Principale / Diete

Quanto vive l'epatite C?

Diete

Quanto vive l'epatite C? Questa è una delle prime domande poste dai pazienti dopo la diagnosi.

L'epatite C è una malattia del fegato causata dal virus con lo stesso nome. Entra nel corpo attraverso il sangue. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, 130-150 milioni di persone soffrono di epatite C cronica sul pianeta, in Russia ce ne sono almeno 5-7 milioni. Oggi, i metodi più comuni per contrarre l'epatite C sono attraverso gli strumenti medici negli ospedali e l'iniezione di droghe. Un vaccino efficace in grado di proteggere da questa malattia non è stato ancora inventato.

È impossibile dire esattamente per quanto tempo il paziente vivrà. L'epatite C si manifesta in modi diversi, può essere completamente guarita in poche settimane e può rimanere nel corpo umano per decenni senza manifestazioni. Nei casi più gravi, il virus porta a complicazioni fulminanti e alla morte. La durata della vita con epatite C è influenzata da:

  • una persona sopra i 40 anni;
  • genotipo dell'epatite, la sua forma e attività;
  • stadio di sviluppo della malattia al momento della sua individuazione;
  • efficacia del trattamento selezionato o mancanza di esso;
  • lo stile di vita degli infetti;
  • la presenza di malattie croniche concomitanti;
  • metabolismo del ferro nel corpo;
  • suscettibilità genetica alla malattia del fegato.

La principale causa di morte per epatite C è che il virus provoca cirrosi o cancro del fegato. Ogni anno, circa 700 mila persone muoiono per questo.

Nel 70% di quelli infetti, l'epatite passa dallo stadio acuto a quello cronico, cioè causa gravi malattie del fegato. Nel 20% dei pazienti la cirrosi si sviluppa entro 20-30 anni. La metà di quelli infettati da questa diagnosi muore entro 10 anni.

Nonostante le statistiche deprimenti, solo 1-5 persone su 100 pazienti muoiono per gli effetti dell'epatite. Scienziati italiani hanno condotto studi che dimostrano che con la giusta terapia, l'aspettativa di vita delle persone infette dall'epatite C è approssimativamente uguale a quella prevista per la maggior parte della popolazione.

L'epatite C non ha sempre bisogno di essere trattata, perché a volte l'infezione scompare da sola a causa della resistenza dell'immunità del corpo, e alcune persone con epatite cronica non hanno danni al fegato.

Se il trattamento è necessario, il suo obiettivo diventa il recupero completo del paziente con il ripristino della funzionalità epatica. Qualche anno fa, con un trattamento correttamente selezionato e condotto correttamente, il 30-40% dei pazienti era guarito con successo, ma i farmaci vengono costantemente migliorati e gli attuali tassi di recupero tendono al 60-90%. In media, il 50-80% dei pazienti completamente recuperati sono indicati oggi negli studi internazionali. Il trattamento precedente è iniziato, più la prognosi è positiva.

La terapia antivirale complessa viene eseguita contro l'epatite C, di solito 2 dei farmaci più efficaci vengono assunti contemporaneamente: interferone e ribavirina. Insieme danno un risultato migliore di uno a uno, ma quando uno dei farmaci è intollerante, la monoterapia viene prescritta come secondo. Il tipo di trattamento e il dosaggio dei farmaci sono selezionati dal medico individualmente per ciascun paziente.

Nei casi più gravi, a volte non è possibile curare completamente l'epatite C, ma il processo di riproduzione attiva del virus sarà sospeso. Questo riduce la probabilità di malattie del fegato e fibrosi, che prolunga significativamente la vita del paziente.

L'agente eziologico dell'epatite C è stato scoperto solo negli anni novanta del secolo scorso, al momento non è ancora sufficientemente studiato da un punto di vista clinico. I modi per affrontarlo sono stati sviluppati molto attivamente e sono stati creati metodi innovativi di terapia. Ci sono tutte le ragioni per sperare che farmaci più convenienti ed efficaci appariranno nel prossimo futuro. Studi condotti da esperti americani hanno scoperto che entro il 2036, nuovi farmaci e metodi diagnostici renderanno l'epatite C una malattia rara nel mondo (fino a 1 caso ogni 1500 persone).

Cause ed effetti dell'epatite C

L'epatite virale C è così terribile, come si gridano i titoli? L'epatite oggi è trattata con maggiore successo rispetto alla prostatite!

Contenuto dell'articolo

Epatite - che cos'è?

Oggi proveremo in un linguaggio semplice per rispondere alla domanda "Epatite - che cos'è?" In generale, l'epatite è un nome abbastanza comune per le malattie del fegato. Le epatiti sono di varia origine:

  • virale
  • batterico
  • tossico (medicinale, alcolico, narcotico, chimico)
  • genetico
  • autominunny

In questo articolo parleremo solo di epatite virale, che, purtroppo, è abbastanza comune e riconosciuta come malattie socialmente significative che portano ad un aumento della mortalità e della disabilità. Il più grande pericolo di epatite virale è dovuto al lungo corso asintomatico fino alle fasi avanzate. Pertanto, nonostante l'emergere di una nuova generazione di farmaci, l'epatite virale è un problema serio, poiché già nella fase della cirrosi epatica le conseguenze sono spesso irreversibili.

È il virus dell'epatite?

Come abbiamo già scritto sopra, l'epatite può essere causata, come un virus o un'altra ragione. Che tipo di virus può causare l'epatite? I virus dell'epatite B (HVB) e dell'epatite C (HCV) sono tra i virus più pericolosi che causano l'epatite B. In questo articolo, ci concentreremo sulle infezioni da HCV. I punti principali su cui è importante sapere:

  • Il virus dell'epatite C (HCV) può garantire la sua esistenza e replicazione (riproduzione) solo una volta nel "terreno fertile", che per loro sono le cellule epatiche - epatociti. Anche altri organi possono essere colpiti da un virus, ma questo processo richiede poca attività e può causare la patologia di questi organi umani solo durante un lungo (decennio) decorso della malattia.
  • Il virus consiste di due shell, che contengono il codice genetico sotto forma di RNA e diversi tipi di proteine ​​(proteine) necessari per il ciclo vitale virale: proteasi, repliche e polimerasi.
  • Durante la diagnosi, vengono identificati più di 6 genotipi del virus e diversi sottotipi che indicano l'età dell'infezione da HCV. Genotipi diversi sono localizzati per regione, genotipi 1, 3 e genotipo 2 sono distribuiti nei paesi della CSI e in Europa.Gli genotipi diversi hanno diversa resistenza al trattamento. Il genotipo 3 è peggiore: anche le tattiche di trattamento sono talvolta importanti e sottotipi di genotipi (spesso indicati con le lettere a, b)
  • L'HCV è caratterizzato da una frequenza di mutazione che porta alla comparsa di resistenza al trattamento, se durante la terapia non è stato possibile sopprimere l'infezione fino alla fine.

Fegato ed epatite. Com'è il fegato?

Il fegato è il più grande organo umano che metabolizza il corpo. Epatociti - i "mattoni" del fegato formano i cosiddetti "raggi", un lato del quale passa al flusso sanguigno e l'altro ai dotti biliari. I lobuli epatici, costituiti da raggi, contengono vasi sanguigni e linfatici e canali di deflusso biliare.

Quando entra nel sistema circolatorio umano, il virus raggiunge il fegato ed entra nell'epatocita, che a sua volta diventa la fonte di produzione di nuovi virioni che usano gli enzimi cellulari per il loro ciclo vitale. Il sistema immunitario umano rileva le cellule del fegato infette e le uccide. Pertanto, le cellule del fegato vengono distrutte dalle forze del sistema immunitario. Il contenuto di epatociti distrutti entra nel plasma sanguigno, che è espresso da un aumento degli enzimi ALT, AST, bilirubina in test biochimici.

Fegato e sue funzioni nel corpo

Il fegato produce il necessario nel processo del metabolismo nel corpo umano:

  • bile necessaria per la ripartizione dei grassi durante la digestione
  • albumina, che svolge la funzione di trasporto
  • fibrinogeno e altre sostanze che sono responsabili della coagulazione del sangue.

Inoltre, il fegato accumula vitamine, ferro e altre sostanze utili per il corpo, neutralizza le tossine e processa tutto ciò che ci viene fornito con cibo, aria e acqua, accumula glicogeno - una sorta di risorsa energetica del corpo.

In che modo l'epatite C distrugge il fegato? E come può finire l'epatite?

Il fegato è un organo autoriparante e sostituisce le cellule danneggiate con nuove, tuttavia, quando l'epatite del fegato è accompagnata da grave infiammazione, osservata quando gli effetti tossici si uniscono, le cellule epatiche non hanno il tempo di recuperare e invece formano cicatrici sotto forma di tessuto connettivo che causa fibrosi d'organo. La fibrosi è caratterizzata dalla minima (F1) alla cirrosi (F4), in cui la struttura interna del fegato viene interrotta, il tessuto connettivo impedisce il flusso sanguigno attraverso il fegato, che porta all'ipertensione portale (aumento della pressione nel sistema circolatorio) - in definitiva vi sono rischi di sanguinamento dello stomaco e morte del paziente.

Come si può avere l'epatite C in casa?

L'epatite C viene trasmessa attraverso il sangue:

  • contatto con il sangue di una persona infetta (in ospedali, odontoiatria, tatuaggi, saloni di bellezza)
  • nella vita di tutti i giorni, l'epatite C viene trasmessa anche solo attraverso il contatto con il sangue (usando le lame di qualcun altro, strumenti per manicure, spazzolini da denti)
  • per ferite sanguinanti
  • durante i rapporti sessuali in casi che comportano violazione delle mucose dei partner
  • durante il parto da madre a figlio, se la pelle del bambino è in contatto con il sangue della madre.

L'epatite C non viene trasmessa

  • per goccioline trasportate dall'aria (in luoghi pubblici in caso di tosse, starnuti, bagni, ecc.)
  • quando si abbraccia, si stringono la mano, si usano utensili, cibo o bevande comuni.

Prevenzione delle epatiti

Oggi gli scienziati non sono riusciti a creare un vaccino contro l'epatite C, in contrasto con i vaccini per l'epatite A e B, ma ci sono diversi studi promettenti in questo settore. Pertanto, per non ammalarsi, è necessario eseguire una serie di misure preventive:

  • Evitare il contatto della pelle con sangue estraneo, anche essiccato, che può rimanere su strumenti medici e cosmetici
  • usare i preservativi durante i rapporti sessuali
  • le donne che pianificano una gravidanza devono sottoporsi a un trattamento prima della consegna
  • vaccinati contro l'epatite A e B.

C'è l'epatite? Se l'epatite è negativa

Sentendo parlare dell'epatite C, molti cercano di trovare i sintomi in sé, ma è necessario sapere che nella maggior parte dei casi la malattia è asintomatica. I sintomi sotto forma di ittero, oscuramento delle urine e chiarificazione delle feci possono verificarsi solo nella fase di cirrosi epatica, e quindi - non sempre. Se si sospetta una malattia, in primo luogo è necessario eseguire un'analisi per gli anticorpi contro l'epatite mediante il metodo del dosaggio immunoenzimatico (ELISA). Se è positivo, è necessario un ulteriore esame per confermare la diagnosi.

Se l'analisi per l'epatite è negativa, questo non significa che puoi calmarti, perché nel caso di un'infezione "fresca", l'analisi potrebbe essere errata, poiché gli anticorpi non vengono prodotti istantaneamente. Per eliminare completamente l'epatite, è necessario ripetere il test dopo 3 mesi.

Si trovano anticorpi contro l'epatite C Qual è il prossimo?

La prima cosa da verificare è se c'è o meno l'epatite, poiché gli anticorpi possono rimanere dopo il recupero. Per fare questo, è necessario fare un'analisi per il virus stesso, che è chiamato "un test qualitativo per l'RNA del virus dell'epatite C mediante PCR". Se questo test è positivo, allora c'è l'epatite C, se è negativo, allora sarà necessario ripeterlo dopo 3 e 6 mesi per eliminare completamente l'infezione. Si consiglia inoltre di effettuare un esame del sangue biochimico, che può indicare l'infiammazione nel fegato.

Hai bisogno di essere trattato per l'epatite C?

In primo luogo, circa il 20% delle persone colpite dall'epatite C si ritrova, tali persone rilevano anticorpi al virus durante la loro vita, ma il virus stesso non è nel sangue. Queste persone non hanno bisogno di cure. Se il virus è ancora determinato e ci sono deviazioni nei parametri biochimici del sangue, il trattamento immediato non è mostrato a tutti. Per molte persone, l'infezione da HCV per diversi anni non causa gravi problemi al fegato. Tuttavia, tutti i pazienti devono sottoporsi a terapia antivirale, principalmente per coloro che hanno la fibrosi epatica o manifestazioni extraepatiche di epatite C.

Se non tratti l'epatite, morirò?

Con un lungo ciclo di epatite C (di solito è 10-20 anni, tuttavia, i problemi sono possibili anche dopo 5 anni) si sviluppa la fibrosi epatica, che può portare alla cirrosi del fegato e quindi al cancro del fegato (HCC). Il tasso di sviluppo della cirrosi può aumentare con l'uso di alcool e droghe. Inoltre, il lungo decorso della malattia può causare gravi problemi di salute non correlati al fegato. Spesso ci viene posta la domanda: "Morirò se non sarò trattato?". In media, ci vogliono dai 20 ai 50 anni dal momento dell'infezione alla morte per cirrosi o cancro del fegato. Durante questo periodo, puoi morire per altre cause.

Fasi di cirrosi

La diagnosi di cirrosi epatica (CP) non è una frase in sé. La CPU ha le sue fasi e, di conseguenza, le previsioni. Con la cirrosi compensata, non ci sono praticamente sintomi, il fegato, nonostante i cambiamenti di struttura, svolge le sue funzioni e il paziente non manifesta disturbi. Nell'analisi del sangue, ci può essere una diminuzione dei livelli piastrinici, e un ultrasuono determina l'allargamento del fegato e della milza.

La cirrosi scompensata si manifesta con una diminuzione della funzione sintetica del fegato, una trombocitopenia marcata, una diminuzione del livello di albumina. Un paziente può accumulare fluido nella cavità addominale (ascite), comparsa di ittero, gonfiore delle gambe, comparsa di segni di encefalopatia, possibile sanguinamento interno dello stomaco.

La gravità della cirrosi, così come la sua prognosi, è generalmente stimata dai punti del sistema Child Pugh:

10 anni di epatite c

L'epatite C è chiamata un gentiluomo assassino per il suo comportamento asintomatico. Penetrando nel corpo, crea tranquillamente le sue "azioni oscure", mentre una persona non può indovinare nulla.

La Professoressa Anna Klyucharyova, che ha studiato l'epatite virale da oltre 30 anni, ha detto a TUT.BY che sono a rischio, quali pazienti cadono nelle mani dei trapiantologi e perché non c'è bisogno di piangere in un cuscino se l'epatite C è ancora in fase di scoperta.

Epatite C - un virus asintomatico

- Per prima cosa, definiamo cos'è l'epatite C e come viene trasmessa.

- L'epatite è un'infezione virale del gruppo delle cosiddette infezioni da contatto con il sangue. Cioè, per essere infetto, è necessario avere un contatto con sangue infetto.

I modi di infezione sono diversi. L'epatite C può essere trasmessa attraverso il contatto sessuale con liquido seminale o vaginale, dove c'è una miscela di sangue invisibile agli occhi. O quando si usano strumenti comuni per manicure, tatuaggi, quando non sono sufficientemente sterilizzati.

Potenzialmente, l'infezione può essere causata da una trasfusione di sangue o dei suoi componenti. Ma in Bielorussia, infatti, un buon servizio di donatori. Siamo stati i primi nello spazio post-sovietico a iniziare a testare i donatori per l'epatite C ea monitorare costantemente la qualità dei reagenti. Pertanto, tale probabilità oggi è ridotta a zero.

Il rischio di infezione in un istituto medico esiste, come nel caso di tutto il mondo, ma è minimo. Se tali situazioni accadono, sono sempre soggette a un'indagine seria. Accade che il virus venga trasmesso da madre a figlio durante il parto, sebbene questo percorso richieda una piccola frazione.

Oggi, l'uso di droghe iniettabili è una delle cause più importanti di infezione.

Quando un virus entra nel corpo, una persona molto spesso non se ne rende conto, perché l'epatite C è raramente accompagnata da ittero o altri sintomi specifici, cioè è asintomatica. Pertanto, sfortunatamente, molto spesso la diagnosi viene fatta nella fase di fibrosi pronunciata o cirrosi molti anni dopo l'infezione. È già difficile per un tale paziente aiutare, in alcuni casi passa nelle mani dei trapiantologi.

- In che modo l'epatite C differisce da altri tipi di epatite?

- Alto indice di cronologia. Da epatite A, così come da ARVI, i pazienti si riprendono. Hanno bisogno solo di un piccolo aiuto, non è necessaria alcuna terapia specifica. L'epatite C da sola, senza trattamento, recupera una piccola percentuale di persone infette.

- L'epatite colpisce organi diversi dal fegato?

- L'obiettivo principale, ovviamente, è il fegato. Ma può anche danneggiare altri sistemi e organi, come la pelle, i vasi sanguigni e i reni. Lo spettro è abbastanza ampio. Succede anche che il fegato non possa soffrire, ma altri organi - possono e molto.

Foto: Dmitry Brushko, TUT.BY

Il numero di pazienti identificati dovrebbe essere almeno moltiplicato per due per ottenere la cifra reale.

- Per un po ', tutti erano a conoscenza del problema dell'infezione da HIV. Non si parla praticamente di epatite, a meno che non ci sia un centro di informazione rumoroso, come i sospetti sull'infezione in un istituto medico. E tuttavia, qual è la scala dell'incidenza dell'epatite C in Bielorussia?

- Il problema è stato sollevato più di una volta. Con piena responsabilità, posso dire che gli agenti di malattie infettive lo hanno annunciato allo stesso modo dell'infezione da HIV. Abbiamo un gran numero di documenti sull'identificazione dei pazienti con epatite C, sulla tattica del suo trattamento. La Bielorussia è uno dei primi paesi a utilizzare preparati a base di interferone e ribavirina. Siamo anche stati tra i primi a iniziare a curare gratuitamente i bambini per l'epatite C.

A proposito di scala, vale la pena ricordare che è trascorso un periodo considerevole dal momento della nostra conoscenza dell'epatite C nel mondo. Da un lato, durante questo periodo si è accumulato un numero elevato di pazienti con uno stadio cronico della malattia. D'altra parte, è apparso un trattamento efficace. È diventato ovvio che il problema può essere risolto.

- Quando i medici hanno capito che l'epatite C è un problema grave?

- Come problema, è stato identificato negli anni '90. L'epatite C iniziò a esplorare attivamente, e divenne chiaro che egli ha la capacità di passare da uno stato acuto a uno stato cronico. Il problema è più attuale negli ultimi 5-10 anni.

- Qual è il grado di rilevabilità dell'epatite C in Bielorussia?

- Certamente, non tutti i pazienti sono identificati. Trovo persino difficile nominare il numero con cui moltiplicare. Su 2 di sicuro. In alcuni paesi sarà ancora di più. Ad esempio, in Egitto, per il quale l'epatite è quasi un disastro nazionale.

La nostra situazione è molto meglio. Ora stiamo solo raccontando il numero di persone infette da epatite C. Al momento, raggiunge circa 44 mila pazienti con una forma cronica della malattia. Ora è molto importante costruire correttamente la massima rilevazione e l'esame clinico di questi pazienti al fine di organizzare un trattamento moderno.

- Cosa intendi con la frase "costruire correttamente"?

- Qualsiasi specialista di malattie infettive sa con quali segni e con quale aiuto può rilevare l'epatite C. La cosa principale è che ci dovrebbero essere documenti ben scritti in cui sarà scritto chi appartiene al contingente a rischio, chi e quanto dovrebbe essere fornito con le cure mediche in primo luogo.

Quindi, per esempio, le norme sanitarie sull'epatite virale sono ora in fase di approvazione, un documento sull'esame clinico dei pazienti con epatite C. I documenti indicano gruppi a rischio, tra i quali la circolazione del virus è la più alta.

In effetti, si sta facendo molto. La cosa principale non è di permettere turbolenze in questo processo, ma di chiarire e migliorare al massimo il sistema di fornire assistenza medica ai pazienti con epatite C.

- Hai citato i gruppi a rischio. Chi può essere contato lì?

- Il primo è un medico: spesso hanno contatti con il sangue. Il secondo è il servizio del sangue, quelli che lavorano con il sangue del donatore. Il terzo - le persone che sono in prigione, perché tra loro la proporzione di coloro che hanno assunto droghe, aveva rapporti sessuali promiscui, è piuttosto alta. Il quarto gruppo può essere considerato infetto da HIV, poiché l'infezione da epatite B, C e HIV viene trasmessa allo stesso modo. Quinto - bambini che sono nati da madri con epatite C. Ma abbiamo un programma ben sviluppato per l'esame delle donne incinte. Se la gestante ha l'epatite, il bambino è registrato. Se la diagnosi è confermata, il bambino riceve la terapia gratuita. L'elenco dei gruppi a rischio è in realtà più esteso.

- Epatite C: la malattia è spesso asintomatica, come hai già detto. Eppure, prima che una persona si rivolga a una struttura medica, per quali motivi può lui stesso sospettare questa malattia? Cosa dovrebbe avvisarlo di disturbare?

- Una persona può essere infastidita da debolezza, affaticamento, malessere, prurito della pelle, leggero dolore nel giusto ipocondrio. L'ittero non è sempre e spesso appare in casi già trascurati. Ci può essere una piccola eruzione cutanea (vasculite), ci sono dolori articolari. Come potete vedere, i segni clinici non sono marcati con chiarezza, potrebbero non esistere affatto.

"Avendo imparato la diagnosi, non è necessario farsi prendere dal panico, non piangere nel cuscino e presumere che la fine del mondo sia arrivata, ma registrarsi con uno specialista di malattie infettive"

- Se una persona ha trovato solo tali segni, dove dovrebbe andare, a quale dottore dovrebbe andare?

- Abbiamo una rete policiclica. Gli adulti dovrebbero contattare il terapeuta, i bambini - dal pediatra. Quasi tutte le istituzioni mediche hanno un medico di malattie infettive. Questi medici condurranno un esame obiettivo. Ad esempio, scopriranno che la persona che sospetta l'epatite ha probabilmente un ingrossamento del fegato. Perché formerà e raccomanderà ulteriori esami.

- Quali sono questi esami?

- All'inizio ci saranno opzioni "facili". Il test più semplice che confermerà o eliminerà l'epatite C è la determinazione degli anticorpi contro il virus. Inoltre, analisi biochimiche, che valuterà la funzione del fegato. Sulla base di questi risultati, il medico determinerà la portata e la necessità di ulteriori ricerche.

- In che modo una diagnosi modifica lo stile di vita di una persona?

- Per molti, questo è lo stress. L'epatite C è una malattia che progredisce lentamente. Questa non è un'infezione da meningococco, né sepsi, in cui la questione del trattamento deve essere risolta in poche ore o addirittura in minuti. Qui il tempo soffre. A volte un mese, a volte un anno o addirittura anni. Se a un paziente viene diagnosticata l'epatite C, è necessario prima capire quale fase della malattia ha. Il medico delle malattie infettive vi sarà coinvolto. Inoltre, il medico si occuperà di virologia, qual è il genotipo del virus, quanto è nel corpo del paziente. Questo approccio consente di effettuare una diagnosi accurata, in base alla quale è possibile effettuare un trattamento.

- Quali restrizioni impone l'epatite C alla vita di una persona?

- Voglio sottolineare: prima che apparisse un trattamento efficace, le persone lavoravano ancora e avevano successo. Non hanno pianto nel cuscino, ma hanno condotto la stessa identica vita di prima, usando i metodi della terapia di mantenimento. In precedenza, la terapia antivirale utilizzava preparati a base di interferone e ribavirina. Di conseguenza, circa l'80% dei pazienti con il terzo genotipo del virus e il 40% dei pazienti con il primo genotipo sono stati curati.

Ora la situazione sembra completamente diversa a causa della nuova terapia efficace. Le iniezioni sono state sostituite da pillole e l'efficacia della terapia supera già il 95-97%. Pertanto, la cosa principale è non farsi prendere dal panico e credere che la fine del mondo sia arrivata e che tu debba lasciare la famiglia. A proposito, l'infettività in termini di tutti i giorni è minima. È necessario registrarsi presso lo specialista in malattie infettive e consultare il medico in merito ai tempi dell'inizio della terapia.

- Tuttavia, ci sono alcune "precauzioni" nel piano domestico?

- Certo. Dopo tutto, il sangue è contagioso, quindi è necessario evitare le sue tracce, che possono essere un potenziale pericolo per un altro membro della famiglia. Accessori per manicure, spazzolini da denti dovrebbero essere individuali. Anche se dovrebbe essere in ogni famiglia. A proposito, vengono esaminati anche i parenti che vivono nella stessa famiglia con l'epatite C malata.

- Devo avvertire i potenziali partner che avete l'epatite C?

- Certo, non è necessario tenere un banner sul mio collo con la scritta "I have hepatitis." Ma per garantire il loro comportamento in modo tale da non infettare nessuno, è la responsabilità di ogni paziente.

- Quando viene seguita la terapia, l'epatite C è una malattia curabile. Ci sono persone che deliberatamente rifiutano il trattamento?

- Queste persone sono sempre presenti e non solo con l'epatite C. Il medico deve spiegare chiaramente al paziente, perché trattare questa o quella malattia e quali potrebbero essere le conseguenze se non viene trattata, e in quali casi è necessario consultare un medico.

- Eppure, a cosa può portare il fallimento della terapia?

- Tutto dipende dallo stadio della malattia. Se è quello iniziale, allora forse immediatamente non porterà a nulla. Se è finito, tutto può essere molto cattivo.

L'epatite C può essere trattata oggi. Questo è ovvio. Un'altra domanda è che non ci dovrebbe essere fretta o panico attorno a questo. Lo stato è ora perplesso nel realizzare un programma per il trattamento dell'epatite C. È necessario determinare innanzitutto i gruppi che hanno bisogno di terapia, la sequenza di trattamento, gli schemi ottimali. Questo deve fare gli esperti.

Ancora una volta voglio sottolineare. Spesso, un paziente a cui è stata diagnosticata l'epatite C ha la sensazione che il virus debba essere trattato immediatamente - per vendere un'auto o un appartamento e acquistare un corso di farmaci. Infatti, il medico esiste non solo per trattare il paziente, ma anche per spiegare quando la terapia può essere ritardata senza danno per il paziente, quando si può aspettare fino a quando il trattamento con i farmaci bielorussi diventa disponibile per lui.

- Molti, come sapete, hanno scetticismo sulle droghe bielorusse.

- Forse lo scetticismo e l'indiano, giusto? Ma il mondo intero tratta l'HIV con queste droghe e con successo. Abbiamo un Centro di competenza, che monitora la qualità dei farmaci in Bielorussia. Ciò che non vale la pena di fare è autoguarigione.

Foto: Dmitry Brushko, TUT.BY

"Una persona che compra un farmaco non registrato in Bielorussia rischia molto"

- E alcuni, contrariamente alle raccomandazioni del medico, sono fidanzati?

- L'autotrattamento è sempre dannoso, soprattutto nelle malattie infettive, ma sono coinvolti. Una persona compra un farmaco su Internet, anche lì consulta. Ma dopo un po ', nel caso, viene ancora a vedere uno specialista, ricontrolla o si assicura che abbia fatto tutto bene, ma risulta essere sbagliato.

Inoltre, ci sono stati casi in cui una persona al primo stadio del trattamento, in attesa di un risultato istantaneo, ha annullato la terapia. Sospendere o cancellare la terapia senza la raccomandazione di un medico è l'algoritmo sbagliato.

E va tenuto presente che ci sono molti altri punti che il paziente non sarà in grado di valutare autonomamente, indipendentemente da quanto legge Internet, non importa quanto intelligente sia. Ad esempio, in che modo i diversi farmaci interagiscono tra loro. O quanto trattamento è compatibile con l'uso del caffè, alcuni alimenti, succhi di frutta. Potrebbero esserci anche effetti collaterali che richiedono attenzione.

Una persona che acquista un farmaco non registrato in Bielorussia rischia molto. Ora stanno lavorando per avere una lista più ampia di farmaci registrati per l'epatite C. Quindi né il medico né il paziente rischieranno.

- Quanto nel successo del trattamento dipende dal paziente e quanto - dal medico?

- Penso che dipenda dal dottore per il 90-95 percento. Deve scegliere il regime di trattamento corretto in base al genotipo del virus, sullo stadio della malattia, sul carico, sullo sfondo del paziente (se ha una patologia renale, ipertensione, ecc.). Quel dottore è in grado di valutarlo, non il paziente. Dal paziente dipende dalla convinzione che si riprenderà. Deve prendere il farmaco correttamente, minimizzare i punti tossici durante l'assunzione del farmaco: ridurre a zero alcol, sigarette, notti insonni, sforzi fisici inutili.

- Cosa può comportare il mancato trattamento o il rifiuto di esso?

- Molto dipende dalle caratteristiche individuali di una persona. Può sviluppare cirrosi o carcinoma epatocellulare - carcinoma epatico e può non verificarsi complicazioni. Per che cosa viene trattata l'epatite C? Non solo per la vittoria completa su di lui. Anche se lo è - in primo luogo. Oggi c'è un compito - trattare l'epatite C per evitare la progressione. Ma non auto-medicare, ma usare farmaci certificati di alta qualità nelle mani di un medico competente. Il compito a cui stanno lavorando ora i medici e il ministero della Sanità della Repubblica di Belarus è di mettere questo trattamento a disposizione di tutti, per formare un programma di lavoro che aiuti a risolvere questo compito. Proprio ora, gli sforzi degli organizzatori di sanità pubblica e malattie infettive mirano a mettere in atto l'inizio del trattamento moderno nella repubblica.

Lyubov Kasperovich / Foto: Dmitry Brushko

Trattiamo il fegato

Trattamento, sintomi, droghe

Se una persona è stata ammalata di epatite da più di 10 anni

Se una persona è stata ammalata di epatite da più di 10 anni

L'epatite è una malattia infiammatoria acuta e cronica del fegato, non focale, ma diffusa. In epatite diversa, i metodi di infezione sono diversi, differiscono anche nel tasso di progressione della malattia, nelle manifestazioni cliniche, nei metodi e nella prognosi della terapia. Anche i sintomi di diversi tipi di epatite sono diversi. Inoltre, alcuni sintomi appaiono più forti di altri, che è determinato dal tipo di epatite.

Sintomi principali

  1. Yellowness. Il sintomo è comune e dovuto al fatto che la bilirubina entra nel sangue del paziente in caso di danno epatico. Il sangue, che circola attraverso il corpo, lo diffonde attraverso gli organi e i tessuti, dipingendoli di giallo.
  2. L'aspetto del dolore nel giusto ipocondrio. Si verifica a causa dell'aumento delle dimensioni del fegato, che porta alla comparsa di dolore, che è opaco e prolungato o di natura parossistica.
  3. Il deterioramento della salute, accompagnato da febbre, mal di testa, vertigini, indigestione, sonnolenza e letargia. Tutto ciò è una conseguenza dell'azione sul corpo della bilirubina.

Epatite acuta e cronica

I pazienti con epatite hanno forme acute e croniche. Nella forma acuta, si manifestano in caso di danno virale al fegato, e anche se ci sono stati avvelenamenti da vari tipi di veleni. Nelle forme acute della malattia, la condizione dei pazienti si deteriora rapidamente, il che contribuisce allo sviluppo accelerato dei sintomi.

Con questa forma della malattia sono possibili proiezioni favorevoli. Ad eccezione del suo diventare cronico. In forma acuta, la malattia è facilmente diagnosticata e più facile da trattare. L'epatite acuta non trattata si sviluppa facilmente in una forma cronica. A volte con avvelenamento grave (ad esempio, l'alcol), la forma cronica si verifica in modo indipendente. Nella forma cronica di epatite, si verifica il processo di sostituzione delle cellule del fegato con tessuto connettivo. È debolmente espresso, è lento e quindi a volte rimane non diagnosticato fino alla comparsa della cirrosi epatica. L'epatite cronica viene trattata peggio e la prognosi per la sua cura è meno favorevole. Nel decorso acuto della malattia, il benessere è significativamente peggiorato, l'ittero si sviluppa, appare l'intossicazione, diminuisce la funzione funzionale del fegato e aumenta il contenuto di bilirubina nel sangue. Con il rilevamento tempestivo e il trattamento efficace dell'epatite acuta in forma acuta, il paziente si riprende più spesso. Con una durata della malattia di oltre sei mesi, l'epatite diventa cronica. La forma cronica della malattia porta a gravi disturbi nel corpo: la milza e il fegato si ingrossano, il metabolismo è disturbato, si verificano complicazioni come la cirrosi epatica e le formazioni oncologiche. Se un paziente ha abbassato l'immunità, lo schema terapeutico viene scelto in modo errato o c'è una dipendenza da alcol, quindi la transizione dell'epatite alla forma cronica minaccia la vita del paziente.

Varietà di epatite

L'epatite ha diversi tipi: A, B, C, D, E, F, G, sono anche chiamati epatite virale, poiché la causa della loro comparsa è il virus.

Epatite A

Questo tipo di epatite è anche chiamata malattia di Botkin. Ha un periodo di incubazione di 7 giorni e fino a 2 mesi. Il suo agente patogeno, il virus RNA, può essere trasmesso da una persona malata a una persona sana per mezzo di prodotti di bassa qualità e acqua, a contatto con oggetti domestici utilizzati dal paziente. L'epatite A è possibile in tre forme, sono divisi in base alla forza della manifestazione della malattia:

  • in forma acuta con ittero, il fegato è gravemente danneggiato;
  • con subacuto senza ittero, possiamo parlare di una versione più leggera della malattia;
  • in una forma subclinica, si può anche non notare i sintomi, anche se la persona infetta è la fonte del virus ed è in grado di contagiare gli altri.

Epatite B

Questa malattia è anche chiamata epatite sierica. Accompagnato da un aumento del fegato e della milza, la comparsa di dolore alle articolazioni, vomito, temperatura, danni al fegato. Si manifesta in forma acuta o cronica, che è determinata dallo stato dell'immunità del paziente. Modi d'infezione: durante iniezioni con violazione delle norme sanitarie, rapporti sessuali, durante trasfusioni di sangue, uso di strumenti medici scarsamente disinfettati. La durata del periodo di incubazione è di 50 ÷ 180 giorni. L'incidenza dell'epatite B è ridotta usando la vaccinazione.

Epatite C

Questo tipo di malattia è una delle malattie più gravi, in quanto è spesso accompagnata da cirrosi o cancro del fegato, che portano successivamente alla morte. La malattia è poco adatta al trattamento e inoltre, una volta ammalata di epatite C, una persona può essere reinfettata dallo stesso disturbo. Non è facile curare l'HCV: dopo una malattia acuta da epatite C, il 20% dei pazienti guarisce e nel 70% dei pazienti l'organismo non è in grado di riprendersi dal virus da solo e la malattia diventa cronica. Non è ancora stato possibile stabilire il motivo per cui alcuni sono curati da soli, mentre altri no. La forma cronica dell'epatite C stessa non scomparirà e pertanto deve essere trattata. La diagnosi e il trattamento della forma acuta dell'HCV sono effettuati da uno specialista di malattie infettive, la forma cronica della malattia è un epatologo o un gastroenterologo. Durante l'uso di trasfusioni di plasma o sangue da un donatore infetto, è possibile contrarre l'infezione, quando si utilizzano strumenti medici scarsamente trattati, sessualmente, e la madre malata trasmette l'infezione al bambino. Il virus dell'epatite C (HCV) si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo, il numero di pazienti ha superato da tempo mezzo milione e mezzo di persone. In precedenza, l'HCV non rispondeva bene alla terapia, ma ora la malattia può essere curata usando antivirali moderni ad azione diretta. Solo questa terapia è piuttosto costosa e quindi non tutti possono permetterselo.

Epatite D

Questo tipo di epatite D è possibile solo quando è coinfettato con il virus dell'epatite B (la coinfezione è un caso di infezione di una singola cellula con virus di diverso tipo). È accompagnato da un massiccio danno epatico e da un decorso acuto della malattia. Modi d'infezione: portare il virus della malattia nel sangue di una persona sana da un trasportatore di virus o da una persona malata. Il periodo di incubazione dura 20 ÷ 50 giorni. Esteriormente, il decorso della malattia assomiglia all'epatite B, ma la sua forma è più grave. Può diventare cronico andando in seguito alla cirrosi. È possibile condurre una vaccinazione simile a quella usata per l'epatite B.

Epatite E

Leggermente reminiscente dell'epatite A dal corso e dal meccanismo di trasmissione, poiché è anche trasmessa attraverso il sangue allo stesso modo. La sua caratteristica è il verificarsi di forme di fulmine, causando la morte in un periodo non superiore a 10 giorni. In altri casi, può essere efficacemente curato e la prognosi per il recupero è spesso favorevole. Un'eccezione può essere la gravidanza, poiché il rischio di perdere un figlio è vicino al 100%.

Epatite F

Questo tipo di epatite non è stato studiato abbastanza. È noto solo che la malattia è causata da due diversi virus: uno è stato isolato dal sangue dei donatori, il secondo è stato trovato nelle feci di un paziente che ha ricevuto l'epatite dopo una trasfusione di sangue. Segni: comparsa di ittero, febbre, ascite (accumulo di liquido nella cavità addominale), aumento delle dimensioni del fegato e della milza, aumento dei livelli di bilirubina ed enzimi epatici, comparsa di cambiamenti nelle urine e nelle feci, nonché intossicazione generale del corpo. Metodi efficaci di trattamento dell'epatite F non sono ancora stati sviluppati.

Epatite G

Questo tipo di epatite è simile all'epatite C, ma non è così pericoloso in quanto non contribuisce allo sviluppo della cirrosi e del cancro del fegato. La cirrosi può verificarsi solo in caso di coinfezione di epatite G e C.

diagnostica

Con i loro sintomi, l'epatite virale è simile l'una all'altra, proprio come alcune altre infezioni virali. Per questo motivo, è difficile stabilire la diagnosi esatta del paziente. Di conseguenza, al fine di chiarire il tipo di epatite e la corretta prescrizione della terapia, sono necessari esami del sangue di laboratorio per identificare i marcatori - indicatori che sono individuali per ciascun tipo di virus. Avendo identificato la presenza di tali marcatori e il loro rapporto, è possibile determinare lo stadio della malattia, la sua attività e il possibile esito. Al fine di tracciare la dinamica del processo, dopo un periodo di tempo l'esame viene ripetuto.

Come trattare l'epatite C

Gli attuali regimi di trattamento per forme croniche di HCV sono ridotti alla terapia antivirale combinata, inclusi antivirali ad azione diretta come sofosbuvir, velpatasvir, daclatasvir e ledipasvir in varie combinazioni. A volte la ribavirina e gli interferoni vengono aggiunti per migliorare la loro efficacia. Questa combinazione di sostanze attive blocca la replicazione dei virus, salvando il fegato dai loro effetti distruttivi. Questa terapia ha diversi svantaggi:

  1. Il costo dei farmaci per combattere il virus dell'epatite B è alto, non tutti possono ottenerli.
  2. L'accettazione di singoli farmaci è accompagnata da spiacevoli effetti collaterali, tra cui febbre, nausea, diarrea.

La durata del trattamento delle forme croniche di epatite dura da diversi mesi a un anno, a seconda del genotipo virale, del grado di danno all'organismo e dei farmaci utilizzati. Poiché l'epatite C colpisce principalmente il fegato, i pazienti sono tenuti a seguire una dieta rigorosa.

Caratteristiche dei genotipi dell'HCV

L'epatite C è tra l'epatite virale più pericolosa. La malattia è causata da un virus contenente RNA, chiamato Flaviviridae. Il virus dell'epatite C è anche chiamato "killer affettuoso". Ha ricevuto un tale epiteto poco lusinghiero a causa del fatto che nella fase iniziale la malattia non è accompagnata da alcun sintomo. Non ci sono segni di ittero classico, e non vi è alcun dolore nella giusta area dell'ipocondrio. Rileva la presenza del virus non prima di un paio di mesi dopo l'infezione. E prima di ciò, la reazione del sistema immunitario è completamente assente ed è impossibile rilevare i marcatori nel sangue, e quindi non è possibile condurre la genotipizzazione. Una caratteristica speciale dell'HCV è anche il fatto che, una volta entrato nel flusso sanguigno durante il processo di riproduzione, il virus inizia a mutare rapidamente. Tali mutazioni interferiscono con il sistema immunitario degli infetti per adattarsi e combattere la malattia. Di conseguenza, la malattia può durare per diversi anni senza sintomi, dopo di che la cirrosi o un tumore maligno appare quasi senza una fetta. E nell'85% dei casi, la malattia dalla forma acuta diventa cronica. Il virus dell'epatite C ha una caratteristica importante: una varietà di struttura genetica. Infatti, l'epatite C è una raccolta di virus, classificata in base alle varianti della loro struttura e suddivisa in genotipi e sottotipi. Un genotipo è la somma dei geni che codificano i tratti ereditati. Finora, la medicina conosce 11 genotipi del virus dell'epatite C, che hanno i loro sottotipi. Il genotipo è indicato con numeri da 1 a 11 (sebbene negli studi clinici i genotipi siano principalmente utilizzati 1 ÷ 6), e sottotipi, usando le lettere dell'alfabeto latino:

  • 1a, 1b e 1c;
  • 2a, 2b, 2c e 2d;
  • 3a, 3b, 3c, 3d, 3e e 3f;
  • 4a, 4b, 4c, 4d, 4e, 4f, 4h, 4i e 4j;
  • 5a;
  • 6a.

In diversi paesi, i genotipi HCV sono distribuiti in modi diversi, ad esempio, in Russia, si può trovare il più spesso dal primo al terzo. La gravità della malattia dipende dal tipo di genotipo, determinano il regime di trattamento, la sua durata e il risultato del trattamento.

Come i ceppi HCV sono diffusi in tutto il pianeta

I genotipi dell'epatite C sono distribuiti in modo eterogeneo in tutto il mondo e la maggior parte dei genotipi 1, 2, 3 può essere trovata, e per i singoli territori è simile a questo:

  • Nell'Europa occidentale e nelle regioni orientali, i genotipi 1 e 2 sono i più comuni;
  • negli Stati Uniti, sottotipi 1a e 1b;
  • Nell'Africa settentrionale, il genotipo 4 è il più comune.

Le persone con disturbi del sangue (tumori ematopoietici, emofilia, ecc.) E i pazienti sottoposti a trattamento nei reparti di dialisi sono a rischio di possibile infezione da HCV. Il genotipo 1 è considerato il più comune al mondo e rappresenta

50% del numero totale di casi. Il secondo più comune è il genotipo 3, con un indicatore leggermente superiore al 30%. La diffusione dell'HCV in tutta la Russia presenta differenze significative rispetto al mondo o alle versioni europee:

    account genotype 1b per

Il 50% dei casi; sul genotipo 3a

Il 20% è infetto da epatite 1a

Il 10% dei pazienti; epatite con genotipo 2 trovata in

Ma non solo la difficoltà della terapia HCV dipende dal genotipo. I seguenti fattori influenzano anche l'efficacia del trattamento:

  • età dei pazienti. La possibilità di cura nei giovani è molto più alta;
  • le donne sono più facili da recuperare rispetto agli uomini;
  • il grado di danno epatico è importante - l'esito favorevole è più alto con meno danni;
  • l'entità della carica virale - minore è il virus nel corpo al momento del trattamento, più efficace è la terapia;
  • peso del paziente: più è alto, più diventa difficile il trattamento.

Pertanto, il regime di trattamento è scelto dal medico curante, in base ai fattori sopra elencati, genotipizzazione e raccomandazioni del EASL (European Association for Liver Diseases). EASL mantiene costantemente aggiornate le sue raccomandazioni e come nuovi farmaci efficaci per il trattamento dell'epatite C compaiono, corregge i regimi raccomandati.

Chi è a rischio di infezione da HCV?

Come è noto, il virus dell'epatite C viene trasmesso attraverso il flusso sanguigno e quindi è più probabile che si infetti:

  • pazienti trasfusi;
  • pazienti e clienti negli studi dentistici e nelle istituzioni mediche in cui gli strumenti medici sono sterilizzati in modo improprio;
  • a causa di strumenti non sterili, può essere pericoloso visitare le unghie e i saloni di bellezza;
  • Gli amanti del piercing e del tatuaggio possono anche soffrire di strumenti scarsamente trattati,
  • c'è un alto rischio di infezione per chi usa i farmaci a causa dell'uso ripetuto di aghi non sterili;
  • il feto può essere infetto da una madre infetta da epatite C;
  • durante i rapporti sessuali, l'infezione può anche entrare nel corpo di una persona sana.

Qual è il trattamento dell'epatite C?

Il virus dell'epatite C è stato considerato un virus killer "gentile" per una ragione. È in grado di non mostrarsi per anni, dopo di che appare all'improvviso sotto forma di complicazioni accompagnate da cirrosi o cancro del fegato. Ma la diagnosi di HCV è stata consegnata a più di 177 milioni di persone nel mondo. Il trattamento, che è stato utilizzato fino al 2013, iniezioni combinate di inetferferone e ribavirina, ha dato ai pazienti una possibilità di guarigione, non superiore al 40-50%. E inoltre, è stato accompagnato da effetti collaterali gravi e dolorosi. La situazione è cambiata nell'estate del 2013 dopo che la società farmaceutica statunitense Gilead Sciences ha brevettato la sostanza sofosbuvir, prodotta come farmaco con il marchio Sovaldi, che comprendeva 400 mg del farmaco. È diventato il primo farmaco antivirale ad azione diretta (DAA) a combattere l'HCV. I risultati degli studi clinici su sofosbuvir hanno soddisfatto i medici con le prestazioni, che hanno raggiunto l'85 ÷ 95% a seconda del genotipo, mentre la durata del ciclo di terapia è stata più che raddoppiata rispetto al trattamento con interferone e ribavirina. E, sebbene la società farmaceutica Gilead abbia brevettato sofosbuvir, è stata sintetizzata nel 2007 da Michael Sofia, un dipendente di Pharmasett, che è stato successivamente acquisito da Gilead Sciences. Dal nome di Michael, la sostanza sintetizzata da lui era chiamata sofosbuvir. Michael Sophia stesso, insieme a un gruppo di scienziati che ha fatto una serie di scoperte che hanno rivelato la natura dell'HCV, che gli ha permesso di creare un farmaco efficace per il suo trattamento, ha ricevuto il premio Lasker-DeBakey per la ricerca clinica clinica. Bene, quasi tutti i profitti derivanti dalla vendita di un nuovo prodotto efficace sono andati a Gilead, che ha fissato prezzi monopolistici elevati su Sovaldi. Inoltre, la società ha difeso il suo sviluppo con un brevetto speciale, secondo il quale Gilead e alcune delle sue società partner sono diventate titolari del diritto esclusivo di produrre i DAA originali. Di conseguenza, i guadagni di Gilead nei primi due anni di vendita del farmaco hanno ripetutamente coperto tutti i costi sostenuti dalla società per l'acquisizione di Pharmasett, ottenendo un brevetto e successivi studi clinici.

Cos'è sofosbuvir?

L'efficacia di questo farmaco nella lotta contro l'HCV era così alta che ora quasi nessun regime di trattamento può fare a meno del suo uso. Sofosbuvir non è raccomandato per l'uso come monoterapia, ma se usato in combinazione, mostra risultati eccezionalmente buoni. Inizialmente, il farmaco è stato usato in combinazione con ribavirina e interferone, che ha permesso in casi non complicati di ottenere una cura in sole 12 settimane. E questo nonostante il fatto che solo la terapia con interferone e ribavirina fosse due volte meno efficace, e la sua durata a volte superasse le 40 settimane. Dopo il 2013, ogni anno successivo ha portato la notizia dell'emergere di un numero sempre maggiore di nuove medicine che combattono con successo il virus dell'epatite C:

  • nel 2014 è apparso il daclatasvir;
  • Il 2015 è stato l'anno di nascita di Ledipasvir;
  • Il 2016 ha deliziato la creazione di velpatasvir.

Daclatasvir è stato rilasciato da Bristol-Myers Squibb nella forma della droga Daklinza, contenente 60 mg di ingrediente attivo. Le seguenti due sostanze sono state create dagli scienziati di Gilead e, poiché nessuna di esse era adatta alla monoterapia, hanno usato farmaci solo in combinazione con sofosbuvir. Per facilitare la terapia, i farmaci prudentemente ricreati rilasciati immediatamente in combinazione con sofosbuvir. Quindi c'erano droghe:

  • Harvoni, che combina sofosbuvir 400 mg e ledipasvir 90 mg;
  • Epclusa, che comprendeva sofosbuvir 400 mg e velpatasvir 100 mg.

Durante la terapia con daclatasvir, sono stati presi due diversi farmaci, Sovaldi e Daclins. Ciascuna delle combinazioni accoppiate di principi attivi è stata utilizzata per trattare determinati genotipi di HCV in base ai regimi di trattamento raccomandati dall'EASL. E solo la combinazione di sofosbuvir con velpatasvir si è rivelata essere pangenotipica (universale). Epclus ha curato tutti i genotipi di epatite C con praticamente la stessa alta efficienza di circa 97 ÷ 100%.

L'emergere di generici

Gli studi clinici hanno confermato l'efficacia del trattamento, ma tutti questi farmaci altamente efficaci hanno avuto un grave svantaggio: prezzi troppo alti, che non hanno permesso loro di acquisire la maggior parte dei pazienti. Prezzi monopolistici elevati per i prodotti installati da Gilead provocarono indignazione e scandali, che fecero alcune concessioni ai titolari di brevetti, dando ad alcune compagnie provenienti da India, Egitto e Pakistan licenze per produrre analoghi (generici) di tali farmaci efficaci e ricercati. Inoltre, la lotta contro i detentori dei brevetti, offrendo farmaci per il trattamento a prezzi gonfiati in modo non intenzionale, è stata guidata dall'India, paese in cui milioni di pazienti con epatite C vivono in forma cronica. Come risultato di questa lotta, Gilead ha rilasciato licenze e sviluppi di brevetti a 11 società indiane per la prima versione indipendente di sofosbuvir, e quindi i loro altri nuovi prodotti. Dopo aver ottenuto le licenze, i produttori indiani hanno iniziato rapidamente a produrre generici, assegnando i loro marchi ai farmaci fabbricati. È così che è apparsa prima la generica Sovaldi, poi Daklinza, Harvoni, Epclusa e India sono diventati il ​​leader mondiale nella loro produzione. Secondo l'accordo di licenza, i produttori indiani pagano il 7% dei loro guadagni a favore dei titolari dei brevetti. Ma anche con questi pagamenti, il costo dei farmaci generici prodotti in India era dieci volte inferiore a quello degli originali.

Meccanismi d'azione

Come riportato in precedenza, i regimi di trattamento dell'HCV emergenti sono correlati ai DAA e agiscono direttamente sul virus. Mentre precedentemente utilizzato per il trattamento di interferone con ribavirina ha rafforzato il sistema immunitario umano, aiutando il corpo a resistere alla malattia. Ciascuna delle sostanze agisce sul virus a modo suo:

  1. Sofosbuvir blocca la RNA polimerasi, inibendo così la replicazione virale.
  1. Daclatasvir, ledipasvir e velpatasvir sono inibitori NS5A che prevengono la diffusione di virus e la loro penetrazione in cellule sane.

Un tale effetto direzionale consente di combattere con successo l'HCV, usando sofosbuvir per il trattamento insieme a daklatasvir, ledipasvir, velpatasvir. A volte, per migliorare gli effetti sul virus, un terzo componente viene aggiunto alla coppia, il più delle volte ribavirina.

Produttori generici dall'India

Le compagnie farmaceutiche del paese hanno approfittato delle licenze loro concesse, e ora l'India sta rilasciando i seguenti generici Sovaldi:

  • Hepcvir è un produttore di Cipla Ltd;
  • Hepcinat - Natco Pharma Ltd;
  • Cimivir - Biocon ltd. Hetero Drugs Ltd;
  • MyHep è un produttore di Mylan Pharmaceuticals Private Ltd;
  • SoviHep - Zydus Heptiza Ltd;
  • Sofovir è un produttore di Hetero Drugs Ltd;
  • Resof - prodotto da Dr Reddy's Laboratories;
  • Virso - rilascia Strides Arcolab.

Gli analoghi Daklins sono prodotti anche in India:

  • Natdac di Natco Pharma;
  • Dacihep di Zydus Heptiza;
  • Daclahep da droghe etero;
  • Strides Arcolab Dactovin;
  • Daclawin di Biocon ltd. Hetero Drugs Ltd;
  • Mydacla di Mylan Pharmaceuticals.

A seguito di Gilead, i produttori di farmaci indiani hanno anche padroneggiato la produzione di Harvoni, che ha prodotto i seguenti generici:

  • Ledifos - rilascia Hetero;
  • Hepcinat LP - Natco;
  • Myhep LVIR - Mylan;
  • Hepcvir L - Cipla Ltd;
  • Cimivir L - Biocon ltd. Hetero Drugs Ltd;
  • LediHep - Zydus.

E nel 2017, la produzione dei seguenti generici indiani Epclusi è stata dominata:

  • Velpanat ha rilasciato Natco Pharma;
  • Velasof ha dominato la droga etero;
  • SoviHep V ha iniziato a produrre la società Zydus Heptiza.

Come potete vedere, le aziende farmaceutiche indiane non sono in ritardo rispetto ai produttori americani, abbastanza rapidamente padroneggiando i nuovi farmaci, rispettando tutte le caratteristiche qualitative, quantitative e terapeutiche. Resistere alla bioequivalenza farmacocinetica in relazione agli originali.

Requisiti generici

Un farmaco generico è un farmaco in grado di sostituire il trattamento con costosi farmaci originali con un brevetto in termini di proprietà farmacologiche di base. Possono essere rilasciati sia quando sono disponibili, sia quando non c'è una licenza, solo la sua presenza rende l'analogo emesso in licenza. Nel caso di rilascio di licenze a società farmaceutiche indiane, Gilead ha anche fornito loro tecnologie di produzione, dando ai licenziatari il diritto a politiche di prezzo indipendenti. Affinché un analogo di un farmaco possa essere considerato un generico, deve rispettare un numero di parametri:

  1. È necessario osservare il rapporto tra i componenti farmaceutici più importanti nella preparazione in base a standard qualitativi e quantitativi.
  1. Seguire gli standard internazionali pertinenti.
  1. È richiesta la conformità obbligatoria con condizioni di produzione adeguate.
  1. Nei preparati deve essere mantenuto l'equivalente corrispondente dei parametri di assorbimento.

Vale la pena notare che l'OMS è di guardia per garantire la disponibilità di farmaci, che cerca di sostituire costosi farmaci di marca con l'aiuto di generici di bilancio.

Soferbuvir generico egiziano

A differenza dell'India, le società farmaceutiche egiziane non sono diventate leader mondiali nella produzione di farmaci generici per l'epatite C, sebbene abbiano anche padroneggiato la produzione di analoghi sofosbuvir. Tuttavia, nella maggior parte dei loro analoghi non sono autorizzati:

  • MPI Viropack, produce Marcyrl Pharmaceutical Industries - uno dei primissimi generici egiziani;
  • Heterosofir, prodotto da Pharmed Healthcare. È l'unica licenza generica in Egitto. Sulla confezione, sotto l'ologramma, è nascosto un codice che consente di verificare l'originalità della preparazione sul sito Web del produttore, escludendo quindi la sua contraffazione;
  • Grateziano, prodotto da Pharco Pharmaceuticals;
  • Sofolanork prodotto da Vimeo;
  • Sofocivir, prodotto da ZetaPhar.

Generici per combattere l'epatite dal Bangladesh

Il Bangladesh è un altro paese che produce prodotti generici contro l'HCV in grandi quantità. Inoltre, questo paese non ha nemmeno bisogno di licenze per la produzione di analoghi di farmaci di marca, dal momento che fino al 2030 le sue compagnie farmaceutiche sono autorizzate a rilasciare tali preparazioni mediche senza la presenza di documenti di licenza pertinenti. Il più noto e dotato della più recente tecnologia è la società farmaceutica Beacon Pharmaceuticals Ltd. Il progetto della sua capacità produttiva è stato creato da esperti europei e conforme agli standard internazionali. Beacon rilascia i seguenti farmaci generici per il trattamento del virus dell'epatite C:

  • Soforal - sofosbuvir generico, contiene il principio attivo 400 mg. A differenza della confezione tradizionale in flaconi da 28 pezzi, Sophoral viene prodotto sotto forma di blister da 8 compresse in un'unica piastra;
  • Daclavir è un generico di Daclatasvir, una compressa del farmaco contiene 60 mg della sostanza attiva. Viene anche prodotto sotto forma di vescicole, ma ogni piastra contiene 10 compresse;
  • Sofosvel è un Epclusa generico, contiene sofosbuvir 400 mg e velpatasvir 100 mg. Farmaco pangenotipico (universale), efficace nel trattamento dei genotipi dell'HCV 1 ÷ 6. E in questo caso non esiste un normale imballaggio in flacone, le compresse sono confezionate in blister da 6 pezzi in ciascuna piastra.
  • Darvoni è un farmaco complesso che combina sofosbuvir 400 mg e daclatasvir 60 mg. Se è necessario combinare la terapia sofosbuvir con daklatasvir, usando droghe di altri produttori, è necessario assumere una pillola di ogni tipo. E Beacon li ha messi insieme in un'unica pillola. Darvoni è confezionato in blister da 6 compresse in un'unica piastra, inviati solo per l'esportazione.

Quando si acquistano farmaci da Beacon in base al corso della terapia, prendere in considerazione l'originalità della confezione per acquistare la quantità necessaria per il trattamento. Le più famose case farmaceutiche indiane Come accennato in precedenza, dopo che le compagnie farmaceutiche del paese hanno ricevuto licenze per il rilascio di farmaci generici per la terapia HCV, l'India è diventata il leader mondiale nella loro produzione. Ma tra la moltitudine di tutte le aziende, vale la pena di citarne alcune, i cui prodotti in Russia sono i più famosi.

Natco Pharma Ltd.

La società farmaceutica più popolare è Natco Pharma Ltd., i cui farmaci hanno salvato la vita a parecchie decine di migliaia di pazienti affetti da epatite cronica C. Ha padroneggiato la produzione di quasi tutta la linea di farmaci antivirali ad azione diretta, incluso sofosbuvir con daclatasvir e ledipasvir con velpatasvir. Natco Pharma è apparso nel 1981 a Hyderabad con un capitale iniziale di 3,3 milioni di rupie, quindi il numero di dipendenti era di 20 persone. Ora in India ci sono 3,5 mila persone che lavorano in cinque imprese Natco, e ci sono anche filiali in altri paesi. Oltre alle unità di produzione, l'azienda dispone di laboratori ben attrezzati che consentono di sviluppare moderni preparati medici. Tra i suoi sviluppi personali vale la pena notare la droga per combattere il cancro. Veenat, fabbricato dal 2003 e utilizzato per la leucemia, è considerato uno dei farmaci più famosi in questo settore. Sì, e il rilascio di farmaci generici per il trattamento del virus dell'epatite C è una priorità per Natco.

Etero Drugs Ltd.

Questa azienda ha fissato come obiettivo la produzione di generici, subordinando questa aspirazione alla propria rete di produzione, che comprende impianti con filiali e laboratori. La rete di produzione di Hetero viene affinata per la produzione di farmaci su licenza ottenuti dalla società. Una delle sue attività è la preparazione medica, che consente di combattere gravi malattie virali, il cui trattamento per molti pazienti è diventato impossibile a causa dell'elevato costo delle medicine originali. La licenza acquisita consente a Hetero di procedere prontamente al rilascio di generici, che vengono poi venduti a un prezzo accessibile per i pazienti. La creazione di farmaci etero risale al 1993. Negli ultimi 24 anni, in India sono comparse una dozzina di fabbriche e diverse decine di unità produttive. La presenza dei propri laboratori consente all'azienda di svolgere lavori sperimentali sulla sintesi di sostanze, che hanno contribuito all'espansione della base produttiva e all'esportazione attiva di droghe in paesi stranieri.

Zydus heptiza

Zydus è un'azienda indiana che si è posta l'obiettivo di costruire una società sana, che, secondo i suoi proprietari, è seguita da un cambiamento per il migliore nella qualità della vita delle persone. L'obiettivo è nobile e, pertanto, per raggiungerlo, l'azienda svolge attività educative attive che riguardano i segmenti più poveri della popolazione. Incluso dalla vaccinazione gratuita della popolazione contro l'epatite B. Zidus in termini di volumi di produzione nel mercato farmaceutico indiano è al quarto posto. Inoltre, 16 dei suoi farmaci erano nella lista dei 300 farmaci più importanti dell'industria farmaceutica indiana. I prodotti Zydus sono richiesti non solo sul mercato interno, ma possono essere trovati nelle farmacie in 43 paesi del nostro pianeta. E la gamma di farmaci prodotti in 7 imprese supera gli 850 farmaci. Una delle sue industrie più potenti è nello stato del Gujarat ed è una delle più grandi non solo in India, ma anche in Asia.

Terapia HCV 2017

I regimi di trattamento dell'epatite C per ciascun paziente sono scelti individualmente dal medico. Per la corretta, efficace e sicura selezione dello schema, il medico deve sapere:

  • genotipo del virus;
  • durata della malattia;
  • il grado di danno epatico;
  • presenza / assenza di cirrosi, infezione concomitante (ad esempio HIV o altra epatite), esperienza negativa di precedenti trattamenti.

Dopo aver ricevuto questi dati dopo il ciclo di analisi, il medico seleziona la migliore opzione di trattamento in base alle raccomandazioni dell'EASL. Le raccomandazioni EASL vengono adeguate di anno in anno, aggiungono nuovi farmaci emergenti. Prima di raccomandare nuove opzioni di trattamento, queste sono presentate per essere prese in considerazione dal Congresso o da una sessione speciale. Nel 2017, la riunione speciale EASL ha rivisto gli aggiornamenti dei programmi raccomandati a Parigi. È stato deciso di interrompere completamente la terapia con interferone in Europa per il trattamento dell'HCV. Inoltre, non c'era un singolo regime raccomandato utilizzando un singolo farmaco ad azione diretta. Ecco alcune opzioni di trattamento raccomandate. Tutti loro sono dati esclusivamente per la familiarizzazione e non possono diventare una guida per l'azione, dal momento che solo un medico può dare una prescrizione per la terapia, sotto la supervisione di cui successivamente sarà sottoposta.

  1. Possibili regimi di trattamento proposti da EASL in caso di monoinfezione da epatite C o co-infezione da HIV + HCV in pazienti senza cirrosi e non precedentemente trattati:
  • per il trattamento dei genotipi 1a e 1b, puoi usare:

- sofosbuvir + ledipasvir, senza ribavirina, durata di 12 settimane; - sofosbuvir + daclatasvir, anche senza ribavirina, il periodo di trattamento è di 12 settimane; - o sofosbuvir + velpatasvir senza ribavirina, durata del corso 12 settimane.

  • nel trattamento del genotipo 2 viene utilizzato senza ribavirina per 12 settimane:

- sofosbuvir + dklatasvir; - o sofosbuvir + velpatasvir.

  • nel trattamento del genotipo 3 senza l'uso di ribavirina per un periodo di terapia di 12 settimane, usare:

- sofosbuvir + daclatasvir; - o sofosbuvir + velpatasvir.

  • Con la terapia del genotipo 4, è possibile applicare per 5 settimane senza ribavirina:

- sofosbuvir + ledipasvir; - sofosbuvir + daclatasvir; - o sofosbuvir + velpatasvir.

  1. Regimi di trattamento EASL raccomandati per monoinfezione da epatite C o infezione concomitante da HIV / HCV in pazienti con cirrosi compensata che non sono stati precedentemente trattati:
  • per il trattamento dei genotipi 1a e 1b, puoi usare:

- sofosbuvir + ledipasvir con ribavirina, durata 12 settimane; - o 24 settimane senza ribavirina; - e un'altra opzione - 24 settimane con ribavirina con una prognosi sfavorevole di risposta; - sofosbuvir + daclatasvir, se senza ribavirina, poi 24 settimane e con ribavirina il periodo di trattamento è di 12 settimane; - o sofosbuvir + velpatasvir senza ribavirina, 12 settimane.

  • nel trattamento del genotipo 2 è usato:

- sofosbuvir + dklatasvir senza ribavirina dura 12 settimane e con ribavirina, con una prognosi sfavorevole, 24 settimane; - o sofosbuvir + velpatasvir senza combinazione con ribavirina per 12 settimane.

  • nel trattamento del genotipo 3 usare:

- sofosbuvir + daclatasvir per 24 settimane con ribavirina; - o sofosbuvir + velpatasvir di nuovo con ribavirina, il periodo di trattamento è di 12 settimane; - come opzione, sofosbuvir + velpatasvir è possibile per 24 settimane, ma senza ribavirina.

  • Nel trattamento del genotipo 4, gli stessi regimi sono usati come nei genotipi 1a e 1b.

Come potete vedere, oltre alle condizioni del paziente e alle caratteristiche del suo corpo, anche la combinazione di farmaci prescritti scelti dal medico influisce sul risultato della terapia. Inoltre, la durata del trattamento dipende dalla combinazione scelta dal medico.

Trattamento con farmaci HCV moderni

Prendere pillole di droghe dirette l'azione antivirale prescritta da un medico per via orale una volta al giorno. Non sono divisi in parti, non masticano, ma vengono lavati con acqua normale. È meglio farlo allo stesso tempo, perché viene mantenuta una concentrazione costante di sostanze attive nel corpo. Non è necessario essere attaccati alle date di assunzione di cibo, la cosa principale è non farlo a stomaco vuoto. Iniziando a prendere farmaci, prestate attenzione allo stato di salute, poiché durante questo periodo il modo più semplice per notare i possibili effetti collaterali. I PPPP stessi non ne hanno molti, mentre i farmaci prescritti nel complesso sono molto più piccoli. Molto spesso, gli effetti collaterali appaiono come:

  • mal di testa;
  • vomito e vertigini;
  • debolezza generale;
  • perdita di appetito;
  • dolori articolari;
  • cambiamenti nei parametri bio-chimici del sangue, espressi in bassi livelli di emoglobina, riduzione delle piastrine e dei linfociti.

Gli effetti collaterali sono possibili in un piccolo numero di pazienti. Ma tutti uguali su tutti i disturbi notati dovrebbero essere notificati al medico curante per prendere le misure necessarie. Al fine di evitare un aumento degli effetti collaterali, l'alcol e la nicotina dovrebbero essere esclusi dall'uso, poiché influenzano negativamente il fegato.

Controindicazioni

In alcuni casi, la ricezione dei DAA è esclusa, riguarda:

  • ipersensibilità individuale dei pazienti a determinati ingredienti dei farmaci;
  • pazienti di età inferiore ai 18 anni, in quanto non sono disponibili dati accurati sui loro effetti sul corpo;
  • le donne che portano il feto e i bambini allattati al seno;
  • le donne dovrebbero usare metodi contraccettivi affidabili per evitare il concepimento durante il periodo di terapia. Inoltre, questo requisito si applica anche alle donne i cui partner ricevono anche terapia DAA.

immagazzinamento

Conservare farmaci antivirali di azione diretta in luoghi inaccessibili per i bambini e l'azione della luce solare diretta. La temperatura di stoccaggio dovrebbe essere compresa tra 15 ÷ 30ºС. Iniziare l'assunzione di farmaci, controllare i tempi di produzione e di conservazione indicati sulla confezione. I farmaci in ritardo sono proibiti. Come acquistare DAA per i cittadini della Russia Sfortunatamente, i farmaci generici indiani non possono essere trovati nelle farmacie russe. La società farmaceutica Gilead, che fornisce licenze per il rilascio di farmaci, ha prudentemente vietato le loro esportazioni in molti paesi. Compreso in tutti gli stati europei. Coloro che vogliono acquistare generici indiani a basso costo per combattere l'epatite C possono trarre vantaggio da diversi modi:

  • ordinali attraverso le farmacie online russe e ricevi le merci in poche ore (o giorni) a seconda del luogo di consegna. E nella maggior parte dei casi, anche il pagamento anticipato non è richiesto;
  • ordinali attraverso negozi online indiani con consegna a domicilio. Qui dovrai effettuare il pagamento anticipato in valuta estera e il tempo di attesa durerà da tre settimane a un mese. Inoltre, vi è la necessità di comunicare con il venditore in inglese;
  • andare in India e portare la droga da soli. Ci vorrà anche del tempo, oltre a una barriera linguistica, oltre alla difficoltà di verificare l'originalità dei prodotti acquistati in farmacia. A tutto ciò si aggiungerà il problema dell'autoesportazione, che richiederà un contenitore termico, la disponibilità del parere di un medico e una prescrizione in inglese, oltre a una copia dell'assegno.

Interessati all'acquisto di farmaci, le persone decidono autonomamente quale delle possibili opzioni di consegna scegliere. Basta non dimenticare che nel caso dell'HCV, un esito favorevole della terapia dipende dalla velocità della sua insorgenza. Qui, nel senso letterale, il ritardo della morte è simile, e quindi non si dovrebbe ritardare l'inizio della procedura.

Pubblicazioni Sulla Diagnostica Del Fegato

Inflazione degli effetti della cistifellea negli adulti

Cirrosi

Cause dell'inflessione della cistifelleaInflessione della cistifellea - sintomi, trattamento ed effettiL'eccesso della cistifellea si chiama patologia, espressa nel cambiare la sua forma.

Quali sono le conseguenze dopo la rimozione della cistifellea?

Cirrosi

Le conseguenze dopo la rimozione della cistifellea non sono solo in conformità con le norme dietetiche della nutrizione e nel limitare lo sforzo fisico, ma anche in un'alta probabilità dello sviluppo dei processi infiammatori postoperatori.

Nutrizione per l'epatite C - alimenti utili e proibiti

Sintomi

Nell'epatite C, la maggior parte del tessuto epatico influisce sul processo infiammatorio, che nella sua forma cronica può portare alla cirrosi epatica.

E 'possibile fare il bagno dopo essere stati vaccinati contro l'epatite

Diete

Puoi discutere a lungo sul fatto che le vaccinazioni valgano o no, ma comunque, la maggior parte delle persone sceglie la prima opzione per sé e per i propri figli.