 1. - p 20-25.
  5. Bondarevsky I.Ya. Radiazione laser nel trattamento chirurgico delle formazioni focali epatiche / I.Ya. Bondarevsky, V.N. Bordunovsky // Problemi reali dell'epatologia chirurgica: mes. ezhegod. Intern. congresso di chirurghi-epatologi della Russia e dei paesi della CSI. - Ufa, 2010. - Pag. 259-260.
  6. Bregadze I.L. Echinococcosi alveolare / I.L. Bregadze, V.M. Konstantinov. - M.: Medgiz, 1963. - 223 p.
  7. Vasiliev N.E. Terapia fotodinamica antimicrobica / N.E. Vasiliev, A.P. Ogirenko // Laser medicina. - 2002. - V. 6, № 1. - P. 32-38.
  8. Vasiliev R.Kh. Marsupialization di una cavità di una cavità con lo scopo di rilascio da contenuti purulenti / R.Kh. Vasiliev, Sh.A. Nabokov // Alveoccosi. - M.: Medicina, 1978. - Pag. 146-147.
  9. La scelta della chirurgia radicale per alveococcosi epatica / M.A. Seysembaev, B. B. Baymahanov, M.E. Ramazanov [et al.] // Almanacco dell'Istituto di Chirurgia dal nome. AV Vishnevsky. - 2011. - Vol. 6, n. 2. - P. 114-115.
  10. Zhuravlev, V.A. Resezioni epatiche grandi ed estremamente grandi / V.A. Zhuravlev. - Saratov: Casa editrice di Saratov. Università, 1986. - 213 p.
  11. Zhuravlev, V.A. Chirurgia radicale in pazienti non operabili con lesioni epatiche focali / V.A. Zhuravlev. - Kirov, 2000. - 224 p.
  12. Trattamento di forme complicate di echinococco epatico alveolare / А.I. Tulin, R. Ribenieks, E. Pogodina [e altri] // Almanacco dell'Istituto di Chirurgia dal nome. AV Vishnevsky. - 2011. - Vol. 6, No. 2. - P. 320.
  13. Nartaylakov, M.A. Chirurgia del fegato e delle vie biliari / M.A. Nartaylakov. - Ufa, 2005. - 206 p.
  14. Sulla possibilità di ripetute operazioni di alveococcosi / EM. Blagitko, S.D. Dobrov, G.N. Tolstoy, A.S. [et al.] // Almanacco dell'Istituto di Chirurgia. AV Vishnevsky. - 2011. - Vol. 6, No. 2. - P. 94.
  15. Operazioni ripetute in pazienti con alveococcosi / B.I. Alperovich, N.V. Merzlikin, V.N. Salo, M.S. Skurlatov // Problemi reali di chirurgia d'urgenza e di riparazione: sab. Art. - Krasnoyarsk, 2011. - p 23-24.
  16. L'uso di dispositivi laser chirurgici "Lancet" nella pratica medica: un manuale per i medici / OK. Skobelkin, V.I. Kozlov, A.V. Geinitz [et al.]. - M.; Tula: "Grief and Co.", 2002. - 92 p.
  17. Panteleev V.S. Effetti fotodinamici in combinazione con terapia antibiotica laser in pazienti con complicanze purulento-settiche: autore. Dis.... Dr. med Scienze. - Ufa, 2012. - 46 p.
  18. Panteleev V.S. Lesioni parassitarie del fegato: alveococcosi, echinococcosi / V.S. Panteleev, M.A. Nartaylakov, R.R. Abdeev, S.R. [et al.] // Chirurgia clinica e sperimentale. - 2016. - №1. - pagina 16-22.
  19. Trattamento radicale dell'alveococcosi epatica con coinvolgimento dei suoi grandi vasi e della vena cava inferiore / V.A. Zhuravlev, V.M. Rusinov, V.P. Sukhorukov [et al.] // Problemi reali dell'epatologia chirurgica: mes. ezhegod. Congresso internazionale di epatologia Chirurghi della Russia e dei paesi della CSI. - Ufa, 2010 - 263-264.
  20. Stranadko, E.F. Lo sviluppo della terapia fotodinamica in Russia / E.F. Stranadco // Laser medicinale. - 2011. - Vol. 15, No. 2. - P. 18-21.
  21. Chernikova, E.A. Razionale sperimentale per l'ottimizzazione della chemioterapia per alveococcosi / Ye.A. Chernikova, Yu.A. Legonkov, F.P. Kovalenko // Parassitologia medica e malattie parassitarie. - 2005. - № 1. - P. 43-44.
  22. Fujikura, T. Arowing, Echinococosis / T. Fujikura // World Health Forum. - 1991. - Vol. 12. - P. 146-150.
  23. Echinococcosi alveolare epatica: reperti RM / N.C. Balci, A. Tunaci, R.C. Semelka [et al.] // Magn. Reson. Imaging. - 2000. -Vol. 18. - P. 537-541.
  24. Ricorrenza di malattia primaria dopo trapianto di fegato per la valutazione a lungo termine di ecinococcosi alveolare in 15 pazienti / S. Bresson-Handi, S. Koch, I. Beurton, S. Hrusovky // Epatologia. - 1999. - Vol. 30. - Pag. 857-864.
  25. Echinococcosi alveolare e cistica simultanea del fegato / Y.R. Yang, X.Z. Liu, D.A. Vuitton [et al.] // Trans. R. Soc. Trop. Med. Hyd. - 2006. - Vol. 100. - P. 597-600.
  26. Tuzun, M. Varie sedi di malattia idatidea cistica e alveolare: apparizioni di CT / M. Tuzun, B. Hekimoglu // J. Comput. Assist. Tomogr. - 2001. - Vol. 25. - P. 81-87.

Segni e indicazioni di questo materiale:

Questa infezione parassitaria del tessuto epatico è ben nota con altri nomi di echinococcosi alveolare o echinococcosi multi-camera. Questa micidiale malattia cronica si sviluppa come conseguenza dell'infezione da flatworm che colpisce il fegato e causa il cancro, incluse le metastasi che migrano al cervello e al sistema polmonare.

L'alveococcosi umana può essere attribuita a rare infezioni da elminti focali naturali. Casi di alveococcosi si osservano in regioni dell'Asia, Russia (Kamchatka, Chukotka, Siberia), Kazakistan, Kirghizistan, Canada ed Europa. La malattia si verifica principalmente nelle persone impegnate nella caccia.

Alveococcosi e suo agente patogeno

L'agente eziologico della malattia è il nastro elminto Alveococcus multilocularis (alveococco) della classe dei cestodi. Gli adulti parassitano nell'intestino tenue degli animali selvatici: volpi, cani, lupi, volpi artiche, che sono gli ospiti definitivi di questo elminto. E nella fase larva, nei roditori selvatici (sono i vicoli ciechi biologici per gli alveococchi) e negli umani, che sono ospiti intermedi. Il vicolo cieco biologico è un nuovo habitat sconosciuto per i parassiti. Il suo sviluppo richiede abitudini e caratteristiche (che non hanno), permettendo loro di moltiplicarsi in questo ambiente. Gli animali selvatici vengono infettati nutrendosi di roditori, che hanno già sviluppato una forma di alveococcosi nei loro corpi.

L'individuo adulto ha una lunghezza da 1,5 a 2,5 mm e consiste nello skolex (testa) e nei segmenti. Sulla skolex dell'alveococco c'è un apparato di aspirazione, costituito da 4 ventose e una corolla di ganci, con cui è attaccato alle mucose del fegato. Lo skoleks è seguito da 2-4 segmenti, e la larva di questo parassita è costituita da molte piccole cellule che sono piene di liquido giallastro e scolex (teste) dell'elminto.

Le uova invasive di alveococco vengono rilasciate nell'ambiente con le feci di animali selvatici, inquinando la loro lana, il suolo e l'ambiente.

Una persona è infettata da alveococcosi nei seguenti modi:

  • direttamente attraverso il cibo contaminato dalle larve dei proprietari finali (cani, gatti e animali selvatici);
  • quando spoglia e lavora pelli di animali selvatici;
  • in contatto con cani e animali selvatici;
  • quando si usa acqua potabile da serbatoi naturali;
  • quando si mangiano bacche ed erbe selvatiche.

Tuttavia, una persona che soffre di alveococcosi non è una fonte di infezione. Una persona che cammina nei boschi può essere infettata da goccioline trasportate dall'aria, inalando l'aria in cui si trovano le uova del parassita. Ma questa via di infezione è estremamente rara.

Alveokokk negli umani

Una volta nel corpo umano, le uova di questo elminto vengono rilasciate dal guscio e vengono introdotte nel flusso sanguigno, diffondendosi con il flusso di sangue a tutti gli organi. Alcune larve rimangono nel fegato, dove col tempo crescono e si sviluppano, formando nodi alveococcici di dimensioni variabili da 0,5 a 30 cm.

Molto spesso, questo processo invasivo viene confrontato con una neoplasia maligna, dal momento che i nodi alveococcici sono in grado di diffondersi attraverso le metastasi. Ciò accade come segue: quando sono distaccati, alcune bolle con sangue scorrono nei linfonodi, formando metastasi. I nodi sono bolle rotonde di colore avorio, dure, come macchie con tubercoli grandi o piccoli sulla superficie del tessuto epatico. Con un lungo decorso della malattia, le parti non colpite del fegato subiscono cambiamenti nel tessuto, come nella cirrosi.

I nodi alveococchi possono crescere nel diaframma e nei dotti biliari, oltre a diffondersi ad altri organi e tessuti: polmoni, cervello, milza, muscoli, reni, ossa e peritoneo. Crescendo in altri tessuti, questi nodi si uniscono in un conglomerato, diventando un tutt'uno con i tessuti sani. Aumentando di dimensioni, hanno messo sotto pressione il tessuto, causando danni agli organi: la loro atrofia, degenerazione e fibrosi. Nel corso del tempo, il tessuto sano viene sostituito dalla cistica, che interferisce con il normale funzionamento del fegato, dei polmoni o del cervello. Le cellule infette si diffondono in tutto il corpo, trasformandosi in un tumore maligno.

I prodotti del metabolismo elminico causano la più forte allergizzazione del corpo, che è il risultato di una rottura del sistema immunitario.

Se una persona soffre di alveococcosi per molto tempo, la prognosi è estremamente sfavorevole. Le possibilità di recupero sono molto piccole, in questo caso solo la chirurgia può aiutare, e anche in questo caso non sempre. Un risultato positivo è possibile solo nel 15% dei casi. La malattia è più comune nelle persone da 30 a 50 anni.

Quadro clinico di alveococcosi epatica

L'alveococcosi epatica è più comune nelle persone di età compresa tra 20 e 35 anni.

Ci sono le seguenti fasi di questa patologia:

  • fase asintomatica (latente);
  • fase senza complicazioni;
  • fase complicata.

Per tipo di malattia si distinguono:

  • fase lentamente progressiva;
  • fase di avanzamento attivo;
  • fase di fuoriuscita maligna.

La fase asintomatica può durare per molti anni (10-15 anni). Durante questo periodo, i pazienti sono interessati solo al prurito e all'orticaria. Di norma, la diagnosi di alveococcosi durante questo periodo si verifica per caso.

Nella fase non complicata, i sintomi di alveococcosi non sono abbastanza specifici. Vi è un aumento patologico del fegato (epatomegalia), sapore amaro in bocca, nausea, pressione nell'epigastrio, pesantezza e dolore nel giusto ipocondrio. All'esame, si osserva un aumento e un'asimmetria dell'addome, con una palpazione si rivela un tumore denso con una superficie collinosa. I pazienti sentono debolezza, perdita di peso corporeo, perdita di appetito. A volte ci sono attacchi di coliche epatiche e disturbi dispeptici.

In una fase complicata, malattie come: ittero meccanico derivante dalla compressione delle vie biliari, ascesso epatico, comparsa di febbre (debilitante) febbrile, che è accompagnata da alta sudorazione e brividi.

In caso di rottura di una bolla parassitaria, può sviluppare:

  • peritonite;
  • pericardite;
  • empiema pleurico;
  • colangite purulenta;
  • fistola broncoepatica;
  • polmonite da aspirazione;
  • fistola pleuroepatica.

Quando si stringe il nodo alveococcico della fessura portale, si sviluppa ipertensione portale, che è accompagnata dall'espansione delle vene esofagee, sanguinamento esofageo, splenomegalia (ingrossamento della milza) e ascite (accumulo di liquido libero nella cavità addominale).

Quando i noduli alveococcici crescono nei reni, si verificano proteinuria (proteine ​​nelle urine), ematuria (sangue nelle urine), piuria (pus nelle urine) e varie infezioni del tratto urinario. Di conseguenza, si sviluppano amiloidosi, glomerulonefrite cronica e insufficienza renale cronica.

Quando si verificano metastasi di alveococchi nel cervello, si verificano sintomi focali e cerebrali:

  • mal di testa e vertigini;
  • vomito e paresi (indebolimento dei movimenti volontari);
  • Convulsioni di Jacksonian (epilessia).

Lo sviluppo severo e rapido dei sintomi di alveococcosi si verifica in individui immunocompromessi, in donne in gravidanza e in soggetti con malattie croniche gravi. In questi casi, l'alveococcosi può essere fatale.

Alveococcosi dei polmoni

In alcuni casi, si verifica un'infezione primaria dei polmoni con alveococco. Ciò accade quando le uova del parassita (oncosfere) intrappolate nel flusso sanguigno si accumulano nei polmoni. Lì possono formarsi come nodi parassiti indipendenti. Tuttavia, molto spesso la lesione del sistema polmonare si verifica a seguito della germinazione dei linfonodi ciano-larvali dal fegato attraverso il diaframma.

L'alveococcosi dei polmoni si sviluppa per i seguenti motivi:

  1. La deposizione di oncosfere nei polmoni a seguito della loro migrazione lungo il flusso sanguigno. Nei polmoni, si verifica la formazione primaria dei linfonodi cianosi larve, circondati da tessuto polmonare solido.
  2. Quando il larvocista viene separato dagli organi colpiti, migrano con il flusso sanguigno e si sistemano nei polmoni.
  3. Quando si germinano i nodi alveococcici dal fegato alla pleura e ai polmoni. In questo caso, il dolore nella metà destra del torace può aumentare, portando a una polmonite del lobo inferiore destra. Quando rotto, larvotsisty può formare una fistola gall-bronchiale.
  4. Se il nodo alveococco cresce nei polmoni, si sviluppano i sintomi caratteristici della polmonite focale: difficoltà respiratoria e tosse persistente e dolorosa. Come risultato della suppurazione, possono verificarsi perdite di sangue mucoso o purulente, che possono portare a pleurite settica.

Le vescicole di Alvococcal sono collegate tra loro da tessuto connettivo, quindi, sono capaci di riproduzione attiva. Ciò è dovuto al fatto che la sua capsula è dotata di uno strato germinale, in cui nuove bolle crescono e germogliano. Si moltiplicano per divisione, quasi come cellule, penetrando nel tessuto circostante, assicurando in tal modo lo sviluppo continuo dell'elminto e la sua capacità di diffusione metastatica.

Il lungo stadio latente consente all'elminto di progredire costantemente nel suo sviluppo. Tuttavia, all'inizio della fase manifesta, i sintomi iniziano a manifestarsi significativamente sotto forma di febbre, tosse con rilascio di espettorato purulento. Se ci fosse necrosi del lobo del polmone con una breccia nel bronco destro, si può ipotizzare una germinazione diretta dell'alveococco dal fegato. In questo caso, c'è il rischio di formazione di fistole galliche e bronchiali. Nello stesso momento i sintomi di patologia polmonare ed epatica sono osservati simultaneamente.

L'alveococco che germoglia dal fegato ai polmoni e la pleura causa una serie di sintomi caratteristici:

  • aumento del dolore nella parte destra del torace;
  • tosse persistente con espettorato;
  • mancanza di respiro;
  • segni di polmonite focale destra del lobo inferiore del polmone;
  • gravi sintomi di pleurite;
  • pleurite settica.

Con il collasso del nodo alveococcico, si può formare una fistola gall-bronchiale con espettorato sanguinante o purulento. La rottura dell'ascesso nella cavità pleurica può portare allo sviluppo della pleurite asettica.

Nello studio del sangue c'è anemia, aumento del ROE, eosinofilia. L'esame a raggi X rivela una posizione elevata della cupola destra del diaframma, e nei polmoni ci sono molteplici formazioni con contorni irregolari, fluido libero nella cavità pleurica e anche calcificazioni bitorzolute nel fegato.

Diagnosi di alveococcosi del fegato

Come regola generale, l'alveococcosi viene diagnosticata in una fase complicata dello sviluppo, se ci sono già seri problemi di salute. È spesso identificato con il cancro del fegato. La diagnosi precoce è possibile solo nei casi di condurre un'indagine sulla popolazione per identificare questa infezione parassitaria.

Il principale metodo diagnostico di alveococcosi sono i test di laboratorio che fanno affidamento sui test immunitari e sono in grado di rilevare il disturbo anche prima dell'inizio dei segni clinici.

Per diagnosticare questa elmintiasi, vengono utilizzati test specifici, basati sulla reazione del sistema immunitario "antigene - anticorpo". La più efficace di queste è la reazione di Kasoni. Per il test Kasoni, viene utilizzata una siringa con liquido pre-preparato dalla vescica alveococcica, che viene iniettata nell'avambraccio del paziente. La stessa quantità di soluzione isotonica di cloruro di sodio viene iniettata nell'altro avambraccio. Con una reazione positiva nella zona di iniezione di gonfiore, arrossamento e prurito della pelle, che dura per diverse ore. Più i sintomi appaiono più intensi e più lunghi, più è probabile il risultato.

Da test sierologici eseguire la reazione del complemento legante Weinberg, nonché la reazione di agglutinazione del lattice con l'antigene alveococco (reazione Fishman), in cui il lattice agisce come un sorbente dell'antigene. La reazione di Fishman, a differenza della reazione di Kasoni, che può causare uno shock anafilattico, è sicura per il paziente. Si ripete quando si sospetta una recidiva. Attualmente, la reazione di Fishman viene utilizzata nello screening di massa della popolazione per identificare le prime forme di alveococcosi.

Insieme alla reazione di agglutinazione al lattice, le reazioni immunologiche enzimatiche sierologiche vengono eseguite con antigeni specifici. Questa reazione rivela la presenza di una reazione alveococcica già sul 7-21 ° giorno dopo l'infezione. Le infezioni da Echinococco e alveococco sono differenziate da questo test. La prognosi di alveococcosi è sfavorevole, i pazienti muoiono a causa dello sviluppo di ittero ostruttivo, disfunzione epatica, metastasi alveococciche nel cervello.

Trattamento di alveococcosi

Sfortunatamente, il trattamento di questa malattia parassitaria è una difficoltà significativa. È effettuato solo da un intervento chirurgico. L'operabilità è solo del 15-20% a causa della diagnosi tardiva. Anche se è indicata un'operazione chirurgica, è necessario non solo asportare il fegato in tessuti sani, ma anche rimuovere le metastasi in altri organi.

In caso di impossibilità ad eseguire un'operazione radicale, si procede allo svuotamento delle cavità di decadimento, alle resezioni palliative del fegato, alle operazioni biliari. È anche indicata la chemioterapia antielmintica, ma vale la pena dire che è inefficace.

La terapia antielmintica viene eseguita in concomitanza con interventi palliativi. Tuttavia, a causa della notevole densità del tessuto di un tumore parassita, per questa procedura devono essere utilizzati iniettori senza ago che iniettano una soluzione antielmintica ad alta pressione.

Nei casi avanzati, vengono utilizzati vari interventi chirurgici radicali e palliativi (miglioramento delle condizioni del paziente). Ma nella maggior parte dei casi, gli interventi radicali sono impossibili a causa della posizione del nodo alveococcico nella porta del fegato.

Gli interventi chirurgici radicali comprendono l'esfoliazione del nodo parassita e la resezione epatica. L'ultima procedura potrebbe essere:

Il nodo alveococcico è un'infiammazione necrotica trafitta da una moltitudine di larve vescicolari, che assomiglia a una neoplasia tumorale. Per questo motivo, molto spesso all'autopsia, viene fatta una diagnosi errata di una neoplasia maligna, poiché i nodi crescono attraverso il tessuto epatico e non lo spingono. Quando vengono rilevate metastasi nei polmoni e nel cervello, la diagnosi sembra essere più probabile. Un errore nella diagnosi viene rilevato solo dall'esame istologico. I linfonodi alveococchi sono, di regola, in entrambi i lobi del fegato, meno spesso - in uno. Possono essere multipli o singoli, in grado di fondersi l'uno con l'altro, oltre a raggiungere dimensioni e peso notevoli (pochi chilogrammi).

Il nodo viene eliminato entro i limiti del tessuto sano, o può essere tratteggiato o parzialmente asportato, oppure può essere parzialmente tratteggiato e resecato. Se ci sono più nodi e le condizioni del paziente non consentono interventi chirurgici, l'operazione può essere eseguita in più fasi per alleviare il carico sul corpo.

Quando sezionato, i nodi scricchiolano perché consistono di tessuto fibroso e sono molto duri. La struttura del nodo nella sezione ricorda il formaggio con piccoli fori. Le aree di necrosi e la formazione di cavità di dimensioni diverse sono chiaramente visibili a causa della compressione dei vasi sanguigni da parte dei tessuti fibrosi. C'è un liquido nelle caverne che assomiglia al pus liquido, ma l'esame microscopico non mostra pus lì. La germinazione dei nodi negli organi adiacenti è talvolta osservata. Queste germinazioni fungono da incrocio attraverso il quale l'alveococco può germinare in altri organi e grandi vene. Quando l'elminto entra nel flusso sanguigno, può migrare con sangue nei polmoni, nel cervello e in altri organi. Le larve di alveococco sono caratterizzate da una maggiore sintesi di ialuronidasi attiva, che contribuisce alla formazione di nodi parassitari.

Prevenzione di alveococcosi

Le misure preventive di base dovrebbero mirare a prevenire la malattia. Poiché l'alveococcosi non è praticamente curabile, la prevenzione di questa malattia è di fondamentale importanza.

È necessario sterminare i piccoli roditori e rimuovere le pelli di animali selvatici e conservarle in appositi locali non residenziali in cui i prodotti alimentari non devono essere conservati. La vestizione delle pelli viene eseguita in abiti speciali: in abiti e guanti, e dopo il lavoro, lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone.

Nell'area di distribuzione di alveococcosi, lavare accuratamente verdure, frutta ed erbe prima di mangiare.

Un posto speciale nella prevenzione dell'elmintiasi prende lavoro sanitario ed educativo tra la popolazione. In luoghi di focolai naturali, dovrebbe essere effettuata una visita medica della popolazione per la diagnosi precoce dei pazienti e il trattamento radicale. Tutte le misure preventive di cui sopra aiuteranno a salvare molte vite.

Pubblicazioni Sulla Diagnostica Del Fegato

Cosa bere per prevenire le malattie del fegato: una lista di farmaci e droghe

Diete

Le patologie epatiche sono spesso diagnosticate oggi. Il pericolo di malattie di questo organo è che nelle fasi iniziali del loro sviluppo i pazienti non presentano alcun reclamo, ad eccezione della sensazione di disagio nell'ipocondrio destro.

Cancro del fegato colangiocellulare: diagnosi e trattamento

Diete

Il cancro al fegato colangiocellulare è piuttosto raro, ma se non si inizia il trattamento in tempo, si possono sviluppare gravi complicanze. Le probabilità sono morte.

Discholia nei bambini: cosa significa una diagnosi del genere e come combatterla

Cirrosi

La dyscholia è un concetto misterioso per i genitori, perché nella maggior parte dei casi non sanno cosa nasconde un tale nome per la malattia.

Dieta Pevsner "Tabella n. 3": raccomandazioni e menu settimanali

Epatite

Quando le difficoltà con la defecazione, insieme all'uso dei lassativi, dovrebbero essere seguite la dieta corretta. La dieta Pevzner terapeutica "Tabella 3" è progettata appositamente per questo, aderendo al menu per una settimana è possibile ottenere i risultati più positivi.