Principale / Analisi

L'alcolismo porta allo sviluppo di test di cirrosi epatica

Analisi

Per la diagnosi di spesa per epatite cronica

Quando si utilizza l'acido acetilsalicilico può essere una complicazione

c) ulcerazione della mucosa gastrica

Farmaco antistaminico che causa l'effetto ipnotico più pronunciato

L'ittero si sviluppa con

13 Preparazione del paziente per gli ultrasuoni della cavità vescicale

a) mettere un clistere di olio

b) mettere un sifone clistere

d) mettere un clistere con lassativi

Un aumento della pancreatite è osservato nell'analisi delle urine.

15 Sgabelli liquidi e catramosi

Una malattia caratterizzata da attacchi di asma è

17. Che tipo di intervento non dovrebbe essere eseguito da un'infermiera, senza una prescrizione medica, con una diagnosi infermieristica di "ipertermia"

b) sfregare il corpo con acqua tiepida

d) iniezione per iniezione di farmaci antipiretici

18 L'Irrigoscopia è uno studio

Quando si tratta di costipazione, si consiglia di usare il paziente

Il difetto di riempimento nella radiografia è caratteristico

d) ulcere duodenali

Per 3 giorni dovrebbe essere escluso dalla dieta di prodotti contenenti ferro nella preparazione

a) analisi del sangue occulto fecale

La degenerazione di un'ulcera è chiamata cancro

Perdita di peso progressiva si verifica con

Il metodo più informativo per diagnosticare la dissenteria è

Trattiamo il fegato

Trattamento, sintomi, droghe

L'alcolismo porta allo sviluppo di test di cirrosi epatica

Tipi e percorsi di trasmissione dell'epatite

Quali tipi di epatite esistono, quali sono le loro cause e conseguenze? Questa malattia porta alla rottura del fegato, e questo è un effetto estremamente negativo sulla salute. Alcune forme sono letali. Il trattamento dipende interamente da quale forma viene diagnosticata. Pertanto, al minimo sospetto, è necessario contattare immediatamente uno specialista per l'esame e il successivo trattamento. L'epatite è una malattia che non può essere avviata categoricamente, in quanto è in pericolo di vita.

Qual è il ruolo del fegato?

Il fegato è uno degli organi importanti del nostro corpo. È responsabile delle seguenti funzioni:

  1. C'è un trattamento di proteine, grassi, vitamine, che sono così necessari per qualsiasi organismo.
  2. La sintesi delle proteine, compresa l'albumina, avviene precisamente con la partecipazione del fegato.
  3. La bile, che è necessaria per la digestione dei grassi, è prodotta da questo organo, sebbene sia conservata nella cistifellea.
  4. Tutte le sostanze tossiche, i veleni, i farmaci, la nicotina e l'alcol vengono eliminati attraverso il fegato. Ne prende il peso, proteggendo il corpo dai loro effetti negativi.

Epatite virale

I tipi di epatite virale sono diversi, sono tutti causati dai virus. Quelli, a loro volta, influenzano il fegato, iniziano a svilupparsi attivamente, distruggendo il corpo. Oggi, i tipi di epatite sono indicati in lettere latine dalla A alla D. Le più comuni sono 3 forme: A, B, C. Differiscono nella complessità del decorso della malattia, le modalità di infezione sono diverse. Le forme D ed E sono più rare. Il primo tipo è solitamente cronico, si sviluppa sullo sfondo dell'epatite B, durante la diagnosi uno specialista può immediatamente rilevare entrambi questi tipi. L'epatite E è una forma acuta della malattia, solitamente l'infezione si verifica quando si usano acqua e cibo contaminati.

L'origine dei virus che causano danni al fegato, al momento non è determinata con precisione. Gli scienziati non hanno completamente deciso il meccanismo dello sviluppo della malattia. Alcuni ricercatori ritengono che, dopo la penetrazione del virus nel tessuto, si verifichi un'infiammazione, danni ad alcune aree. Altri scienziati credono che il virus si moltiplica nei tessuti del fegato, attaccato alle cellule come enzimi e proteine. La riproduzione e l'infezione avvengono in vari modi, il più delle volte con sangue e altri fluidi corporei.

Epatite non virale

La classificazione dell'epatite comprende un ampio gruppo di malattie non virali:

  1. L'autoimmunità è una forma cronica rara, la cui causa non è stata ancora determinata con precisione. Si sviluppa sullo sfondo di altre malattie autoimmuni o di per sé, c'è una violazione del sistema immunitario generale del corpo.
  2. La forma alcolica oggi è abbastanza comune. Circa il 20% degli alcolisti e dei bevitori viene diagnosticato con questa particolare malattia. L'età dei pazienti è 40-60 anni, ci sono forti danni al fegato, cirrosi, distruzione del corpo.
  3. La forma grassa non alcolica viene diagnosticata in circa il 10-24% della popolazione. Le condizioni di accadimento sono diverse, i segni della malattia sono simili all'epatite alcolica, ma si verificano per altri motivi. Molto spesso il gruppo a rischio copre i pazienti con obesità grave, la malattia progredisce lentamente, ma se non trattata, porta alla cirrosi, alla formazione di tumori.
  4. L'epatite da farmaci è una forma che si sviluppa sullo sfondo di assumere vari farmaci, ad es. è una complicazione. Oggi molti farmaci prescritti per il trattamento possono causare l'apparizione della malattia, specialmente quando si assumono alcolici.
  5. L'epatite tossica è una conseguenza del danno alla pianta, alle tossine chimiche, ai prodotti industriali, ai funghi velenosi.

Epatite A: vie di trasmissione

Le forme di epatite sono diverse. L'epatite A è considerata la più semplice, non è così difficile da trattare come le altre. Il virus viene escreto nelle feci, la via di trasmissione è acqua inquinata e cibo. Tra le persone tale forma può essere trasmessa solo se il cibo è preparato con le mani non lavate. Per prevenire, dovresti lavarti le mani regolarmente, non mangiare frutta e verdura sporche, non bere acqua in luoghi non familiari.

Modi per ottenere l'epatite A:

  • sesso orale-anale non protetto;
  • acqua, cibo contaminato da un virus;
  • mani sporche.

Quali sono i sintomi con questo modulo? Di solito, i sintomi sono lievi, è difficile rilevarli nei bambini, è necessario consultare un medico. Si manifestano a circa 2-6 settimane dall'inizio dell'infezione. Negli adulti si osservano affaticamento, nausea, forte prurito, ingiallimento della pelle, bianco degli occhi e febbre. Tali segni possono essere osservati entro 2 mesi.

L'urina di solito diventa troppo scura e lo sgabello diventa gessoso, grigio chiaro.

Con tali segni, si dovrebbe immediatamente richiedere un esame, dopo di che il medico prescriverà il trattamento appropriato. È impossibile ritardare il trattamento, poiché ciò può essere dannoso per lo stato generale di salute.

Epatite B e metodi di trasmissione

Il virus viene trasmesso attraverso sangue infetto, sperma, perdite vaginali. I metodi di infezione possono essere i seguenti:

  • attraverso il contatto sessuale con una persona infetta;
  • quando si scambiano aghi con una persona infetta (si applica alle persone che di solito assumono droghe);
  • quando si utilizzano prodotti per l'igiene personale con una persona infetta;
  • per contatto diretto (attraverso una ferita, graffi, strumenti medici) con sangue infetto da epatite;
  • bambino dalla madre alla nascita.

L'epatite B stessa è classificata come acuta e cronica. I sintomi della forma acuta sono scarsamente espressi, la maggior parte dei pazienti non sospetta nemmeno quale tipo di malattia sia stata osservata. Molto spesso, i segni evidenti si riscontrano per un periodo di 6 settimane o 6 mesi, hanno una forte somiglianza con l'influenza.

Il paziente può non prestare sufficiente attenzione a loro, come febbre, perdita di appetito, affaticamento, nausea, dolore alle articolazioni, muscoli sono segni di molte altre malattie, non così pericolose. Un medico viene solitamente indicato quando la pelle acquisisce una caratteristica sfumatura giallastra e l'urina diventa scura. La forma cronica dei sintomi assomiglia acuta, in molti pazienti, dura più di un decennio, senza sintomi. Ma ci sono danni al fegato, che influenzano negativamente l'attività vitale e la prognosi del trattamento.

Epatite C: zone a rischio

Tipi, sintomi e percorsi di infezione possono essere variati. L'epatite C è considerata una delle più pericolose. Questa è una forma virale che viene trasmessa insieme al sangue di una persona infetta. La maggior parte dei casi è infetta da articoli per l'igiene (lame di rasoio, spazzolini da denti), aghi per siringhe. I bambini possono essere infettati attraverso il latte materno, che è già stato infettato da questa forma di malattia.

A rischio sono tali categorie di pazienti:

  1. I tossicodipendenti e coloro che hanno precedentemente consumato tali sostanze. Si raccomanda di essere esaminati regolarmente per escludere la presenza di una tale malattia al momento.
  2. Pazienti che hanno ricevuto trasfusioni di sangue o sottoposti a trapianti di organi durante il periodo fino al 1992.
  3. Persone che sono nate nel periodo 1945-1964. Sono i pazienti di mezza età che sono più sensibili a questa malattia, pertanto, gli esperti raccomandano di sottoporsi a un test una tantum per l'infezione. Molti non si rivolgono in tempo per la diagnosi, non prestano attenzione ai sintomi iniziali, considerandoli come un segno di una semplice indisposizione.
  4. Pazienti che, prima del 1987, ricevettero farmaci speciali per aumentare la coagulazione del sangue.
  5. Tutti i pazienti con varie malattie del fegato, che assumono farmaci che influenzano negativamente la sua condizione generale. Gli effetti collaterali possono essere osservati in molti medicinali, questo dovrebbe essere trattato con attenzione.
  6. I professionisti medici sono spesso colpiti da questa forma di epatite. Viene raccomandata un'ispezione annuale, che viene condotta non solo per identificare i segni di tale patologia, ma anche per prevenire altre malattie.
  7. Infetto da HIV
  8. Bambini le cui madri sono state infettate dall'epatite C.
  9. Le persone che hanno fatto il piercing, il metodo strumentale del tatuaggio.

L'epatite può assumere una forma diversa, ma se trovi il minimo segno di una tale malattia, devi consultare immediatamente un medico. Le malattie possono essere virali e non virali, le modalità di infezione variano. Si raccomanda ai pazienti appartenenti a questi gruppi a rischio di sottoporsi a esami regolari per iniziare il trattamento in tempo.

Cos'è il fegato grasso

Secondo le statistiche dell'OMS, un quarto della popolazione dei paesi economicamente sviluppati ha infiltrazioni di fegato grasso, che cos'è? Un altro nome è la steatosi. Questa è una condizione in cui il grasso si accumula nel tessuto epatico (dentro e intorno agli epatociti) e i cambiamenti diffusi nel fegato si sviluppano per il tipo di epatite.

L'epatosi grassa può essere attribuita alle malattie delle civiltà, il cui sviluppo è associato a un cambiamento nel tipo di alimentazione umana (prevalgono grassi e carboidrati semplici), restrizione dell'attività fisica, urbanizzazione e altri fattori.

Il pericolo di questa malattia è che non si manifesta nelle fasi iniziali. Il paziente inizia a preoccuparsi dei sintomi della steatosi, quando la malattia raggiunge il suo apogeo di sviluppo.

Una delle complicanze è una cisti - non una formazione maligna circondata da tessuto cicatriziale. Nelle forme avanzate, la distrofia del fegato grasso porta all'insufficienza epatica e persino alla morte. È importante notare in tempo le prime manifestazioni dell'obesità epatica al fine di evitare gravi conseguenze per il corpo.

motivi

Qualsiasi malattia del fegato è più comune nelle persone che abusano di sostanze alcoliche o narcotiche (tossiche). La gravità dei cambiamenti diffusi nel fegato come un tipo di epatosi grassa è direttamente proporzionale alla durata della somministrazione delle sostanze e al loro numero.

Ma contrariamente agli stereotipi universali, l'infiltrazione grassa del fegato può essere causata da altri fattori:

  • malattie metaboliche (diabete, diabete steroideo, patologie ereditarie dei sistemi enzimatici);
  • patologie dell'apparato digerente;
  • avvelenamento con sostanze o droghe tossiche;
  • alimentazione arricchita con grassi e carboidrati semplici;
  • ipocinesia (diminuzione dell'attività fisica);
  • malnutrizione prolungata, fame (carenza di proteine ​​alimentari, Kwashiorkor);
  • l'obesità;
  • lupus eritematoso sistemico.

Tutte queste cause innescano un meccanismo di accumulo di lipidi e provocano cambiamenti diffusi nel fegato dal tipo di epatosi grassa. Nel corso dello sviluppo della malattia, le funzioni della ghiandola sono disturbate, la sua biochimica e la sua fisiologia cambiano.

Nelle prime fasi, vi è un aumento del livello di lipidi, colesterolo e acidi grassi nel sangue (a causa di un'assunzione eccessiva o di una rottura del proprio). Normalmente, dovrebbero essere usati per generare energia o sintetizzare sostanze (ormoni sessuali, vitamina D, componenti della membrana cellulare e trigliceridi del tessuto adiposo). Se il corpo non ha il tempo di utilizzare questi grassi, si accumula nel parenchima dell'organo: nelle fasi iniziali degli epatociti stessi, e poi fuori da loro.

Esiste una forma idiopatica in cui può verificarsi un'epatosi grassa. È caratterizzato dall'assenza di una causa visibile. Il paziente non ha fattori nella vita che provocano lo sviluppo di un fegato grasso, ma la malattia progredisce e richiede un trattamento immediato.

sintomi

La gravità delle manifestazioni cliniche della steatosi dipende dalla gravità dell'organo. Nelle prime fasi della malattia è contrassegnato come asintomatico. In tali pazienti, i segni generali di infiltrazione grassa possono essere leggermente manifestati, ma più spesso rimangono inascoltati, - le persone li spiegano con affaticamento o indisposizione.

L'epatosi grassa è caratterizzata da tali sintomi:

  • dolore con palpazione nel quadrante superiore destro dell'addome;
  • tendenza all'edema;
  • apatia, sonnolenza, stanchezza;
  • febbre irragionevole;
  • amarezza in bocca, nausea, perdita di appetito;
  • ittero (con forme gravi della malattia).

Questi sono sintomi comuni caratteristici delle malattie del tipo di infiltrazione grassa. Molto spesso il paziente non ha tutti i segni, ma solo alcuni.

Diagnosi di steatosi

Se si identificano almeno due dei suddetti sintomi, si consiglia di contattare il proprio gastroenterologo per un esame. Sulla base di reclami, sintomi, esami fisici, metodi di ricerca strumentali e di laboratorio, il medico diagnosticherà e deciderà come trattare il paziente.

I principali metodi di diagnosi della steatosi:

  • ispezione, palpazione del fegato;
  • Ultrasuoni degli organi addominali;
  • imaging a risonanza magnetica e calcolato;
  • biopsia del tessuto epatico (esame al microscopio di un campione di organo);
  • emocromo completo e urina.

Il dolore alla palpazione in questa malattia non è richiesto. Il suo aspetto è accompagnato da epatosi grassa in alcolisti e diabetici. Quando si esplorano i confini del fegato, si nota il suo ingrandimento e indurimento.

Con l'aiuto dei metodi di diagnostica radiante (ultrasuoni, CT), uno specialista rileva aree con densità alterata in cui gli ultrasuoni oi raggi X vengono assorbiti in misura maggiore (i segni di eco cambiano). Ciò significa che i tessuti dell'organo hanno subito cambiamenti.

È residuale per confermare l'infiltrazione grassa del fegato mediante biopsia di un campione di tessuto d'organo. Per fare questo, il paziente viene forato - utilizzando un ago lungo sotto anestesia locale, viene raccolta una piccola quantità di tessuto epatico. Inoltre, questi campioni sono studiati al microscopio e con l'aiuto di test biochimici.

Su una micro-preparazione macchiata di tinture speciali, un operatore medico vedrà cambiamenti diffusi nel parenchima epatico, cioè cellule in cui grandi gocce di grasso riempiono tutto il loro spazio e addirittura distruggono gli epatociti. L'infiltrato di grasso è localizzato anche intorno alle cellule - nello stroma dell'organo. In alcuni casi (epatite adiposa alcolica), ai segni di obesità epatica si aggiungono i segni di fibrosi - proliferazione del tessuto connettivo nel sito di cellule funzionali danneggiate. Una condizione simile minaccia lo sviluppo della cirrosi epatica.

Un aumento del livello di lipidi liberi, acidi grassi ed enzimi epatici, che entrano nel sangue da epatociti distrutti, è notato nel sangue di un paziente con steatosi. Un'aumentata attività delle transaminasi nel sangue significa che il parenchima epatico è distrutto.

trattamento

Il trattamento delle infiltrazioni grasse del fegato deve essere complesso: ricorrere a farmaci etiotropici (mirati alle cause), trattamento sintomatico, terapia dietetica. La prima cosa da fare dopo aver confermato la diagnosi è, se possibile, eliminare il fattore patogeno: rinuncia all'alcol, fermare l'ingestione di sostanze tossiche nel corpo, normalizzare la nutrizione, regolare la dieta, ecc. Se l'eliminazione completa della causa è impossibile (una malattia genetica o una forma irreversibile di una malattia acquisita), allora è necessario ridurre al minimo l'effetto della malattia sottostante sul corpo - per effettuare una terapia sintomatica. In tali pazienti, dovrebbe essere permanente e sistemico.

Se la causa dell'epatosi adiposa del fegato si trova nell'alcoolismo o nella malnutrizione, se si seguono tutte le raccomandazioni del medico, la malattia può essere sconfitta in un tempo relativamente breve (un mese o due).

Ai pazienti con diagnosi di epatite (adiposo) viene prescritta una dieta speciale n. 5. La sua essenza nell'esclusione dalla dieta di grassi animali refrattari e carboidrati semplici. Il menu del giorno dovrebbe includere grassi vegetali sani e alimenti ricchi di acidi grassi polinsaturi (pesce, noci, olio d'oliva, ecc.). È anche necessario ottimizzare il regime idrico. Il volume giornaliero ottimale di acqua è di 30 ml per 1 kg di peso corporeo.

L'attenzione dovrebbe essere rivolta ai cibi ricchi di sostanze lipotropiche - promuovono la sintesi di fosfolipidi nel fegato e inibiscono la sintesi aggiuntiva dei grassi. Questi prodotti includono carne magra, formaggio, ricotta, uova di gallina, oli vegetali. La nutrizione di un paziente con epatite dovrebbe essere frazionale (5-6 pasti al giorno).

Vale la pena prendere le medicine con cautela, è un carico sull'organo malato. Qualsiasi farmaco dovrebbe essere prescritto da un medico, non si dovrebbe auto-medicare. L'epatosi epatica è un'indicazione per la nomina di epatoprotettori, che includono:

  • fosfolipidi (Gepabene, Essentiale Forte, ecc.);
  • amminoacidi (metionina, ornitina);
  • farmaci di origine naturale (alohol, Kars);
  • vitamine del gruppo B ed E;
  • farmaci lipotropici sintetici.

Oltre alla terapia dietetica, i pazienti con steatosi sono consigliati per praticare sport. Una moderata attività fisica ogni giorno sotto forma di escursioni, jogging o ginnastica semplice sarà sufficiente per "accelerare" il metabolismo.

Se vengono seguite tutte le raccomandazioni, in una settimana il paziente sentirà un miglioramento della salute. I processi di formazione della bile sono ottimizzati, i segni di distrofia grassa scompaiono e con essa la digestione. Appetito ed energia ritornano al paziente.

Cirrosi epatica: alcolismo, altre patologie epatiche

La cirrosi epatica è una fase terminale di varie patologie epatiche, caratterizzata da progressiva cicatrizzazione del fegato, che influenza la sintesi della bile, purificando il sangue dalle tossine e dai prodotti intermedi del metabolismo. Epatite grassa non alcolica, epatite virale cronica (con o senza ittero) e alcolismo sono le tre cause principali di questa grave malattia del fegato. Nel nostro paese, una tale diagnosi non è rara. È importante sapere come funziona il fegato, quali sono le conseguenze del suo danno e i moderni metodi di trattamento della cirrosi.

Funzione epatica: sintesi della bile, filtrazione del sangue

Il fegato è un organo grande e denso situato sotto i polmoni. Il fegato raccoglie il sangue dal sistema digestivo e dal cuore. Il filtraggio o "pulizia" del sangue è la funzione principale del fegato. Filtra e rimuove i rifiuti generati nel corpo e neutralizza anche le tossine in entrata, l'alcol e le droghe.

Oltre a molti altri compiti vitali, il fegato produce bile - un liquido digestivo verdastro, giallastro o marrone contenente acidi biliari. La bile aiuta ad abbattere e digerire i grassi, i carboidrati, in parte le proteine, ed è essenziale per la produzione di fattori di coagulazione del sangue. Inoltre, la bile stimola la peristalsi - è la prevenzione della stitichezza.

Il fegato immagazzina energia immagazzinando glucosio. Conserva anche alcune vitamine e minerali, come rame e ferro. Aiutano a creare nuove cellule del sangue. Il fegato svolge anche un ruolo nel funzionamento del sistema immunitario e nella regolazione della pressione sanguigna.

Fibrosi e cirrosi

La fibrosi epatica è un termine che caratterizza la presenza di un gran numero di cicatrici nel fegato. Le persone possono sviluppare la fibrosi, che è un precursore della cirrosi epatica. Inoltre, la cirrosi epatica, che inizia come lesioni fibrose, per un certo numero di anni (da 5 a 10 anni) può avere un corso nascosto. La cirrosi epatica è una fase avanzata della cicatrizzazione, che inizia a interrompere il normale flusso sanguigno e la funzione degli organi. Questa è la fase terminale della cicatrizzazione, che può essere formata nel corso degli anni.

Quando le funzioni del fegato sono compromesse, riduce la capacità del corpo nel suo complesso di svolgere funzioni strettamente legate al lavoro del fegato. Di conseguenza, minaccia l'accumulo di liquidi nello stomaco (ascite) e il sanguinamento nel tratto digestivo.

Nella cirrosi, una complicanza grave è una violazione della sintesi e dell'escrezione della bile, e metaboliti che non sono completamente neutralizzati dal fegato si accumulano nel sangue. Per questo motivo, i farmaci possono avere un effetto più forte e tossico sulle persone che li assumono, oltre che un maggiore rischio di effetti collaterali.

Un'altra complicazione è l'ipertensione portale, in cui si forma una maggiore pressione nelle vene dello stomaco, dell'esofago e del retto con il rischio di sanguinamento.

Sintomi e diagnosi di cirrosi: ci sarà l'ittero?

I sintomi della cirrosi sono spesso non specifici. Questi includono affaticamento, perdita di peso e una sensazione generale di indisposizione, l'ittero è possibile. A volte i cambiamenti nella defecazione possono includere grassi (steatorrea), feci eccessivamente scure o scolorite. Le persone con cirrosi possono essere impoverite perché perdono l'appetito e la capacità di digerire e metabolizzare i grassi e alcune vitamine. Possono verificarsi debolezza muscolare e alterazioni distrofiche nei tendini, nelle ghiandole, negli organi, nel cervello e nel sistema nervoso.

La cirrosi può portare a cambiamenti nella pelle. Il prurito della pelle è un sintomo nella patologia epatica quando il deflusso della bile è disturbato. Danni al fegato possono portare alla comparsa di vasi sanguigni dilatati sulla superficie della pelle (vene del ragno). I palmi arrossati possono essere segni di cirrosi, insieme ad un aumento delle falangi terminali e del ripiegamento della pelle.

L'ittero - che macchia gli occhi e la pelle in diverse tonalità di giallo, è un sintomo classico di una malattia epatica progressiva, poiché un eccesso di bile si accumula nel sangue e nei capillari della pelle. L'ittero può variare da sottile a grave.

Come determinare la patologia del fegato?

Insieme all'esame fisico del paziente, al rilevamento di sintomi tipici e ittero, alla valutazione della storia medica, una patologia epatica simile viene diagnosticata dai medici sulla base dei risultati dei test e degli esami strumentali. Per confermare la diagnosi di cirrosi, vengono utilizzati test per il danno epatico, esami del sangue per infezioni virali come epatite, ecografia, angiografia e biopsie epatiche. Ad oggi, non esiste un singolo esame del sangue, che sta assolutamente confermando questa patologia epatica. Marcatori non identificati che sarebbero sensibili e molto specifici per la cirrosi.

Tuttavia, ci sono diversi biomarker che, se combinati con altri dati clinici, possono causare il sospetto che si tratti di una malattia del fegato. Ad esempio, una conta piastrinica bassa senza motivo apparente oggettivo in un adulto dovrebbe causare preoccupazione sul fatto che il paziente sia sospettato di progressiva fibrosi epatica.

Alcolismo e cirrosi

Uno dei fattori nello sviluppo della cirrosi è l'alcolismo. Più a lungo e più persone consumano alcol in grandi dosi, maggiore è il rischio di sviluppare patologie epatiche e cirrosi. Secondo la ricerca, gli uomini che consumano più di 500-700 ml di alcol al giorno per più di 10 anni (affetti da alcolismo) molto spesso hanno cirrosi epatica.

Secondo gli scienziati, le donne sono più vulnerabili ai danni al fegato, che provocano l'alcolismo. Prendere anche bevande alcoliche leggere aumenta notevolmente il rischio di problemi al fegato. Tuttavia, l'alcolismo non è l'unica causa di problemi al fegato. Identificare un paziente come una persona con un alto rischio di cirrosi non significa che la persona sia un alcolizzato. Sullo sfondo di problemi esistenti con il fegato (epatite), anche piccole dosi di alcol, che non portano all'alcolismo, possono minacciare lo sviluppo di cirrosi e altre lesioni. L'obiettivo è identificare un sottogruppo di persone a rischio - hanno bisogno di misure preventive e curative.

L'alcolismo porta allo sviluppo della cirrosi epatica.

Cos'è la cirrosi alcolica del fegato e quanto velocemente può uccidere

La cirrosi alcolica è una malattia mortale. È causato dall'uso regolare di alcol e diventa rapidamente cronico con il costante consumo di bevande alcoliche, nella classificazione internazionale tra i classificatori, ha un codice per mkb K74. Attualmente, le bevande alcoliche non sono spesso riprovevoli e appaiono in ogni occasione. Nel frattempo, non solo coloro che bevono spesso e molto sono suscettibili alla malattia. Basta bere ogni giorno o ogni altro giorno, anche se non molto.

Cos'è la cirrosi?

Qualsiasi bevanda con etanolo porta sempre all'avvelenamento e alla successiva distruzione di un certo numero di cellule epatiche. Cirrosi epatica delle cellule del fegato che sono morte per alcolismo e provocano. Questa malattia non è legata al sesso, all'età o alla nazionalità, chiunque sia dipendente dall'alcol etilico può guadagnare la cirrosi.

Quanto dovresti bere alcol puro? La cirrosi è un danno epatico esteso che si sviluppa come risultato di non meno di 40 g di alcol puro preso da un uomo e più di 20 g da una donna per un lungo periodo di tempo. Hai bisogno di bere questo volume ogni giorno o ogni altro giorno. Indipendentemente dal tipo di alcol assunto da una persona, il contenuto di alcol puro viene estratto da qualsiasi bevanda. Quando le persone bevono, alcune cellule del fegato muoiono e dopo un po 'causano i primi sintomi di cirrosi alcolica.

La cirrosi è l'ultimo stadio della malattia epatica alcolica e si sviluppa in circa il 20% delle persone che bevono regolarmente alcolici. Questa patologia dà una prognosi sfavorevole se una persona non abbandona completamente il desiderio di bere e non inizia la terapia riabilitativa e l'assunzione di vitamine. Se il modo di vivere non cambia, il paziente beve come seghe, poi gli stadi si sviluppano prematuramente e la persona muore per cirrosi entro 7-10 anni.

L'uso sintomatico di farmaci riducenti in combinazione con un rifiuto completo dell'alcool può prolungare l'esistenza del paziente per diversi anni e anche migliorare significativamente la qualità della vita.

Con lo sviluppo della malattia del fegato, la patogenesi è strettamente correlata allo stile di vita del paziente. All'inizio, il fegato riesce a elaborare con successo ogni nuova dose di etanolo. Ma quando una persona beve molto e spesso, il fegato non ha il tempo di adattarsi e gradualmente si ricopre di tessuto adiposo. La capacità di riciclare i fluidi sta diventando sempre meno, e le pareti del corpo stanno diventando sempre più sottili. Le cellule muoiono e vengono sostituite da tessuto non simile, ma connettivo. Questo processo è chiamato sclerosi epatica ed è piuttosto pericoloso.

Ciò influisce ulteriormente sulle prestazioni del fegato e sulla sua capacità di processare l'alcol. Dopo un breve periodo, il corpo non affronta le responsabilità assegnate ad esso, l'etanolo, insieme ai suoi prodotti di decomposizione, avvelena il corpo, colpisce tutti gli organi interni e il sistema circolatorio. Quindi il fegato rifiuta completamente, la persona diventa disabile e muore in breve tempo.

Sintomi della malattia

Come capire che è iniziata la cirrosi epatica alcolica? I sintomi della cirrosi epatica negli alcolisti variano a seconda dello stadio e assomigliano ai sintomi dell'epatite. Nelle fasi iniziali, di solito non compaiono sintomi, tranne che per un possibile ingrossamento del fegato in volume. In altri casi, è quasi impossibile notare l'apparizione della cirrosi fino a quando compaiono i primi segni di insufficienza epatica e aterosclerosi.

I primi segni di cirrosi compaiono solitamente 5-7 anni dopo l'inizio della sostituzione delle cellule epatiche con tessuto adiposo e connettivo.

Lo stadio di ricompensa è solitamente caratterizzato da tentativi del corpo di preservare le funzioni lavorative e quindi compaiono i primi sintomi della cirrosi epatica. L'appetito diventa notevolmente peggiore, il peso diminuisce, appare la stanchezza. Sullo sfondo di debolezza frequente o persistente, compaiono sintomi di cirrosi alcolica come nausea, vomito e aumento delle dimensioni corporee.

Nella fase successiva, tutte le funzioni di lavoro del fegato gradualmente svaniscono. Un intero complesso di cirrosi epatica si sviluppa in donne e uomini ugualmente in diverse sfere della vita. La sindrome di Asthenic si manifesta nella fatica e nell'indifferenza a ciò che sta accadendo, alla comparsa della depressione e alla completa perdita di appetito. L'esaurimento completo del corpo si sviluppa abbastanza rapidamente, le prime manifestazioni di pressione arteriosa costantemente abbassata e tachicardia. Spesso le guance, il naso, i palmi delle mani e i piedi diventano rossi con la tinta viola, le mucose e la pelle ingialliscono e appaiono spesso lividi.

I sintomi della cirrosi negli uomini si manifestano in un eccesso di ormoni femminili - c'è l'obesità di tipo femminile, mentre le braccia e le gambe rimangono troppo sottili. Le ghiandole riproduttive maschili non funzionano e l'infertilità si sviluppa. Il torace aumenta, le dita assumono l'aspetto caratteristico delle bacchette con segni di graffi bianchi sulle piastre dei chiodi. In questa fase, è fondamentale iniziare il trattamento, altrimenti ci saranno cambiamenti nel corpo che non possono essere invertiti. Le vene varicose appaiono nell'esofago e nel retto, il che porta non solo al cambiamento delle vene, ma anche a frequenti emorragie da esse. Tali incidenti peggiorano drammaticamente le condizioni del corpo.

Nella fase successiva, c'è una maggiore pressione nel collo, una protuberanza si trova su un addome fortemente allargato - ascite. Le vene sono bene guardate attraverso, e la forma di una medusa su uno stomaco è tracciata. A causa del forte aumento delle dimensioni del fegato, l'ascite può infiammarsi e causare la peritonite.

All'ultimo stadio, l'encefalopatia epatica si sviluppa come risultato di tossine che si muovono liberamente nel sangue. Causano danni cerebrali, compromettono la coscienza e causano cambiamenti di personalità. Inoltre, questo stadio provoca la rottura di cuore, polmoni, stomaco, reni, intestino e danni ai nervi.

Fasi di cirrosi

I disordini funzionali dell'organo possono essere suddivisi in tre stadi successivi di cirrosi, diversi per gravità e conseguenze. Il primo stadio è la comparsa di cirrosi alcolica compensata del fegato, in cui non ci sono segni evidenti di malattia. In questa fase, il fegato è in grado di far fronte ai suoi doveri e la malattia può essere identificata solo esaminando il tessuto di un organo mediante biopsia.

Il secondo stadio è chiamato subcompensato ed è accompagnato dai primi sintomi e conseguenze gravi. È in questa fase che compare il primo fallimento epatico. L'ultimo stadio è chiamato cirrosi scompensata ed è caratterizzato da un completo fallimento dell'organo. Inoltre, quando l'alcolismo appare avvelenamento di tutti gli organi interni di una persona e il loro danno tossico. In questa fase, nessun trattamento conservativo non aiuterà, l'unico modo è un trapianto di fegato da donatore.

Tuttavia, non dovremmo dimenticare che prima del trapianto, i pazienti in attesa di intervento chirurgico sono sottoposti a un duro screening - le persone che non hanno interrotto l'abuso di alcol non entrano nella lista dei trapianti. I medici della commissione stanno monitorando da vicino l'adempimento della condizione. Molto spesso, i pazienti in attesa di un intervento chirurgico non vivono per vederlo, dal momento che la coda è molto più grande del numero di organi donatori.

Quali possono essere le complicazioni

La complicazione principale è chiamata ascite. Questa è la formazione nella cavità addominale di un fluido che non trova un'uscita dal corpo. L'accumulo di liquidi provoca un aumento del volume dell'addome, il ristagno di sangue nel corpo e un aumento della pressione. Questa malattia non è indipendente, viene solo con la cirrosi. È un'ascite che peggiora le possibilità di una guarigione completa e rapida, e aggrava anche il corso dell'intera malattia. Questa complicanza della cirrosi aumenta del 50% la mortalità dei pazienti entro due anni.

Un paziente con ascite lamenta un forte aumento del peso corporeo, crescita addominale e forte dolore addominale. Il disagio è accompagnato dall'apparizione di vene dilatate e perdita di appetito. Una persona diventa rapidamente satura e si stanca, si lamenta di nausea e costipazione.

Le complicazioni gravi e frequenti della cirrosi alcolica sono anche la peritonite e la comparsa di infezione nel corpo. Spesso, l'ascite provoca peritonite e infiammazione nella cavità addominale. I sintomi di tali complicazioni sono:

  • grave dolore al taglio nella cavità addominale e colite epatica;
  • l'aspetto di alta temperatura;
  • stitichezza, ritenzione di gas nel corpo;
  • sensazione di malessere.

Trattamento e misure preventive

La prima cosa che una persona che è determinata a sbarazzarsi della cirrosi alcolica del fegato dovrà fare è rinunciare all'alcool per sempre. Questo percorso è l'unico che porta al recupero. È anche importante organizzare un'alimentazione corretta ed equilibrata in piccole porzioni. Lo sviluppo della cirrosi porta alla malnutrizione, se è già formata. Posso bere alcolici durante il trattamento? Assolutamente no, questa è la prima regola di trattamento.

La maggior parte del trattamento della cirrosi epatica, specialmente non del primo grado, si svolge in un ospedale. Il compito principale degli specialisti è restituire le sue funzioni al fegato.

La sintesi proteica alterata è una conseguenza pericolosa dell'insufficienza epatica. Il recupero nel sangue della quantità necessaria di albumina viene eseguito con l'aiuto di contagocce.

Se nel corpo sono presenti ascite o edema normale, vengono prescritti farmaci diuretici, prescritti individualmente dal medico, tenendo conto di tutte le caratteristiche del paziente. Durante tale terapia, è importante monitorare il bilancio idrico del paziente. Se la malattia è accompagnata da colestasi, di solito si raccomanda di trattare con acido ursodesossicolico. In caso di comparsa di tale complicazione, si manifestano prurito insopportabile e aumento del livello di bilirubina.

In ogni caso, viene assegnato un complesso vitaminico che aiuta il fegato a riprendersi da gravi irregolarità nel suo lavoro. È impossibile curare la cirrosi alcolica nella seconda o nella terza fase, tuttavia è possibile sostenere il lavoro dell'organo con l'aiuto di preparazioni speciali. In questo caso, la sua vita durerà per diversi anni. Se la cirrosi alcolica viene rilevata nella fase scompensata, solo un trapianto di un fegato donatore può salvare una persona. Inoltre, questo paziente dovrà assumere determinate droghe per tutta la vita per poter vivere per più di un anno.

Per fornire misure preventive per combattere la cirrosi epatica di eziologia alcolica, è necessario eseguire diverse precauzioni che non solo ti salveranno dall'aspetto della malattia, ma anche aggiungeranno qualità alla vita di una persona. Questi metodi includono:

  • completo abbandono delle bevande alcoliche;
  • protezione del corpo contro la comparsa di virus e infezioni;
  • protezione dallo sporco sulle mani e dall'aspetto dei parassiti nel corpo;
  • corretta alimentazione;
  • osservanza delle raccomandazioni preventive del chirurgo cardiovascolare.

Quanto e come vivere con la cirrosi

È impossibile rispondere esattamente alla domanda sul numero di alcolisti con vari gradi di cirrosi epatica, specialmente se non smettono di bere. Le persone che sono state accidentalmente diagnosticate con cirrosi epatica alcolica nelle fasi iniziali vivono con essa più a lungo e più qualitativamente. La loro vita non è accompagnata da dolore eterno, altrimenti le previsioni sono molto diverse. Tutto dipende dal fatto che il paziente abbia rifiutato di bere le bevande intossicanti, poiché la continuazione del consueto stile di vita porta rapidamente allo sviluppo degli ultimi stadi della cirrosi. Dal momento che se si prende una terapia di forza e non si rifiuta di bere, la condizione peggiorerà solo. Non guadagnare la cirrosi, non bere ogni giorno o oltre misura.

Più possibilità per una vita sana nei giovani che accettano di aderire a una dieta ricca di proteine ​​e tutte le raccomandazioni del medico curante. In presenza di obesità, la condizione è un po 'peggio. In alcuni casi, un'operazione viene prescritta ed eseguita con successo - è necessario rimuovere la milza o suturare il fegato. In tutti i casi, senza eccezioni, è necessario consultare uno specialista. Se segui tutte le raccomandazioni dei medici, l'aspettativa di vita aumenta di almeno 10 anni.

Segni di cirrosi epatica da alcool nelle prime fasi e come trattare la malattia

La cirrosi alcolica del fegato è chiamata morte cronica delle cellule del fegato con contemporanea crescita del tessuto connettivo. La ragione - l'abuso a lungo termine di alcol. La malattia è comune, rappresenta il 16% di tutte le diagnosi nel mondo. La mortalità per malattia è elevata, solo il 3% dei pazienti inizia il trattamento in modo tempestivo.

Cause: eziologia e patogenesi

Gli alcolisti non hanno fegato sano - anche una piccola quantità di alcol etilico causa la necrosi degli epatociti (cellule epatiche). Il 90% dei processi ossidativi si verificano in questo organo. In esso, l'alcol etilico viene convertito in acetaldeide, quindi in acido caustico caustico, solo allora viene suddiviso in acqua e anidride carbonica. Un aumento della concentrazione di composti contenenti acido provoca disturbi nella struttura delle proteine ​​e delle membrane cellulari.

L'eziologia alcolica della cirrosi è in tossicità cronica con alcool etilico. Con un singolo uso di alcol, il corpo può sostituire le cellule danneggiate con quelle nuove, quindi la malattia non si sviluppa. Con l'alcol normale, non c'è tempo per la rigenerazione. Gli epatociti morti sono sostituiti da grasso e tessuto connettivo, che impedisce al corpo di funzionare normalmente.

In media, l'8% delle persone che consumano molto alcol per 3-5 anni si ammalano di cirrosi. Nel 35% dei casi, la malattia si verifica dopo 6-8 anni di ubriachezza costante. Con la durata del servizio di 10-15 anni, la probabilità di "uccidere" il fegato è superiore all'89%.

La cirrosi è influenzata dal tipo di bevanda consumata. Il fegato soffre di amanti della birra, ma per gli alcolizzati che bevono la vodka, gli epatociti vengono distrutti 8 volte più velocemente. Negli uomini, la malattia viene diagnosticata due volte più spesso delle donne. Ma nelle donne, la cirrosi si sviluppa molto più velocemente, i loro epatociti di fegato sono più sensibili all'alcol.

C'è un modello geografico. Secondo l'OMS, la maggior parte dei pazienti con cirrosi alcolica in Italia, Russia, Stati Uniti, Germania, Inghilterra, Turchia. Gli scienziati suggeriscono che il motivo sia nell'eredità (l'alcol viene ossidato più lentamente nei residenti di questi paesi, quindi il fegato è più esposto all'alcol).

La cirrosi si sviluppa rapidamente, anche se una persona smette di bere alcolici. La ragione: le corde del tessuto connettivo si sviluppano in profondità nel parenchima, gli shunt sono formati dai tessuti adiposi e connettivi. Interrompono l'afflusso di sangue a parti del fegato in buona salute e provocano la loro estinzione.

Segni e sintomi

Nelle fasi iniziali della cirrosi, i sintomi caratteristici sono l'ittero e la colestasi (ittero della pelle, prurito, graffi sulla pelle). Nelle prime fasi dello sviluppo della malattia si manifesta la sindrome dispeptica - nausea, sapore amaro in bocca, distensione addominale, spasmo nel giusto ipocondrio dopo aver mangiato. Sintomi in uomini e donne con complicazioni della malattia:

  • La pressione intraepatica è 3-4 volte più alta del normale, c'è una diminuzione del flusso sanguigno nel fegato.
  • Sindrome di Asthenovegetative, manifestata in una forte perdita di peso e poliipovitaminosi con nutrizione normale.
  • Aderenza alla cirrosi di iperestrogenemia, i suoi primi segni sono un aumento delle ghiandole parotidi, gonfiore delle dita, proliferazione delle ghiandole mammarie negli uomini.
  • Disturbi encefalopatici in donne e uomini: insonnia, emicranie, disturbi della memoria, tremore, debolezza, irritabilità.
  • Epatomegalia: quando si sonda il giusto ipocondrio, si avverte un ingrossamento del fegato - un fegato ispessito e nodulare.

Dalla fase 2 della cirrosi, la sindrome epatorenale porta allo sviluppo dell'insufficienza renale (il 28% dei pazienti con malattia epatica soffrono di malattia renale secondaria). I suoi sintomi sono: grave affaticamento del paziente, dolore alla regione lombare e all'addome, mal di testa, gonfiore delle gambe, macchie rosse sulla pelle. In esami del sangue di laboratorio ha rivelato un significativo aumento della creatinina e dell'azoto.

Classificazione: fasi e forme

La cirrosi da alcol passa attraverso tre fasi. A poco a poco, i sintomi diventano più pronunciati, dolorosi, si uniscono le patologie secondarie.

Lo stadio primario compensato (o gruppo A secondo la classificazione Childu-Pugh) è caratterizzato da una maggiore attività di aminotransferasi, una diminuzione delle frazioni proteiche del sangue. Fegato ingrandito in dimensioni moderate. I sintomi della prima forma di patologia sono tollerabili, 8 pazienti su 10 non prestano attenzione a loro, mentre continuano a prendere bevande alcoliche.

Con l'alcolismo progressivo, il primo stadio della cirrosi passa al secondo in 5-10 mesi. Una forma complicata della malattia è chiamata subcompensazionale (gruppo B). L'ittero aumenta, il dolore non si ferma. Un esame del sangue biochimico rivela una diminuzione del livello di albumina, protrombina e colesterolo, si osserva un aumento delle frazioni di globulina.

Se un paziente con un fegato malato continua a bere alcol, allora il terzo stadio della cirrosi (gruppo C) si sviluppa in 2-3 anni. Una caratteristica caratteristica è il decompensa- mento parenchimale e vascolare. Aumento del rischio di insufficienza epatica, encefalopatia. Nell'analisi del sangue è emersa una diminuzione del livello di albumina, colesterolo e colinesterasi. Si verifica un ipersplenismo concomitante.

Misure diagnostiche

Il danno epatico alcolico è simile alla patologia di un'altra genesi. La diagnosi è confermata dalla combinazione dei segni caratteristici della cirrosi con sintomi esterni di alcolismo (odore caratteristico di vodka, gonfiore e lividi sotto gli occhi, mani tremanti, aspetto disordinato). Per determinare la forma e lo stadio della malattia nella clinica viene effettuata:

  • Biochimica e emocromo completo, urina.
  • Ultrasuoni del fegato, delle vie biliari.
  • Scansione radioisotopica del fegato.

Questi metodi danno un'accuratezza del 70%. Se ci sono difficoltà con la diagnosi, viene eseguita una biopsia epatica, seguita da un esame istologico del biomateriale. La malattia è confermata dal rilevamento di necrosi, cicatrici, infiltrazione infiammatoria, nodi parenchimali. Contro analisi biopsia - il suo dolore e il rischio di complicanze (perigepatite fibrinica o pleurite, emorragia interna, ematomi intraepatici).

Metodi di trattamento

È impossibile curare il fegato affetto da cirrosi: il processo necrotico e le cicatrici sono irreversibili. Puoi fermare la progressione della malattia, rafforzare le cellule "sopravvissute", migliorare la funzionalità del corpo, abbandonare l'alcol. I principali metodi di terapia sono:

  • Dieta. In caso di cirrosi alcolica, è prescritta la tabella n. 5 (restrizione di grassi animali, sale, liquidi nella dieta).
  • Esclusione di farmaci epatotossici che portano alla progressione della cirrosi.
  • Assunzione di farmaci per migliorare la produzione di epatociti (Undevit, Duovit).
  • Trattamento di encefalopatia epatica con anti-assorbimento di ammoniaca (lattulosio, urosan).
  • Ricezione di farmaci per l'ascite da cirrosi (Lasix, ipotiazide).
  • Quando si verifica ipoalbuminemia, vengono somministrate soluzioni di albumina o amminoacido (alvezina, poliammina).
  • Per sanguinamento interno, al paziente viene somministrata somatostatina, vasopressina.

Se il paziente non può essere trattato con farmaci e la condizione peggiora, viene prescritta la resezione delle aree necrotiche. Il trapianto (trapianto dell'intero organo) è indicato nella esacerbazione della forma terminale della cirrosi, insufficienza epatica acuta.

Previsioni, complicazioni e prevenzione

Una malattia che si è sviluppata sullo sfondo di un alcolismo protratto è più difficile da trattare rispetto a un danno al fegato, che è apparso per un altro motivo. La previsione peggiora che gli ubriachi raramente trovano la forza di abbandonare la loro cattiva abitudine. Ma se una persona accetta di rompere con l'alcolismo, allora l'astinenza da astinenza e i farmaci presi per trattare la dipendenza possono provocare una complicanza della cirrosi.

L'unica possibilità di sopravvivere è iniziare il trattamento e abbandonare completamente l'alcol ai primi sintomi della patologia. Con la seconda fase della malattia, le persone vivono in media 7-10 anni. All'ultimo stadio, il 68% delle persone oltre alla cirrosi sviluppa rapidamente cancro, insufficienza epatica, peritonite, nefropatia, encefalopatia. Solo il 12% degli uomini e delle donne con danno epatico scompensato vive più a lungo di 3 anni.

Sintomi e primi segni di cirrosi alcolica del fegato - come e cosa trattare?

La cirrosi alcolica si verifica a seguito di abuso di alcol per un lungo periodo di tempo. In questa patologia, le cellule epatiche (epatociti) sono colpite e quindi muoiono. Circa la metà dei casi di cirrosi cade sul tipo di alcol.

Il più delle volte si verifica nei paesi della CSI in cui il numero di persone tossicodipendenti è più alto. Raramente, tali casi si verificano negli Stati Uniti, in Messico, in Cile e in Finlandia e quasi mai si verificano in Cina, India e paesi africani.

Descrizione generale della malattia

La cirrosi epatica alcolica è una patologia cronica in cui le cellule degli organi vengono distrutte. Può causare il consumo regolare di bevande, tra cui l'etanolo. Bevande alcoliche forti e poco liquide contengono diversi livelli di etanolo, ma la dipendenza da alcol può svilupparsi da qualcuno di loro.

Per le donne, il tasso di alcol consentito è inferiore alla norma maschile di 3 volte. Bere più alcol colpisce immediatamente il fegato, compromettendone il parenchima e la struttura.

L'etanolo ha i seguenti effetti negativi sul corpo:

  • gli epatociti vengono distrutti più velocemente di quanto siano stati restaurati;
  • la formazione di strutture connettive è accelerata;
  • le cellule mancano di ossigeno;
  • la produzione di proteine ​​nelle cellule del fegato è sospesa, il che porta a gonfiore e aumento delle dimensioni dell'organo.

L'alcolismo a lungo termine e incontrollato porta allo sviluppo della cirrosi alcolica (tossica) del fegato. In questo caso, le cellule sane dell'organo vengono prima colpite e poi muoiono. Al loro posto c'è tessuto fibroso e cicatrici. Quando esposto a determinati fattori negativi, la fibrosi epatica che produce cirrosi inizia a svilupparsi.

Ciò può verificarsi per i seguenti motivi:

  • consumo regolare di bevande alcoliche, cibi piccanti e grassi;
  • appartenente al sesso femminile;
  • ereditarietà;
  • mancanza di proteine ​​e vitamine.

Tutto ciò porta alla rottura del fegato, con il risultato che esso cessa di far fronte alle sue funzioni di base (disintossicazione, sintesi proteica, formazione del sangue, ecc.).

Nella maggior parte dei casi, la cirrosi tossica inizia ad apparire dopo circa 10 anni di abuso di alcool. E questo succede solo in 1/3 delle persone con dipendenza da alcool.

La probabilità di sviluppare questa patologia aumenta con i seguenti fattori:

  • abuso abituale di alcol per 15 anni o più;
  • predisposizione genetica alla malattia;
  • consumo giornaliero di tale quantità di bevande alcoliche, che contiene più di 60 g di etanolo;
  • mancanza di proteine ​​e altre sostanze benefiche.

Con l'uso frequente di alcol, il fegato inizia a produrre enzimi che processano l'etanolo e i suoi prodotti di decadimento. Tuttavia, alla fine, questo porta all'esaurimento del fegato e alla crescita eccessiva delle sue pareti con grasso, vale a dire appare l'epatosi grassa.

Quindi inizia la distruzione e la morte degli epatociti, e invece appaiono non nuove cellule, ma tessuto connettivo. Tutto ciò porta a gravi cambiamenti nel fegato e quindi alla sua completa o parziale disfunzione.

L'alcol, entrando nel corpo, inizia a essere processato, formando i radicali che causano i seguenti effetti negativi:

  • rottura cellulare;
  • danno alle membrane degli epatociti;
  • spasmi vascolari;
  • accelerazione della morte degli epatociti;
  • ipossia epatica;
  • violazione della struttura dei vasi sanguigni;
  • perdita della funzionalità epatica.

Tutte queste violazioni sono irreversibili e alla fine portano alla disabilità e alla morte.

classificazione

La cirrosi epatica è di tre tipi: piccolo nodo, grande nodo e misto. Per il tipo piccolo-annodato (micronodulare), i piccoli noduli sono caratteristici, il cui diametro non supera i 3 mm. E con tipo krupnouzlovom (macronodular), le loro dimensioni possono raggiungere 5 cm.

La classificazione di cirrosi alcolica è effettuata da deviazioni funzionali:

  • Visione compensata, in cui non ci sono manifestazioni cliniche della malattia. Rivela solo con una biopsia.
  • Tipo di cirrosi subcompensata in cui inizia a svilupparsi l'insufficienza epatica. La patologia può essere rilevata durante l'esame.
  • Forma scompensata in cui si sviluppa la disfunzione epatica completa e l'intossicazione da alcool ha un effetto negativo su tutto il corpo. L'unico trattamento in questa fase è il trapianto.

sintomatologia

I primi sintomi della malattia si sviluppano a lungo e in modo sottile. Possono trascorrere circa 5 anni prima della loro apparizione, anche se durante questo intero periodo un parenchima epatico sano sarà sostituito con tessuti fibrosi.

I primi segni di patologia includono:

  • perdita graduale di peso;
  • deterioramento delle capacità lavorative e della salute, sonnolenza, cattivo umore e mancanza di appetito;
  • arrossamento della pelle sui piedi e sui palmi;
  • bassa pressione sanguigna;
  • l'aspetto di piccole stelle vascolari.

A poco a poco, il paziente sviluppa una maggiore salivazione. Come risultato dell'espansione dei capillari, il viso del paziente diventa rosso, ma poi l'intera pelle del corpo diventa giallognola.

Il giallo si manifesta anche nella sclera degli occhi e nelle mucose della bocca. E sulle unghie formate leuconichia (strisce di bianco). Anche la forma delle punte delle dita cambia - si addensano e diventano simili alle bacchette.

Molte persone con cirrosi alcolica iniziano anche anomalie nel sistema digestivo, flatulenza, gonfiore, nausea, vomito e brontolio nello stomaco. Ci può essere anche un aumento di pressione nella vena porta, in conseguenza del quale il fluido si accumula nella cavità addominale o un allargamento della milza (splenomegalia) apparirà.

In alcuni casi, il paziente può avere aumentato le vene nelle gambe e nelle braccia.

Ci sono anche i seguenti segni di cirrosi negli alcolisti:

  • mancanza di respiro;
  • atrofia muscolare;
  • tosse;
  • tachicardia;
  • disturbi del sistema cardiovascolare.

Con la completa cessazione dell'uso di alcol, i sintomi inizieranno gradualmente a diminuire.

Se ciò non viene fatto, la malattia progredirà verso l'encefalopatia epatica, che è caratterizzata da danni tossici alle cellule cerebrali, danni ai tessuti nervosi e disfunzione delle strutture intraorganiche. In alcuni casi, può verificarsi carcinoma epatocellulare (malignità).

Metodi diagnostici

La diagnosi e il trattamento della cirrosi alcolica devono essere eseguiti da un chirurgo o da un gastroenterologo. Prima di tutto, vengono usati i soliti metodi di esame, che sono semplici in esecuzione. Questi includono l'analisi generale e biochimica di sangue, urina e feci, così come altri test di laboratorio.

Metodi diagnostici applicati e strumentali che ti permettono di ottenere la massima informazione:

  • Ultrasuoni addominali per determinare le dimensioni del fegato e della milza, la struttura del parenchima epatico e la presenza di lesioni fibrose.
  • RM e TC per determinare la struttura del fegato e degli organi adiacenti.
  • Esame elastografico relativo alla famiglia degli studi ecografici. È usato per determinare i fuochi fibrosi e il loro stadio di sviluppo.
  • ERCP per determinare lo stato dei passaggi intraepatici, i loro restringimenti o cambiamenti strutturali.
  • Biopsia percutanea.

Trattamento della cirrosi

Al fine di determinare come trattare la cirrosi alcolica, è necessario determinarne il tipo e lo stadio di sviluppo.

La prima e una delle condizioni più importanti per la terapia di successo è l'eliminazione del consumo di alcol, così come il reintegro del deficit di proteine, vitamine e minerali. In alcuni casi, il paziente con dipendenza da alcol richiede una riabilitazione sociale. Inoltre, tabella dietetica assegnata numero 5.

La parte principale del trattamento della cirrosi che si è sviluppata nell'alcolismo è in metodi conservativi, vale a dire prendere farmaci Gli epatoprotettori che proteggono gli epatociti sani rimanenti sono obbligatori. Questi farmaci includono Allohol, LIV-52, Essentiale, Phosphogliv, ecc.

Inoltre, sono prescritti i seguenti fondi:

  • Vitamine per mantenere il fegato funzionante.
  • Preparati con acido ursodesossicolico, che prevengono la sconfitta e la morte di epatociti (Ursohol, Ursosan, Ursodez, ecc.).
  • Preparazioni di adenometionina per ripristinare le cellule del fegato, prevenirne la morte, normalizzare il flusso della bile e fornire effetti antidepressivi. Il mezzo più famoso di questo gruppo è Heptral.
  • Preparati per la prevenzione della fibrosi.
  • Farmaci glucocorticoidi per eliminare l'infiammazione e la protezione contro le cicatrici.

La dieta è di grande importanza nel trattamento della cirrosi. Si raccomanda al paziente di limitare o abbandonare completamente l'uso di cibi grassi, piccanti, fritti, in salamoia, affumicati e secchi. L'apporto calorico totale della razione giornaliera non dovrebbe superare le 2.800 kcal e il volume d'acqua dovrebbe essere di circa 1,5 litri. Il cibo durante il giorno è effettuato in 5-6 ricevimenti.

Le persone con cirrosi dovrebbero bere più fibre grossolane. La carne è consigliata solo grattugiata. Con questa malattia, i prodotti a base di carne, pesce e funghi, legumi, prodotti in scatola e salsicce sono controindicati.

Possibili conseguenze e prognosi per la vita

Quindi la cirrosi alcolica è trattata e quali complicanze possono causare? È impossibile recuperare completamente da questa patologia. Puoi liberartene per sempre solo con un trapianto di fegato. Tuttavia, a causa dell'elevato costo di questa procedura e della sua complessità tecnica, è disponibile per pochi.

Se la patologia viene rilevata in una fase iniziale dello sviluppo, c'è la possibilità di interrompere il processo di distruzione del parenchima ed evitare possibili conseguenze.

Gli epatoprotettori moderni sono in grado di proteggere le cellule sane, ma non possono ripristinare quelli già morti, quindi la tempestività della decisione di diagnosi gioca il ruolo principale. L'aspettativa di vita di un paziente con una fase di cirrosi scompensata è in media 3-5 anni. Il trattamento prescritto per questa forma non elimina la malattia, ma allevia i sintomi e allevia la condizione.

La cirrosi epatica si sviluppa in circa il 10% delle persone che abusano regolarmente di alcol. Questa malattia è caratterizzata da un decorso lento, quindi il suo sviluppo può richiedere fino a 10 anni. Più spesso si verifica negli uomini oltre 40 anni.

Pubblicazioni Sulla Diagnostica Del Fegato

Cause di colesterolo alto, cosa fare, come trattare?

Epatite

Il colesterolo è una sostanza grassa che fa parte di quasi tutti gli organismi viventi. Dovrebbe essere compreso che solo il 20-30% di esso entra nel corpo con il cibo.

Farmaci per il dolore al fegato

Analisi

Disturbi del fegato sono accompagnati da disagio, dolore e pesantezza nell'ipocondrio destro. In alcuni casi, se i sintomi sono causati da eccesso di cibo, avvelenamento o alcol, scompaiono dopo aver corretto la dieta.

Regimi di trattamento del terzo genotipo

Sintomi

Nella letteratura medica, il terzo genotipo del virus dell'epatite C è descritto come uno che risponde bene al trattamento. Grazie ai moderni approcci terapeutici, è possibile ottenere una risposta virale sostenuta precoce e rapida nel 60-84% dei pazienti.

Nutrizione dopo la rimozione della cistifellea: dieta, menu, ricette

Sintomi

La rimozione della cistifellea o colecistectomia è un'operazione che influisce in modo significativo sulle caratteristiche della digestione e richiede un aggiustamento nel modo di nutrizione.