Principale / Cirrosi

Niente bruscamente per digerire alcol!

Cirrosi

La risposta di specialista alla domanda del visitatore del sito

alco40% 3 gennaio 2011, 02:16

Ciao, spero mi aiuterete! Mi scuso in anticipo per il grande volume di messaggi)

Ho 20 anni, prima di aver bevuto, non tanto ma non poco, non c'erano problemi particolari per la mattina. In precedenza, la testa e il corpo dolevano, ma per qualche ragione, la testa smise di ferire e cominciò a sentirsi nauseata al mattino e, in generale, a disagio allo stomaco.

Ma solo un mese fa ci fu una pausa. Il bar beveva un paio di cocktail, 3 bicchieri di birra e un bicchierino di vodka. In linea di principio, per me, non così tanto, non mi sentivo particolarmente ubriaco. A casa ho mangiato un sacco di carne e patate. Andato a letto, svegliato di notte, sudato, tutto tremava, nauseabondo. Quindi iniziò a vomitare. Vomito 10-15 volte in totale, vale a dire È diventato più o meno meglio il giorno successivo. Ero terribilmente assetato di notte, ma l'acqua non era stata digerita e vomitava di nuovo. E dopo questo incidente, l'alcol viene assorbito molto male. Circa 10-20 giorni dopo, ha bevuto di nuovo bene, si è alzato - andava tutto bene, ha mangiato, poi un paio di birre hanno bevuto un po 'di birra, sono andato a letto e si sono svegliati di nuovo la sera con gli stessi sintomi, molto malati ma non hanno vomitato, non hanno dormito tutta la notte. E lo stesso per il nuovo anno (10 giorni dopo) ho bevuto un po 'di tutto, circa 300 grammi di whisky, al mattino ero solo un cetriolo, nel pomeriggio era così così, la sera si è ammalato di nuovo, per 8 ore è stato male, ma la verità non ha vomitato.

Dimmi quale può essere il problema? Dove trovare una soluzione? Forse vale solo un mese per prendersi una pausa dall'alcol e lasciare che il corpo si riprenda? O è qualcosa già con il fegato o lo stomaco non lo è? Quale medico dovrei contattare?

Grazie mille in anticipo! =)

Stanislav Radchenko, 3 gennaio 2011, 17:50

Indirizzo per il gastroenterologo. È necessario controllare il pancreas, il fegato, le vie biliari, il duodeno.

alco40% 4 gennaio 2011, 02:43

Grazie, penso che lo farò =) Allora cercherò di non dimenticare di scrivere dei risultati.

Stanislav Radchenko, 6 gennaio 2011, 20:25

Sì, cerca di non dimenticare - io stesso mi sono interessato.

Pina, 8 dicembre 2012, 16:31

Ho la stessa identica situazione, ho appena vomitato la mattina, anche se ho bevuto per circa 6 anni, non era così.

Pina, 8 dicembre 2012, 16:35

E sembra di bile, capisco che molto probabilmente c'è un problema con il fegato..

10 aprile 2013 21:02

puoi aggiungere un medicinale chiamato colme

Tuono 10 febbraio 2015, 01:52

Bene, cosa ha risolto il problema? Ho più o meno la stessa cosa. Non so cosa e come. Bevevo come volevo, poi mia moglie insistette perché il codificatore parlasse con uno psicologo, io andai, lui saltò dietro di me con uno shocker che in qualche modo sparò al collo, poi disse tutto, prese i soldi e partimmo. Ho continuato a negare la codifica per almeno un anno e mezzo, poi ho bevuto troppo e poi ho bevuto di meno, mi sentivo male, poi da una bottiglia di birra e mi sentivo male, ma male. Torce l'addome in un paio d'ore, poi la pressione delle pipette cambia, poi mi strappo a lungo e poi la felicità. E i pensieri nella mia testa non lo faranno mai più. Così ho vissuto per tre anni o più, ora ho bevuto il pavimento di un panificio di vino e ho capito che la guerra è iniziata nel mio stomaco, mi siedo e scrivo mentre mi preparo mentalmente per il bagno. Beh, non voglio bere, ma mi piacerebbe avere una bottiglia di vino in compagnia, ma che dire adesso? che soluzione.

Zenith, 18 agosto 2015 13:22

Quell'uomo fortunato.

Andrew, 19 agosto 2015, 21:02

Anch'io ho più o meno la stessa cosa, non bevo già 4, perché immediatamente avvelenamento e vomito, cadute di pressione e tutto il resto. è andata da un'amica gastroenterologa, è una specialista alla moda, dottore della più alta categoria, candidato alle scienze mediche e così via, ha anche familiarità, ha detto, e ora non berrete bene, dovete curare lo stomaco del paziente, ma qui tanta felicità) molto probabilmente non c'è enzima che fende l'alcool della sua parola, o meglio, ha smesso di essere prodotto. quindi quando scopri cosa devi dirci, è interessante, cacciare, cacciare)))

tigroid, 18 novembre 2015, 12:46

Ho ancora iniziato, ma ho continuato a bere dopo un paio di attacchi simili a pancreatite acuta (terribile dolore insopportabile, vertigini, nausea, temperatura, diarrea) e un paio di visite all'ambulanza - ho smesso. il dottore ha confermato la pancreatite, holicystitis. Il rilascio di bile nell'esofago ha mostrato che l'esofagite (danno alla mucosa dell'esofago) e l'intera catena lì, in generale, come per me, causano alcol, ad un certo punto l'enzima che sputa alcol, pepsina, iniziando intossicazione, cessato di digerire proteine, una forte diminuzione di peso, sfondo di intossicazione - il pancreas è volato via e brucia l'esofago, le conseguenze per la vita, la remissione tanto attesa non si verifica, dolore / sensazioni sgradevoli frequenti, costipazione / diarrea, una dieta rigida, costantemente sui farmaci, e poi dopo diversi anni il medico non è ancora in grado di prescrivere un trattamento specifico e non c'è una diagnosi definitiva alla fine, ce ne sono molti e la FIG sa perché. Il mio consiglio è che in Russia, a causa della colpa dei re della vodka, oltre all'alcool, non c'è intrattenimento, ma il blu è un male completo e lanciarlo al più presto, cercare un'alternativa, o semplicemente condurre uno stile di vita sano, poi farsi coinvolgere e sarà più facile, tutta la salute

gala 12 novembre 2017 13:19

E dimmi, per favore. Ho anche un problema. Non appena bevo anche un bicchiere di birra, corro in bagno, non mi strappo. Sto iniziando a perdere le feci. anche se prima era tutto ok, cosa potrebbe essere?

Stanislav Radchenko, 15 novembre 2017, 11:48

gala, c'è materiale su questo sito. Questo è un problema comune con il consumo prolungato di birra.

Pavel 15 novembre 2017 11:51

Stanislav, che cos'è? Sensibilizzazione al glutine?

Lascia un messaggio

Tutti i commenti contenenti linguaggio osceno vengono cancellati senza pietà. Un esperto può fare una domanda in una sezione speciale del sito: non legge i commenti sugli articoli.

La tua email (non per la pubblicazione)

Inviami commenti su questo articolo.
Facendo clic sul pulsante Invia, accetti la politica di elaborazione dei dati personali del Sito.

L'unico sito sull'alcol su Internet russo, realizzato da esperti: tossicologi, narcologi, rianimatori. Rigorosamente scientifico. Testato sperimentalmente

Pensi di poter bere?
Fai il test, controlla te stesso!
202359 persone hanno superato il sondaggio, ma solo il 2% ha risposto correttamente a tutte le domande. Che punteggio avrai?

Motivi per non dividere l'alcol nel corpo

Molti amanti del bere alcolici sono interessati alla domanda, perché il corpo non può elaborare alcol? Il fatto è che ogni persona ha una sostanza speciale nel corpo che distrugge l'alcol. Tuttavia, se l'alcol viene abusato, il processo di fermentazione è disturbato, il che porta a processi deplorevoli.

Se le azioni necessarie vengono prese in tempo, i seguenti organi saranno interessati: i reni, il fegato, il cuore, i vasi e persino il cervello. Per capire l'argomento, è necessario capire come reagiscono gli enzimi all'alcol e di cosa sono responsabili.

Alcol all'interno del corpo

Quando l'alcol entra nel corpo, gli organi digestivi cercano di rimuoverlo e riciclarlo il più rapidamente possibile. Per realizzare il processo, il corpo ricorre all'utilizzo di enzimi come l'acetaldeide deidrogenasi e l'alcol deidrogenasi.

L'enzima alcol deidrogenasi viene prodotto per primo quando iniettato nel corpo dell'alcool. Quindi l'etanolo viene decomposto sotto l'influenza dell'enzima, senza danneggiare la salute umana con le sue azioni. Tuttavia, l'acetaldeide è considerata una sostanza tossica, quindi solo l'enzima acetaldeide deidrogenasi è in grado di far fronte a questo. Più velocemente si verifica la rottura, meno danni vengono portati dall'alcol nel corpo.

Sebbene molti medici sostengano che il corpo di ogni persona sia unico a modo suo. A questo proposito, ci possono essere diverse reazioni a un particolare alcol.

In che modo l'alcolismo influisce sulla salute?

Non c'è dubbio che l'alcolismo influisce negativamente su tutte le funzioni degli organi. Sfortunatamente, nel paese, anche in giovane età, è possibile acquisire questa malattia abusando di alcol. Pertanto, le persone hanno spesso complicazioni con la fermentazione. Il fatto è che se un paziente consuma alcol in grandi dosi ogni giorno, aumenta il livello di alcol deidrogenasi.

Con un carico maggiore sugli organi, il sistema non riesce, compreso il lavoro del resto del sistema di fermentazione. Le rotture di etanolo portano all'accumulo di molte acetaldeide deidrogenasi nel corpo. Ma questo enzima non è in grado di abbattere l'alcol etilico. Tutto ciò porta a gravi intossicazioni con conseguenze.

In altre parole, l'alcol non giova agli organi umani:

  1. In questo momento, la pressione sanguigna della persona aumenta, appare l'aritmia. Il dolore alla testa non è escluso. Quando i cambiamenti si verificano nel sistema cardiovascolare, quindi come risultato, tutto può finire per un paziente con un ictus o un infarto.
  2. Con l'uso a lungo termine di alcol, il tratto gastrointestinale è disturbato, il fluido è scarsamente assorbito, appaiono dolore all'addome, vomito e nausea. Ma non è tutto, poiché aumenta il rischio di contrarre malattie così gravi come l'erosione e la gastrite.
  3. Dopo aver preso l'alcol, il fegato cambia, questo organo ne soffre di più. Nelle prime fasi, una persona potrebbe non sentire alcun dolore e sintomi, ma questa è una specie di inganno. Organismi nocivi strisciano su tutto il fegato, portandolo in uno stato di incapacità. Gli alcolisti spesso sviluppano malattie come la cirrosi di organi e l'epatite C. Se la malattia non viene diagnosticata in tempo, il processo potrebbe diventare irreversibile per il paziente. Pertanto, non si dovrebbe solo rifiutare l'alcol, ma anche essere esaminati da uno specialista.
  4. Naturalmente, con l'abuso di bevande alcoliche, potrebbe esserci un altro effetto alcolico associato ai sistemi riproduttivo e riproduttivo. Di conseguenza, i maschi possono avere problemi di impotenza e le donne possono essere sterili. Questa notizia sconvolgerà ogni persona, perché tutti vogliono essere sani e felici. Tuttavia, il corpo ha bisogno di ordine nel sistema, solo allora è possibile evitare gli effetti dannosi dell'alcol.
  5. Poche persone pensano a cosa succede al cervello quando si consuma alcol in eccesso. Una grande percentuale di acetaldeide deidrogenasi è dannosa per il corpo, perché arriva un momento di distruzione delle cellule nervose nel cervello. Questo effetto deprimente non passa senza lasciare traccia, un problema sorge con il corpo - una diminuzione delle capacità mentali, disturbi mentali, nervosismo, panico, ecc.

In ogni caso, l'alcol, penetrando nel corpo, costringe a processare le sostanze nel peggiore dei modi per una persona. L'effetto di scissione cambia in peggio e le tossine distruggono gli organi. Prima di iniziare a bere, vale la pena ricordare che l'acetaldeide tossica è pericolosa per la salute.

Parametri individuali di una persona

Ogni corpo umano richiede una certa percentuale di nutrienti e nutrienti. Quando, invece di microelementi e vitamine, una grande quantità di alcol etilico entra nel corpo umano, il processo di assimilazione peggiora. Sebbene ogni persona risponda in modo diverso alle bevande schiumose. Ad esempio, nelle persone c'è la percezione che se una persona consuma una dose significativa di alcol, significa che ha una buona salute. Tuttavia, questo non è il caso: in questo caso, tutto dipende dal lavoro individuale del sistema enzimatico. Nell'uomo, gli indici di alcol-deidrogenasi e acetaldeide deidrogenasi sono equilibrati. Ma anche in questo caso, potrebbe esserci un diverso atteggiamento nei confronti dell'alcool, perché gli abusi ancora prima o poi portano a una violazione della fermentazione, rispettivamente, le sostanze non si dividono più bene. Vale la pena notare che tutti gli enzimi sono prodotti da un organo importante - il fegato.

Dividi o no, le malattie si manifestano in tutti i modi. Pertanto, è meglio smettere di bere del tutto piuttosto che ascoltare le raccomandazioni del medico più tardi.

È importante ricordare che una piccola dose di alcol comporta le seguenti conseguenze:

  1. Il corpo non elabora bene l'alcol, il rossore si manifesta nelle guance e in tutto il corpo.
  2. Sarà difficile assimilare tutte le sostanze benefiche nel corpo.
  3. In questo caso, il cibo non viene digerito secondo necessità, ci sono molti problemi con l'intestino.
  4. Gli enzimi si rompono con difficoltà, causando macchie rosse sulla pelle.
  5. Aumenta la temperatura corporea

Esiste una categoria di persone che non tollerano internamente l'uso di bevande alcoliche. Elaborano il corpo in modo diverso. Il livello di etanolo, scissione, aumenta. Allo stesso tempo, le acetaldeidi vengono processate più lentamente. Di conseguenza, anche una piccola quantità di alcol può causare una reazione negativa del corpo, con una scarsa trasformazione degli enzimi. Secondo i medici, queste persone spesso provano disagio e sensazione di malessere dopo un bicchiere di vino o birra. E nelle donne tutto è espresso molto più seriamente.

Come esattamente l'enzima viene processato all'interno di una persona, lo dirà il medico. Spiegherà anche la mutazione del gene nel caso di abuso di alcool: prima andrà da un dottore, maggiori saranno le probabilità di guarire e di evitare effetti dannosi.

Intolleranza all'alcol: cause, tipi

L'intolleranza all'alcol è una reazione fisiologica al consumo di bevande alcoliche o, in casi particolari, di prodotti alimentari che contengono alcol etilico.

Gli scienziati descrivono questo fenomeno come una falsa reazione del sistema immunitario umano, in cui le molecole di alcol etilico sono percepite come corpi estranei e sono particolarmente attivamente escreti dal corpo.

Poiché i sintomi sono abbastanza simili, le persone spesso confondono l'intolleranza all'alcool con una reazione allergica. E in verità, non ci sono sintomi che permettano al paziente di determinare la diagnosi esatta, in questo caso. Ci sono sospetti: dovresti consultare un medico.

Tipi di rifiuto di alcol

Esistono diversi tipi di intolleranza all'alcol:

Il primo tipo è l'intolleranza all'etanolo, detta anche reattività individuale. Spesso, un tale processo nel corpo è innescato da persone che sono spesso abusate dall'alcol. È causato da malfunzionamenti della funzione metabolica. Queste caratteristiche metaboliche sono più gravemente esacerbate nel terzo stadio dell'alcolismo. Questa immunità, più spesso, ha una forma cronica.

Il secondo tipo è l'ipersensibilità acquisita. Questo tipo è possibile dopo ferite alla testa o malattie gravi. Anche se, più spesso, è provocato dall'uso simultaneo di alcool e droghe. Nella medicina moderna, ci sono molti farmaci che non sono assolutamente compatibili con l'etanolo. Inoltre, ci sono molti rimedi popolari che hanno un effetto simile.

C'è anche un terzo tipo. L'intolleranza congenita all'alcol è la caratteristica originale dell'organismo, che è predeterminata da cause genetiche. In questi casi, una persona in giovane età, per impostazione predefinita, elabora o non percepisce affatto l'etanolo e tutti i suoi derivati.

Perché si forma l'immunità da alcol?

Inizialmente, l'immunità alcolica è il rifiuto da parte del corpo umano di alcol nella sua forma pura. La ragione di ciò non è la presenza di eccipienti nella bevanda o le fluttuazioni della percentuale di alcol (gradi). Come già accennato, l'intolleranza all'alcool ha spesso natura genetica.

Il motivo principale per questo non è che il corpo non possieda una quantità sufficiente di un enzima speciale responsabile della trasformazione di etanolo (alcol deidrogenasi), al contrario, potrebbe anche essere un po 'più, solo le proprietà dell'enzima vengono violate.

Rappresentanti di alcuni gruppi etnici spesso dominano il gene, il che dà il comando di sintetizzare forme meno efficaci di tali sostanze responsabili del trattamento di etanolo. Ciò è dovuto al fatto che lì hanno iniziato a bere alcolici molto più tardi. Quindi non ci si deve meravigliare se anche da 100 grammi di vodka a una persona con intolleranza genetica può diventare cattivo.

L'alcol etilico, quando rilasciato nel corpo umano, in una o in un'altra quantità, diventa una sostanza tossica, si deposita in alcuni tipi di tessuti e, per un certo periodo, li avvelena. La conseguenza di questo può essere sintomi come postumi di una sbornia e effetti spiacevoli, simili alle reazioni allergiche.

È quasi impossibile compensare la quantità richiesta di un enzima correttamente funzionante nel corpo, poiché i moderni farmaci non producono preparazioni mediche commercialmente necessarie.

Perché non digerire l'alcol

Segni di immunità all'alcol possono essere osservati, incluso, all'inizio della vita dell'individuo. Il catalizzatore di queste azioni è la peculiarità del comportamento enzimatico.

In altre parole, non la capacità di decomporre l'alcol etilico.

Anche gli scienziati separano una serie di cause diverse che possono influire sulla facilità di elaborazione dell'alcol:

  1. La presenza di anomalie nei linfonodi.
  2. Assunzione di alcuni farmaci per evitare il ripetersi di gravi malattie.
  3. Prendendo gli antibiotici.
  4. Identità popolare dell'uomo
  5. Uso prolungato di determinati tipi di piante o funghi per uso medico o per altri scopi.

Rossore e gonfiore sulla pelle - i primi segni di intolleranza all'alcol etilico. Si manifesta abbastanza rapidamente, entro 10-30 minuti dal momento di bere alcolici.

Molto spesso, il rossore si verifica nella testa e nel collo. In Russia, questo rossore è spesso chiamato sindrome del rossore, che può verificarsi anche quando si usano droghe.

Con l'ulteriore consumo di alcol, la reazione sulla pelle può peggiorare molte volte. Un tale processo tossico destabilizza anche il sistema immunitario, il sistema circolatorio, l'escrezione e così via.

In alcuni casi, la vittima può iniziare a tossire forte, i suoi occhi possono diventare rossi, ci saranno prurito e lancinante mal di testa.

Trattamento e diagnosi

Molto dipende dalla determinazione qualitativa e rapida della causa per la quale si manifestano i sintomi. È anche molto importante vedere la differenza e determinare con precisione se il paziente ha una reazione allergica all'alimento / all'alcool o alla non percezione dell'alcol etilico.

Se ti viene diagnosticata l'immunità genetica, allora non c'è cura per questo. Dovrebbero proteggersi dall'alcol in linea di principio. Sì, l'eccezione potrebbe essere mezzo bicchiere di champagne simbolicamente bevuto per il nuovo anno con la tua famiglia.

Se ti è stata diagnosticata un'allergia a qualsiasi componente di una bevanda che contiene alcol, ogni volta esamina attentamente la composizione del prodotto che intendi utilizzare. Non bere alcol non certificato può essere consigliato e assolutamente sano conoscitore di alcolici.

Ritornando alla diagnosi, si dovrebbe notare che nessuno è in grado di affrontare questo compito come uno specialista qualificato. Il medico ha una certa lista di azioni e un algoritmo che determina lo stato del cliente in questa situazione.

Prima dell'inizio dell'indagine, dovrà raccogliere informazioni chiare sui sintomi di questo disturbo che si sono già manifestati prima. Seguirà un esame medico esterno, alcol e test cutanei di etanolo.

Se hai dei dubbi, ti daranno un esame del sangue. Per poter finalmente convincere se stessi in presenza o in assenza di immunità da alcol, possono prescrivere un test genetico.

Il sangue verrà esaminato per la presenza di immunoglobulina, che si trova nel corpo di una persona con intolleranza allergica. Ma al fine di portare argomenti irrefutabili a favore del cliente che ha immunità all'etanolo, e non solo allergie, dovrai stanziare un sacco di soldi per un'accurata competenza genetica.

Ciò che i russi non assorbono l'alcol

Persone di diverse nazionalità, a causa delle loro abitudini alimentari e dei piccoli cambiamenti nei geni che si presentano nel corso del tempo a causa di ciò, percepiscono la stessa quantità di alcol in modo diverso. Pertanto, quando uno, molto rapidamente ubriaco, al mattino soffrirà di gravi postumi di una sbornia, altri, ubriacandosi non così rapidamente, si sentiranno abbastanza tollerabili il giorno successivo.

Due enzimi e cento geni

In effetti, ci sono circa un centinaio di geni responsabili dell'assorbimento e del conseguente utilizzo di alcol nel corpo umano, ma due enzimi che abbattono l'alcol sono il principale problema.

Uno di questi è chiamato alcol deidrogenasi, è presente nelle cellule epatiche e disidrata le molecole di alcol etilico, trasformandolo in etilaldeide (o acetaldeide - CH3CHO) - un forte veleno tossico che avvelena il corpo umano, influenzandolo 10 volte più forte dell'alcol. Dipende dalla sua concentrazione quanto forte sarà la sbronza in una persona.

Un altro enzima epatico, l'aldeide deidrogenasi, è responsabile dell'ulteriore trattamento del derivato dell'alcool. Distrugge l'aldeide di etile, togliendone una molecola di idrogeno e il veleno si trasforma in un acido acetico piuttosto innocuo, con il quale il corpo umano arriva a sua discrezione - può usarlo nelle reazioni e può essere completamente rimosso dal corpo come inutile. Ma la cosa principale - non appena l'aldeide di etile è completamente convertita in acido acetico, finisce la sbornia in una persona.

I russi soffrono di postumi di una sbornia meno spesso Yakuts

Questi due enzimi sono presenti in tutte le persone sulla Terra, indipendentemente dalla razza o dalla nazionalità (sono usati per abbattere le microdosi dell'alcol naturale che sono prodotte nel corpo di ogni persona), ma il numero e la velocità delle reazioni chimiche possono variare.

Dipende dalle caratteristiche genetiche delle persone, che sono associate principalmente alla mutazione del gene ALDH1 - questo è stato scoperto dagli psichiatri americani Laura J. Birut (St. Louis) e John Nernberger (Università dell'Indiana). Hanno anche smentito il mito secondo cui tutti i membri della razza mongoloide non tollerano l'alcol: si scopre che solo il 44% dei giapponesi, il 53% dei vietnamiti, il 27% dei coreani e il 30% dei cinesi ha trovato il gene mutante, cioè il resto di questi paesi ne soffre molto più facilmente.

Un altro gene alterato, ADH2 * 2, è responsabile per l'aumento della velocità di reazione di trasformazione dell'alcool in etilaldeide, cioè, le persone che lo hanno rapidamente non sentono bene a bere.

Dottore in Scienze Biologiche, Ricercatore del laboratorio di analisi del genoma dell'Istituto di Genetica Generale. Vavilova Svetlana Borinskaya in una delle interviste ha indicato che la ricerca degli scienziati russi ha confermato il fatto che non tutti gli asiatici tollerano miseramente l'alcol: ad esempio, solo un terzo Yakut ha un gene responsabile dell'alto tasso di accumulo di etilaldeide, che aumenta l'effetto tossico dell'alcool sul corpo.

Allo stesso tempo, Borinska afferma che questa particolarità non è associata solo alla razza mongoloide, poiché questo gene si trova spesso anche negli ebrei e negli arabi, mentre le indagini sui popoli del nord russo (Chukchi, Kets e Nenets) rivelano che hanno una combinazione di enzimi che dividono l'alcol., esattamente come gli europei.

I sudisti tollerano l'alcol, ma non tutti

L'opinione di Borinsky è parzialmente confermata dagli studi del genetista americano Deborah Hasin (Columbia University), durante il quale il gene ADH2 * 2, che aumenta la velocità di trasformazione dell'alcool in etilaldeide, è stato trovato nel 20% degli ebrei ashkenaziti. Ciò significa che anche loro soffrono molto degli effetti dell'alcol. È interessante notare che la dipendenza della presenza del gene alterato nel paese in cui è nato l'ebreo è stata rivelata - il più delle volte tali geni sono stati trovati in immigrati dalla Russia; il restante 80% delle bevande di Ashkenazi è stato più facilmente tollerato.

E il resto della popolazione della Russia si può dire la stessa cosa della popolazione del resto del mondo: le nazionalità meridionali con la pelle scura ei capelli scuri, la cui dieta aveva frutti per migliaia di anni e, quindi, erano presenti nei loro corpi, soffrivano di una sbronza. enzimi che abbattono l'alcol, prodotto durante la fermentazione di glucosio, acido dell'uva, fibre e pectina nell'intestino.

Si tratta di persone di quasi tutte le nazionalità caucasiche e "mediterranee": georgiani, armeni, abkhazi, greci, ebrei, moldavi, osseti e kabardiani, adygs, assiri, azerbaigiani. In generale, tutti quelli che hanno lasciato l'allevamento del bestiame migliaia di anni fa, l'asino e hanno iniziato a coltivare orti e vinificazione.

Nessun post-sbornia maggiore rischio di alcolismo

Per quanto riguarda i russi più biondi, portano i geni dei popoli che mangiavano carne e verdure, che nell'intestino sono principalmente fermentazioni lattiche. Per i russi, l'etanolo è una sostanza aliena, e abituarsi ad esso è molto simile all'abituarsi a qualsiasi veleno morbido. Allo stesso tempo, la biologa Svetlana Borinskaya sostiene che, secondo le ultime ricerche di scienziati russi tra russi, ogni decima persona soffre di una sbronza.

La genetica avverte che coloro che riciclano bene l'alcol e non soffrono di postumi di una sbronza non meritano di vantarsi - il fatto è che una cattiva salute dopo aver bevuto in una certa misura protegge una persona dall'alcolismo, e quando non c'è avvelenamento da alcol, che può tenere una persona dagli occhiali in più, quindi, il rischio di diventare un aumento alcolico.

Il dottore in Scienze Mediche, il narcologo Yevgeny Bryun (Mosca) ritiene che la diffusione dell'alcolismo in Russia sia molto simile alla sua distribuzione in Europa: il 5% della popolazione non beve affatto, il 60% può alzare un bicchiere al tavolo festivo, circa il 30% di uso e persino abusi. e quasi il 2% della popolazione è alcolizzato cronico.

Allo stesso tempo, gli scienziati sottolineano che, nonostante il fatto che certi gruppi di geni aumentino effettivamente il rischio di alcolismo, le caratteristiche genetiche solo del 50% determinano la propensione al vizio, cioè la persona stessa decide di bere o meno. Tuttavia, gli scienziati non rimuovono la responsabilità dall'ambiente: famiglie, genitori e amici intimi.

Perché il corpo non prende alcol e cosa fare al riguardo

Negli ultimi decenni, l'alcol ha messo radici nelle menti delle persone, come un prodotto obbligatorio sul tavolo al momento di ogni celebrazione, sia esso una festa aziendale, il compleanno di un bambino, o anche un semplice incontro con un amico. A volte tali incontri per un bicchiere vengono versati in un pessimo stato di salute, causato dal fatto che gli organi interni rifiutano l'alcol etilico subito dopo l'ingestione. Per una persona comune, questa è una normale reazione del sistema immunitario, dato che l'etanolo è una sostanza organica semplice, attribuibile a farmaci altamente attivi che inibiscono il funzionamento del sistema nervoso centrale. Questo articolo vedrà perché il corpo non assume alcol e per quale motivo appare l'intolleranza all'etanolo.

eredità

Il corpo di molte persone sta lottando per far fronte a piccole proporzioni di alcol. E spesso questo è dovuto all'eredità. Il fatto è che il vino dei popoli slavi e altre bevande alcoliche non sono stati allevati per il culto, cosa che si sta facendo ora. La vodka e altre bevande contenenti concentrazioni significative di etanolo iniziarono a diffondersi nel XX secolo, per la maggior parte, dopo la seconda guerra mondiale.

L'etanolo è il veleno più forte, perché il corpo inizia a ostacolare l'ulteriore introduzione della sostanza velenosa, e quello che entra in contatto sta cercando di rimuoverlo dallo stomaco vomitando e mobilitando tutte le risorse del corpo per abbattere l'alcol. L'enzima alcol deidrogenasi, che è prodotto nel fegato, è responsabile per l'ossidazione degli alcoli. Gli studi dimostrano che l'attività dell'enzima stesso e le dinamiche della sua produzione variano considerevolmente tra le diverse nazioni. Per le nazioni che non hanno mai effettivamente conosciuto l'alcol (abitanti della Siberia, per esempio), l'intossicazione si verifica quasi istantaneamente anche con dosi di alcol insignificanti. Gli eredi di persone che hanno continuato a bere lo stesso vino e bevande più forti per secoli, questo enzima è più attivo e più rapidamente far fronte all'ossidazione dell'alcol etilico, anche in concentrazioni significative.

Oltre al fatto che l'alcol deidrogenasi influisce sulla tolleranza dell'alcol, influisce anche sulla propensione all'alcolismo. Per evitare gli effetti del bere, il corpo che non tollera l'alcol aiuterà solo un completo rifiuto del suo uso.

Il meccanismo dell'aspetto della reazione alla vodka e ad altre sostanze contenenti alcol

Uno dei motivi per il rifiuto di etanolo è stato considerato. Ma cosa succederebbe se il corpo smettesse di assumere alcol ad un certo punto, sebbene questo non sia stato precedentemente osservato? Le bevande alcoliche, specialmente quelle meno costose, come la birra e il vino, contengono probabilmente sostanze chimiche che avvelenano ancora di più il corpo o contribuiscono al rapido assorbimento dell'alcool. Molte delle impurità sono percepite dal sistema immunitario come allergeni. Pertanto, un bicchiere di vino economico comune non solo può causare una reazione allergica, ma può anche portare a shock anafilattico.

L'industria moderna dell'alcool in realtà non produce vini e brandy naturali. Per quanto riguarda il primo, praticamente tutti i gusti, l'odore e il colore si ottengono aggiungendo i prodotti chimici appropriati all'acqua in determinate concentrazioni. Questi componenti inorganici sostituiscono completamente gli ingredienti naturali (uva, erbe), sulla base dei quali sono stati fatti i liquori e le bevande nei secoli passati.

Senza anidride solforosa, ad esempio, non viene creato vino per il consumatore medio. Dopo aver bevuto una tale bevanda, il bevitore può sopravvivere a una forte reazione allergica dal sistema immunitario. I pesticidi contenenti alcool agiscono come eptani. Interferiscono con il funzionamento degli intestini. Per questo motivo è difficile tollerare il glutine presente nei cereali (prodotti da forno, ad esempio). Inoltre, il rifiuto del glutine può essere diagnosticato per una dozzina di anni dall'apparizione dei primi segni di rigetto intestinale della sostanza.

Maggiori informazioni sulle sostanze e i meccanismi di comparsa del rigetto alcolico.

Sapendo che il corpo ha smesso di prendere l'etanolo e quest'ultimo causa una reazione negativa molto violenta, molte persone bevono ancora, anche se in piccole quantità, sperando nell'assenza di conseguenze disastrose. Di regola, non si attendono e si manifestano in:

  • nausea e vomito;
  • eruzione immediata;
  • gonfiore dei tessuti, specialmente delle estremità;
  • aumento della temperatura corporea.

Luppolo, fitoestrogeni, malto e additivi chimici contenuti in una bevanda così piacevole come la birra spesso causano uno shock pre-anafilattico, espresso in difficoltà di respirazione, perdita di forza, picchi di pressione (di solito abbassamento), l'insorgenza di convulsioni, mancanza di respiro e persino pre-incoscienza.

La nausea, accompagnata da vomito, può verificarsi dopo l'uso di surrogati a buon mercato, che comprendono vari addensanti, aromi sintetici, aromi e coloranti. Il sistema immunitario ha la sua intelligenza. Si ricorda le condizioni in cui una sostanza contenuta in un vino o altra bevanda è entrata nel corpo. Quando l'etanolo viene reintrodotto, anche se la sostanza allergica non è contenuta nella bevanda, l'immunità "ricorda" situazioni simili e reagisce appropriatamente allo stesso malto o tintura, anche se l'alcol etilico è assunto sotto forma di vodka.

E se, per tutto questo, una persona non è pronta a smettere di bere, dovrebbe contattare uno specialista allo scopo di studiare l'organismo, al fine di determinare quali particolari sostanze causano una reazione. E dopo aver individuato le cause alla radice per iniziare la loro rimozione, sulla base delle raccomandazioni dell'allergologo. In una tale situazione, il paziente è pronto a prendere praticamente tutto, soprattutto senza risparmiare fondi per il trattamento, e qui si dovrebbe fare attenzione:

  • molti medici sono guidati dal principio di massimizzare il reddito della medicina a spese dei pazienti;
  • il medico non può conoscere tutte le caratteristiche dell'organismo e la sua reazione a un particolare farmaco.

Come aiutare te stesso?

Gli ultimi fattori che le persone hanno bisogno di sapere di chi non tollera l'alcol sono discussi di seguito. Il primo e più sicuro consiglio è smettere di bere. Anche in dosi minori. Uno stile di vita sano non fa male a nessuno, e una reazione imprevedibile all'introduzione di molecole di etanolo nel corpo insieme a molti additivi chimici non porterà a nulla di buono. È molto più difficile sbarazzarsi delle conseguenze che evitare il loro verificarsi. Qui, il buon senso deve prevalere sui desideri del divertimento alcolico, soprattutto se la fonte dell'allergia è l'etanolo stesso, che è estremamente raro.

Se non c'è alcool da nessuna parte, e anche sapendo che l'allergene (la sostanza che causa la reazione allergica) è contenuto nel vino o nella birra, ma la persona vuole così tanto da continuare a berlo, si dovrebbe assolutamente consultare uno specialista. I moderni progressi in medicina aiuteranno a salvare una persona dall'apparizione di allergia alla maggior parte delle sostanze in poche settimane con costi finanziari insignificanti, ma prendere medicine per avere l'opportunità di avvelenarsi ulteriormente nonostante il fatto che il corpo resista non è una buona idea.

Perché il corpo non prende alcol: sintomi e cause

Quando il corpo non assume alcol, dopo aver bevuto bevande alcoliche, le condizioni della persona si deteriorano drammaticamente. Il deterioramento della salute si manifesta inaspettatamente e si sta sviluppando rapidamente, questo fenomeno è dovuto alla risposta del sistema immunitario allo stimolo. I principali sintomi di intolleranza sono gonfiore della mucosa del rinofaringe e arrossamento della pelle. La condizione è simile alla manifestazione di una reazione allergica, che può verificarsi a causa di intolleranza ai componenti di una bevanda alcolica, più spesso additivi speciali, come spezie o una tintura. In caso di intolleranza, la reazione non si verifica a causa di ingredienti aggiuntivi, ma a causa dell'ingresso di etanolo nel sangue.

Ci sono diversi motivi per cui il corpo non prende alcolici. Di per sé, questo fenomeno è una malattia chiamata intolleranza all'alcol. La malattia accompagna una persona dalla nascita e si manifesta nell'incapacità del corpo di processare l'acetaldeide. Le sostanze tossiche si accumulano nel corpo e si manifestano come sintomi spiacevoli.

L'intolleranza all'alcol si verifica nei seguenti casi:

  • se una persona appartiene a una razza asiatica;
  • con una tendenza alle reazioni allergiche;
  • se c'è un cancro;
  • mentre si assumono determinati gruppi antibiotici;
  • con uso continuo di disulfiram.

Le anomalie congenite sono determinate dall'incapacità genetica dell'organismo di disintegrare l'alcol. Gli organi interni non sono in grado di processare ed eliminare l'etanolo, con conseguente grave intossicazione.

L'intolleranza può essere non solo congenita, ma anche acquisita. Si verifica più spesso dopo gravi lesioni cerebrali, a causa di disturbi mentali, quando vengono rilevate patologie epatiche e renali.

Intolleranza individuale osservata negli alcolisti nella fase avanzata. A causa dell'uso costante di alcool nelle persone alcolizzate, si verifica un'intolleranza all'alcol. Questo tipo di malattia può essere attribuito al acquisito, sviluppato sullo sfondo di alcolismo cronico.

Rileva la patologia può essere completamente casuale. Se è congenito, di solito i primi sintomi si manifestano dopo il primo utilizzo di bevande alcoliche. Fino a questo punto, le persone non sanno nemmeno della loro malattia. Dopo la comparsa dei sintomi di intolleranza dovrebbe consultare uno specialista.

Non appena una persona con intolleranza beve una bevanda forte, la sua pelle inizia a diventare rossa. La reazione avviene quasi all'istante. Il rossore è piuttosto esteso e localizzato nell'area del viso, del collo, del torace. Dopo lo sviluppo di iperemia della pelle inizia gonfiore delle mucose. Tale reazione si verifica nelle persone con l'uso di droghe contenenti alcol. Se non interrompi l'assunzione di alcol in modo tempestivo, il corpo sarà gravemente avvelenato.

L'intossicazione causa disturbi nel sistema nervoso, complica il lavoro del cuore e dei vasi sanguigni, porta a problemi con il sistema escretore. Tutto ciò porta all'arresto respiratorio, allo sviluppo dell'ipossia. Nei casi più gravi, si verifica la morte clinica.

Oltre al rossore e al gonfiore della mucosa, possono essere identificati i seguenti sintomi:

  • eruzioni bolla;
  • prurito della pelle;
  • arrossamento del bianco dell'occhio;
  • aumento della temperatura corporea;
  • sudorazione;
  • febbre;
  • l'emicrania;
  • svenimento;
  • bruciori di stomaco;
  • nausea;
  • un attacco di ipertensione;
  • tachicardia.

I sintomi possono essere manifestati in forma aggregata o separatamente. L'importante è rilevare lo sviluppo dell'intolleranza alcolica nel tempo e interrompere l'assunzione di alcol. Le manifestazioni cliniche dipendono dalle caratteristiche individuali dell'organismo: più l'organismo non è in grado di scindere l'etanolo, più i sintomi sono luminosi.

La manifestazione clinica è influenzata dal tipo di bevanda alcolica. Dalle bevande di qualità, i sintomi possono apparire insignificanti e dall'intolleranza all'alcol poco costoso si sviluppa molto rapidamente. L'espressione più importante della malattia è lo shock anafilattico, che può essere fatale.

Assorbimento e degradazione dell'alcol

Assorbimento di alcol e sua scissione nel corpo

Assorbimento di alcol

La molecola di alcol è piccola e facilmente assorbita nel sangue. L'assorbimento avviene rapidamente e inizia nella mucosa orale. Circa il 20% viene assorbito dalla mucosa gastrica e la maggior parte dell'alcool (circa l'80%) viene assorbita nell'intestino tenue.

La presenza di cibo nello stomaco rallenta l'assorbimento di alcol. L'assunzione di alcol a stomaco vuoto viene assorbita molto rapidamente. Più forte l'alcol viene diluito, più lentamente viene assorbito. La carbonatazione di alcol (la presenza di anidride carbonica) accelera questo processo. Ecco perché l'alcol champagne viene assorbito più velocemente della stessa quantità di alcol nel vino saturo di carbonio. La maggior parte delle bevande alcoliche ha un valore nutrizionale molto basso, ma contiene una quantità sufficiente di calorie.

Scissione di alcol

Una certa quantità di alcol viene distrutta dagli enzimi nello stomaco e non entra affatto nel sangue. Una piccola parte dell'alcool assorbito (non più del 5%) esce dal corpo insieme al sudore, all'urina e alla respirazione. I test basati sull'alcol si basano su questo. La quantità rimanente deve essere digerita (divisa) nei tessuti del corpo. La scissione dell'alcol avviene in più fasi:

  • il primo stadio - la conversione di alcol in acetaldeide può avvenire solo nel fegato;
  • il secondo stadio - la conversione dell'acetaldeide in acetato (acido acetico) avviene anche con la partecipazione di enzimi epatici;
  • il terzo stadio (finale) è la decomposizione dell'acido acetico in anidride carbonica (anidride carbonica) e l'acqua può verificarsi in qualsiasi tessuto del corpo. In generale, questo processo può essere rappresentato come segue:

alcool (alcool) → acetaldeide → acido acetico CON2 + H2oh

La velocità con cui una persona è sobria è determinata dal livello degli enzimi corrispondenti nel suo fegato. Questo processo è assolutamente impossibile da accelerare. Il caffè e altri stimolanti non possono farlo. Attualmente, vengono pubblicizzate varie pillole, che presumibilmente contribuiscono alla sobrietà, ma possono solo neutralizzare gli effetti dell'avvelenamento da alcol. In effetti, solo il tempo può rendere una persona sobria.

Le persone che bevono fegato trattano l'alcol un po 'più velocemente del fegato che occasionalmente beve alcolici, ma fino a un certo punto. Prima o poi, fallisce e il rallentamento rallenta.

Azione alcolica

L'alcol agisce sulle cellule nervose, sopprimendo la trasmissione degli impulsi nervosi. Rallenta l'intero lavoro del cervello. Per capire come ciò accade, considera come vengono trasmessi i segnali nervosi. A riposo, gli ioni di calcio si accumulano nelle terminazioni nervose. Quando un impulso passa attraverso un neurone, gli ioni di calcio vengono rilasciati e fanno uscire la molecola trasportatrice (mediatore), che si sposta verso una cella vicina, trasferendo un segnale ad essa. Si dice che l'alcol riduca la quantità di ioni di calcio nella terminazione nervosa. Ciò impedisce alla portante di uscire e quindi rende impossibile la trasmissione di un segnale. Quando ciò accade ovunque, le normali funzioni cerebrali vengono rallentate o soppresse.

L'effetto dell'alcol sul comportamento di una persona dipende dalla dose assunta, dal peso della persona e dal tempo trascorso dal momento della somministrazione. Nella tab. 1 dato il livello di alcol nel sangue (in percentuale), se tutte le dosi sono state prese rapidamente, entro 15 minuti Una dose - una bottiglia di birra, un bicchiere di vino o una porzione (1 oncia - circa 30 grammi, che corrisponde alla capacità del bicchiere) di whisky o un'altra bevanda forte.

Tabella 1. Contenuto di alcol nel sangue a seconda della dose assunta e del peso corporeo (peso corporeo in libbre: 1 chilo è pari a 454 g),%

Tabella 2. L'effetto dell'alcolemia sul comportamento umano

Come fa il corpo ad assorbire l'alcol?

Le persone sono preoccupate per la domanda: "Quanto dura l'alcol etilico nel sangue?" Soprattutto questo argomento riguarda gli automobilisti e coloro che hanno bisogno di visitare un medico. Dopo tutto, una conoscenza accurata del tempo di assorbimento dell'alcool e la sua rimozione dal corpo possono aiutare a risolvere molti problemi. Ci sono tabelle speciali che mostrano la possibile tempistica del ritiro dell'alcol.

Proprietà del sangue dopo l'alcol

Quando una persona assume farmaci e alcol, le sostanze contenute in esse iniziano a interagire tra loro, una reazione chimica si verifica nel suo corpo, il che porta a cattiva salute. A volte basta bere solo un bicchiere di champagne.

Alcol a contatto con il corpo, passando attraverso diverse fasi:

  1. Dallo stomaco, l'alcol etilico entra nel flusso sanguigno, sono completamente miscelati.
  2. Nel processo di digestione, si verifica l'ossidazione.
  3. Il prodotto rimanente viene eliminato dal corpo.

Dopo aver preso l'etanolo, quasi istantaneamente, viene assorbito. Il processo inizia nella mucosa. Continua la reazione: lo stomaco. La concentrazione massima viene raggiunta molto rapidamente. Puoi conoscere i suoi valori (quanto bere, quanto dura l'intossicazione) in speciali tabelle di digeribilità.

Dopo che l'alcol entra nel flusso sanguigno, il corpo cerca prontamente di respingere l'alcol da se stesso. Il grande lavoro in questo momento esegue il fegato umano. Quanto dura la concentrazione di alcol etilico nel sangue, può essere determinata da tabelle speciali.

Quanto velocemente l'alcol viene eliminato dal tavolo del sangue

L'alcool rimanente, digerito e non rimosso dal corpo, inizia a decomporsi gradualmente. L'alcol viene convertito in acqua e anidride carbonica. Quindi, possiamo tranquillamente dire che fino a quando l'alcol non supererà tutte le fasi, ci vorrà molto tempo. Ciò significa che la presenza di alcol nel sangue durerà abbastanza a lungo.

Criteri di tasso di eliminazione

Dal corpo femminile, l'alcol viene assorbito molto più velocemente rispetto al corpo maschile, ma il processo di eliminazione è del 20% più lento rispetto al sesso più forte. Cioè, l'intossicazione di una donna dura molto più a lungo di quella di un uomo.

Una donna non deve bere una bevanda forte per ubriacarsi. Basta con lo champagne semplice, che amano così tanto. In media, la forza di questa bevanda è dell'11%. In altre parole, in un litro ci sono 11 g di etanolo.

Nel sangue di alcol mantiene un certo tempo, è chiaramente visto dal tavolo. I principali fattori che influenzano la digeribilità sono:

Danni di alcol sul corpo

Il sesso di una persona.

  • Stato di salute
  • Peso corporeo
  • Quantità bevute.
  • Ricevimento di preparazioni mediche. Sono in grado di aumentare o diminuire il tasso di ritiro delle tossine.
  • Uso frequente di alcol. In caso di consumo continuo, il tempo di assorbimento è molto più lungo.
  • La presenza di malattie croniche.
  • Stato emotivo In caso di stress grave, il ritiro dell'alcool diventa molto più veloce con l'accelerazione del metabolismo.
  • Quanto alcol viene escreto

    Questo è influenzato da diversi fattori molto importanti. Nella tabella di digeribilità può essere determinato per ogni stato del corpo la quantità di alcol in uscita. Quindi, in primo luogo nella conclusione di alcol può essere messo l'esperienza.

    La presenza di una certa quantità di alcol nel sangue, quanto tempo è digerito nel corpo, soprattutto individualmente. Ma ci sono alcune sfumature comuni. La conclusione dell'alcol e il tasso di digeribilità dipendono dal tempo di assunzione di alcol, per quanto tempo tali periodi sono durati.

    In linea di principio, questo parametro si riferisce al puro individuo, ma se si prendono caratteristiche comuni, possiamo trarre la seguente conclusione. L'alcol lascerà il corpo molto più velocemente se la sua dose fosse minima, e l'assunzione di alcol molto raramente.

    Le persone che assumono costantemente alcolici e a cui l'alcol sostituisce tutti gli altri liquidi, difficilmente possono sperare in un rapido ritiro di alcol dal corpo. La percentuale di alcol etilico nel sangue è mantenuta così grande che il ritiro può durare per settimane.

    Stato emotivo

    Colpisce enormemente il tempo in cui l'alcol è nel sangue. Una varietà di emozioni e il nostro umore influenzano il tasso di assorbimento e il ritiro di alcol.

    Se dovessi bere rapidamente e molto nervoso, la digeribilità sarà praticamente ridotta a zero. L'alcol non sarà in grado di resistere a lungo, scomparirà molto rapidamente. Ma se è stata una lunga festa, l'alcol entrerà nel flusso sanguigno e verrà visualizzato per diversi giorni.

    Presenza di malattia

    Rimozione di alcol dal sangue

    È molto difficile dire esattamente in che modo questa o quella malattia influisce sull'assorbimento dell'alcol. Non esiste un tale tavolo in cui venga mostrato esattamente quale malattia cronica e in che modo influenzerà il tempo di assorbimento dell'alcol.

    Si può solo supporre che se il metabolismo corporeo è molto più lento di quello di una persona normale, ci sarà un rallentamento nel processo di eliminazione dell'alcol. Questo può spiegare perché le persone in giovane età, sobrio molto più veloce rispetto alle persone anziane.

    Caratteristiche individuali

    Prima di tutto, riguarda l'etnia. Alcuni popoli hanno una resistenza all'alimentazione di alcol a livello genico. Ad esempio, è sufficiente che gli Yakuts bevano un bicchiere di alcol per ubriacarsi. Ma i popoli che vivono nel Caucaso, sono in grado di bere una grande dose di alcol e non ubriacarsi.

    Alcol e digestione

    L'uso di alcol per migliorare la digestione non è nuovo. Durante il Medioevo, San Benedetto di Anienne, che governava il famoso chiostro, insistette affinché il cibo monastico fosse accompagnato da almeno una terza bottiglia di vino. Un secolo dopo, Erasmo - un umanista, filosofo e buon amico di Thomas More - scrisse che sperava che il vino avrebbe aiutato la sua digestione. Più vicino ai nostri tempi, il filosofo francese del XVIII secolo Helvetius disse:

    Non c'è niente di sbagliato nel bere moderatamente vino, in quanto è utile e persino necessario per migliorare la digestione e rafforzare l'addome. Un tradizionale bicchiere di sherry prima dei pasti rafforza l'appetito, stimola la mucosa gastrica e rilassa sia l'ospite che l'ospite in modo che possano godere mentalmente e fisicamente il cibo.
    San Benedetto di Anienne ha benedetto la tradizione di servire il vino con il cibo, ma la tradizione dell'aperitivo va molto indietro nel tempo. Gli antichi romani usavano il vino per stimolare l'appetito, e l'abitudine di bere prima dei pasti era stabilmente stabilita in Inghilterra nel diciassettesimo secolo.

    Anche se, con un consumo moderato, un bicchiere di champagne o di sherry aumenta l'appetito, ma, come dimostrato dalla ricerca, gli alcolizzati invariabilmente hanno scarso appetito e l'alcol e la digestione sviluppano una particolare dipendenza dal cibo. Osserva quanto stranamente una persona che si beve si comporta a un tavolo in un ristorante: può comportarsi come un maiale ed energicamente, con piacere, assumere roast beef, ma rifiuta timidamente verdure e pane. Molte persone che bevono possono anche essere felici di mangiare cibi grassi e ricchi di proteine ​​senza peggiorare i loro problemi di stomaco.

    Sebbene l'alcol stimoli l'appetito, non aumenta, stranamente, la salivazione.
    Se c'è un aumento della salivazione durante il consumo di un bicchiere pre-pranzo di alcol, non è un effetto diretto dell'alcol sulle ghiandole salivari, ma il risultato di pensieri su cibi e bevande nel periodo di attesa.

    Durante il bere e la parotide (queste sono le ghiandole che aumentano nella parotite) e altre ghiandole salivari producono meno saliva; pertanto, il cibo sembra essere più secco, il che può causare difficoltà nella deglutizione. La mancanza di saliva è uno dei motivi (oltre alla disidratazione), perché, dopo un "buon pranzo", la gente di solito si sveglia con la gola secca, la lingua incollata al cielo ei denti che vogliono pulire.

    Ghiandole salivari ingrandite:

    Gli alcolisti soffrono di sialadinosi (sialadenosis), un aumento delle ghiandole salivari, che è particolarmente visibile se le ghiandole salivari parotidee sono colpite.
    Si tratta di ghiandole salivari parotidee ingrandite che conferiscono agli alcolizzati l'aspetto di uno "scoiattolo" o di una guancia di criceto, le caratteristiche spesso utilizzate dai moltiplicatori in cartoni animati di anziani colonnelli dal volto rosso.

    Ci sono molte altre ragioni per l'aumento cronico delle ghiandole salivari parotidee, e proprio come la disfagia (disturbo della deglutizione), non deve essere attribuito alla dose giornaliera di chiaretto - fino a quando questi buchi, altre cause potenzialmente pericolose sono esclusi. Anche pochi bevitori dovrebbero prestare attenzione ad un aumento delle ghiandole salivari parotidee, poiché vi sono alcune prove che questo è il più caratteristico del danno epatico.

    Malattie dell'esofago:

    L'esofago non è inoltre protetto dagli effetti dannosi di eccessiva bramosia di alcol, e la sua infiammazione cronica può svilupparsi. È noto come esofagite e colpisce la parte più bassa dell'esofago, situata dietro lo sterno, causando caratteristici dolori di bruciore, familiari a tutti come bruciori di stomaco. L'esofagite si aggrava nelle prime ore del mattino e induce le persone a saltare fuori dai loro letti per trovare latte o antiacido e lenire il dolore.

    L'esofagite è talvolta associata all'iniezione di acido cloridrico dallo stomaco all'esofago, che causa una sensazione di "attacco acido". I tossicodipendenti, specialmente durante il duro consumo, sono soggetti a questi sintomi. Furono condotti degli esperimenti durante i quali l'etanolo, la birra, il vino e gli alcolici furono iniettati direttamente nello stomaco. È stato riscontrato che l'alcol prodotto dai birrifici o dai commercianti di vino aumenta la produzione di acido cloridrico e reflusso (reflusso) più delle soluzioni alcoliche acquistate in farmacia.

    È interessante notare che, anche se in una certa misura il reflusso esofageo può verificarsi nella maggior parte delle persone che bevono, molti di loro non hanno avuto alcun dolore o disagio, e durante il reflusso dell'esame causato esofagite in una minoranza di casi. Lanciare acido cloridrico dallo stomaco all'esofago, insieme a vapori alcolici che possono risaltare dal contenuto dello stomaco, può distruggere la voce di un cantante d'opera, motivo per cui è consigliato non bere per diversi giorni prima dello spettacolo. Molte persone, specialmente con l'età, notano che dopo una notte di divertimento le loro voci sono rauche, e se potessero vedere le loro corde vocali sullo schermo diagnostico, sarebbero sorprese di vedere quanto sono rosse e gonfie.

    Malattie dello stomaco (gastrite, ulcera):

    Sembra che il bruciore di stomaco e il dolore al torace possano essere causati anche da una ridotta motilità esofagea. così come la combustione del muco. Gli esperimenti hanno dimostrato che la peristalsi sbuffa nei consumatori di alcol. Questo effetto sulla peristalsi esofagea può causare problemi con la deglutizione, compresa la sensazione che il cibo sia bloccato durante la caduta. Questo sintomo, noto come disfagia, può essere il risultato della formazione di cicatrici croniche dell'esofago, vale a dire la presenza di anelli insoliti ingrandì il mouse, o meno spesso - l'istruzione maligna. Qualsiasi difficoltà a deglutire dovrebbe essere investigata immediatamente.

    La mucosa gastrica può adattarsi a un'ampia varietà di stimoli. Anche in questo caso, alcune bevande alcoliche sono troppo forti per stimolare la produzione di gastrina, un ormone che è coinvolto nella produzione di acido gastrico e, di conseguenza, nella digestione, tenendo conto che la maggior parte delle bevande alcoliche diluite, birra e vino, contribuisce alla sua produzione. Un bicchiere eccessivamente grande di whisky prima di cena può causare infiammazioni allo stomaco, così gravi in ​​alcune persone che una leggera perdita di sangue attraverso il rivestimento dello stomaco può essere dimostrata rispetto ai succhi gastrici.

    L'assorbimento di alcol nello stomaco dipende da molti fattori, tra cui la concentrazione e il carattere della bevanda alcolica, sia essa bevuta dopo un pasto o a stomaco vuoto, sia dalle caratteristiche individuali del bevitore, incluso il suo genere. Il vantaggio di bere a stomaco pieno è che l'alcol tende ad essere assorbito principalmente nello stomaco e non passa troppo velocemente nel duodeno; Una volta nel duodeno, l'alcol entra rapidamente nella circolazione sanguigna. Uno studio recente ha anche dimostrato che dopo un buon pasto, l'alcol non viene solo assorbito più lentamente, ma viene anche utilizzato più velocemente. Questo spiega l'osservazione generale che di sera con i cocktail puoi ubriacarti più facilmente e più velocemente che in una buona cena.

    Uno dei motivi per cui l'alcol nel corpo si divide meno efficacemente se il bevitore è affamato è perché la fame riduce il livello di alcol deidrogenasi (ADH), un enzima naturale che abbatte l'alcol. Per le donne con ADH, il sistema funziona meglio con l'età, e per gli uomini - il contrario. Le donne in pre-menopausa soffrono di più alcol, perché nello stomaco metà dell'ammontare di ADH che gli uomini hanno. Fortunatamente, la maggior parte dell'ADH del corpo è in realtà fornita dal fegato (negli uomini, l'80% dell'ADH produce il fegato, il 20% dello stomaco), ma anche in questo caso, questa mancanza di stomaco femminile significa che le donne più giovani raggiungono più velocemente livelli più elevati di alcol nel sangue, rispetto agli uomini, anche se non bevevano più degli uomini che bevono con loro, e tendono a non sobri non così rapidamente. Ci sono altri fattori che spiegano la reazione delle donne all'alcol, ma ovviamente un uomo sciovinista che crede che questo sia determinato dalla mancanza di personalità femminile, o persino dall'intelligenza, è sbagliato.

    La mezza età porta alcune consolazioni inaspettate per le donne: una donna allegra e dissoluta che conoscevo dal tempo in cui eravamo entrambi adolescenti, di solito non potevamo bere più di 1-2 bicchieri di alcolici per notte senza avvertire una leggera vertigine, ma ora dice con orgoglio che può bere quella quantità, dopo di che ogni uomo sarà sotto il tavolo. Sembra sbagliato dirle che questo è solo perché ora ha una menopausa: il suo livello di ADH è aumentato, e il suo equilibrio ormonale è più maschile - c'è più testosterone nel corpo di estrogeni. Forse la terapia ormonale sostitutiva manterrà la stessa reazione dello stomaco di una donna come prima della menopausa.

    La gastrite cronica, l'infiammazione della mucosa gastrica è un evento comune negli alcolisti. Chi non ha sentito i suoni terribili provenienti dal bagno la mattina presto, quando l'ubriaco era finito? La tosse e la nausea di solito il malato attribuisce al fumo, che così spesso accompagna l'ubriachezza, ma noi che lo abbiamo visto per porto ieri notte, conosciamo la verità. La nausea tende ad abbassarsi gradualmente a metà mattina, in modo che possa godersi una pausa caffè e persino mangiare un piccolo pranzo. La colazione, tuttavia, è esclusa. Diverse revisioni hanno dimostrato che fino al 70% delle persone che bevono regolarmente e moltissimo hanno un'infiammazione del rivestimento dello stomaco. I medici non hanno ancora concordato sul perché ciò stia accadendo ed è difficile riprodurlo sperimentalmente. Alcuni esperti ritengono che la gastrite alcolica cronica derivi da un effetto indiretto, piuttosto che diretto, dell'alcol: è stato suggerito che la malnutrizione e il lancio di contenuti intestinali nello stomaco causano più infiammazione cronica rispetto all'alcool stesso.

    Uno studio fatto all'università di Padova in Italia nel 1992 ha rivelato un legame molto chiaro tra quanto fuma il paziente e lo sviluppo della gastrite atrofica cronica in coloro che bevono anche. Come in molti altri aspetti della salute, la combinazione di fumo e abuso di alcool sembra particolarmente incline a causare problemi. Troppo spesso si biasima l'alcol dove è solo parzialmente responsabile; in verità, è l'effetto combinato di queste due cattive abitudini che ha un effetto dannoso.

    Malattie intestinali (ulcere, pancreatite):

    Non tutte le dispepsia nelle persone che abusano di alcol sono associate allo stomaco. L'alcol influisce sulle funzioni dell'intestino tenue, influenzando sia l'apporto di sangue che la sua peristalsi; È un po 'sorprendente che il bere peggiori i sintomi di un'ulcera duodenale. Negli ultimi anni, è generalmente accettato che l'infezione da Helicobacter pylori sia responsabile dell'ulcera, indipendentemente dal fatto che l'ulcera si trovi nello stomaco o nel duodeno e per alcune forme di infiammazione gastrointestinale. Speravo che l'alcol fosse in grado di distruggere questo microrganismo. Per le persone anziane, questo è vero, ma sfortunatamente, questo è uno dei vantaggi che appare solo all'età di sessantacinque quando l'autobus parte. In giovane età, il consumo di alcol tende ad essere associato ad una maggiore incidenza di infezione da Helicobacter pylori. La gente di mezza età cade tra questi due gruppi: l'alcol, a quanto pare, in ogni caso non li inserisce in nessuno.

    Si ritiene spesso che le bevande alcoliche relativamente forti ma leggere, come lo champagne, ingannino il corpo in modo tale da svuotare rapidamente lo stomaco e assorbire rapidamente l'alcool nell'intestino tenue. Si ritiene che ciò spieghi la reazione immediata allo champagne e, quindi, la sua popolarità durante le vacanze. Bastano solo un paio di occhiali per alzare il livello dei decibel, e bisogna tener conto che il silenzio della sala fumatori del club non è disturbato dai suoi membri che usano il whisky, il cui gatekeeper, l'uscita dello stomaco, è stato chiuso dopo i primi sorsi che alleviano la tensione.

    Ci sono prove che la forza di una bevanda è determinata dalla velocità con cui passa attraverso lo stomaco nell'intestino tenue. L'alcol non si divide affatto nell'intestino tenue, sia negli uomini che nelle donne, ma in quelli e in altri, non appena raggiunge l'intestino, viene assorbito più velocemente che attraverso la parete dello stomaco. Sebbene gli spiriti vengano assorbiti attraverso la parete dello stomaco, potrebbe non essere altrettanto importante nel determinare il livello immediato di alcol nel sangue quanto la velocità con cui la bevanda alcolica passa dallo stomaco all'intestino tenue. Esistono prove scientifiche che gli spiriti ritardano il rilascio dello stomaco e quindi potrebbero non avere un effetto inebriante così rapido, specialmente a stomaco pieno, come alcuni degli spiriti leggeri.

    I problemi medici di Geoffrey Bernard hanno riempito molte colonne nell'Observer, nel Private Gaze e in altri diari. All'inizio, sembrava essere infastidito solo dalla pancreatite cronica, che in seguito può portare all'insufficienza pancreatica e al diabete. Il pancreas è il principale organo digestivo del corpo, poiché è il centro di produzione degli enzimi necessari. Inoltre, contiene le isole di Langerhans (Langerhans) o le ghiandole endocrine che producono insulina. Il diabetico medio deve essere in grado di bere moderatamente: sarà in grado di adattare il trattamento, dato l'uso di alcol insieme al cibo. Tuttavia, chi abusa di alcolici può essere alla mercé di un diabete problematico grave.

    La pancreatite è di solito una malattia dolorosa, anche se a volte può verificarsi con poco o nessun dolore. In ogni caso, se la pancreatite cronica si sviluppa, le condizioni del paziente tendono a peggiorare e quel paziente finisce con il diabete e una cattiva digestione, caratterizzata da steatorrea, diarrea persistente con feci puzzolenti e contenenti grassi. Jeffrey Bernard non ci ha detto del suo intestino, ma ci ha dato una lista straziante del suo diabete e le complicazioni che ne sono derivate. Tre quarti di tutti i casi di pancreatite sono associati ad alcolismo cronico o malattia delle vie biliari, il cinque per cento delle persone che abusano di alcol hanno avuto un attacco di pancreatite acuta o sviluppato una forma cronica.

    Jeffrey Bernard si adatta alla descrizione di un paziente tipico: è un uomo di mezza età e, secondo la sua lettera autobiografica, beve eccessivamente. La prospettiva di un paziente con pancreatite acuta è cattiva. Dieci anni dopo che la malattia è passata allo stadio cronico, l'insuf- ficienza pancreatica segue e questo, a suo tempo, risulta fatale.

    Anche se la pancreatite è più comune negli uomini, ma questo è perché gli uomini hanno maggiori probabilità di essere donne che abusano di alcol. Paradossalmente, ma quando si beve alcol alla pari con gli uomini, le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare pancreatite - un altro esempio della necessità per le donne di rimanere basse o moderatamente ubriache. Un attacco di pancreatite acuta si manifesta con forte dolore nella regione centrale superiore dell'addome, che restituisce. L'esordio è troppo improvviso ed è probabile che possa essere confuso con la perforazione dell'ulcera. Il dolore è molto difficile da rimuovere, anche con l'aiuto dei farmaci più potenti, e lo stomaco è molto stretto.

    In ogni caso di dolore addominale acuto, il medico è sempre preoccupato per la possibilità di pancreatite. Non è così facile diagnosticare la pancreatite acuta, ma vari esami del sangue possono aiutare. Se un attacco di pancreatite è estremamente grave, il paziente di solito ha bisogno di un trattamento non chirurgico nell'unità di terapia intensiva. In passato, si è sempre creduto che il trattamento chirurgico della pancreatite fosse pericoloso (il risultato spesso confermava che c'era un grave errore in questo giudizio), ma ora, poiché la cura nei reparti di rianimazione è migliorata, il trattamento chirurgico è molto più comune.

    La pancreatite cronica è spesso il risultato dell'alcolismo, ma si discute se seguono sempre piccoli attacchi di pancreatite, forse non notati dal paziente. Il paziente avverte dolori ricorrenti nella parte centrale superiore dell'addome (epigastrio) con vari gradi di intensità, steatorrea e diabete che si sviluppa nel tempo. Tutte le pancreatiti causano una grave perdita di peso complessiva dovuta al malassorbimento (compromissione dell'assorbimento nel tratto gastrointestinale).

    Il consumo significativo di alcol è associato non solo a un pancreas malato, ma anche a un aumento dei livelli ematici di trigliceridi, uno dei lipidi del sangue, che aumenta il rischio di malattie cardiovascolari.

    Cambiamenti nel livello dei trigliceridi - forse una delle ragioni della perdita dell'effetto protettivo (derivante dal consumo moderato) di alcol, non appena il bevitore inizia ad abusarne.

    Uno studio recente sulla pancreatite ha concluso che potrebbe essere necessario modificare la comprensione standard di questa malattia. Per i bevitori, ci sono buone e cattive notizie. Sembra che la percentuale di pancreatite attribuita all'abuso di alcol possa essere stata sopravvalutata. Lo studio ha mostrato che circa un terzo dei casi di pancreatite sono associati all'abuso di alcol, un terzo alla colelitiasi e il terzo rimanente non ha identificato la causa principale. È possibile che in quest'ultimo gruppo di pazienti ci siano alcuni che bevono più di quello che ammettono oi loro medici hanno stabilito, ma, in tal caso, altri test non l'hanno dimostrato. La cattiva notizia è che un'attenta analisi delle revisioni precedenti consente di ritenere che i medici fossero troppo sicuri di sé, trasmettendo l'opinione precedentemente ricevuta che non vi è alcuna connessione tra il cancro del pancreas e la pancreatite cronica. Forse, infatti, c'è una connessione, ma non molto pronunciata.

    C'è una teoria ben consolidata secondo cui questo stesso aumento di trigliceridi predispone i pazienti a pancreatite, ma recentemente ci sono stati dubbi sulla sua validità. Allo stesso modo, ci sono stati tentativi di associare il tipo di bevanda alcolica, utilizzata principalmente dal paziente, con pancreatite. Studi ben documentati hanno dimostrato in modo convincente che la malattia è più comune tra gli amanti del vino. Purtroppo, scienziati altrettanto eminenti con argomenti altrettanto convincenti hanno dimostrato che la pancreatite è più comune tra gli amanti della birra o degli spiriti. Poiché lo studio ha portato a risultati contrastanti, l'opinione di oggi è che il tipo di alcol non influisce sulla probabilità di sviluppare pancreatite. Si ritiene ora che l'eccesso di alcol consumato sia un fattore importante e che la discrepanza tra i risultati della ricerca sia stata causata da differenze regionali nei concetti di consumo di alcol, che hanno influenzato la scelta dei pazienti studiati.

    Malattie della colecisti:

    La funzione della cistifellea, il serbatoio per la bile, che è molto importante nel processo di digestione, è migliorata dall'alcol. Un recente studio condotto con ultrasuoni, ha dimostrato che la dose di alcol accelera lo svuotamento della colecisti dopo aver mangiato. Accelera anche il riempimento della stessa vescica e si ritiene che questo aumento della formazione biliare impedisca la formazione di calcoli. In questo caso, il vino è migliore della birra o degli alcolici.

    Tradizionalmente, le persone che soffrono di malattia di calcoli biliari, dicono "bella, piena, quarantenne e una donna". Questo aforisma medico è stato messo in discussione, il che dovrebbe incoraggiare le donne che consumano moderatamente vino, dal momento che la loro possibilità di sviluppare la malattia del calcoli biliari è del 40% inferiore a quella dei non bevitori.

    Quando i calcoli biliari si formano negli amanti di entrambi i sessi, quindi, molto probabilmente, sono dovuti a queste bevande alcoliche piuttosto dolci utilizzate nei cocktail, piuttosto che a base alcolica. Lo studio ha anche dimostrato che la funzione della cistifellea non è compromessa anche negli alcolisti e che grandi dosi di alcol in realtà lo migliorano.

    L'effetto dell'alcol sul colon:

    L'alcol può avere un effetto immediato sul colon, perché può stimolare il riflesso gastrointestinale. Questo riflesso provoca la peristalsi intestinale quando lo stomaco è teso o irritato dal cibo. Fu molto apprezzato dai nostri antenati dell'epoca vittoriana, che erano orgogliosi che la loro colazione influisse sulla regolarità della loro attività intestinale. Questa reazione dell'intestino crasso può essere osservata anche nei ristoranti in cui si svolgono le trattative commerciali. I negoziati di tensione in concomitanza con cibo e bevande abbondanti possono essere un carico troppo pesante per lo stomaco di molte persone; il riflesso gastrointestinale viene stimolato e una grande tazza di caffè nero dopo un pasto spesso contribuisce a una rapida uscita dalla sala.

    Questo problema di un intestino troppo sensibile spesso colpisce le persone con la sindrome dell'intestino irritabile se beve alcolici. Soprattutto se sono agitati, possono avere gonfiore e accelerata peristalsi (diarrea). Tenendo conto che nella maggior parte delle situazioni in cui l'alcol ha un effetto negativo sulla salute umana, la reazione è determinata dalla quantità di alcol consumata, ma con la sindrome dell'intestino irritabile, come con emicranie e cefalee, il tipo di alcol è importante. La maggior parte delle persone che soffrono di questa sindrome nota che più è scura la bevanda alcolica, maggiore è il suo effetto sull'intestino. Porto, brandy, whisky, rum, vino rosso e birra hanno tutti un effetto lassativo più forte del vino bianco e dell'alcol puro.

    Nell'anatomia della malinconia, scritto nel diciassettesimo secolo, Robert Burton (Robert Burton) descrisse molto accuratamente la sindrome dell'intestino irritabile, parlando di come alcune bevande alcoliche possono causare gonfiore.

    Barton ha descritto il sidro e il perry come "spiriti carminativi" e continua a esprimere il suo stupore per il fatto che:
    Eppure, in alcune contee dell'Inghilterra, di solito in Francia e Guipusca in Spagna, "questa è la loro solita bevanda e non hanno intelligenza, offesa da ciò".

    Nel ventesimo secolo più sofisticato, i venti eccessivi (gonfiore) possono essere la causa delle difficoltà sociali, poiché non sempre nel soggiorno c'è un cane adatto su cui tutto può essere incolpato. La ragione più comune per visitare un gastroenterologo in un ospedale locale è ancora la sindrome dell'intestino irritabile, e molte delle sfortunate vittime di questa malattia sottolineano che devono stare attenti nella scelta del tipo e della quantità di alcol.

    Al contrario, il vino rosso può talvolta essere utile nei casi in cui la diarrea è causata da un agente patogeno batterico o virale (patogeno). I francesi credono tradizionalmente che il chiaretto o il vanitoso per chi soffre di intossicazione alimentare leggera - "diarrea del viaggiatore" - a volte ottenuto nei ristoranti all'estero, quando la cena non ha protezione immunitaria per i microrganismi prevalenti nella zona.

    Un rapporto di un gruppo di medici americani nel British Medical Journal del dicembre 1995 suggeriva che anche il vino diluito può essere sufficiente a proteggere un viaggiatore disattento dagli effetti avversi di E. coli patogeno, salmonella e shigella (l'agente della dissenteria).

    La scienza americana moderna ha solo confermato l'effetto benefico del vino sugli intestini irritati, che è stato osservato per secoli. Bordeaux fu prescritto alle vittime di colera nel 1822 e nel 1886 e sembra avere successo, confermando così la credenza francese nel suo potere. In altri casi, i medici hanno suggerito di aggiungere vino all'acqua sporca comunemente conosciuta nella speranza di prevenire l'infezione. Il professor Rambuteau difese questo stravagante passo come misura preventiva per liberare la Francia dal colera nel diciannovesimo secolo, e il medico veneziano Pieck dimostrò che l'aggiunta di vino in acqua inquinata costituiva una miscela sicura (ma non particolarmente desiderabile) da bere.

    L'intero tratto digestivo, dalla bocca all'ano, è sensibile alla stimolazione dell'alcol: in bocca si può verificare una secchezza anomala e molti pazienti giurano che alcune bevande alcoliche provocano un peggioramento delle emorroidi. Tuttavia, il tratto gastrointestinale è in grado di sviluppare una vera e propria immunità fisiologica agli effetti stimolanti del bere, e quindi la sospensione improvvisa dell'alcool può causare sintomi da astinenza, proprio come il sistema nervoso centrale risponde all'abolizione del farmaco. Possono spaziare dal ritardare lo svuotamento dello stomaco e la stitichezza da un lato, al miglioramento del riflesso gastrointestinale e della diarrea dall'altro. Il meccanismo di questi sintomi di astinenza non è completamente compreso e la reazione è diversa per le diverse persone.

    Sebbene i medici e discutano sul meccanismo dell'influenza dell'alcool sulla motilità gastrica e intestinale, i non specialisti non hanno dubbi che l'eccessiva passione per l'alcol il giorno dopo causerà indigestione e intestino. Tutto questo è stato conosciuto fin dai tempi dell'antica Roma: molti dipinti di quel periodo raffigurano nausea e vomito, che possono seguire l'eccessiva passione per il cibo e il vino. La scienza moderna, tuttavia, ha fornito prove per mantenere una credenza antica che una piccola quantità di alcol migliora la digestione.

    Nonostante il supporto di fisiologi e nutrizionisti, la tradizione delle bevande all'ora di pranzo, purtroppo, non è sempre rispettata; la gente ora dice con orgoglio "Non bevo mai prima dei pasti", come se fosse degna di lode. Possono donare la loro digestione, seguendo questi principi irragionevoli. La scienza conferma che il vino e la birra aumentano la produzione di gastrina.
    Il valore dell'alcool come sostanza che promuove la digestione è stato riassunto da Ippocrate: il vino stesso è una medicina - nutre il sangue di una persona, appaga lo stomaco e calma l'ansia e la tristezza. La maggior parte dei medici moderni sarebbe d'accordo.

    Pubblicazioni Sulla Diagnostica Del Fegato

    Quali medicine portare dall'India, Goa

    Epatite

    I nostri genitori ricordano bene che nei tempi dell'Unione Sovietica dall'India, molte medicine eccellenti sono state fornite alle nostre farmacie. Oggi possiamo recarci in questo paese da soli per riposare e scegliere buone medicine.

    Ricette per una dieta deliziosa per 5 tavoli per tutti i giorni

    Cirrosi

    La dieta 5 è un alimento dietetico completo, che è prescritto per le malattie del pancreas e della cistifellea. Insieme al trattamento farmacologico, l'uso della dieta è una condizione importante per il recupero.

    Qual è il contenuto anecoico della cistifellea

    Epatite

    L'ecografia della cistifellea viene eseguita separatamente o con una diagnosi ecografica completa della cavità addominale. È visto nei casi di sospetta malattia del calcoli biliari e di altre patologie.

    La più recente cura per l'epatite C. Drug Review

    Cirrosi

    La medicina negli ultimi anni ha fatto un grande passo nello sviluppo di metodi per curare l'epatite. Oltre al fatto che i nuovi e relativamente nuovi farmaci per l'epatite C sono sottoposti a studi clinici, sono stati trovati anche altri metodi di trattamento.